ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 10 giugno 2012
ultima lettura giovedì 14 marzo 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Sopra La Strada Le Stelle

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 555 volte. Dallo scaffale Fantascienza

0 0 1 832 4749 Privato 39 11 5570 14.0 544x376 Normal 0 14 false false false IT JA X-NONE .....

Sopra La Strada Le Stelle


Una fragile ed esile esistenza nata da un mondo affamato e crudele fatto di maledizioni e disperazioni un mettersi le mani nei capelli e gridare a squarciagola: Matteo dove ti sei cacciato e tutto il giorno che ti cerco ,vago tra i vicoli di questa città chiedendo a chiunque incontro se ti hanno visto .Mi sento accisa non tengo più la forza d'andare avanti come mi sento stanca. Cosa avrò fatto mai di male per meritarmi tutto ciò. Tutto uguale a quel fannullone ,scansafatiche di tuo padre pace all'anima sua. Ma dove sei? E se per caso t'avessero rapito gli extraterrestri ?c’è ne son tanti ultimamente che vengono qui sulla terra a passare le vacanze ,qualcuno di loro ti avrà visto così bellino ,cicciottello avrà pensato adesso me lo porto sul mio pianeta ,che disgrazia cosa dico non so più che pensare .Vorrei guardare in ogni casa ,in ogni vicolo guardare fino alla fine di questo mondo ,rivedere la tua faccia i tuoi pantaloncini colorati la tua maglietta a righe che portavi ieri mattina prima che sparissi ti dileguassi nel nulla. Quale è la mia colpa ,quale male ho commesso per meritarmi tanta sofferenza ? Possa io perire, essere bruciata viva tra le fiamme dell'inferno se mai ho commesso del male nei tuoi confronti .Tu luce dei miei occhi frutto del mio amore. Disperata continua a camminare illuminata dalla luce della luna nascosta tra le nubi lungo la litoranea bagnata dal mare .Barchette in mezzo al mare ,pescatori intenti a tirare in barca il poco pescato sorridono ,parlano tra di loro la donna continua a camminare vestita di nero con le ciabatte a piedi. Maria questo è il suo nome vedova da due anni .Lavora come donna delle pulizie in varie gentile ,borghese case .Guadagna bene quel tanto per sopravvivere e comprare quello che necessita in casa. Ogni persona che incontra lungo il suo cammino domanda: Avete visto un ragazzo basso con i capelli scuri con un pantaloncino ed una maglietta a righe , ma tutti gli rispondono mi dispiace signora non l'abbiamo visto. Signora avete chiamato la polizia i carabinieri ,povera donna. Se fossi la mamma io di quel discolo figliolo una volta trovato gli farei un palliatone a quel manigoldo .Guarda una povera donna come si deve ridurre. Signora mo' vi accompagniamo noi dalla polizia non abbiate paura non vi disperate vedrete si sistema ogni cosa forse il guaglione sarà uscito con gli amici a mangiarsi la pizza. Fosse vero e da ieri pomeriggio che manca da casa dai carabinieri non ci sono andato per non arrivare a fare una pubblica denuncia . Ma adesso sono stanca aiutatemi. Maria è in lacrima circondata da un nutrito gruppo di persone che tentano di rianimarla di consolarla.Chi gli porta un bicchiere d'acqua . Chi si propone di portarla in giro con la propria macchina alla ricerca di Matteo . Ma la piccola assemblea richiama l'attenzione di una volante di polizia che si trova a passare per di la dopo aver acciuffato una banda di piccoli ladri e di cui due minorenni condotti in questura per risalire ai genitori. Gli altri di maggior età già sono stati trasferiti al Carcere minorile. Scendono dall'auto a vedere cosa succede. E vedono la donna, Maria disperata ,gli chiedono come e fatto il ragazzo .Lei lo descrive minuziosamente, i due si guardano in viso per un istante poi rincuorando la donna gli dicono di non preoccuparsi di seguirli , in macchina gli rivelano che Matteo suo figlio come lei lo descrive somiglia incredibilmente ad un ragazzo che hanno arrestato di li a poco in fermo d'arresto in questura per accertamenti su generalità sconosciute. Fosse il cielo ,meglio saperlo In galera che morto in qualche fosso. Ma voi avete capito bene e bassino scuro di capelli con pantaloncino e maglietta a righe .Si signore la vostra descrizione coincide con il nostro fermato. Poco dopo giungono in questura. La donna viene condotta davanti al ragazzo per l'identificazione, che appena vede riconoscendolo gli corre incontro gridando Matteo ,Matteo Maledetto cosa hai combinato? Piange la donna e con lei Matteo .Si abbracciano mamma non ho fatto nulla sono innocente stavo aspettando un mio amico che era entrato a comprare una pizza, mamma mi devi credere sono innocente .Il commissario guardando la scena dice al maresciallo ma cosa ha fatto questo ragazzo? L'abbiamo beccato fuori un ristorante dove un gruppo di piccoli malviventi avevano provato a rubare un borsello pieno di soldi di un turista extraterrestre poggiato su un tavolo. Il quale non ha voluto sporgere nessuna denuncia a loro carico ,pensate voleva ricompensarci per la fulminea sorveglianza voleva regalarci un premio in denaro che noi ovviamente non abbiamo accettato. Pensiamo che facesse il palo ,lui dice che è innocente che non conosce i malviventi già trasportati in galera. Ma siamo sicuri che facesse parte della banda? Prove certe non ne abbiamo bisognerebbe far parlare gli altri arrestati. Ho capito dice il commissario accendendosi una sigaretta . S'avvicina alla madre signora per questa volta vogliamo credere che sia tutto un equivoco la cosa sarà decisa dal giudice se e colpevole o innocente per oggi basta , portatelo a casa e state attenta che non succeda più. Grazie commissario ,grazie , Matteo ringrazia il commissario ti lascia Libero . Grazie signor commistione vi prometto che mai più vedrete la mia faccia in questo commissariato. Bravo ,bravo vai ,vai e non combinare più guai e ritieniti fortunato che quel signore , turista del pianeta Marte non ha presentato nessun reclamo o denuncia a tuo carico.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: