ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 27 febbraio 2013
ultima lettura domenica 10 maggio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

L'eternità

di Noirechatte. Letto 485 volte. Dallo scaffale Poesia

"Suonano, incessantemente. Il loro volume aumenta, stordendomi; il loro calore si avvicina, tenero, crudele, materno, mortifero..." ..

Suonano, incessantemente.

Il loro volume aumenta, stordendomi; il loro calore si avvicina, tenero, crudele, materno, mortifero.

Il loro tumulto sembra riempire di tempeste, di giovani usignoli muti, il mio, portandolo vicino ad uno stagno desolato.

E pulsa, e batte, e mi sussurra soavemente all’orecchio:

E’ la musica dei cuori che non ho ancora udito.

I diavoli, con le loro unghie acuminate, mi solleticano la pianta dei piedi e mi tentano.

Oh, attendere, attendere sta diventando atroce per il mio animo imprigionato!

Giovane puledro, quante terre i tuoi zoccoli non hanno calpestato!

Gatto domestico, tu scruti con occhi annoiati, ma hai zampe selvagge.

Tutta l’essenza del mondo arde in me, coperta da un velo che pare essere stato appena toccato.

Occhi, quanti colori ancora non avete veduto? Siete forse stanchi di leggere il medesimo dramma?

Pelle, pochi venti ti hanno accarezzata… Solo le ossa che vesti sanno comprendere la tua pena.

Dolce nettare rosso, sbriciolerai le mie vene se continuerai a ruggire così… !

Voglio avere come bagaglio solo un fiore bianco fra i capelli.

Bianco, poiché diventerà vermiglio di dolcezza e atrocità al mio ritorno.

Voglio spezzare il cielo con le mie ali, voglio prosciugare il mare con i miei occhi, voglio rendere fertile la terra con i miei passi…

E se mai i miei occhi divenissero insensibili, la mia mente sarà per me fonte di bellezza.

La mia mano destra diventa arma, diventa nocche bianche che minacciano di tagliare la pelle.

Sbarre grigie, siete così fredde, così crudeli! Perché non volete scomparire?

Perché mi tenete prigioniera dell’umano limite?

Perché, fallace felicità, non mi mostri la tua amante?

Perché mi neghi l’eternità?



Commenti

pubblicato il mercoledì 27 febbraio 2013
Vavi, ha scritto: Bellissima! :)

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: