ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 1 gennaio 2013
ultima lettura lunedì 18 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Oscura Presenza

di OscuroDominio. Letto 802 volte. Dallo scaffale Horror

Oscura PresenzaC'era un borgo, un posto sperduto fra le montagne, lì viveva un ragazzo sulla trentina, anno più anno meno, che vestiva s...

Oscura Presenza
C'era un borgo, un posto sperduto fra le montagne, lì viveva un ragazzo sulla trentina, anno più anno meno, che vestiva sempre allo stesso modo. Aveva sempre una felpa col cappuccio blu, si incappucciava ogni volta che voleva estraniarsi dal resto, indossava spesso un berretto di lana grigio che gli copriva interamente la fronte e quasi anche gli occhi. In effetti la gente che lo vedeva avrebbe potuto pensare "come fa a vederci con quel berretto tirato così giù, oltre le sopracciglia?", ma lui ci vedeva benissimo, lui osservava ed ascoltava tutto, vedeva e sentiva cose di cui gli altri uomini ignoravano totalmente persino l'esistenza.
Un giorno quel ragazzo parlava con un tale, venne fuori il discorso: "è possibile uccidere, o comunque fare del male ad altre persone solo con la forza dei miei pensieri?!?". Ed il tale rispose: "Figuriamoci!!! Se fosse così sai quanti ne avrei già ammazzati???" ... il ragazzo pensò senza dire niente: "bhè, voi forse no, ma se io lo potessi fare?!?" ... ed intanto provò ad aprire una dimensione di dolore fisico nella testa di quel tale, un'emicrania senza troppo fargli male.
Quel ragazzo, dopotutto, era un buono, e non voleva sperimentare i suoi poteri su genti a casaccio, senza nemmeno conoscerle, voleva trovare qualcuno che si meritasse di fare una brutta fine.
Così, gli venne in mente un vecchio maiale omosessuale che viveva per adescare giovani - anche minorenni - per fare sesso senza protezioni a casa sua, promettendo loro carriere da modelli, soldi, serate in discoteca e sesso a volontà con delle splendide ragazze. Uno scambio insomma, i giovani ragazzi davano qualcosa a lui e lui dava qualcosa a loro.
Il ragazzo col berretto di lana grigio sapeva bene che non erano solo storielle quelle su quel tale, poiché a diciassette anni lui stesso si ritrovò nudo come un verme davanti a lui, anch'esso nudo nel letto, che si masturbava al solo guardarlo, ed il vecchio al giovane, nella stanza impregnata di nudità maschile, disse: "vieni qui, fattelo almeno succhiare un po', fattelo tirare un goccetto ...". Il ragazzo a quel punto disse di no, si rivestì e se ne andò dopo essersi fatto pagare 30 miseri euro, intanto il vecchio aveva già eiaculato masturbandosi da solo, senza nemmeno che i due si fossero sfiorati per un secondo.
Il ragazzo col berretto di lana grigio era cresciuto, ormai andava per la trentina, e pensò a quanti ragazzi sarebbero finiti in bocca a quel brutto maiale che la domenica suona l'organo in chiesa.
Sì, quel maiale era la vittima giusta, dopotutto smaniava nel testare i suoi poteri psichici, non vedeva l'ora di farne secco qualche d'uno. Iniziò dalla sua camera un rito di magia nera, invocando Padre Satana, distorse la realtà che lo circondava, distorse la realtà che circondava il vecchio omosessuale adescatore di adolescenti e ...
E a quel vecchio venne un infarto, rimase stecchito in sala da pranzo, mentre il ragazzo, distante chilometri da lui, vedeva tutto tramite il suo terzo occhio mentale, era l'inizio di una nuova vita, e la fine di un'altra.
Nessun tribunale avrebbe mai potuto condannarlo, e così diventò qualcun altro ...


Commenti

pubblicato il 01/01/2013 19.41.58
LUOMOKESA, ha scritto: "Goccietto" si scrive "goccetto". Trama sobria e pulita per una vicenda che lascia il lettore piacevolmente sorpreso.
pubblicato il 01/01/2013 20.35.04
OscuroDominio, ha scritto: grazie della correzione maestro!
pubblicato il 07/01/2013 14.18.02
garufolo, ha scritto: Mi è piaciuto, complimenti
pubblicato il 20/01/2013 18.29.51
mariapace2010, ha scritto: bel racconto... nudo e crudo e soprattutto col finale che tutti augurano ai maiali... Mi è piaciuto, sì! l'ho letto due volte.
pubblicato il 15/04/2013 1.28.37
pintavampiro, ha scritto: Complimenti !!! E'anche molto reale. Secondo alcune scuole di pensiero si pensa che chi fa come il ragazzo con il cappuccio, il suo pensiero gli ritornerà indietro come un boomerang. Ma io sono dalla parte di questo autore. Per favore, anche io scrivo horror...Commentate grazie!!!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: