ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 9 agosto 2012
ultima lettura lunedì 5 agosto 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

IL SIGILLO del FARAONE - Capitolo X (seconda parte)

di mariapace2010. Letto 427 volte. Dallo scaffale Fantasia

"Questoragazzo, che hai posto sotto la tua protezione, amico Osor, è proprio figlio dire Priamo il Riscattato?""Conoscevimio pad...



"Questo
ragazzo, che hai posto sotto la tua protezione, amico Osor, è proprio figlio di
re Priamo il Riscattato?"



"Conoscevi
mio padre, potente signore?" interloquì
Xanto con emozione ancora maggiore.



Lo
scriba reale si passò una mano grinzosa sulla fronte, come se la polvere che il
tempo aveva steso sui ricordi, stesse sollevandosi.



"Ero
io il giovane guerriero che consegnò il velo del riscatto all'invincibile
Eracle."



La
sorprendente risposta lasciò tutti senza fiato; infine:



"Il
velo della principessa Esione? - domandò sempre più emozionato il principe di
Troia - La principessa ne fece dono ad Eracle affinché risparmiasse la vita di
suo fratello Pordace."



"Così
fu! - spiegò lo scriba - Si chiamava Pordace, infatti, il re di Troia, prima
che il suo nome fosse cambiato in Priamo il Riscattato."



Nel
commosso silenzio sceso improvviso, rotto solo dal rumore lontano di arnesi che
picchiavano contro la pietra, il principe Thomosis tornò a domandare:



"Re
Priamo di Troia?"

Senepet-Ra accennò si sì col capo, poi si pose alla guida del gruppo, sempre
silenzioso e taciturno



Risalirono
le scale ed attraversarono la navata centrale della splendida sala popolata di
una moltitudine di gigantesche colonne papiriformi: così numerose da dare l'impressione
di trovarsi all'interno di un labirinto; sollevando lo sguardo, il cielo si
vedeva appena, occupato dalla sommità delle colonne che parevano congiungersi.



"Perché,
potente signore, sei stato scelto proprio tu... uno straniero... per la consegna del
riscatto?" domandò, infine, il principe Xanto.



Intorno
a loro, intanto, ad ogni passo l'atmosfera si caricava di mistero e di una
penombra sempre più estesa. Lontano dalla profana confusione del mondo esterno,
ogni cosa appariva sapientemente immersa in quella penombra, appena rischiarata
dalla debole luce che cadeva dall'alto sfiorando capitelli e creando suggestivi
giochi d'ombre.



"E
chi, se non un ambasciatore straniero mandato dall'illuminato Signore della
terra d'Egitto, poteva portare doni in segno di pace ai potenti sovrani del
Popolo del Mare? Fui scelto io perché..."



"I
soldati! - il grido d'allarme di uno dei giovani allievi di Thot, tornato sui
suoi passi e comparso in fondo alla navata, impedì al vecchio sacerdote di
proseguire - I soldati, Signore. E li conduce Enen."



"Sono
sulle mie tracce." esclamò preoccupato Xanto, ma lo scriba reale lo rassicurò



"Non
temere, ti condurrò io stesso in salvo attraverso una via segreta di cui siamo
davvero in pochi a conoscenza. Presto. Seguitemi. Amenemhat - lo scriba indicò
il suo allievo - ci guiderà attraverso quella via."



Uno
sguardo d'intesa passò dallo scriba reale al suo allievo









Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: