ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 19 dicembre 2012
ultima lettura sabato 22 febbraio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Chissà,magari ci incontreremo senza sperarono,ci ameremo ancora,senza volerlo.

di Nits. Letto 696 volte. Dallo scaffale Generico

Magari un giorno ti siederai in un bar,uno in cui vai spesso e ti metterai comodo con il tuo ipad,aspettando il cameriere.Non noterai nemmeno la ragazza dalle labbra rosse che sta leggendo,anzi rileggendo per l'ennesima volta,un sottile libricino dal t...

Magari un giorno ti siederai in un bar,uno in cui vai spesso e ti metterai comodo con il tuo ipad,aspettando il cameriere.
Non noterai nemmeno la ragazza dalle labbra rosse che sta leggendo,anzi rileggendo per l'ennesima volta,un sottile libricino dal titolo non molto comune (C'era una volta l'amore ma ho dovuto ammazzarlo). Non noterai che ha guardato male per un attimo il cameriere perchè l'ha disturbata mentre leggeva una delle sue parti preferite. E nemmeno ti accorgerai che cio che aveva chiesto al barista era un caffe alla vaniglia. Purtroppo non era stata capace di infonderti il piacere di far caso ai dettagli.
Lei non farà caso hai tuoi capelli troppo corti,a lei piacciono lunghi. Non farà caso al tuo dilatatore,ai tuoi jeans e semplice maglietta nera e nemmeno hai tuoi occhi che aveva sempre reputato meravigliosi.
Non farà caso a te,o a chiunque altro,lei sta leggendo.
Solo una cosa la distrasse,e vedi che è difficile levare dalla lettura una ragazza che legge,soprattutto se quel libro è il suo preferito.
Arrivò il cameriere,chiese se volevi ordinare,e tu non chiedesti un drink,un toast o una coca cola. 'Un caffe alla vaniglia per piacere'.
Lei allorà magari alzerà lo sguardo perchè non conosceva persone che bevevano quel caffe. Tu eri rimasto uno dalla risata facile ma pur sempre timido ed insicuro. Lei no. Lei era sempre stata una che prendeva iniziative,e dopo che le avevo spezzato il cuore cosi tante volte,non temeva nulla.
Chiuse il libro ripiegando l'angolatura della pagina come quando aveva fretta. Chiuse il libro e si avvicinò con la sua borsa arancione,la tazza e il libro in mano. Si siederà accanto a lui e si guarderanno.
Magari un giorno si siederanno a quel tavolo e lui farà caso al libro che anche lui a letto,al rossetto rosso. Lei noterà il caffe alla vaniglia e alle costole storte sotto la maglia.
Magari succederà davvero un giorno. Che magari mi avvicinerò e appoggero il mio dito su quella piccola incavatura sullo sterno,dove stava perfettamente il mo pollice. Magari ci guarderemo e ci renderemo conto di quanto ci siamo mancati,di quanto macava quell'imperfezione che ci completava,di quanto eravamo stati l'uno nell'altro,anche se di nascosto,anche s solo in un caffe o in un libro.
Chissa,magari un giorno ci troveremo senza saperlo,magari ci incroceremo senza sperarlo,ci ameremo ancora,senza volerlo.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: