ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 18 novembre 2012
ultima lettura mercoledì 6 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Breve Storia Di Una Lampada

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 876 volte. Dallo scaffale Fantasia

Breve Storia Di Una Lampada Fui acquistata improvvisamente   in un grande magazzino pieno di signore televisioni alla moda e  ingegnose stampanti multifunzionali . Una sera d’inizio inverno  nel reparto luci e materiali el...........

Breve Storia Di Una Lampada


Fui acquistata improvvisamente in un grande magazzino pieno di signore televisioni alla moda e ingegnose stampanti multifunzionali . Una sera d’inizio inverno nel reparto luci e materiali elettrici di un moderno supermercato. La prima volta che aprii gli occhi, appoggiata su un vecchio comò rococò , illuminai un bianco foglio, ove il padrone di casa stava per scrivere alcune note della spesa . Sentii nell’ intera struttura metallica una strana onda magnetica vibrare e correre dentro il mio cavo principale.In seguito ogni volta che qualcuno premevano il pulsante, per accendermi ,avvertivo uno strano brivido, corrermi dietro la schiena. Una mattina dopo avermi lavato con cura mi portarono nella stanza studio dei ragazzi .In fondo al corridoio , dove viveva una vecchia scrivania di legno appisolata sotto una grande finestra. lì compresi perché provavo da tempo quella strana emozione. Era la presenza magnetica di Margaret la lampada studio della stanza dei ragazzi. Piccola e graziosa anche sé avanti negli anni dalla luminosa longeva eleganza , poteva ancora allungarsi avanti e indietro , snodabile ed agile all’uso .Gli sussurrai tramite alcune onde elettromagnetiche quelle mie emozioni. La risposta non tardò ad arrivare, anche lei avvertiva da un po’ di tempo una inquietudine elettromagnetica che quasi le faceva fulminare la lampadina . Gli avrei voluto narrare tutta la mia vita da quando nacqui in una grande fabbrica della Repubblica Federale Tedesca , del mio arrivo in Italia con un grosso Tir guidato da un omone violento e barbuto gran bevitore di birra.
Ma non ebbi tempo di farlo perché ella Margaret fu smontata davanti ai miei occhi e gettata via per essere sostituita da me giovane lampada studio, moderna e a basso consumo energetico.
Messa al suo posto , pensai per diverso tempo a Margaret .Tentai quando ero spenta di sognare la sua vita e vidi con mia meraviglia la sua breve esistenza le lunghe ore passate , a far compagnia ai ragazzi alle prese con i compiti di matematica e storia . La vidi , spegnersi e accendersi, illuminare un mondo disordinato ove l’ ingegno dei giovani studenti faticava nelle ore dei compiti fatti in casa.
Forse un giorno succederà anche a me d’essere sostituita, cambiata con una nuova lampada molto più forte e bella . Intanto continuo ad illuminare la scrivania dei ragazzi ,e a guardare attraverso la finestra il passare dei giorni e delle notti. Il susseguire dell’elevarsi del sole che svanisce
all’ apparire del sorriso della luna che continua a splendere mesta in un angolo del cielo.
Così nell’oscurità con la mia luce aiuto a conoscere la gaia sapienza trascritta nei severi e dotti libri di scuola ai grandi e piccini.





Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: