ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 23 maggio 2012
ultima lettura domenica 12 gennaio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Città senza immagini

di terranera. Letto 439 volte. Dallo scaffale Poesia

   Città senza immagini Muta. Volti esangui nel silenzio Piazze nel vento, turbinose memorie Che rintoccavano le ore Inutili A richiamare cadaveri di dei depredati   Uomini come statue, immobili ritti sulla testa i cape...

Città senza immagini

Muta.

Volti esangui nel silenzio

Piazze nel vento, turbinose memorie

Che rintoccavano le ore

Inutili

A richiamare cadaveri di dei depredati

Uomini come statue,

immobili

ritti sulla testa i capelli

la pelle strappata

recise le menti.

Fuochi ardevano nella nebbia,

qua un sogno

là un sorriso biondo, invidiato

un colore sognato,

il mare più blu della notte.

Crollando uno alla volta,

come ombre di vento lento

Grigi cipressi nel cielo,

abbattuti dal fuoco dell’odio

scivolavano i visi

cemento e polvere,

cenere

spazzati via.

Urla. Sussurri, domande

Cavalli imbrigliati,impotenti

Lamenti nel pianto

Nei bimbi dell’uomo assassino.

Due mani protese nel nulla

sangue negli occhi innocenti.

Traditi in un giorno qualunque, già perso.

Ciotole rubate a tovaglie di fiori

Ciuffi d’erba tra i chicchi di riso nero

Quaderni e cuscini ancor caldi del sonno,

sventrato un orsetto

i padri e le madri

staccati.

Quelle mani allacciate d’amore,

i segni del sole sul giovane seno

un cuore su uno spicchio di muro.

Fumanti le tazze del the

E un bimbo sfregiato già adulto

Nuda la pelle graffiata,

frustata da cinghie di fiamma,

sperduto,deserto.

Cadeva sui sassi roventi,

nel rombo crollando,

Senza più tetti a coprire preghiere.

Avremmo voluto bendarvi lo sguardo,

non farvi vedere i fratelli cadere.

Vi avremmo tenuti come cesti di fiori

Fra le braccia nutrito e cullato,

gettato acque pure, sorgenti,

sorgenti.

Città della guerra e del tuono

Risorta dal fango e dal sangue

Città che parlava alle pareti del tempo,

madre di bimbi e di uomini

HIROSHIMA, eterna di Pace.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: