ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 7 gennaio 2013
ultima lettura domenica 19 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Mad World

di SaraSerpeverde. Letto 498 volte. Dallo scaffale Storia

Guardava oltre le sbarre di quella piccola e buia cella.Stava sprofondando ogni giorno di più in un cupo dolore."Non ci sarà un do...

Guardava oltre le sbarre di quella piccola e buia cella.
Stava sprofondando ogni giorno di più in un cupo dolore.
"Non ci sarà un domani" si diceva continuamente, quasi lo sperasse. Poi il giorno dopo arrivava comunque, trascinando con sè nuovi dolori, nuove lacrime.
Viveva aspettando il momento in cui sarebbe morta, finalmente.
I ricordi di tutti quei baci, quelle carezze...che le vorticavano nella testa.
Spesso si stendeva sul pavimento ad ascoltare, con il viso rivolto alla piccola finestra che dava su quel mondo che lei non ricordava più.
"Si sta lasciando morire" dicevano i dottori "Non c'è più niente da fare".
Il viso inespressivo, le pesanti occhiaie e il pallore mortale del volto sembravano aumentare di minuto in minuto, il dolore l'aveva divorata da dentro.
Un freddo giorno di Novembre, quando rifiutò l'ennesimo pasto, sentì una mano toccarle la guancia...accarezzarla, scaldarla come nessuno faceva da anni ormai.
"Vieni con me, alzati" la voce gentile, dolce o forse il calore di quella mano amica, fecero scattare in lei qualcosa...e si alzò.
Non camminava da molto e viveva al buio così quella persona l'aiutò a reggersi in piedi e la condusse all'uscita.
Un sorriso, un vero sorriso, le illuminò il volto.
E da allora seppe che sarebbe presto guarita, che il dolore che la dilaniava sarebbe sparito con una carezza di quelle mani gentili. Il suo salvatore.
***
La condusse in una piccola stanza oscura, con un letto di metallo al centro.
"Una visita ancora, poi la felicità" si disse.
La distese sopra al freddo ripiano e la legò.
Lei sorrideva.
Sorrise anche quando sentì un ago nel braccio.
Sorrise anche quando il respirò le morì in gola.
Sorrise anche quando capì tutto, perchè ormai era troppo tardi.


Commenti

pubblicato il 07/01/2013 23.51.26
SassyRioter, ha scritto: When people run in circles it's a very, very. Mad World. Meravigliosa.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: