ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 28 dicembre 2012
ultima lettura domenica 15 dicembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il Magico Sacco Dei Doni

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 856 volte. Dallo scaffale Fantasia

IL MAGICO SACCO DEI DONI Nella  centrale  stazione ferroviaria stamattina c’era  tanta  gente in attesa , in quella confusione qualche malandrino    provava a sgraffignare  qualche portafoglio ,  ...

IL MAGICO SACCO DEI DONI

Nella centrale stazione ferroviaria stamattina c’era tanta gente in attesa , in quella confusione qualche malandrino provava a sgraffignare qualche portafoglio , un ubriacone cantava canzoni natalizie ,una vagabonda con un cespuglio in testa di capelli si trascinava dietro alcuni cartoni che gli serviranno per la notte come giaciglio. Un ombra inquietante si aggira nei dintorni strofinandosi le mani ripetendo tra sé : Stasera metto a segno un colpo eccezionale , voglio passare un bel natale quest'anno . Sto preparando un piano geniale , il colpo dell’anno.
Mi voglio sistemare una volta per sempre, chi non risica non rosica .Questo furto me lo sogno di notte sarà perfetto . Ruberò tutti i giocattoli di Babbo Natale per poi rivenderli sotto banco a metà prezzo. So dove abita babbo Natale, conosco la sua casa lo trovata casualmente questa estate mentre spiavo alcune abitazioni vicino alla costa ,tutto ad un tratto lo intravisto dietro la sua finestra che rammendava un grande sacco ove uscivano per incanto una marea di giocatoli, subito mi sono accorto che quello che avevo davanti agli occhi quel giorno non era una persona qualunque e quella casa era qualcosa di speciale , era la dimora estiva di Babbo Natale . Che fortuna nel giardino legata ad un albero ho visto una renna che brucava l'erba del prato ,mentre uno gnomo spaccava la legna per il prossimo inverno , fischiettando tutto contento di se . Qualche pezzo di legno sapeva pure parlare e si lamentava, frignava, piagnucolando quando si sentiva i colpi dell'accetta gridava ahi, che dolore. Ecco l'occasione della mia lunga carriera di ladro a portata di mano.
Così mentre il lestofante faceva mille progetti un merlo gli svolazza attorno e gli dice :
Stai attento quando entri in quella casa corri il rischio di non uscirne più. Ed il ladro innervosito gli rispondeva : E tu chi sei brutto uccellaccio del malaugurio. Mi fai la predica?
Sei una spia di Babbo Natale? Se e cosi ti accoppo subito.
Ed il merlo impaurito gracchiando gli dice : Fermo sono la tua coscienza sotto mentite soglie che ti dispensa consigli per non finire in carcere per sempre, anche se quello in vero ti meriteresti , ma la compassione e tanta , veder ancor soffrire la tua povera mamma paraplegica mi rende assai triste. Ma il ladro che non aveva nulla da perdere e tanto da guadagnare gli risponde : Fatti gli affari tuoi che ai miei ci penso io, non ho bisogno di consigli ,adesso entro in casa di Babbo Natale e vedo cosa devo rubare. E cosi fa di nascosto da occhi indiscreti entra attraverso il giardino quasi strisciando per terra sull’ erba bagnata di brina. Altolà grida uno gnomo vedendolo entrare in quel modo . Chi sei? Aiuto Fratelli un uomo con brutte intenzioni tenta di entrare nella nostra casa. Ed il ladro vedendosi scoperto ingaggia una lunga e violenta colluttazione con diversi gnomi forzuti. Riuscendo alfine ad entrare in casa di Babbo Natale e rubare il suo sacco magico ove per incanto escono ogni giocattolo che desideri . Uscito dalla casa il ladro si lamenta : Che botte che ho avuto e stata assai dura per poco uno gnomo non mi stritolava lo scroto che male. Quelli non sono dei gnomi normali. Il sacco lo preso ,con questo posso avere tutto ciò che voglio . Chi mi ferma più posseggo il sacco magico di Babbo natale. Ora debbo correre subito a casa e mettermi a lavorare . Voglio Mettere su una bancarella in piazza Navona o fuori alla stazione termini e fare un sacco si soldi questo natale . E l'occasione che aspettavo . Giunto a casa sua un monolocale di via Fondaccio dalle parti dell'Euro il malandrino prova a far uscire dal sacco i tanti giocattoli ma inutilmente in quando causa la sua invereconda rabbia dal sacco escono fuori solo cose assai brutte ,soldatini agguerriti pronti a farti male. Poi vampirelli e pipistrelli , assassini e uomini oscuri. Passa così una notte intera concentrato su dei pensieri felici che facciano uscire fuori dal sacco dei bei regali. Giunta la mattina travestito da babbo natale con un pancione finto ed un cappello rosso in testa s'avvia per le strade innevate. Alla ricerca di qualcuno a cui vendere i giocattoli rubati ,un mare di giocattoli di vario aspetto ,giochi intelligenti , infantili e dolci che t'invogliano a ritornare bambini come nel tempo addietro . Giocatoli che ti fanno sognare ,ti conducono in mondi lontani ove l'odio e il disprezzo non ci sono più e contento ,travolto da tanta dolcezza tu sorridi solo come un folle ascoltando i mesti canti natalizi che giungono lenti alle infreddolite orecchie. Per un giorno intero il ladro vende migliaia di giocattoli sotto costo, regalando di traverso tanta gioia a quelle persone che mai avrebbero immaginato di possedere quei graziosi giocattoli con così pochi soldi. Felice quest'ultimo strofinandosi le mani si ripete continuamente : Che affari se vado di questo passo li vendo tutti per entro sera. Che fortuna aver rubato il sacco dei doni di Babbo natale. Dopo un po’ si dirige verso una osteria per mangiare qualcosa. La città é in festa illuminata da tante luci con tanti alberi addobbati ove sono appese tante palline colorate ,luccicanti quando si fa' sera. E una meraviglia che si schiude davanti agli occhi ,camminando incappottati nelle fredde sere di dicembre vedere tanta dolcezza .Ma il ladro viene arrestato il giorno dopo all' ennesimo tentativo
di vendere i giocattoli di Babbo natale . Il malandrino era ignaro del marchio registrato da Santa Claus conosciuto da tutti i negozi di giocattoli e dalla polizia di mezzo mondo così finisce per essere arrestato da un commissario fuori servizio che si trovava per caso nel negozio a comprare un giocattolo per suo figlio . A Natale tutto può accadere non c’è limite all’immaginazione la lotta tra il male ed il bene genera strani incantesimi a volte anche dei piccoli miracoli.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: