ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 14 febbraio 2013
ultima lettura mercoledì 6 maggio 2020

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Nel parcheggio

di freebsd. Letto 12673 volte. Dallo scaffale Eros

Ci fermammo nella piazzola di un autogrill vicino ai camion in sosta. Mia moglie era molto eccitata, io altrettanto... Notammo che da dietro il finestrino di un camion parcheggiato di fianco a noi, un ragazzo sulla trentina ci stava osservando...

Ci fermammo nella piazzola di un autogrill vicino ai camion in sosta. Mia moglie era molto eccitata, io altrettanto... Notammo che da dietro il finestrino di un camion parcheggiato di fianco a noi, un ragazzo sulla trentina ci stava osservando. Io e mia moglie facemmo finta di non esserci accorti che lui ci stesse guardando, presi una sigaretta, l'accesi a mia moglie, poi, ne accesi una per me. Mia moglie spense la sigaretta dopo un paio di tiri, era troppo eccitata, moriva dalla voglia di vedere la reazione del ragazzo quando le avesse vista la fica... La Signora, si voltò verso il finestrino, si appoggiò con la schiena al mio braccio, poi, puntò un piede sul parabrezza dell'auto e l'altro lo sporse fuori; era a gambe divaricate, e sotto, non indossava mutandine. L'uccello mi s'inturgidì immediatamente...Cercai di guardare il ragazzo sul camion. Mi sporsi leggermente, lui, era attaccato al vetro del finestrino, gli occhi strabuzzati, notai un leggero movimento del suo braccio, probabilmente si stava masturbando. Lo dissi a mia moglie... che nella posizione in cui era, non poteva vedere il ragazzo, lei sorrise, e s'infilò subito due dita nella fica iniziandosi un ditalino... Successe tutto molto in fretta, senza preamboli, senza una parola. Il ragazzo, scese dal suo camion e richiuse la portiera guardandosi attorno. Si avvicinò al finestrino della nostra macchina. Mia moglie si tirò su e si sporse fuori. Lui abbassò la lampo dei jeans e si tirò fuori il pene eretto. Si masturbava... a pochi centimentri dal viso della mia donna. Dopo qualche attimo mia moglie, cominciò a baciargli delicatamente il glande scoperto, lo lambiva con la punta della lingua, poi gli prese il pene in bocca e spinse la testa verso di lui, lo inghiottì fino alla base e lentamente, comincio a pomparlo e succhiarlo. Ero arrapatissimo, in estasi, mi masturbavo guardando mia moglie succhiare il pene al ragazzo fuori dal finestrino; le infilai un dito nell'ano...: “ prendigli i coglioni in mano mentre glielo succhi, dai... puttana...” Il mio dito nel nel culo l'arrapava ancora di più e mia moglie prese a succhiargli l'uccello con più trasporto, lo ingoiava tutto lentamente fino alla base e poi ricominciava, gli aveva tirato i coglioni fuori dai pantaloni e li manipolava, gli stava tirando un bocchino regale. Chiesi a mia moglie di mettersi sulle ginocchia, volevo leccarle i piedi, e masturbarmi mentre lei lavorava il ragazzo di bocca...Le tolsi gli zoccoli e mi chinai a leccarle i piedi, ero eccitatissimo, mi faceva becco ciucciando il pene di un'altro e io...chinato, le leccavo i piedi come un cane... Oltretutto li aveva sudati nonostante gli zoccoli aperti, l'odore era forte, e anche quello acuiva le “sensazioni” di un quadro libidinoso...



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: