ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 27 giugno 2012
ultima lettura martedì 10 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Oh morte dannata

di JeffMG. Letto 526 volte. Dallo scaffale Generico

Dalla notte tremante ti parlourlo il mio ozioso pensieronato tra vesti e sospiritra paure e assordanti passi nel sonno Nei rilievi bassi delle cup...

Dalla notte tremante ti parlo
urlo il mio ozioso pensiero
nato tra vesti e sospiri
tra paure e assordanti passi nel sonno
Nei rilievi bassi delle cupe tenebre la cerco
mentre la sua mano scivola su di me, come fosse piuma
Rivedo il suo volto, la carnagione chiara, le labbra piene
Vi è realtà o vi è sogno?
In me si destano dubbi
Come calda primavera e gelido inverno
cresce in me violenta per poi morire in un soffio di scirocco sul viso
Muore, la mia piccola scintilla
così soave
Tra scongiuri l'amo nei suoi tiepidi diamanti e le risa notturne
Bramo e tra la pioggia la intravvedo
come una presenza delatrice di anni ricchi di gloria
Forte ed audace come Achille, la morte l'afferra tremante
stretta tra le dita è sua primogenita
la donna dalla sapienza di Ulisse
Nelle onde scompare rubandola
Oh morte dannata
l'hai portata via da quello che eravamo
Il cuore si stringe, si uccide
facendomi bramare nell'inganno una vita finita tra le braccia sue
cullato da ogni sguardo e respiro che ancora le alza il petto
il sangue scorre tra le vene donandole un rosso scarlatto sul viso
Mia nella vita, solo mia
L'ho guardata nella seducente femminilità
mentre il vestito calava sulle caviglie ed il fuoco ardeva
riflettendosi in occhi scuri
aprendomi le porte di un puro inferno di peccato
Mi viziava con le gambe
seduceva in una danza priva di movimenti
le giravo attorno, sfiorandole la pelle
inducendola a confessarsi
a mettersi in ginocchio, sussurrami ogni singolo peccato
Poggio le labbra sul dorso della sua mano
è di quanto più puro esista in un mondo infetto dal crimine
Lei è la mia casta vergine
Mia vita senza veli
nella morte tu mi parli
Tra dannazione dell'inferno e le sue fiamme
o in paradiso tra creature alate e un Dio infame?
Perché ti hanno portata via da me
chiunque essi siano
io li disprezzo

Rimangono solo polvere e cumuli di ossa in terra
La mia voce risuona in eco
poggiandosi tra i rinfreschi di una chiesa
Prego affinché nella morte
tu possa essere ancora mia.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: