ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 15 novembre 2012
ultima lettura martedì 17 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Elite

di WolfMoon. Letto 387 volte. Dallo scaffale Fantasia

"Mi svegliai di buon mattino e trovai Narsil ed Anima in cucina a chiacchierare -Ciao Ragazzi- dissi -Ciao cucciola- mi disse Narsil venendomi ad...

"Mi svegliai di buon mattino e trovai Narsil ed Anima in cucina a chiacchierare -Ciao Ragazzi- dissi
-Ciao cucciola- mi disse Narsil venendomi ad abbracciare.
-Ciao bella- mi disse Anima sorridendomi.
-Che fate di buono?- chiesi visto che stavano preparando la colazione.
-Bacon e uova alla coche- disse maliardo Anima.
-MMMM che profumino delizioso-commentai.
-E si oggi dobbiamo fare un abbondante colazione, perché l'allenamento sarà durissimo- disse Narsil -e Anima mi è venuto a dare una mano a cucinare-
-Che dolce, bhe intanto vado a svegliare gli altri allora- dissi.
-Che tenera, grazie- rispose Anima
Andai di camera in camera a bussare e a svegliare gli altri. Pian piano ci raggiunsero tutti e facemmo colazione assieme e andammo a prepararci per l'allenamento. Ci ritrovammo tutti nel grande parco adibito per gli allenamenti ed aspettammo chi ci avrebbe insegnato oggi, che quasi sempre cambiava di giorno in giorno. Venne ad allenarci Sir Wulfila...
Era esperto nell'uso delle armi e ci fece mettere a gruppi per insegnarci a colpire e a pararci. Dopo l'allenamento estenuante ringraziammo il maestro e ci apprestammo a tornare dentro ma sir Wulfila mi chiese di ritornare il prima possibile perché Re Irraziel doveva parlarmi. Perciò mi feci una rapida doccia e andai dove mi aveva indicato Sir William ed incontrai Re Irraziel. Mi raccontò del mio incarico al suo fianco, guardia speciale del corpo, della mia vecchia armatura, andata perduta , e dei miei amici che si erano salvati, ma più mi raccontava più io provavo felicità ma non mi sentivo parte del racconto.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: