ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 14 maggio 2012
ultima lettura mercoledì 13 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Domenica notte malinconico

di Matteo Bertoncello Brotto . Letto 661 volte. Dallo scaffale Pensieri

0 Fugazi, una riscoperta sul lettore in questo periodo di pausa acquisti cd che mi son preso, l&rsquo...


Fugazi, una riscoperta sul lettore in questo periodo di pausa acquisti cd che mi son preso, l’austerity mi deve obbligare a raccogliere da qualche parte visto che le entrate sono magre…mi sto guardando su youtube un film su 10 anni di carriera dei Fugazi, molto bianco e nero molto live molto grezzo, mi piace…in contemporanea ho sul televisore Irina Palm un film molto delicato da vedere, non mi piace assolutamente masterizzare ma in questo caso…

Era da un pezzetto che non tamburellavo, il fatto è che di sera crollo di brutto sul divano o non ho la testa o mi addormento leggendo, brutto periodo, brutti pensieri, domani mi aspetto una rivoluzione delle mie mansioni a lavoro, ma è pur sempre il mio week end e fino a domani mattina che avrò timbrato non mi va proprio di avvelenarmi il sangue…anzi…oggi mia mamma guardava l’oroscopo e l’ariete era al terzo posto ma io non ci sono mai in quel dannato terzo posto. L’oroscopo ha visto la mia giornata top mercoledì, forse lo sarà alle 6,30 di sera quando prenderò la bicicletta e farò i miei 50 km rincoglionito dopo lavoro e scaricherò tutte le brutture…bella invenzione la bici…

Auguri mamme che avete portato in grembo questi figli disgraziati, a volte troppo bambini da adulti, a volte duri come il marmo…mamme vi trovate a vegliarli ed accudirli anche da grandi senza nessun ritorno e quando le vostre membra saranno troppo stanche per tirarli su per l’ennesima volta non vi resterà che voi stesse…amara l’esistenza troppo amara…

le mamme di ieri perdevano la schiena per crescere i figli, le mamme di oggi perdono la serenità che dovrebbe avere la vecchiaia per sostentarli….forse è questione di pioggia questa malinconia che mi pervade o forse è solo figlia della quotidianità che non ha assolutamente voglia di cedere il passo alla fantasia…

Ho bisogno di un passo avanti, ho bisogno di rafforzare la scorza e fare di più, dare di più….tanti pensieri mamma mia, forse da un lato è meglio crolli la sera sul divano..

Sabato ho fatto un bellissimo giro in bici, sono andato per la prima volta ad enego sempre partendo da casa, valsugana vecchia con i suoi saliscendi, Cornale, un pezzetto di ciclabile e su in salita, strada ampia non troppo battuta dalle macchine e un po’ all’ombra è stato un piacere…la salita in bici ha un suo fascino particolare, ascolti il respiro ed il cuore, il sudore ti scioglie via la quotidianità; è un po’ una sfida con te stesso, sei stanco e non sai quanto manca alla cima e ti ripeti spesso, “per oggi ho dato giro la bici e torno giù” ma alla fine non lo fai mai e arrivi alla fine soddisfatto e sfinito…enego era un paesino silenzioso sabato primo pomeriggio, era freschino e si lasciava guardare anche se mi hanno emozionato di più i campi fuori centro macchiati di papaveri e profumo di natura…silenzio, quiete…questa è la vera vita.



Commenti

pubblicato il 14/05/2012 8.15.23
Saturna, ha scritto: Ringrazio anch'io l'invenzione della bici. E tutti i pensieri scaccia pensieri, le cure palliative contro la stanchezza di andare avanti e il peso di cadere a terra, senza una motivazione. Belle parole, le tue. Complimenti. Ho sentito il profumo dei campi di papavero, della libertà.
pubblicato il 25/05/2012 0.10.58
Matteo Bertoncello Brotto , ha scritto: allora ho colto nel segno, ti ringrazio...

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: