ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 27 maggio 2012
ultima lettura sabato 23 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Viaggio

di blunight. Letto 616 volte. Dallo scaffale Viaggi

C'è un viaggio che è solo racconto per trascinar via storie probabili, fantasie confinate tra le pareti in vetro di una cabina quadra dove tutto ti somiglia, ti riflette senza mai riflettere, mero riverbero di ciò che sei attraver..

C'è un viaggio che è solo racconto per trascinar via storie probabili, fantasie confinate tra le pareti in vetro di una cabina quadra dove tutto ti somiglia, ti riflette senza mai riflettere, mero riverbero di ciò che sei attraverso l'invisibile bottoniera che non lascia alternative... salire verso "cosa" e chissà per dove oppure scendere in un divergente "altro" senza domandarsi quanto sei di ciò che saresti voluta essere, soprattutto senza sapere quanto ancora sei di ciò che eri. Uno spazio limite fatto di sacrifici e vizi, poi riflessi, che divora e sovraccarica quel tragitto quasi scomodo fino a indurti nel sospetto di non esser più esattamente come ci si pensa; fino a non esser più in grado di guardarti attraverso l'emozione, sempre là in agguato, senza la paura addosso di un non riconoscersi in quell'immagine stampata su di un vetro pigro e senza fondo... banalmente specchio di un essere superficiale solo su quella superficie.
E c'è un viaggio ancor più corto, da vicinanza in dissimile apparenza dove il fatuo è quel divieto vano, ma piacevole, che t'avvolge di strana somiglianza e che sa far di te bianca crisalide in un volo attorno l'albero della vita mentre s'avvolge e libra in compulsa danza per il tempo del non scritto, o forse solo per quell'attimo del non visto. E poi si posa... e lì germoglia in altra te... ancora più bella e più matura... ancora più fugace e calda, come carezza fatta al proprio io... sparuto aggancio con la realtà colato a forza dentro i vezzi svigoriti del quotidiano che comprime l'angolo della mia luna, e lì t'indossa... quasi a pennello... gioia da dipingere nella mia anima, i colori del tuo sorriso! E' un'idea che mi percuote dentro e mi fa vivo, sgorga irrefrenabile dove non arriva più l'odore del tuo passare su bellissimi bianchi destrieri di quel costante danzarmi nella testa. Non più crisalide, m'avvolgi in te e dell'esser tuo, donna, nato da un corpo gravido di cielo... femmina feconda di virtù evidenti e più umane fantasie lasciate andare in quel costante viaggio dentro ai vuoti invisibili del tempo!
©blu
(http://bludinotte.wordpress.com/2012/04/30/viaggio-3/ )


Commenti

pubblicato il 27/05/2012 10.31.08
Aleisterdarcy, ha scritto: Un capolavoro, le parole sembrano quasi cullarti quando le leggi
pubblicato il 27/05/2012 14.16.11
chiara, ha scritto: Sono rimasta senza parole: è stupendo!
pubblicato il 28/05/2012 10.22.42
Morgana, ha scritto: Blu, ho gironzolato per il web ed ho trovato altre cose di te.. ho proprio l'impressione che tu sia un'anima al di sopra. Grazie per il sostegno, grazie per mettere a disposizione le tue parole. un abbraccio...
pubblicato il 31/05/2012 15.59.16
Luna87, ha scritto: Non posso che ripetere ciò che è stato già detto. Quello che hai scritto è specchio di profondità inarrivabili che non hanno paura di essere mostrate. Che meraviglia che possono essere le parole, che evocazione ne può derivare!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: