ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 11 ottobre 2012
ultima lettura martedì 10 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

DEMON & WITCH (STAGIONE 01, EPISODIO 09)-LA DIMORA DEL MALE

di telefilms93. Letto 566 volte. Dallo scaffale Fantascienza

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE ...

PRINCETON, NEW JERSEY

(Contea di Mercer)

* Tutte le frasi scritte in rosso stanno ad indicare il potere di persusione di Jede attraverso la telepatia.

Jade è impegnata nella lettura del libro per fare il punto della situazione e Samuel, intento nella guida, dice: “Jade siamo a Princeton! La bussola indicava verso questa città, giusto?”e Jade, cadendo dalle nuvole, risponde: “ehm…sì, sì! La città è questa secondo la bussola!”e Samuel, fermando l’auto, dice: “qui c’è qualcosa che non va! Tu hai qualcosa che non va! Da quando abbiamo lasciato Lock Haven sei cambiata”e Jade dice: “il fatto è che noi non facciamo altro che andare da una città all’altra, ignorando tutto il resto!”e Samuel dice: “cosa vorresti dire? Non essere così enigmatica, spiegati!”e Jade, appoggiando il libro, dice: “ci sono successe molte cose da quando siamo partiti e fino ad ora non abbiamo fatto un punto della situazione. Se continuiamo a passare da un luogo all’altro rischiamo di perdere di vista l’obbiettivo!”e Samuel, sospettando qualcosa, dice: “cosa mi stai nascondendo Jade? C’è qualcosa che non mi hai detto?”e Jade, vuotando il sacco, dice: “d’accordo te lo dico! Anastasia è riuscita ad impossessarsi del mio corpo, perché io in quel momento non c’ero!”e Samuel, tirando un colpo sul manubrio dell’auto, dice: “non posso crederci Jade! Ti avevo detto che era pericoloso tentare la proiezione astrale, ma non mi hai dato ascolto e, infatti, sei quasi morta la settimana scorsa!”e Jade dice: “sì è vero ho rischiato molto, ma almeno adesso so che mia Nonna è viva!”e Samuel, sorpreso, dice: “cosa ti ha detto? Dov’era?”e Jade risponde: “non è riuscita a dirmi molto, perché continuava a dire che loro ci stavano ascoltando. Il luogo sembrava un castello in stile medievale e mia Nonna si trovava nelle prigioni!”e Samuel, riflettendo su tutta la faccenda, dice: “credo che tu abbia ragione, dobbiamo fare un punto della situazione e mettere insieme tutto ciò che abbiamo scoperto fino ad ora!”. Jade prende carta e penna, iniziando a scrivere, insieme a Samuel, una mappa riassuntiva :

· La profezia ha scelto un demone e una strega

· L’allineamento planetario coincide con l’attivazione della bussola

· Terence e Wolf sono due mebri dei “servitori del caos” e cercano in tutti i modi di ottenere l’amuleto della strega

· Nel libro del bene e del male manca una pagina

· L’amuleto non dona alcun potere alle streghe

· Nessuno sa a cosa serve l’amuleto, ma il male non è in grado di toccarlo

· L’indizio della Nonna: il calore del tuo cuore e la fredda chiave combaciano perfettamente, se solo capovolgerai la parte fredda avrai davanti a te la risposta!

Samuel continua ad essere confuso su tutte le informazioni, ma, improvvisamente, dice: “ricordi quella bambina? Quella che hai detto di aver visto nella città dove abbiamo neutralizzato il cavaliere dell’apocalisse?”e Jade dice: “dopo aver incontrato mia Nonna sono più che sicura che fosse lei quella bambina. Ha sempre vegliato su di noi e mi ha anche avvertita di tornare nel mio corpo, perché sapeva che Anastasia me l’avrebbe rubato!”e Samuel, riflettendo, dice: “ammettiamo che quella bambina era tua Nonna tramite un incantesimo, ma sei sicura che quando abbiamo lasciato la città ti stesse salutando? Magari ha cercato di farti un gesto per indicarti dove si trova e tu l’hai frainteso con un saluto!”e Jade, sapendo con certezza ciò che ha visto, dice: “mia Nonna ha detto che non aveva alcuna idea di dove si trovasse, perciò come pretendi che mi abbia indicato dove si trova?”e Samuel dice: “tua Nonna non è stupida…se ti avesse detto dove si trovava, i servitori del caos si sarebbero preparati ad accoglierci. Io credo che tua Nonna vuole che giungiamo da lei senza che loro sappiano del nostro arrivo!”e Jade, iniziando a ragionare, dice: “oh mio Dio! Forse hai ragione, perché ora che ci penso quello non sembrava un saluto. Mi ricordo che mia Nonna, ogni sera, faceva un rito in cui citava i quattro punti cardinali e faceva anche degli strani gesti, simili ad un saluto, per indicarli!”e Samuel, chiedendole di ricordare, dice: “bene, perfetto ci siamo. Adesso cerca di mettere a fuoco la direzione che stava indicando!”e Jade, chiudendo gli occhi, dice: “indicava…indicava…l’ovest!”e Samuel dice: “questo risulta molto strano, visto che la nostra bussola ci sta conducendo verso la direzione opposta!”e Jade dice: “intendi dire che ci vogliono mantenere lontani seminando i disordini verso Nord, Est e Sud?”e Samuel, rimettendosi alla guida, dice: “forse, ma è quello che dobbiamo scoprire!”. I due ragazzi arrivano all’ingresso di Princeton e Jade dice: “fin qui sembra tutto tranquillo!”e Samuel, guardando lo specchietto retrovisore, dice sconvolto: “non credo proprio. Guarda dietro di noi!”e Jade, voltandosi, vede un gigantesco muro di mattoni che blocca la strada e, scendendo dall’auto, dice: “da dove spunta questo muro? Quando siamo passati non c’era!”e Samuel dice: “credo che la nostra teoria non sia poi tanto sbagliata. Qualcuno vuole impedirci di tornare indietro”. Samuel continua a guidare, ma, ad un certo punto, frena bruscamente, perché in mezzo alla strada compaiono Xao e Zata, mentre Jade scende dall’auto dicendo: “Xao? Zeta? Non vi vediamo da un secolo! Dove siete finiti?”e Zeta risponde: “noi vegliamo sempre su di voi, ma abbiamo anche noi i nostri doveri”e Samuel, sarcasticamente, dice: “certo, certo sono sicuro che c’è un gran da fare ai piani alti!”e Zeta, guardando storto Samuel, continua dicendo: “siamo venuti da voi, perché pensiamo che l’epicentro del nuovo disordine si trovi a villa Dawson. Ecco qui un identità falsa per Jade!”e Xao dice: “sarai Julie Spencer e ti fingerai l’insegnante di matematica del piccolo erede di Villa Dawson!”e Samuel, vedendo i due angeli non interessarsi a lui, dice: “dov’è la mia identità falsa?”e Xao risponde: “pensiamo che è meglio che ci vada solo uno di voi. In due potreste destare dei sospetti!”e Samuel, innervosito, dice: “Jade farà l’insegnante di matematica? Cos’è una specie di scherzo? Ma l’avete vista?”e Jade, dandoli ragione, dice: “nonostante Samuel mi stia offendendo, forse non ha tutti i torti. Io e la matematica viviamo in due mondi paralleli molto, ma molto distanti!”e Zeta, schioccando le dita, fa comparire un completo nero da insegnate con degli occhiali da intelletuale addosso a Jede, inoltre le raccoglie i capelli facendola sembrare una vera e propria professoressa. Samuel rimane sconvolto davanti al cambiamento di Jade e dice: “credo che rimarrò in macchina a sorvegliare la villa da lontano! Ormai, grazie ai vostri abracadabra, Jade è perfetta per il suo ruolo!”e Jade, specchiandosi sul finestrino dell’auto, dice saltando e sorridendo: “non ci credo! Sembro una donna in cariera. Per caso mi avete alzato di qualche centimetro? Sembro più alta!”e Xao dice: “non perdere d’occhio l’obbiettivo Jade! In questa città c’è qualcosa di molto strano”e Jade dice: “non preoccupatevi. Questa missione mi piace!”e Samuel, esasperato, dice: “Jade vuoi salire in macchina o continuare a parlare con il vetro del finestrino?”e Jade, vedendo che Xao e Zeta non ci sono più, dice: “non mi ero accorta che se ne fossero andati! Possibile che devono sempre sparire così?”. I ragazzi attraversano la città guardando la gente camminare per negozi e Jade dice: “apparte il muro di mattoni all’ingresso della città, Princeton mi sembra una città più che normale!”e Samuel, non così ottimista, dice: “secondo me ti sbagli e poi se non ci fosse niente di strano in questa città, Xao e Zeta non si sarebberò tanto disturbati a venire qui!”, poi Jade fa cadere la bussola sul tappetino dell’auto e si abbassa a cercarla dicendo: “aiutami Samuel! Non riesco…a..trovarla”e Samuel, chinandosi anche lui, dice: “accidenti Jade! Cerca di stare più attenta . Immagina se l’hai rotta…addio missione!”e Jade, trovandola, dice: “evviva! Come vedi la bussola non si è rotta idiota!”e Samuel dice: “la tua solita fortuna! Come quella che hai avuto con Xao e Zeta!”e Jade, innervosita, dice: “oh Dio Samuel! Possibile che la devi fare così lunga? Se vuoi mettiti il mio completino e vai a fare tu la professoressa, ma ti avverto che i tacchi di uccideranno!”e Samuel, guardando le strede, dice sconvolto: “quando hanno chiuso i negozi?”e Jade, guardandosi attorno, altrettanto stupita dice: “mi prendi in giro? Poco fa era pieno di gente e i negozi erano aperti!”e Samuel, cercando una soluzione razionale, dice: “forse sono tornati a casa a…dormire?”e Jade, guardandolo storto, dice: “Samuel, sono le sette di sera! Nemmeno mia Bis Nonna va a letto a quest’ora!”e Samuel, ingranando la marcia, dice: “al diavolo le spiegazioni razionali! Ti porto all’indirizzo di Villa Dawson”. Samuel parcheggia davanti alla villa e, facendo un piccolo fischio, dice: “accidenti! Queste persone non badano a spese”e Jade, guardando la villa con la bava alla bocca, dice: “wooooow, non ho mai visto nulla del genere! Sembra una di quelle ville che ci sono a Beverly Hills. Questo è un sogno che si avvera!”e Samuel dice: “pulisciti, stai sbavando! Su forza scendi!”e Jade, scendendo dall’auto indignata, dice: “d’accordo, d’accordo! Tu, però, dove andrai a dormire stanotte?”e Samuel, con sarcasmo, risponde: “ehm…andrò nell’hotel a 5 stelle che c’è qui dietro l’angolo! Dormirò in auto…dove vuoi che vada?”e Jade dice: “sei un caso perso! Cerco di interessarmi a te e tu sei sempre il solito cretino. Ormai sono due mesi e mezzo e mezzo che viaggiamo insieme e mi domando se tu sia in grado di affezionarti alle persone. Va bhè, buonanotte!”, poi Jade si allontana dirigendosi verso la villa e Samuel, prima di ripartire, dice guardandola: “affezionarmi a te? Non immagini quanto!”. Jade entra in villa Dawson rimanendo senza parole davanti alla gigantesca casa con un grosso lampadario di cristallo all’ingresso, ma, improvvisamente, il suo stupore viene interrotto dall’arrivo della padrona di casa, che dice: “mi scusi per l’attesa. Desidera?”e Jade, guardandola confusa, dice: “ma come? Lei non sa che sono qui per fare da insegnante a suo figlio?”e la signora Dawson, perplessa, risponde: “non so di cosa parla!”e Jade, parlando tra sé e sé, dice: “accidenti! Xao e Zeta non mi avevano avvertita di questa cosa. Bhè vorrà dire che me la caverò a modo mio!”e la signora Dawson, confusa dal comportamento della ragazza, dice: “mi scusi, ma sta dicendo qualcosa?”e Jade, usando il suo potere, dice telepaticamente: “lei ha inserito un annuncio su internet per cercare un’insegnante di matematica per suo figlio. Una donna di nome Julie Spencer ha risposto all’annuncio e stamattina le ha parlato al telefono dicendole di presentarsi a casa sua”, poi Jade le dice: “signora Dawson! Sono Julie Spencer, l’insegnante di matematica! Ci siamo parlate al telefono questa mattina, ricorda?”e lei, un po’ stordita dalla persuasione, risponde: “ehm…certo, certo! Venga, le mostro la sua camera”. Jade viene condotta alla sua camera e notando alcune cose strane dice alla signora: “posso sapere come mai gente ricca come voi non ha un maggiordomo ho una cameriera?”e lei, risponde, risponde: “ehm…non ci piace sottomettere le persone. Preferisco preparare la cena e sbrigare le faccende di casa da sola. Adesso devo andare, la cena sarà pronta fra un ora!”e, mentre la signora Dawson scende al piano di sotto, Jade si guarda attorno dicendo: “sbrigare le faccende da sola? Con una casa come questa ci metterà un secolo a pulirla tutta! “, intanto Samuel parcheggia la sua auto da qualche parte e si mette a leggere il giornale, ma, improvvisamente, un uomo inizia a bussare violentemente contro il finestrino gridando: “aiuto la prego! Lei deve aiutarmi!”, così Samuel apre la portiera della macchina e mettendo un piede a terra nota che nella strada scorre dell’acqua e, impressionato, dice: “ma che diavolo? Da dove viene quest’acqua?”e l’uomo risponde: “ha visto? Per questo voglio che mi aiuti. Lei deve portarmi fuori da questa città!”e Samuel salendo sul marciapiede accanto a lui, gli dice: “adesso cerca di calmarsi e mi spieghi cosa sta succedendo!”e l’uomo dice: “Tutti cerchiamo di andarcene da questa città, ma anche se lo vogliamo fortemente non riusciamo a farlo. Nessuno si ribella a lui, perché abbiamo tutti paura e facciamo finta che tutto vada bene per compiacerlo!”e Samuel, confuso, dice: “di chi parli? Chi è che vi mette paura?”e l’uomo, spaventato a morte, risponde gridando: “quel maledetto piccolo demonio che vive a villa Dawson!”ed, improvvisamente, il collo dell’uomo viene spezzato e Samuel lo guarda agghiacciato, mentre cade a terra morto. Jade si prepara a scendere per la cena, ma, accidentalmente, vede aperta la stanza dei giochi del figlio dei Dawson e ci entra guardandosi attorno, fino a quando non nota una riproduzione in scala della città di Princeton e dice: “questa gente non bada a spese! Il loro figlio ha anche una città giocattolo bella grande è molto dettagliata!”, poi nota che le strade della città giocattolo sono allagate dall’acqua versata da un bicchiere, così decide di prendere della carta assorbente ed asciugarla. Jade è intenta ad asciugare la città giocattolo e alle sue spalle, una voce agghiacciante, dice: “che cosa stai facendo vicino alla mia città?”e Jade, ridendo nervosamente, dice: “credo che il bicchiere d’acqua si sia rovesciato sulle strade della tua bella città, ma come vedi sto rimediando!”e il bambino, alzando la voce, dice: “allontanati subito dal mio gioco! Sono stato io a rovesciare il bicchiere d’acqua. Adesso esci subito dalla mia stanza o chiamo mia madre!”e Jade, rimasta sconvolta, dice: “d’accordo scusami non volevo. Ora vado di sotto, tua madre ci starà aspettando!”, poi Jade lascia la stanza e il bambino, parlando da solo, dice: “vai pure da mia madre a goderti la cena, perché quando avrò finito di giocare con il tuo amico, toccherà a te!”ed, improvvisamente, dai suoi occhi scende un liquido nero che si posa sulla città giocattolo trasformandosi in tre piccoli omini, al quale il bambino ordina: “trovate il demone e uccidetelo…io mi divertirò con la strega!”. Samuel, dopo la misteriosa morte di quell’uomo, risale in auto consultando il libro del bene e del male in cerca di demoni bambini, poi sfogliando ogni pagina ne trova una in cui è scritto:

-sezione del male- XADREUS (IX)

Si tratta di un demone possessore maligno appartenente alla famiglia delle nubi oscure. Xadreus (IX) è il nono dei dieci fratelli demoni e ha la capacità di entrare nel corpo dei bambini e utilizzare la loro immaginazione infantile per dare vita a veri giochi tortura molto reali. Il demone può essere eliminato o allontanato dall’ospite attraverso un’antica formula demoniaca di esorcismo utilizzati frequentemente da molti cacciatori di demoni Xadreus e altri tipi di demoni possessori.

Formula: Exorcizamus te, omnis immundus spiritus,
omnis satanica potestas, omnis incursio infernalis adversarii,
omnis legio, omnis congregatio et secta diabolica,
in nomine et virtute Domini Xadreus Nostri Jesu Christi,
eradicare et effugare a Dei Ecclesia,
ab animabus ad imaginem Dei conditis ac pretioso
divini Agni sanguine redemptis.

Samuel legge tutta la formula e dice: “bella lunga! Spero di riuscire a dirla tutta correttamente”, poi si mette alla guida per dirigersi a villa Dawson. Jade è seduta a tavola con la Signora Dawson, mentre nota delle foto di famiglia sopra i mobili, così, per curiosità, dice: “non ho fatto a meno di notare che nelle foto c’è anche suo marito, però da quando sono arrivata non l’ho visto!”e lei, tremando e sorridendo allo stesso tempo, dice: “mio marito è…fuori per lavoro. Non tornerà tanto presto!”e il piccolo Eric, arrivando dal corridoio, si siede a tavola e dice: “Mamma? Perché dici le bugie su Papà?”e lei, iniziando a piangere, dice: “ti prego Eric smettila!”ed Eric, con un tono agghiacciante, dice: “perché non dici alla signora cosa è veramente successo a Papà? Avanti!”e Jade, spaventata, dice: “signora Dawson che sta succedendo?”e lei, alzandosi bruscamente dal tavolo, grida a Jade: “se ne vada signorina! Scappi il più lontano possibile da questo demonio!”ed Eric, con un dito appende sua madre al muro, dicendo: “no Mammina! Non si trattano così gli ospiti!”e Jade, alzandosi dal tavolo ed indietreggiando spaventata, dice: “d’accordo Eric! Adesso calmati e stacca tua madre dal muro!”e Eric, appendendo al muro anche Jade, le dice: “vuoi sapere cosa è successo a mio padre? Credo proprio che te lo mostrerò!”. Samuel continua a guidare verso la villa, ma tre entità nere gli bloccano la strada e lui, scendendo dalla macchina, dice: “ma che cavolo sareste voi? Dei guerrieri Ninja?”ed, improvvisamente, uno di loro si avvicina a lui ad alta velocità, poi lo prende per il collo e lo scaraventa contro la vetrina di un negozio. I tre omini neri vanno via e Samuel è gravemente ferito tra i pezzi di vetro andati in frantumi, ma, fortunatamente, compaiono Xao e Zata per aiutarlo, infatti Xao si avvicina al suo corpo puntando le mani verso di lui e i suoi occhi diventano bianchi e man mano che le ferite di Samuel si rimarginano, gli occhi bianchi di Xao diventano rosso sangue. Samuel si risveglia e, guardando gli occhi di Xao, dice: “che cosa ti succede agli occhi?”e Zeta risponde: “sta assorbendo il dolore che ti è stato provocato. Se saremmo arrivati qualche secondo più tardi saresti morto!”e Samuel, alzandosi velocemente, grida: “Jade! Lei è in pericolo devo andare a salvarla!”e Zeta dice: “non preoccuparti per Xao, fra poco tornerà normale. Adesso corrì a salvare la tua strega!”. Eric inizia a incidere il cranio di sua madre con la forza del pensiero e le sue urla strazianti fanno soffrire Jade, che grida: “basta! Smettila subito maledetto!”ed Eric, voltandosi verso di lei, dice: “vedo che sei impaziente! Vuol dire che io e te giocheremo prima del previsto”, così Eric, con la forza del pensiero, sospende a mezz’aria una serie di coltelli da cucina e si prepara ad un tiro al bersaglio su Jade, che, spaventata, dice: “cosa vuoi fare con quei coltelli?”ed Eric, con una risata di malvagità, dice: “ho fatto lo stesso gioco con mio padre, ma purtroppo qualcosa è andato storto! Peccato…magari andrà meglio con te!”. Eric lancia, sempre con il pensiero, un coltello contro Jade e lei inizia ad urlare talmente forte da emettere un onda d’urto che lo scaraventa fuori dalla sala, intanto Samuel irrompe in casa gridando: “Jade? Jade dove sei?”e Jade, nell’altra stanza, risponde piangendo: “sono qui Samuel, nella sala da pranzo! Aiutaci ti prego!”e Samuel correndo in quella stanza vede il bambino steso a terra, così inizia a recitare la formula che c’era sul libro: “Exorcizamus te, omnis immundus spiritus, omnis satanica potestas, omnis incursio infernalis adversarii, omnis legio, omnis congregatio et secta diabolica, in nomine et virtute Domini Xadreus Nostri Jesu Christi,eradicare et effugare a Dei Ecclesia ab animabus ad imaginem Dei conditis ac pretioso divini Agni sanguine redemptis” e il demone fuoriesce dalla bocca del bambino gridando: “nooo! Maledetto non finisce qui!”e, infine, lascia la casa uscendo dalla finestra e dileguandosi nella notte. La signora Dawson, la città e Jade sono, finalmente, salvi e lei, contenta di rivedere Samuel per il forte spavento, corre ad abbracciarlo, ma succede una cosa strana: I due, appena si sfiorano, provocano una scintilla che crea un Blackout in tutto lo stato del New Jersey…

CONTINUA NEL DECIMO EPISODIO



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: