ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 7 settembre 2012
ultima lettura sabato 15 giugno 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Lettera a un ex..

di Nick. Letto 659 volte. Dallo scaffale Epistole

You and me. Io e te. Tu ed io. Una storia cancellata da una lavagna, come si fa con gli esercizi di matematica. Impolverata, rimane sotterrata in quelle tante storie senza un lieto fine.

Ciao,
Ti sembrerà strano rivedere il mio nome che ancora una volta vuole ottenere qualcosa da te. Ti ricordi quella volta che ci tenevamo per mano e in modo fanciullesco ci prendavamo in giro? Stavamo in piedi su un campo a discutere ore: sì, avevamo un bel legame.
Ciao. Forse non ti saresti aspettato di ritrovarmi qua, cresciuta, ma con la mente ancora completamente persa in te, in quello che eri. E quando i tuoi occhi incontrano i miei, ancora mi sento bambina, ancora torno indietro, ancora ti pretendo: pretendo solo ciò che di diritto era mio.
Ti ho guardato mentre felice ti voltasti e mi desti le spalle e mai dimenticherò la tua figura che imponente mi sovrastava. Ora, alla luce di un nuovo giorno, nel vedere il sorriso di lui mi sale un certo fastidio su per la colonna vertebrale e un pensiero spazza gli altri: cosa centra lui qui? Che cosa vuole da me?
Forse aveva ragione quel film che diceva "non lo amo, ma lui mi ama, ed è meglio di amare, almeno sarò certa di non soffrire". E io non soffrirò. Solo che, quando cala la sera e mi ritrovo a guardare quel nero denso, io penso di scoppiare e allora la voglia di scappare pulsa nel petto come volesse lacerarmi da dentro, perforarmi e finalmente farsi libera.

I tuoi occhi non mi appartengono più; la tua voce risuona lontana, come il sottofondo di una malinconica canzone. Tutto non ha senso stasera, mentre la nostra storia viene ignorata da entrambi. Ciò che non hai mai capito era quello che sta succedendo ora, io non volevo finisse così, volevo che tu restassi il mio migliore amico e forse fra due anni, quando non ci saremo più sentiti, sollevare gli angoli della bocca in un sorriso e saltarti addosso. Dopo due anni adesso, mi ritrovo a guardare il sole contenta di bruciare, penso che quella sensazione scottante l'ho provata solo con te e rimango impassibile. Impassibile a tutto e a tutti, perché tanto tu non sei più qui.

Qualcosa mi terra sempre legata a te.
Nick.


Commenti

pubblicato il 08/09/2012 17.52.33
Kitsune, ha scritto: ah! "qualcosa mi terrà sempre legata a te" qualcosa che non dovrebbe esserci... eppure c'è... che corrode ogni tentativo di lasciare alle spalle quello che era e che sarebbe potuto essere... qualcosa che tormenta e non da tregua... già... ricordi molesti... capisco, più di chiunque altro... mi dispiace... :)

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: