ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 29 maggio 2012
ultima lettura martedì 11 giugno 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Diario lunare 1

di alenerina. Letto 917 volte. Dallo scaffale Fantascienza

Alex Sun, un astronauta senza nulla da perdere, prende una drastica decisione, che gli cambierà per sempre la vita... qua sotto sono riportate la prima parte delle sue inquietanti memorie

12/5/3012 - Luna

Caro diario,

non ho mai scritto un diario prima ad ora. Non ritenevo essenziale racchiudere le mie memorie in un luogo concreto, che poi sarebbe andato perso. Però ora le cose sono cambiate, già, sono molto cambiate, la mia vita è cambiata, e già il fatto che mi rivolgo a un banale diario come se fosse una persona lo dimostra...

Il mio nome è Alex Sun, anni 51, quindi sono ancora nel fiore della mia vita (mio nonno quando è morto ne aveva 167, il che mi lascia sperare in una esistenza migliore e lunga), e di professione faccio l'astronauta per la NASA; sono arrivato sulla Luna grazie a una spedizione di 1 anno quassù dopo le recenti scoperte... infatti, diario, immaginati: solo 50 anni fa si credeva che di acqua su questo pianeta non ce ne fosse, invece ora grazie a una piccola e tascabile macchina chiamata Liquidmineral posso ricavare da ogni minarale un po di acqua!!!

Alla Terra ne serve molta, già ... peccato che io sul mio pianeta d'origine ho deciso di non tornarci più.

Perchè, mi chiedi? No, guarda, per delle inezie... solo che mia moglie mi ha tradito ripetutamente, sono un single disperato, mio figlio è irrecuperabile e la mia vita sociale si sta degradando, proprio come la Terra! Dobbiamo essere legati , io e il mio pianeta, è? Non trovi?

Davanti a ciò, questa spedizione non ha potuto fare a meno di farmi gola... offrivano per chi partecipava una ingente somma di denaro! Avrei potuto nuotarci dentro!

Eppure no, non sono i soldi che mi interessano, infatti ti ho detto che sulla Terra non ci tornerò mai più! Ciò che mi interessava di questa spedizione erano soprattutto le forniture: per due astronauti, il cibo era talmente tanto da riempire magazzini alimentari, e le ricariche di ossigeno sembrano illimitate!

La mia situazione unita a tutto ciò ... insomma ... dimmi: come facevo, diario, come POTEVO rifiutare?

Perciò, arrivato sulla Luna tre giorni fà, ho ammazzato il mio compagno, ho disconnesso i collegamenti alla Terra, ho preso una di quelle macchinine ( a mio parere stupende) che usiamo per solcare il territorio, ci ho caricato sopra il necessario, mi sono annotato le coordinate per ritornare alla navicella e... sono partito.

Forse sarai sconvolto dal fatto che ho ucciso il mio compagno di viaggio ma ... non avrebbe approvato, fidati ... infatti non mi dispiace quasi, sai, perchè sento di avere fatto una cosa a mio vantaggio! Ma cambiamo argomento.

Ho evitato i mari lunari perchè di acqua non ne avrei trovata, allora mi sono diretto in un cratere abbastanza grande, in cui ho scavato una buca con le trivelle e , dopo 3 ore buone, ho finito la mia rudimentale casetta.

Le probabilità di essere colpiti da un meteoroide, lo ammetto, sono elevate ... ma correrò il rischio.

Ora ti saluto, mangerò dei biscotti al cioccolato che, fortunatamente, sono della mia marca preferita! Quelli della NASA hanno buoni gusti!

Ciao, diario!

--------------------------------------------------------------------------------------------

15/5/3012 - Luna

Caro diario,

Spero vivamente che tu non ti sia preoccupato solo perchè non ti ho scritto per quasi tre giorni!

Ho avuto moltissimo da fare: innanzitutto, con alcuni materiali trovati sulla navicella, ho costruito una rudimentale porta per accedere nella mia piccola cavità (non mi dilungo sui procedimenti, annoierei te e mi annoierei anche io), l'ho riempita di ossigeno, di alimenti e... se Dio vuole, nessun meteorite la distruggerà.

L'ho costruita anche piuttosto in basso, sul fondo del cratere, che è bello grande, e come vista ... beh, devi proprio vederlo! Mozzafiato!!! Vivo in un mondo argentato incredibile, e ho pure vicino un mare lunare!!!

Altro che Terra e Terra ... la Luna è certamente meglio!

Ieri, quel mare lunare che ho vicino "casa" l'ho visitato e ho scattato delle foto, anche se non so a chi farle vedere se non a me stesso, o a te; peccato che sei un'oggetto inanimato e freddo, perciò non puoi farmi i complimenti su quanto siano stupende e su quanto io sia un ottimo fotografo!

Mancanza del pianeta madre? Z-E-R-O! ASSOLUTAMENTE ZERO!

Forse i notiziari staranno parlando di come un pazzo astronauta di nome Alex Sun abbia deciso di fuggire sulla Luna, uccidere il compagno di viaggio e eliminare ogni collegamento, boh ... tutti questi pensieri mi suscitano una divertente curiosità, ahah!

Beh, ora vado, ho finito le cose da dirti ... non ti scriverò per un po' di giorni allora! Così poi ti riporterò le mie "Avventure Lunari"!

Ciao, diario!

----------------------------------------------------------------------------------------------

17/5/3012 - Luna

Caro diario,

Sì, lo so, ti avevo detto che non ti avrei scritto per un bel po' ma ... beh, quello che è accaduto ieri penso sia assolutamente degno di nota.

Dopo un pisolino, sono stato svegliato da una meteora che si è schiantata alcuni metri lontano dalla mia casa, dove ora sono, ed è integra dato che è stata solo sfiorata ... questo è il rischio. Questo è l'unico lato brutto della Luna.

E ora la notizia più scioccante: mi sono avvicinato ai resti del meteorite, e rilasciava una sostanza verde fumante ; volevo scattare una fotografia ma non ho fatto intempo a preparare la macchina fotografica che sono stato sbalzato indietro, sulle rocce del cratere, da una forza che non so da dove sia venuta.

Beh, tu potresti pensare che magari non mi sono fatto male, data la mancanza di gravità, ma ecco un'altra notizia sorprendente: è stato come picchiare la schiena sulla Terra.

Ho provato a riscattare una foto, eppure un'altra forza mi ha spinto via e mi ha fatto volare più in alto, stavolta seguita da un feroce ruggito.

Ebbene sì, nello spazio più profondo, senza molecole d'aria per trasmettere il suono, io ho sentito un ruggito; no, non veniva dal casco, era un ruggito vero, proveniente dall'esterno.

Mi sono guardato attorno, ero sorpreso, e ho subito pensato “Alieni”.

Grazie a Dio, di alieni non ce ne erano, resta il fatto che il ruggito ... è ... praticamente... impossibile; siamo nello spazio vuoto! Va contro ogni logica!

Qui arriva un’altra notizia: sono immediatamente corso nella mia casetta, ho usato uno specchio preso dalla navicella per guardare sulla schiena se avevo delle botte, e logicamente le avevo. Peccato che non erano vere e proprie botte.

Infatti, diario, avevo dei graffi di colore verde fluorescente, che ho provato a togliere ma senza successo, contornate da botte rosso fuoco!

Al tatto risultano scottanti e coricarmi sul letto per dormire è un’impresa dolorosa... sento un male ustionante!

Davvero non capisco cosa sia successo Diario, proprio ora c’è stato un altro ruggito e la luna ha tremato!!! Mi è sembrato di avere avvertito un terremoto come quelli sulla Terra e la testa ha preso a girarmi.

ANCORA! Un altro in questo momento! Mi sta girando la testa ... mi sembra di avere un leone fuori casa! E non smette!

Metto la tuta e vado a vedere, fra poco torno.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

19-5-3012 – Luna?

Caro diario,

Mi viene uno strano mal di pancia a leggere le frasi dell’ultima pagina di diario, davvero ... mi sale l’agitazione!

Scusami, lo so, non ti ho scritto più quel giorno, ma rimedierò ora raccontandoti tutto.

Come sai continuavo a sentire i forti ruggiti e, preso dalla curiosità, mi sono attrezzato e sono uscito: non c’era nulla, assolutamente nulla, eppure quel forte rumore continuava a risuonare per tutto il cratere, e sembrava provenire dal punto in cui era atterrata la meteora.

Sono andato a controllare e ho visto che, al posto suo, c’era un foro, e da questo foro usciva del vento! O così sembrava, perché mi sono sollevato in aria di colpo e sono ricaduto sulle rocce lunari, facendomi male.

Poi ho notato un'altra cosa ... ti prego di credermi diario!

Quel foro era contornato di verde, un verde che sembrava erba, e inspiegabilmente mi sono venuti degli urti di vomito che sono riuscito a contenere.

Avevo deciso di tornarmene nella mia casa, ma nel percorso di ritorno sono stato molto incuriosito dal fatto che vedevo sollevarsi, in spirali, il regolite (che sarebbe la polvere di cui è ricoperta la Luna), come se fosse sotto la forza del vento.

A quel punto, capiscimi, la curiosità è stata davvero troppo forte.

Decisi di togliermi il caso, sì ...

Ok, ok, rischiavo la vita, ma ... se me lo sarei rimesso in fretta ... se sarei tornato velocemente in casa...

Allora l’ho fatto. Ho stappato il casco e ho confermato la mia ipotesi.

Ero in un cratere con un clima respirabile, e quindi con un’atmosfera. Sembra quasi che quella meteora abbia fatto scaturire tutto ciò!!! Ho provato a raggiungere il bordo del cratere ma ho indietreggiato vedendo che , al di fuori, non c’era aria!

Sconvolto ancora di più sono ridisceso verso il buco da cui fuoriusciva l’atmosfera, e ho strappato un filo d’erba.

Non l’avessi mai fatto, diario, non l’avessi mai fatto.

Innanzitutto la schiena mi ha preso a bruciare in un modo indescrivibile, stavo per piangere, poi però ho rigurgitato! Uno spettacolo orribile , credimi.

Dopodiché boh, non so cosa è successo, so solo di avere dormito, per poi essere svegliato ancora una volta da un forte ruggito! Non so proprio cosa sia ... indagherò.

Beh ora ti saluto, necessito di mangiare qualcosa,

Ciao diario!



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: