ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 17 settembre 2012
ultima lettura giovedì 10 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Anima a pezzi.

di Nits. Letto 540 volte. Dallo scaffale Sogni

E non pensavo l'anima si potesse spezzare,sotto questo velo di acuta freddezza mista a un vento di dolore. Un dolore simile al tintinnio del vetro che...

E non pensavo l'anima si potesse spezzare,sotto questo velo di acuta freddezza mista a un vento di dolore. Un dolore simile al tintinnio del vetro che cade a terra,di una lama che sbatte contro un altra,di una sega che lacera le carni.
Non credevo che l'anima potesse decidere di prendere le redini di te stessa e delle tue emozioni e in un moto di gelida disperazione portarti alla decisione piu sa... ggia e non alla piu istintiva. Non credevo che l'anima sarebbe stata capace di prendere quel muro resistente come l'acciaio e renderlo ancor piu ghiacciato,piu tagliente,più grezzo e duro,fino a crearti una sorta di invincibile ed enorme anticorpo che non fa filtrare nulla oltre che ciò che puo far bene all'anima stessa.
Non pensavo che l'anima potesse spaccarsi fino a formare una piccola parte che ancora voleva amare,adorare,stringere al petto il suo dolore e un altra che basta. Un altra,la piu saggia e vasta,che decideva di bloccarti,di cancellarti e ghiacciarti fino a non lasciarti piu sciogliere,fino a non farti mai piu sciogliere nella sua.
Non credevo che la mia anima sarebbe stata,di sua spontanea volontà,capace di strapparmi tutto quello che potevo desiderare,tutto quello che volevo mi uccidesse pur che mi stesse ancora accanto. Come a potuto la mia anima eliminarti,quando io ancora decidevo che eri tu quello che doveva rimanerci? Quanto devi averla fatta soffrire,anche quando io decidevo di reprimere il dolore,per riuscire a prendere il sopravvento su me stessa e impedirmi di volerti ancora e ancora e ancora? Quali sforzi a compiuto per rendersi così immune a te? Quanto volte si era lasciata uccidere per colpa mia che ti inseguivo?
Tu lo sai quante volte mi hai ucciso? E sai quante volte sono rinata solo grazie a me o al bene degli altri,quando invece sarei sempre dovuta,non sopravvivere,ma vivere a causa tua?
Anche se un giorno la mia anima,piccola e selvaggia,quella piu nascosta,si ribellerà,la reprimerò. Non posso piu volerti,basta. Mai piu


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: