ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 14 maggio 2012
ultima lettura mercoledì 10 aprile 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

IL SIGILLO del FARAONE Capit. IV - La traversata sul NIlo

di mariapace2010. Letto 762 volte. Dallo scaffale Fantasia

CAPITOLO IV - Traversata sul Nilo Non fu facile per Isabellaportare fuori del Museo il prezioso reperto che Osor era riuscito a sottrarre e conse...







CAPITOLO IV
- Traversata sul Nilo





Non fu facile per Isabella
portare fuori del Museo il prezioso reperto che Osor era riuscito a sottrarre e consegnarle.



"Credi che si tratti proprio del
papiro della principessa Nefer? - domandò Alì appena fuori; Alessandro, Hammad
e la dottoressa Fatma erano ancora all'interno - Sarebbe una vera fortuna."



"Sapremo la verità appena
Alessandro avrà decifrato questi geroglifici." rispose la ragazza.



"Lo sai anche tu, principessa, -
la chiamava così, Alì, con quel tenero appellativo, - che i geroglifici a volte
si rivelano essere solamente il risultato di segni legati insieme dalla
fantasia."



"So a cosa ti stai riferendo, ma nessuno,
qui, si lascerà prendere e trascinare dalle fantasticherie." replicò Isabella.



Avevano raggiunto la jeep
parcheggiata nel piazzale antistante il Museo, in attesa di essere raggiunti
dagli altri. Isabella prese posto sul sedile posteriore e cominciò a girarsi e
rigirarsi l'astuccio fra le dita.



"Credi che il rotolo di papiro
custodito qui dentro potrebbe danneggiarsi appena esposto all'aria ed alla
luce?" domandò.



"Temo proprio di sì!"



Il ragazzo sedette al suo fianco;
Osor prese posto all'altro lato della ragazza.



Isabella poggiò l'astuccio sulle
ginocchia e subito dopo cominciò a guardare fisso nel vuoto, davanti a sé.



"Ehi, principessa... che cosa ti
succede? - domandò il ragazzo girandosi verso di lei - Ehi, Isabella?... Per la
Barba del Profeta! Che cosa ti sta succedendo?"





Con la sensazione che l'aria
d'intorno, diventata fluida e spessa, andasse lentamente espandendosi e la
inghiottisse, Isabella credette di navigare in un mare di flutti. Si sentiva
leggera, leggera... come se il corpo avesse perso peso e si librasse nell'aria...
come un uccello... come un ibis... come quell'ibis che volava sopra il suo capo tra
i canneti del Nilo.



Comprese di aver "attraversato la
Soglia del Tempo" e di essere entrata nel mondo della principessa Nefer.



Comprese di "essere" la
principessa Nefer, ultimogenita del faraone Meremptha e nipote del grande
Ramseth II.





"O Signora dei canti gioiosi



Signora della musica..."



Il dolce canto di Baket, la
giovanissima arpista cieca, la scosse dal languore: quasi un sogno ad occhi
aperti che tanto spesso la rapiva per trascinarla in un mondo di meraviglie e
di incanti.



"Sei la Regina del canto con l'arpa



La Regina delle corone intrecciate



La Signora della Danza... "



Baket, sacerdotessa e cantatrice
di Hathor, era giunta a Tebe da poco. Aveva undici anni, un sorriso dolcissimo
e due occhi straordinariamente belli, verdi come le acque del Nilo nei giorni
della piena, ma spenti da una malattia infantile e senza luce, come una notte
senza luna.



Nonostante la disgrazia, Baket
era sempre sorridente e gioiosa ed aveva conquistato la simpatia di tutti.



Anche la sua musica aveva
conquistato tutti e così la sua parlata, che era un miscuglio, allegro e
simpatico, di quella di Assiut, da dove era arrivata, e quello di Tebe.



Se l'immagine esteriore di una
persona può essere il riflesso di quella interiore, l'aspetto fisico di Baket,
dolce e grazioso, era certamente il ritratto del suo carattere.



Per questo, la principessa Nefer
la preferiva a tutte le altre danzatrici e suonatrici che allietavano banchetti
e manifestazioni di corte e quando
danzava davanti al Faraone, voleva che ad accompagnare la sua danza fosse
sempre Baket.



Sedici anni compiuti da poco,
occhi limpidi come un cielo senza nubi e tersi come l'acqua del Nilo,
l'ultimogenita del Faraone era davvero assai graziosa. La bocca e il mento erano morbidi ed
arrotondati, la pelle abbronzata e i capelli raccolti in treccine.



Assomigliava alle splendide
statuette che si trovavano nelle botteghe degli scultori di corte.



Braccia e collo erano ornati con shebiu
e catene d'oro e sulla tunica di lino raccolta in vita da una cintura dorata,
riposavano le insegne da sacerdotessa di Hathor: sekhem e menit, sistro
e collana, simboli di Vita e di Rinascita.





Un gruppo di ibis venne a planare
sopra il suo capo, a bordo della barca reale, che procedeva lenta, seguita
dalle altre barche del corteo: stavano risalendo il Nilo, diretti verso il
Tempio di Hathor la Risplendente, in un'atmosfera festante e spensierata.



Era l'ultimo giorno della "Festa
della Mietitura", l'ultimo dei cinque giorni
in cui ogni abitante del Nilo dimenticava preoccupazioni e difficoltà,
in cui birra e vino scorrevano come le acque del fiume arrossate dalla piena:
il decimo giorno della stagione Shemu, la stagione della "Siccità".



Le altre stagioni erano la Akhet
o della Inondazione, grazie alla quale la
terra si "ridestava" e la stagione Peret o della Uscita, in cui
il contadino doveva mettersi al lavoro.



Assembrato lungo gli argini del
fiume c'era il popolo ed era lì per onorare la Divinità, ma anche per celebrare
la vittoria del Faraone sulle tribù dei Libu.



Alla testa del corteo il faraone
Merempta coglieva l'entusiasmo dei sudditi assieme ai suoi generali. Il più
acclamato di tutti era Kamose, capo dell'armata la "Potente di Virtù", di
stanza nella terra di Canaan, che la gente
egizia chiamava anche Palestina o "Terra dei
Filistei".



Il generale Kamose aveva
riportato anche una strepitosa vittoria su alcune tribù degli Ibrihim,
chiamati anche "Figli di Abramo".



Queste tribù avevano lasciato
l'Egitto dove, ai tempi del faraone Ramseth II, avevano lavorato alla
costruzione di numerose città, fra cui le splendide Pi-Atum e Pi-Ramseth.



Erano molte le tribù nomadi o stanziali che si recavano in Egitto,
soprattutto nei periodi di siccità e carestie, per lavorare per il Faraone in
cambio di cibo e protezione: i Libu, i Mashwash, gli Ibrihim e molti
altri popoli.







A bordo della nave del Faraone
c'erano alcuni illustri ospiti. Uno, soprattutto: Menelao, principe di Micene e
Re di Sparta. Con lui c'erano la regina Elena e i pochi compagni sopravvissuti
ad un lungo peregrinare per i mari durato cinque anni.



Il faraone Meremptha aveva voluto
onorarlo non solo perché era il sovrano più importante dei "Popoli di Mare", ma
anche perché nel corso di una partita di caccia al toro, Menelao aveva salvato
la vita della sua ultimogenita, la principessa Nefer. (vedere libro: Il
Guardiano della Soglia - Capitolo X )



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: