ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 5 settembre 2012
ultima lettura mercoledì 10 luglio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Storia della mia vita. Capitolo 3

di Specchiodellanima. Letto 498 volte. Dallo scaffale Storia

Trascorsi i primi due anni nella scuola del mio paese,era bellissimo,ci conoscevamo tutti ed eravamo come fratelli. Avevo anche una morosina sapete? S...

Trascorsi i primi due anni nella scuola del mio paese,era bellissimo,ci conoscevamo tutti ed eravamo come fratelli. Avevo anche una morosina sapete? Si chiamava Sara ed era davvero una bella bimba all'epoca,cosa darei per rivedere lei e i miei compagni...

Quando ci trasferimmo dal compagno di mia madre,mi sentii subito spiazzato. Non conoscevo l'ambiente,non conoscevo le persone; nulla insomma. Mi accolsero con un clima freddo e io non mi sentivo a mio agio,mi sentivo solo e all'inizio non parlavo con nessuno. Dopo qualche settimana,iniziai a conoscerli un pò e non mi sembravano sto gran chè,i miei vecchi amici erano davvero speciali,ma chi lo avrebbe mai detto che qualche anno dopo lo sarebbero diventati.

Io ero il peggiore della classe,per via del mio comportamento certo. Non stavo zitto un'attimo,ero il pagliaccio insomma. Un cosa che mi rimarrà sempre impressa è questa,in classe noi avevamo una pakistana orientale che portava il velo,a me sinceramente non mi è mai andata a genio,sapete per via dell'odore e dei costumi che aveva. Per parecchi giorni la tormentai,tirandogli giù il velo o semplicemente dicendogli che puzzava. Non ero e non sono razzista,però tra bambini è normale,sta il fatto che un giorno venne suo padre e mi sgridò. Quanto mi fece paura non so descrivervi,anche se la mia più grande paura doveva ancora arrivare...

Continua nel capitolo 4.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: