ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 10 gennaio 2013
ultima lettura giovedì 5 dicembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

A mia nonna - Preludio di tristezza

di garufolo. Letto 471 volte. Dallo scaffale Viaggi

Ebbene, è arrivato il momento, e anche se lo si sapeva, ora non è la stessa cosa; te ne vai via, via dalla tua casa, dalle tue cose, te ne vai in mezzo ai tuoi simil; certo, hai un'età più che notevole, 95 anni sono tanti, l...

Ebbene, è arrivato il momento, e anche se lo si sapeva, ora non è la stessa cosa; te ne vai via, via dalla tua casa, dalle tue cose, te ne vai in mezzo ai tuoi simil; certo, hai un'età più che notevole, 95 anni sono tanti, la tua testa è ancora brillante, certo le tue gambe molto meno. Io so che vuoi andarci (perché chiaramente nessuno ti obbliga) anche per togliere a tutti noi il disturbo (che, almeno per me, disturbo non è) di venire a trovarti ogni giorno nelle due ore che la badante va via, quella badante che piano piano è diventata la padrona in casa tua, come fanno tante di loro, approfittando della tua impossibilità a girare per casa come prima. Ma tant'è, te ne vuoi andare, ma ti vedo mentre guardi casa tua con quegli occhi di chi sa di lasciare una parte di sé, quel divano da cui da tempo osservavi il mondo, noi, tutto, ascoltavi racconti, davi consigli, ripetevi per l'ennesima volta cose del tuo passato ed era così bello ascoltarti...E allora non posso non provare commozione nel vedere quegli occhi tristi, anche se sei tu che vuoi andarci, non posso trattenere le lacrime nemmeno ora che scrivo, che vanno a inumidire le lettere delle parole che scrivo, perché questo è un momento triste, tristissimo, sei ancora viva, certo, e ragioni come avessi 20 anni di meno, però non sarà la stessa cosa vederti altrove. Se poi ripenso alle nostre partite a carte, sempre piene di allegria, di gioia, da anni, mi viene una nostalgia tremenda. Ma casa tua è lì, devi ricordarlo, potrai sempre tornare indietro. Intanto io di certo verrò a trovarti lì dove vai ora, e se vedrò dei tentennamenti, dei disagi da parte tua, se capirò che ti senticome se quel posto fosse l'anticamera della morte e non un luogo di piacevole transizione, allora giuro che farò di tutto per farti ritornare nel tuo nido, e non disturberesti di certo, te lo assicuro, tu non hai mai disturbato, hai solo avuto esigenze normali e sacrosante. Ebbene, cara nonna, quello che voglio dire infine è che ti voglio bene, ma dal profondo del cuore, abbiamo sempre avuto un rapporto speciale io e te, un legame unico, che in ogni caso nulla potrà mai spezzare...


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: