ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 4 ottobre 2012
ultima lettura lunedì 4 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

DEMON & WITCH (STAGIONE 01, EPISODIO 07)-IL DEMONE DAL CUORE FREDDO

di telefilms93. Letto 636 volte. Dallo scaffale Fantascienza

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE ...

Tanta neve cade sulla strada, ormai innevata, dove c’è un auto ferma e due ragazzi al quanto nervosi, che stanno litigando nei pressi della città di Fairbancks, in Alaska. Samuel tenta di far ripartire l’auto, mentre grida arrabbiato: “Jade come hai potuto portarci in questo inferno?”e lei, mortificata, risponde: “mi dispiace, ma non riesco a controllare i miei poteri. Che ne sapevo che saremmo finiti in Alaska!”e Samuel, con sarcasmo, dice: “come vedi ci siamo purtroppo. Già che ci sei perché non mi porti anche in Cina, così vedo la grande muraglia cinese oltre al grande freddo dell’Alaska!”, poi il motore dell’auto riparte e Samuel, tirando un sospiro di solievo, dice: “oh grazie a Dio!”e Jade dice: “non credi di esagerare? Infondo l’Alaska è un bel posto!”e Samuel risponde: “certo…se ti vuoi prendere una polmonite! Io odio il freddo, non lo sopporto!”e Jade, cercando di consolarlo, dice: “vuoi che guidi io?”e Samuel, guardandola storto, dice: “questa è follia! Ci manca solo che finiamo fuori strada sotto metri e metri di neve. No, grazie!”e Jade dice: “guarda che so guidare una macchina, anche se…non ho la patente! Comunque il mio ex ragazzo mi ha fatto portare la sua auto alcune volte, perciò se sei stanco posso darti il cambio!”e Samuel, chiaramente sconvolto, dice: “ehm…io non ti darò mai il cambio. Preferisco guidare con gli occhi chiusi se dovesse succedere!”e Jade, voltandosi dall’altro lato con il musone, dice: “antipatico! Ecco cosa sei!”. I due ragazzi giungono all’entrata della città di Fairbancks, passando accanto il cartello di benvenuto, dove Jade, ammirandolo, dice: “carino il cartello con accanto quelle statue di ghiaccio. Cosa non si fa per attirare l’attenzione dei turisti!”e Samuel dice: “di certo non incontreremo dei disordini da queste parti, visto che tu ci hai mandato fuori percorso!”e Jade dice: “guarda il lato positivo, almeno ci prenderemo una piccola vacanza da demoni della vendetta, cavalieri dell’apocalisse o altro. Sinceramente sono stanca di quel brutto mondo che c’è là fuori!”e Samuel, pensandoci bene, dice: “forse non hai tutti i torti. Sono stanco anche io!”e Jade, guardando fuori dal finestrino, dice: “guarda! Un motel…finalmente!”. Jade corre subito al centralino del motel, dicendo: “salve, siamo due persone! Possiamo avere una stanza?”e il signore risponde” assolutamente sì!”, poi si alza andando a prendere le chiavi e Jade, notando molte chiavi appese, dice: “giornata fiacca è? Niente visitatori oggi?”e il signore, ridendo, dice: “chi vuole che venga a visitare l’Alaska? Qui è sempre stato così, da quando abito a Fairbancks, e raramente qualcuno prende una stanza!”e Samuel, alle spalle di Jade, dice: “che ti avevo detto Jade? Questo è un posto dimenticato da Dio!”e Jade dice al signore: “d’accordo ci dia le chiavi!”. Jade si siede sul suo letto, mentre asciuga i suoi capelli con il fon dicendo: “finalmente una doccia calda. Dio solo sa quanto mi manca la mia casa!”e Samuel, uscendo dalla doccia con l’asciugamano attorcigliato alla vita, dice: “la mia casa non mi manca per niente, visto che era una prigione!”e Jade, arrossendo, dice: “vuoi vestirti per favore? Guarda che ci sono anche io dentro questa stanza!”e Samuel,con sarcasmo, dice: “oh scusami, adesso resterai traumatizzata per sempre immagino!”e Jade, voltandosi dall’altra parte, dice: “continua a prendermi in giro, comunque adesso mi metterò un po’ a leggere il libro e desidero che tu e il tuo asciugamano stiate alla larga!”. Jade sfoglia le pagine, fino a quando esse non iniziano a girarsi da sole, mentre lei dice: “ma cosa accidenti?”, poi si fermano segnando un capitolo che attira la sua attenzione:

RITO DELLA PROIEZIONE ASTRALE

Questo rito ha la capacità di separare il corpo astrale da quello fisico, permettendoli di proiettarsi in altri luoghi non fisicamente raggiungibili. Usare il proprio corpo astrale è come essere un fantasma, infatti esso non può essere toccato o ferito, in quanto astratto. Quando il corpo astrale è attivo, il corpo fisico è in uno stato sonno profondo, che si interrompe nel momento in il corpo astrale si ricongiunge ad esso. Questo metodo era utilizzato dalle streghe per poter comunicare tra loro a grandi distanze, perciò serviva per dare messaggi o avvertimenti.

Cosa utilizzare per il rito:

· Tre candele bianche sistemate in cerchio, un recipiente di metallo, una fiala di inchiostro nero e un oggetto, della persona da raggiungere, immerso in esso.

Incantesimo: Questo corpo voglio lasciare, separa la mia anima e falla volare. Se un corpo astrale potrò creare, quello fisico dovrò abbandonare. (RIPETERE X 3VOLTE)

Samuel ascolta Jade leggere qualcosa e si avvicina dicendo: “cosa stai facendo?”e lei, chiudendo subito il libro, dice agitata: “ehm…niente, non sto facendo niente. Leggevo delle illustrazioni noiose!”e Samuel, un po’ scettico, dice: “va bene…se lo dici tu!”. Samuel indossa un cappotto trovato nell’armadio e Jade, ridendo, dice: “dove stai andando con quel cappotto orribile?”e Samuel, imbarazzato, dice: “vado a comprare la nostra cena! Uno di noi dovrà pur farlo, perciò smettila di criticarmi!”e Jade dice: “d’accordo vai! Sto morendo di fame!”. Samuel, prima di lasciare il motel, passa dal signore del centralino chiedendoli: “mi scusi, ma per caso saprebbe dirmi qual è il market più vicino?”e il signore risponde: “ci sarebbe quello dei coniugi Bolen qui di fronte, ma sono giorni che ormai non aprono!”e Samuel dice: “non vengono a causa della tormenta?”e il signore risponde: “sono qui da 10 anni e quel market apre tutti i giorni. I Bolen non sono più venuti da quando è arrivato il nuovo sindaco, anzi, molte cose sono cambiate da quando è arrivato il nuovo sindaco!”e Samuel, incuriosito, dice: “cosa intende per: molte cose sono cambiate?”e lui risponde: “frequento un bar in cui, ogni tanto, bevo una birra con qualche amico. Da diversi giorni, quel bar è sempre più vuoto e anche la città. Qualcosa è cambiato da quando il sindaco Erica Pierce ha inaugurato un museo, di non so cosa, in città!”e Samuel dice: “qualcosa mi dice che farò un salto a vedere questo museo, ovviamente dopo che lei mi avrà indicato un altro market in cui fare la spesa”e il signore dice: “certamente, c’è né un altro a tre isolati da qui! L’insegna è bella grande, quindi non farà fatica a notarlo”. Jade, dalla finestra, vede Samuel allontanarsi e dice fra sé e sé: “bene…adesso che lui non c’è devo cercare di parlare con mia Nonna. Come prima cosa devo trovare delle candele, ma qualcosa mi dice che nei motel la corrente va sempre via, perciò delle candele ci saranno di sicuro!”, infatti Jade trova le candele in un cassetto e dice: “adesso mi serve il recipiente di metallo. Nei motel ci saranno dei tubi che perdono acqua e sapendo già che questi guasti non vengono mai riparati , sicuramente sono stati messi dei recipienti per non allagare il pavimento”e come già aveva sospettato, Jade trova, nel bagno, un recipiente di metallo sotto ad un tubo che perde ed esclama: “sono un genio! Però, ora che ci penso, dove trovo la fiala di inchiostro?” e Jade, ricordando l’incontro avuto con il signore del centralino, dice: “ma certo! Nell’ufficio di quel signore c’era un contenitore pieno di penne, perciò mi basta bloccare lui, se ne sono capace, e rubare il contenitore…sarà dura!”. Samuel è alla guida della sua auto e si trova a passa davanti a quel museo di cui parlava il signore del motel, notando che una ragazza ci sta per entrare dentro, così dice tra sé e sé: “magari ci ripasso dopo! Ora ho troppa fame per indagare!”. Arrivato al market che li è stato indicato, Samuel scopre che anche esso è chiuso e dice: “cos’è uno scherzo questo? Non è possibile che siano tutti chiusi di mercoledì!”, così decide di tornare indietro, passando ancora davanti a quel museo: le luci dell’entrata erano di bassa intensità, l’insegna faceva uno strano rumore per via del vento e i vetri erano completamente ghiacciati. Quel museo era da brido, ma Samuel decise lo stesso di entrare a dare un’occhiata, intanto Jade era uscita dalla sua stanza ed era nascosta dietro ad un angolo, dove osservava il centralinista, mentre strizzva gli occhi dicendo: “avanti bloccati, bloccati…bloccati!”ed, improvvisamente, tutto si inizia a bloccarsi e lei, contenta, dice: “fantastico! Ormai inizio a controllare questi poteri alla perfezione!”. Jade ruba il contenitore delle penne e torna nella sua stanza, ma si accorge che le penne sono di colore blu e dice: “accidenti! Il libro diceva che ci vuole l’inchiostro nero per il rito. Va bhè…lo farò lo stesso, infondo cosa può cambiare da un’inchiostro nero ad uno blu!”. Samuel era entrato in quel museo e la prima cose che disse fu: “cavoli che freddo! Sembra di essere in una cella frigorifera. Che razza di museo è mai questo?”, mentre girava al suo interno guardando tutto quello che c’era intorno: il pavimento era così bianco da potersi specchiare, davanti a lui c’era una sontuosa scalinata in stile simile alle case degli Hamilton, ma la cosa più sconcertante per Samuel era vedere intorno a lui tante statue di ghiaccio. Samuel si avvicina ad una delle statue dicendo: “che cosa pazzesca! Non avevo mai sentito di musei che avesserò statue di ghiaccio. Forse è per questo che tengono la stanza fredda, così non si sciolgono”ed, improvvisamente, gli occhi della statua si muovono e Samuel indietreggia bruscamente dicendo: “ma che diavolo?”, poi si avvicina di nuovo e dice alla statua: “tu sei una persona…viva?”e la statua batte gli occhi cercando di dire sì e Samuel dice: “chi ti ha fatto una cosa del genere?”, ma ecco che una donna si affaccia dalle scale dicendo: “ma tu guarda chi è venuto nel museo! Un demone!”e Samuel, voltandosi, dice: “e tu devi essere il sindaco! Come sai che sono un demone?”e lei, con arroganza, risponde: “bhè girava voce che un demone e una strega erano a caccia di disordini, ma non pensavo che avrei avuto il piacere di incontrarli così presto. Infondo i disordini che ci sono in giro non sono…pochi!”, intanto una ragazza, la stessa vista da Samuel entrare nel museo, spunta alle spalle del sindaco e scende le scale gridando: “aiuto! Aiutatemi!”e non appena la ragazza giunge alla porta d’uscità, passando di fianco a Samuel, il sindaco dice: “pensavi davvero che ti avrei lasciata andare via? Quanto sei stupida!”e con un gesto delle mani la congela all’istante. Samuel rimane sconvolto davanti a ciò che ha visto e dice: “stai collezionando l’intera città dentro il tuo museo?” e il sindaco risponde: “ma come sei intelligente per essere un demone. Comunque hai indovinato, mi chiamo Gelia e sono una collezionista di statue e quando dici che questo è il mio museo ti sbagli!”e Samuel dice: “cosa vuoi dire? Non essere enigmatica!”e lei dice: “il mio museo attira i curiosi e quando tutti i cittadini saranno venuti nel mio museo, la città sarà vuota e sarà in quel momento che riporterò le statue nel posto in cui devono stare!”e Samuel, sconvolto, dice: “tu vuoi trasformare la città in un museo? Sei una pazza furiosa se pensi che io te lo permetterò e per la cronaca non tutti i cittadini di Fairbancks vogliono visitare il tuo stupido museo!”e poi le lancia una sfera di energia, ma lei la congela dicendo: “nò, nò, nò…qui sei a casa mia bello caro! Decido io chi viene eliminato per primo!”. Jade si siede a gambe incrociate sul letto e inizia il rito per proiettarsi nel luogo in cui si trova sua Nonna, ma la bussola, lasciata sul comodino, si mette a lampeggiare e Jade, guardandola, dice: “mi dispiace, ma adesso non posso proprio. Che se la sbrighi Samuel!”, così, ignorando la bussola, comincia accendendo le candele, poi immerge una sua foto nell’inchiostro blu e, infine, pronuncia l’incantesimo dicendo: “ (1)Questo corpo voglio lasciare, separa la mia anima e falla volare. Se un corpo astrale potrò creare, quello fisico dovrò abbandonare(2) Questo corpo voglio lasciare, separa la mia anima e falla volare. Se un corpo astrale potrò creare, quello fisico dovrò abbandonare…(3) Questo corpo voglio lasciare, separa la mia anima e falla volare. Se un corpo astrale potrò creare, quello fisico dovrò abbandonare”passa un minuto e Jade strizza gli occhi dicendo: “avanti funziona! Ti portami dalla Nonna!”ed, improvvisamente, il corpo astrale di Jade viene catapultato in un altro luogo, dove, aprendo gli occhi, dice: “cosa? Mia Nonna è in un museo?”, poi cammiando lungo la sala vede delle statue e dice: “sembrano quelle che ho visto all’entrata della città di Fairbancks. Nonna sei qui?”. Jade continua ad aggirarsi per il museo e si avvicina, incuriosita, ad una statua e dice: “accidenti! Questa statua sembra la copia esatta di Samuel. Da non credere!”e Samuel, rinchiuso all’interno del ghiaccio, muove gli occhi e Jade cade a terra urlando per lo spavento, ma rialzandosi dice sconvolta: “Samuel? Oh mio Dio…sei tu?”ed, improvvisamente, alle sue spalle arriva il demone dicendo: “questo dev’essere il mio giorno fortunato! Avrò nella mia collezione, non solo il demone, ma anche la strega. Non preoccuparti, quando ti avrò ti avrò trasformata di metterò accanto al tuo amato!”e Jade, arrabbiandosi, dice: “cosa ne sai tu dell’amore, il tuo cuore è così freddo che nessuno ti amerà mai, perciò falla finita e libera subito Samuel e tutti gli altri!”e il demone, innervosita da quelle parole, dice: “non ci penso proprio! Se sono così bella e raggiante è grazie alla loro energia, ma immagina come potrei essere potente con un’intera città di statue di ghiaccio!”e Jade dice: “prima cosa, con quelle extension non inganni nessuno Miss, quasi, pelata e seconda cosa, puoi scordartelo che ti permetterò di realizzare i tuoi piani!”e il demone, nervosamente, dice: “se non sbaglio anche il tuo amico mi aveva avvertito così, ma guarda che fine ha fatto!”, poi le lancia un raggio congelante, ma le passa attraverso il corpo e Jade, ridendo, dice: “spiacente tesoro, quella che vedi di me è solo una proiezione astrale. Se hai studiato nell’accademia infernale di demoni troglodite saprai benissimo che le proiezioni non sono corpi concreti, perciò non mi fai un bel niente!”, poi decide, tentando una cosa nuova, di sollevare un grosso tavolo contro di lei e ci riesce dicendo: “evvai! Ho anche la telecinesi, sono un mito!”. Il demone è a terra, mentre Jade si avvicina a Samuel dicendo: “come faccio a liberarti?”, ma,improvvisamente, Samuel esce dal suo corpo e si proietta davanti a Jade, che rimasta senza parole, dice: “come…come diavolo hai fatto?”e Samuel, ancora più sconvolto, risponde: “io…io non lo so come ho fatto!”, intanto il demone si sta rialzando e Samuel dice a Jade: “spostati ci penso io!”e le lancia una sfera di energia eliminandola per sempre. Le statue di ghiaccio iniziano a sciogliersi e sia Samuel che Jede tornano nei loro corpi astrali. Samuel torna al motel sperando che Jade sia lì e quando la trova dice: “grazie a Dio sei qui! Pensavo fossi sparita per sempre!”e Jade dice: “no, no quella era solo la mia proiezione astrale e stranamente hai usato quel potere anche tu!”e Samuel dice: “credimi non ho idea di quello è successo, comunque non ti sembra eccessivo aver acquisito due poteri in un giorno solo?”e Jade risponde: “in realtà ho acquisito solo la telecinesi, perché la proiezione è avvenuta per via di un rito magico che ho fatto prima!”e Samuel, con sospetto, dice: “perché hai fatto un rito magico?”e Jade, non riuscendo a mentire, dice: “d’accordo te lo dico. Quell’incantesimo mi avrebbe permesso di raggiungere mia Nonna e scoprire qualcosa di più sull’amuleto e tutto il resto. Il fatto di essere una proiezione mi avrebbe reso immune dagli attacchi, perciò non era una cattiva idea!”e Samuel dice: “d’accordo sei personata, comunque suppongo che qualcosa sia andato storto, visto che sei comparsa nel museo e non da tua Nonna”e Jade dice: “credo che sia per via dell’inchiostro blu. Il libro diceva di usare quello nero!”. I due ragazzi lasciano il motel e ripartono verso sud, mentre Jade leggendo il libro dice: “ehi Samuel! Tu sapevi che il libro è diviso in due parti? C’è la sezione del bene riservata alla strega e quella del male riservata a…te!”e Samuel, guidando, dice: “si l’ho notato anche io!”e Jade dice: “adesso sto leggendo nella tua sezione e ho trovato una cosa che ti riguarda!”, così Jade gliela mostra e c’è scritto:

-sezione del male- EMULAZIONE

Si tratta di un potere che, in genere, viene acquisito dai demoni eletti dalla profezia o dai demoni discententi dalla triade oscura, cioè coloro che hanno creato il libro del bene e del male . Il demone che lo possiede viene chiamato “emulatore”, ovvero capace di riprodurre o copiare i poteri di altri individui.

Jade dice a Samuel: “hai capito? Tu sei un emulatore. Ecco perché sei riuscito ad uscire dal blocco di ghiaccio, in pratica avevi copiato il mio potere di proiezione!” e Samuel, indifferente, dice: “fantastico!”e Jade, dandoli una pacca sulla spalla, dice: “ti rendi conto che io e te diventiamo sempre più potenti insieme? Forse inizio a credere veramente alla profezia che ci riguarda e presto diventeremo una minaccia per Terence e i servitori del caos. Adesso dormo un po’, perso ci aspetta un nuovo disordine o magari qualche segreto da scoprire!”…

CONTINUA NEL SETTIMO EPISODIO



Commenti

pubblicato il 04/10/2012 21.34.54
GiuliaPelosi, ha scritto: Cara telefilms93, se, come dice il tuo nick, sei del 93, allora abbiamo la stessa età. Il mio commento su questo tuo lavoro sarà molto formale, e tra coetanee. Ti parlerò come ad una amica, spero non ti dispiaccia. Hai una vena artistica e una fantasia non banali, e parlo da grande adoratrice del fantasy, però quando queste idee (a volte troppe tutte insieme) finiscono su "carta" , il tutto risulta insipido. Sembra che tu non voglia scrivere un racconto bensì lo sceneggiato di una puntata di "Streghe". Dal tuo nick però posso pensare, che forse, è proprio quella la tua idea. Spero che di sbagliarmi, perché sarebbe uno spreco. Volevo anche consigliarti, prima di pubblicare un lavoro, di utilizzare un controllo ortografico. Tutti commentiamo errori di battitura, ma ad un lettore questi errori saltano ancora di più all'occhio, quindi per non infastidire nessuno una correzione veloce e sei a posto. Un'altra osservazione che ti faccio, è che quasi mai, utilizzi gli spazi vuoti, i cosiddetti "a capo" che in una narrazione non posso mancare per dare le giuste pause. Al momento ho molte idee in testa, ma non riesco ad articolarle, quindi per adesso mi fermo qui. Volevo, in ultimo, dirti che io non scrivo meglio di te, ho fatto solo constatazioni amichevoli che spero non ti abbiamo offeso. Io cerco sempre di migliorare il mio modo di scrivere(non si finisce mai di imparare), spero lo farai anche tu.
pubblicato il 04/10/2012 23.40.04
telefilms93, ha scritto: Ciao Giulia, ti ringrazio per avermi scritto questo commento, comunque sono un ragazzo in realtà ahahah. Mi piacciono i generi sul soprannaturale e roba simile e mi piacciono da morire le serie tv, infatti le mie opere presentano delle caratteristiche simili (stagioni o episodi). Premetto che streghe è una serie che adoro tantissimo e non oserei mai imitarla o scriverne sceneggiati, magari ti sei collegata a questo, perchè nel mio racconto trovi scritto: Strega, proiezione astrale, telecinesi e magari questo ti fa pensare alla grande Prue Haliwell. In pratica voglio dirti che se il mio personaggio è una strega e ha dei poteri che riconducano alla serie streghe, non vuol dire che è uguale a streghe: numero 1-la trama è diversa; numero 2-la mia strega è una sola e non sono tre; numero 3-l'ambientazione non è in una casa, ma la mia protagonista viaggia di continuo ecc. Io spero che il tuo commento non sia partito dalla sola lettura di questo episodio, perchè ne ho pubblicati altri sei . Un'altro esempio che voglio farti sono le serie poliziesche come CSI, NCIS, che sono tantissime e sicuramente ci sarà una serie poliziesca che è nata prima di tutte le altre, ma di certo quelle che vengono dopo non hanno copiato quella originale, perchè il bello sta nel fatto che le trame cambiano. Per quanto riguarda l'ortografia, io adoro scrivere e purtroppo ho poco tempo per farlo, perciò non riesco a correggere gli errori alcune volte, ma cerco sempre di farne il meno possibile. Detto questo spero che continuerai a legge e commentare, ti ringrazio per avermi scritto!!! Ciao!!!
pubblicato il 05/10/2012 15.34.04
Heith, ha scritto: Quando iniziano i corsi di bella scrittura?
pubblicato il 05/10/2012 15.34.06
Heith, ha scritto: Quando iniziano i corsi di bella scrittura?
pubblicato il 05/10/2012 16.19.46
telefilms93, ha scritto: Cioè??
pubblicato il 05/10/2012 17.32.13
Heith, ha scritto: Quelli di Giulia :)!
pubblicato il 05/10/2012 19.05.55
telefilms93, ha scritto: Perchè cosa intendi dire su giulia? Comunque ti piace la mia storia Heith?
pubblicato il 05/10/2012 19.10.43
GiuliaPelosi, ha scritto: Heith, mi piacerebbe davvero anche solo anelare ad avere le conoscenze e l'esperienza tali da poter tenere un corso di bella scrittura, ma l'amara verità è che sono una "schiappa". Faccio errori stupidi e non scrivo bene come vorrei. Se non altro ho un'idea chiara del mio traguardo e cammino, anche se a rilento, verso di esso. Ed è proprio quello che cercavo di dire a telefilms93, che ha inteso il mio punto d'esempio troppo sullo specifico. Se ho scritto che i suoi lavori sembravano arrangiamenti di copioni presi dalla serie televisiva "Streghe", non intendevo certo dire che la sua narrazione assomigliava a la storia del telefilm, ma che il suo modo di scrivere così approssimativo e senza troppe (quasi nessune) ricerche stiliste non rendono il suo lavoro un racconto ma un "niente di che". Eppure le idee di base ci sono, quindi perché sprecarle in questo modo?
pubblicato il 05/10/2012 20.49.36
telefilms93, ha scritto: Accetto il tuo commento Giulia con molto piacere, comunque sono qui da un anno e credimi se ti dico che sono migliorato molto, magari più avanti andrà meglio e potrai mettere un commento che piacerà ad entrambi!! ciao!!!
pubblicato il 08/10/2012 9.01.32
Heith, ha scritto: Caduta libera verso un atteggiamento giudicato troppi pochi giorni fa.. Apprezzo che nessuno si sia "offeso" nonostante il mio tono che una volta riletto, poteva sembrare persino a me presuntuoso. Non dobbiamo mai smettere di migliorare.. Telefilm93, il tuo racconto mi piace, Heith è un nome di Strega...
pubblicato il 08/10/2012 17.28.03
telefilms93, ha scritto: Grazie Heith, spero di avere altre tue recensioni future, comunque già che mi hai detto che "HEITH" è un nome da strega, magari posso inserirlo in alcuni episodi futuri se per te va bene! Consideralo un ringraziamento al tuo commento positivo!!!ciao!!!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: