ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 4 giugno 2012
ultima lettura lunedì 2 dicembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Simmaco e il Regno di Quirino: "I genitori di Simmaco"

di Simmaco. Letto 492 volte. Dallo scaffale Fiabe

Prima di narrare quale evento cambierà la storia del nostro giovane amico, Simmaco, parliamo dei suoi genitori: Aurelia e Gregorio...

Simmaco ha poco più di 16 anni nella nostra storia: è un ragazzo sveglio, allegro e forse un pò imprudente.

Purtroppo all'età di 14 anni, perde il padre: in una calda sera d'estate, rientrava con la sua famiglia a casa, dopo qualche ora passata allegramente con degli amici. Purtroppo però passarono per un sentiero sbagliato al momento sbagliato e si ritrovarono implicati in una rissa tra due uomini, forse di regno opposti.

Aurelia subito portò al riparo tra le su braccia Simmaco, Gregorio, uomo pacifico di sani principi, cercò di arrestare la lite, ma ecco che una coltellata lo trafisse sul fianco sinistro e lo fece cadere a terra morente. I due uomini coscienti dell'accaduto e visto il fattaccio combinato se la diedero a gambe e lasciarono lì, per quel sentiero buio, un giovinetto, sua madre disperata ed un padre morente.

Oggi sono da poco trascorsi due anni e Simmaco ha ancora chiara quell'immagine del padre accasciato a terra senza vita. Ma è un ragazzo pieno di vita e ricco degli stessi valori che il padre gli ha trasmesso: l'ingiustizia e il male che l'accompagna non hanno avuto la meglio sul nostro giovane che invece ha preso in mano le redini della sua vita e della sua famiglia.

E' gia sera e Simmaco cammina per strada, di ritorno a casa, ricordando suo padre quando uno strano vento gli soffia contro. Fà per guardare in cielo, ed ecco che il cielo si tinge di viola.

Il vento soffia così insistentemente in maniera così strana che il giovane sente chiamarsi: Simmaco... Simmaco devi...



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: