ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 18 settembre 2012
ultima lettura giovedì 24 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

ENNESIMO RICONOSCIMENTO A CATELLO NASTRO

di catellonastro. Letto 448 volte. Dallo scaffale Storia

Il mio amico Catello, come me, crede nella poesia e per questo mi piace seguirlo e far conoscere le sue composizioni. Sia ben chiaro che fa la stessa cosa con me...

Ennesimo riconoscimento al poeta Catello Nastro

AL PREMIO LETTERARIO

"VIRELLA APICELLA GRANESE" A BELLIZZI

Sabato 15 settembre 2012, nella biblioteca del Comune di Bellizzi, al Premio Internazionale VIRELLA APICELLA GRANESE, una grande donna impegnata nel panorama culturale che, con umiltà e tenacia aveva ricoperto incarichi e ruoli importanti, aveva contribuito alla nascita di Associazioni, nell'universo del sapere. Lo scopo del premio è stato quello di focalizzare l'attenzione sul ruolo della donna nella vita, nel lavoro, nella famiglia, nella società, sensibilizzando,gratificando e valorizzando le grandi capacità del mondo femminile. Virella Granese ha rappresentato tutto quanto nell'accezione più ampia ed il concorso di poesia ha voluto essere un doveroso e sentito omaggio nei confronti di una donna recentemente scomparsa. Anche il poeta Catello Nastro, originario di Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, ma che vive ed opera ad Agropoli, nel Cilento, ha voluto dare il suo contributo che è stato segnalato dalla Giurìa con targa e pergamena. I suoi versi sono dedicati alla nonna Angelina che, verso la fine della Seconda Guerra Mondiale aveva ben cinque figli maschi al fronte di guerra. Questa la poesia segnalata, in vernacolo napoletano, che il poeta tanto ama, racconta in versi la forza di una madre di guerra.

NONNA ANGIULINA

‘O fatto risale a sittant'anne fa, quanno nascietti,

quanno ‘e bombe pigliavano ‘o posto de' cunfietti,

e ‘a nonna mia paterna, nonna Angiulina,

teneva cinque figli surdate, oltre ‘e cunfine.

‘O bosso mio allora teneva già tre figli piccerilli,

l'urdemo nato ero propeto io, e ne facevo strilli,

e nun sapevo d'a vuerra, quanno sunava ‘a sirena

p'avvisà ca' steveno p'arrivà ‘e bombe a catena.

Ogne matina ‘e notte, ‘a nonna Angiulina,

cumm'à tutte l'ati mamme cu' ‘e figli ‘o fronte,

jevano a leggere appena asceva, ‘o bullettino ‘e vuerra.

‘A mamma ca' chiagneva e se speppava ‘a faccia,

aveva letto ‘o nomme d'o marito o d'o figlio tra ‘e dispersi.

E allora pe' disperso s'intendeva ch'era ggià muorto.

Nonna Angiulina tra tutte ‘e mamme ‘e vuerra risperate,

cu' lacrome chiagnute fu cchella cchiù affurtunata.

Tutte ‘e cinche ‘e figlie turnarono d'o' fronte,

accerettene ‘e perucchie co' ddt degli alleati,

se retteno dint'à tinozza ‘na bella rinfrescata,

e dint'à terra lloro se mettettene a faticà.

Forse ‘e lacreme e ‘e preghiere ‘e nonna Angiulina,

arrivarono ‘ncielo fino a Dio, e ‘a Maronna tenette pietà.

Stennimmeve ‘a mano, abbracciateve cu' nu' surriso,

vuje ca' site nati ‘ntiempe ‘e pace, ca' cammisa.

Stennimmece ‘a mano, facimmo in modo ca' nisciuno tace,

criammo n'atu munno: ‘nu munno ‘e pace!!!

(Catello Nastro)

Agli organizzatori del Premio le nostre più vive congratulazioni, per la serietà e lo spirito di abnegazione col quale portano avanti significative iniziative culturali, in Campania ed in particolare modo con l'Assessorato alle Pari Opportunità, a Bellizzi che è uno dei più giovani Comuni d'Italia. All'amico Catello Nastro sentite felicitazioni.

Antonio Infante



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: