ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 4 luglio 2012
ultima lettura lunedì 17 febbraio 2020

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Bruna la rossa

di biko56. Letto 2693 volte. Dallo scaffale Eros

Era bellissima Bruna, elegante, fine e anche se non era più una ragazza a più di quarant’anni poteva vantarsi di saper far perdere...

Era bellissima Bruna, elegante, fine e anche se non era più una ragazza a più di quarant’anni poteva vantarsi di saper far perdere la testa agli uomini anche senza impegnarsi minimamente in questo esercizio erotico e sensuale nel quale era maestra. Sposata con Luca dal quale anche se era stata tradita non era riuscita a staccarsene continuando a stare con lui però con una sua autonomia tacitamente concordata e che il fedifrago non avrebbe certo contestato dato i precedenti. Molto stimata nel suo campo lavorativo di dottore commercialista aveva modo di condurre una vita intensa sia dal punto di vista lavorativo che mondano, dato che le piaceva la mondanità e non disdegnava le compagnie e le feste dei borghesi della sua città. Carattere esuberante, intelligenza brillante e un culo divino che portava in maniera regale. Seducente, irresistibile e il maschio medio ne subiva il fascino in maniera ineludibile e timidamente iniziava a corteggiarla anche se una donna così per conquistarla bisognava stupirla in maniera non banale, solo così poteva accorgersi di te. Se eri fortunato, scaltro, audace e anche un po’ canaglia potevi sperare di giacere con lei e Claudio ebbe modo di appurare tutto ciò dopo che le aveva fatto una corte incessante per un mese circa e solo grazie ad una cena di lavoro poté trovare l’occasione per manifestarle finalmente quanto la desiderasse. Riuscì a strapparle un appuntamento per due sere dopo nella sua casina in riva al mare della Costiera e gli sembrò di toccare il cielo con un dito. Per Bruna non era certo la prima volta che si concedeva ad un uomo, infatti dopo il tradimento di Luca decise che, siccome non voleva lasciarlo, che lo avrebbe ripagato con la stessa moneta ma non per vendetta solo perché non le sembrava giusto negarsi certe avventure come aveva fatto fino ad allora, e poi il marito non poteva certo lamentarsi dato che a volte veniva adeguatamente ricompensato sessualmente. Infatti la sera dell’appuntamento quando Luca intuì che la moglie si stava preparando per un incontro con un uomo, dato che non era la prima volta, e memore del fatto che nulla avrebbe potuto fare per impedirglielo cercò di sfruttare la situazione a suo favore stuzzicandola e chiedendole chi sarebbe stato il fortunato da li a poco. A Bruna piaceva ormai giocare così col marito e lo lasciò fare, Si lasciò guardare mentre usciva dalla doccia e si vestiva, gli chiese un parere sull’intimo che stava indossando, un perizoma di pizzo e un reggiseno coordinato che mostrava delle tette mozzafiato al fortunato che avrebbe adagiato il suo sguardo su quelle splendide forme. Luca cominciò ad andare su di giri e Bruna insisteva a giocare al gatto col topo e gli chiese il parere sulle scarpe che avrebbe indossato e sfilò praticamente nuda davanti a lui su un tacco undici. Il marito ormai stava per saltarle addosso eccitato sia dalla situazione ad alto tasso erotico, dato che lei non nascondeva certo il fatto che di li a poco sarebbe stata tra le braccia di un altro, e sia dalla vista di quella statua di carne che era Bruna la quale consapevole che sarebbe stato una vera crudeltà lasciare Luca in quello stato lo calmò prima accarenzandogli il sesso da sopra ai pantaloni poi, quando capì che era al massimo della sua erezione lo tirò fuori dai pantaloni, si sedette sulla sponda del letto e cominciò a baciarlo, a leccarlo e a succhiarlo come solo lei glielo sapeva fare. Il marito a stento si reggeva in piedi e godeva come un vitello al pensiero che la moglie eccitata dal fatto che stesse per andare a scopare con un altro lo stesse soddisfando alla grande con il migliore dei pompini possibili. Quando Bruna avvertì che le vene del cazzo erano gonfie e che il seme stava per sgorgare lo prese in bocca con avidità e lo fece venire rantolando mentre lei ingoiava tutto il liquido seminale con una certa soddisfazione femminile che vedeva compiuta un’opera d’arte.


Commenti

pubblicato il 05/07/2012 12.42.13
tonymalerba, ha scritto: Interessante analisi del rapporto di coppia che sopravvive ai tradimenti.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: