ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 7 gennaio 2013
ultima lettura venerdì 15 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Cara Esse.

di SassyRioter. Letto 507 volte. Dallo scaffale Sogni

Ciao. E' da molto che non scrivo. Andavo alla ricerca di te. E' da un pò che ti ho persa. Eri me. Dentro di me.

Cara Esse.
Ciao. E' da molto che non scrivo.
Andavo alla ricerca di te.
E' da un pò che ti ho persa.
Eri me. Dentro di me.
Eri libera e felice, sempre sorridente.
Non sò cosa ti sia successo, ma nel giro di 2 anni circa, hai smesso di sorridere.
Che ti prende? Dove ti sei nascosta?
Io voglio solo aiutarti.
Ti scrivo per dirti che mi manchi..tantissimo.
Mi sento incompleta senza di te.
Andavi così bene a scuola, amavi studiare.
Ti preoccupavi se andavi un pò male, lacrimavi e ansimavi dall'ansia.
Ma sapevi di potercela fare, le forze non ti mancavano mai.
Studiavi tanto, anche la musica.
La vedevi come una musa di supporto.
La vedevi difficile, ma gratificante.
Ti divertivi a strimpellare sul pianoforte.
Prima con quella tastierina marrone nocciola. Poi col piano liscio e lucido.
Piangevi dalla rabbia se non ti risultavano gli esercizi di solfeggio.
Ti spezzavi le unghie con gli esercizi di tecnica, ma ti riempivi l'anima di gioia a sapere che ogni secondo che passavi con lei, la musica, era come poter imparare la cosa più bella del mondo.
E pian piano che te ne accorgevi, gioivi.
Gioivi sempre, eri sempre solare con tutti.
Per te erano tutti amici, anche chi ti feriva.
Trattavi tutti con un sorriso e una pacca sulla spalla. E ora? Vuoi stare da sola.
Ti divertivi tanto a sognare nel tuo mondo fatto di dolcezze e Giappone.
La tua terra preferita, dove sognavi di poter girare nel centro di notte, con addosso il tuo Kimono viola e il ventaglietto, per affettare il vento che sapeva di ciliegie.
Non eri mai bianca come ora.
Senza rossori nelle guancie.
Tranne quando corri e sei sotto la pioggia.
Non emani più quel calore di prima.
Ora sei quasi rigida, fredda.
Traspiri tutto e lo filtri.
Filtri solo ciò che vuoi.
Eppure hai sia mente che cuore funzionanti.
Tante cose avrei da dire.
Volevo solo dirti che mi manchi tantissimo.
Vorrei poter fare altro per riaverti.
Ma oltre a sentirmi impotente, perchè non ti vedo fare il minimo sforzo, mi sento piccola.
Piccola perchè sarei anche capace di riaverti. Sarei capace di te.
E' che..la forza mi manca.
Vorrei che dal profondo, potessi rendermela tu.
Tu che davi forza e vorrei che ci riprovassi.
Tu..che sei parte di me.
Tu, la Sara che voglio riavere indietro.
Ad ogni costo.
A presto..è una promessa.
La tua Sara, la Sara di adesso.
S (c)


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: