ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 11 febbraio 2013
ultima lettura mercoledì 10 luglio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il Canarino Cesarino

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 834 volte. Dallo scaffale Fiabe

 IL CANARINO CESARINO FAVOLE  DI CARNEVALE  Camminando in questo mondo mascherato che gira intorno ad una vaga idea, ad un amore malato che si nasconde sotto le coperte al caldo, sognando  un domani migliore ,un sorriso ,un vit...

IL CANARINO CESARINO

FAVOLE DI CARNEVALE



Camminando in questo mondo mascherato che gira intorno ad una vaga idea, ad un amore malato che si nasconde sotto le coperte al caldo, sognando un domani migliore ,un sorriso ,un vita diversa. Soffia forte il vento fuori si sente passare e con lui passa il silenzio dei giorni inquieti tra le carte poggiate sopra la scrivania, appunti appuntiti ,scritti veloci, documenti muti che giacciono sotto un metro di polvere , sotto un discorso detto e ridetto tante volte , attraverso una memorabile commedia legata a sentimenti disparati ,solitari ,coltivati nel cuore di Giacomino e del suo canarino di nome cesarino di color rosso fuoco dal canto singolare ,dolce , profondo. Un canto, un ritornello burlesco ,uno scrivere di getto senza camicia ,senza un sorriso sulla bocca canticchiando questa canzone popolare. Poi un bel giorno per strada Giacomino ed il suo rosso canarino incominciò a volare , tutto ad un tratto s'alzò
in volo sorvolando la folla di morti viventi ,invertebrata quasi inferocita , meravigliata. Pronta a mangiare ogni cosa commestibile Oh che orrore guarda cesarino se ci prendano ci mangiano vivo ,pensa arrostiti per benino come due salsicce poveri noi ,cosa ne dici di andare via da qui? Ed il canarino cesarino cinguettando dice si ,così volando, vanno via, trasportati dal vento funesto , figlio di un tempo ingrato che non ha mai regalato nulla a nessuno . Volano per giorni e giorni forse mesi infine stremati stanchi del lungo viaggio planano dal cielo verso una tremula terra , verde e fitta con tanti alberi colorati ove abitano tanti animali canterini. Guarda cesarino cosa ne dici scendiamo ,atterriamo su questa bella terra in questo sogno, in questa favola entriamo dalla porta principale vestiti come due nababbi con barba lunga
e capello piumato . Cesarino cinguettando dice si cesarino dice sempre si al suo padrone ,tanto lui non sa parlare sa solo cinguettare e deliziare il suo padrone con il suo dolce canto. Ma quell'idillico paradiso si trasforma molto presto in un terribile incubo. Nascosti tra gli alberi colorati vivono caimani affamati che portano occhiali dorati che aspettano impazienti qualche gustosa preda da fare alla brace conoscono tante ottime ricette hanno frequentato una famosa scuola di cucina francese. Sono dei buon gustai i caimani ma oltre a loro tra quella fitta boscaglia vivono formiche cannibale, serpenti dalle lingue biforcute che amano ubriacarsi ogni giorno al vecchio bar dell'orso grigio. E per un occhiata di troppo sono pronte a sfoderare le loro terribile pistole e sparare chiunque le ostacoli , la banda dei serpenti e una banda maledetta da tutti ,cattiva e viscida. Chi sa cesarino forse abbiamo sbagliato ogni cosa forse dovevamo rimanere a casa nostra io e te come sempre immersi in lunghi silenzi a guardare
la pioggia scendere bagnare la città le strada poi in quel silenzio assurdo ascoltare il tuo dolce canto, vedere tramutare le cose intorno vedere te saltare da un asticella all’ altra ed io continuare a leggere ,libri d'avventura libri incantati che ti conducono per mano verso altre dimensioni ,verso altri mondi. Sarebbe stato più facile voltare pagina lasciare al destino o all'estro di uno sconosciuto autore la fine di questa storia . Adesso che siamo vittime della nostra intemperanza non possiamo tornare indietro non possiamo cambiare ciò che abbiamo intrapreso . Dobbiamo continuare a lottare a creder che esista un mondo migliore oltre questa fitta e crudele foresta , altre possibili dimensioni dove poter continuare a vivere e costruire una realtà plausibile a nostra misura . Cosa dici cesarino ? non riesco a sentirti , monello
d’un uccellino non volare così basso ci sono i caimani ,che sono capaci di fare brutti scherzi . Cesarinoooooo stai attento ,accidenti povero uccellino che terribile disgrazia ti avevo avvertito, maledetto coccodrillo ti possa venire una indigestione e non trovar rimedio
al tuo dolore come io mi struggo di dolore nel ricordar il mio povero amico canarino appreso
a questo carro di carnevale.




Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: