ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 2 giugno 2012
ultima lettura lunedì 18 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Favoleggiando

di chiara. Letto 766 volte. Dallo scaffale Fiabe

Sarebbe una Favola Come sempre, stavo saltellando da una nube all'altra ed avevo appena finito di sciare sull'aurora boreale, quando vidi arrivate...

Sarebbe una Favola

Come sempre, stavo saltellando da una nube all'altra ed avevo appena finito di sciare sull'aurora boreale, quando vidi arrivate due tipi che a me sembrarono subito sospetti.

In realtà erano in molti, ma alcuni se ne stavano in disparte e sembravano parlottare tra loro. Ce ne era persino uno con un cagnolino da caccia; sentii che lo chiamarono "Caporal di fero", ma cercai di non porre loro troppa attenzione anche se quel gruppetto scombinato mi incuriosiva parecchio.

"Ciao, noi due siamo angeli custodi e stiamo cercando una Persona, ci potresti aiutare?" Mi chiese il più giovane sorridendo.

Lo guardai con perplessità, perché, anche se era biondo con gli occhi azzurri, l'aspetto tipico degli angeli insomma, mi sembrò che mi ponesse un tranello. Percepii che se avessi sbagliato la risposta mi sarei cacciato in un mare di guai, poi chi lo avrebbe sentito Quello Lassù?!?

Non sapevo neanche cosa fosse una "Persona", però mica potevo fare la figura dell'ignorante completo, quindi risposi: "Forse."

Il biondino strizzò l'occhio al Caporal di fero, mentre l'altro alzò leggermente un sopracciglio con fare sornione, bisbigliando qualcosa alla combriccola.

"Non per essere diffidente, ma siete tutti angeli custodi?"

"Certamente" Mi rispose il più giovane.

"Anche quello laggiù con il cane?" L'angelo asserì di nuovo rispondendomi con una domanda: "Perché lo chiedi?"

Pensai: "Ho sempre sentito dire che gli angeli custodi, per svolgere al meglio le loro funzioni, devono essere creativi, a volte anche spericolati se stanno con un circense per esempio, ma che si portino dietro un cane, questa poi è bella! Comunque sia, mi stanno simpatici e voglio proprio scoprire cosa sia una "persona" quindi starò al gioco."

Per prendere tempo dissi: "L'ho chiesto tanto per sapere, era solo una domanda...."

Il giovane angelo si passò una mano tra la falda più chiara e, vedendomi interessato, precisò "In realtà loro sono qui di passaggio, hanno fatto un salto per vedere da vicino la situazione, ma devono tornare subito indietro. Vedi laggiù? Quella è una delegazione di angeli: una sta aiutando a ricamare un abito da sposa, un altro invece deve tornare ad un importantissimo torneo di briscola accompagnato da quello che ha il nome di un famoso Padre Adottivo, l'altra deve supervisionare la collocazione di piante e fiori in un parco cittadino coadiuvata da un'angelo che ha il nome di un fiore; ed infine l'angelo con un po' di gobbetta, sta per accompagnare la sua protetta a Messa insieme all'altra coppia. Sono tutti molto, ma molto impegnati, però hanno preso una piccola pausa per monitorare da vicino la faccenda."

Infatti si stavano già incamminando verso l'arcobaleno.

"Ho sentito dire che finisce in un cerchio luminoso, è vero? Tu ci sei mai salito?" Chiesi ammiccando il grande scivolo multicolore. In effetti era da qualche tempo che mi attirava particolarmente; senza chiedere il permesso ne avevo anche un po' impastato i colori. Quel giorno mi ero svagato molto ma poi non mi ero più avvicinato perché avevo sentito come qualcosa mutare dentro di me, e qui sto molto bene, sono uno che non ama proprio i cambiamenti, perciò non mi ero più avvicinato all'arcobaleno.

Il giovane angelo mi rispose: "Verissimo, ed è anche molto divertente! Ti piacerebbe provare? Possiamo scendere giù tutti e tre insieme. Non devi aver paura, noi staremo sempre al tuo fianco."

Gli occhi blu di quell'angelo mi stavano ammaliando, potevo percepire il suo altruismo e la sua forza d'animo solo standogli vicino.

"Che bello deve essere fare l'angelo!" Gli dissi con gioia. Poi spostai l'attenzione sull' angelo dai capelli bianchi: aveva un viso estremamente simpatico, di coloro che hanno sempre una battuta allegra per sdrammatizzare le situazioni difficili. Sono esseri ammirevoli, hanno un buon carattere e sono portatori di pace. Decisi che potevo fidarmi. Mi esortarono ancora: "Vieni con noi, ti prenderemo per mano e ti condurremo fino alla Luce ed Oltre. Staremo sempre con te, sia nei momenti buoni e che in quelli difficili. Non ti abbandoneremo mai, ti staremo sempre accanto per proteggerti, consolarti, sostenerti ed amarti. Noi siamo angeli molto speciali, te lo assicuriamo. Non tutti possono permettersi due tipi come noi, fidati!"

Poi, allargando le braccia all'unisono, aprirono una finestra sul Mondo per mostrarmi una bambina che giocava con dei gattini; era una cosina minuta, tutt'occhi che mi piacque immediatamente. Subito dopo mi mostrarono un ragazzino che giocava a tennis; era un cosino tutto capelli ed anche lui mi attirò all'istante.

"Magnifico!" esclamai esterrefatto per poi riprendere: "Vorrei andare a giocare con loro, posso?"

I due angeli mi guardarono sorridendo e mi dissero: "Aspetta solo un attimo." E aprirono la Tenda del Tempo per mostrarmi i due, ormai cresciuti, che scherzavano allegramente in mare. Sembravano divertirsi davvero tanto, non resistevo più, volevo proprio giocare anch'io con loro.

"Per favore, posso andare? Lo desidero con tutto il cuore, mi stanno proprio simpatici! Non li conosco ma sento di amarli già e sono certo che mi accoglieranno a braccia aperte!"

I due si scambiarono uno sguardo d'intesa affermando: "Mi sa che abbiamo trovato la Persona che cercavamo!"

Ci prendemmo per mano ed in un baleno mi ritrovai coccolato ed amato non solo dai miei due cosini, che ho saputo chiamarsi "genitori", ma anche da tante altre Persone, mentre i miei amici angeli stanno costantemente al mio fianco.

E' da un po' di tempo che, ogni tanto, viene a trovarmi una Stella. In realtà anche lei è un'angelo ma è così luminosa che mi ricorda la luce degli astri, perciò la chiamo appunto "Stella".E' una forza: quando arriva i miei carillon, e ne ho molti, suonano tutti da soli! Quello è il suo modo per dirmi "Ciao, sono qui. Tu parla che io ti ascolto!"

Resta con me solo alcuni minuti perché ha due fratellini più piccoli a cui badare, che sono delle pesti; stando a quanto dice lei. Comunque quelli sono attimi molto belli, a cui tengo particolarmente; posso lagnarmi di quanto sia pesante la vita sulla Terra, altro che forza di gravità! Quando ho sonno mi svegliano, quando voglio giocare mi danno da mangiare, quando voglio mangiare mi vorrebbero far dormire! Mah, qui mi sembrano tutti strambi, meno male che posso sfogarmi un po' con Stella.

Sono passati tanti mesi da quando sono sceso lungo l'arcobaleno e mi sono immerso nel Cerchio d'Oro, ma devo confessare che i miei cari angeli non mi hanno mentito: stanno sempre con me, non mi abbandonano mai, nemmeno quando faccio i puzzi!

Entrambi sono angeli con la A maiuscola, perché loro sono effettivamente speciali: sono Angelo Nonno Furio e Angelo Nonno Bepi.

Fine



Commenti

pubblicato il 03/06/2012 19.17.50
blunight, ha scritto: Più che una favola direi che hai scritto un pezzo di cuore... !!!
pubblicato il 03/06/2012 21.45.08
chiara, ha scritto: Grazie.effettivamente l'ho scritto per il battesimo di mio figlio,era un modo per avere vicino chi non c'è più.
pubblicato il 22/06/2012 7.11.36
mariapace2010, ha scritto: bel lavoro e soprattuto bel linguaggio: sciolto, moderno e dolcemente tenero... che dire? Brava.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: