ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 13 maggio 2012
ultima lettura lunedì 9 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il libro sempre aperto ( parte quarantasei )

di mirco. Letto 773 volte. Dallo scaffale Pensieri

Dopo origliato realizzai che... in sostanza... avevo avuto bisogno di un periodo esageratamente contemplativo e... Che Lui era svanito a causa di questo. Si da il caso che sprigiono allergia in certe ere. Ciononostante oibò in quell'ista...

Dopo origliato realizzai che... in sostanza... avevo avuto bisogno di un periodo esageratamente contemplativo e...

Che Lui era svanito a causa di questo.

Si da il caso che sprigiono allergia in certe ere.

Ciononostante oibò in quell'istante me n'ero reso conto e potevo ragion per cui... rimettermi in strada.

E fu in quel frangente che... girovagando per il pascolo... incrociai una gitanella triste...

"Ed intanto finché noi ragioniamo... il vento gira e rigira fra le cose... per radunarne alcune o portarne altre dove lui sa.

... Ci siamo chiesti spesso a cosa serve il vento.

Cos'è il vento...?

Ebbene... io credo che lui sia un sistema postale vero e proprio... per cose che hanno la consistenza giusta in modo da poter viaggiare con l'aria.

Lui infatti ritira e consegna i prodotti volatili che le vite del mondo producono.

Voglio dire:

Non è un caso che tal granello di polline abbia impollinato giusto lì.

Potete crederci.

Ogni cosa che "vuole" girare per l'aria deve prima munirsi di indirizzo preciso... indicare un mittente e forse addirittura franco bollarsi... perché sicuramente pure il vento tiene che mangiare... anche se non so ancora cosa.

Non ci credete?

No?

Vediamo...

Avete presente i giacimenti di metano?

Bene.

Sapete di certo come l'uomo ne spiega la formazione e credete sia abbastanza efficace... la ricerca che è stata condotta su di loro... in quanto avendo trovato il modo di sfruttarli per noi il più è fatto... ma siete per caso anche al corrente di in che modo del metano fresco viene prodotto quotidianamente sulla terra?

E di quanto ne viene prodotto?

Credo che lo sapete eppure ve lo rimembro un attimino.

Lui è prodotto giornalmente nella fase digestiva ed in buona quantità da ogni vivo... animale o uomo che sia... basta che questi abbia ingurgitato.

Ed esce rumorosello ed un tot puzzone dallo scarico di cui ogni uno di questi esseri è dotato... sotto forma aerea.

Certo le scoregge sono di metano lo sapevate e voi pensate che la terra si lasci scappare codesta gratuita forma di energia?

Sì!

Affari vostri io no.

... Ed allora capisco facilmente che il compito del vento rispetto al metano... è di riunirlo in certi posti già predisposti della nostra sfera.

Un pò come fa un pastore sul grande pascolo con le sue pecorelle cercandole ed indirizzandole la sera dentro il piccolo ovile...

Il più gentilmente possibile.

Ed ecco per me spiegata molto esaurientemente l'origine dei giacimenti metaniferi.

E non pensate che ciò gli sia impossibile neanche per un attimo...

Lui è creatura dell'aria e quindi perfettamente in grado di distinguere fra loro le altre forme che girano per l'aria... giusto tale succede a noi che distinguiamo bene gli uni dagli altri... i corpi che deambulano per le terre.

Per di più non mi vien niente difficile credere... che pure nel mondo del vento nulla succede per caso perché tutto è in funzione di tutto anche lì quindi...

Sicuro!

Il granello di polline che ha ingravidato il vostro fiore... del vostro pero... certamente era spedito proprio a lui dal suo innamorato... che era stato conosciuto chissà dove e quando e che pertanto certamente voleva veder realizzato il suo sogno d'amore.

Il tutto grazie al postino vento ovviamente.

Lo stesso vento che vi fa inorridire in presenza di un peto.

L'avevo sempre detto che l'evento vento è un portento.

Pensate che cervello deve avere uno del genere per poter ritirare distribuire e consegnare tutta la posta volatile da solo.

Pensate alla sua organizzazione ed a quanta memoria deve possedere uno del genere.

Noi per mettere in piedi le poste e farle funzionare... dobbiamo impiegare migliaia e migliaia di persone.

Lui ha avuto bisogno solo di poche ramificazioni.

Pensate ancora...

Noi abbiamo dovuto meccanicizzare parte del lavoro.

Lui invece al massimo si auto accelera un attimino.

E già che ci siamo pensate a cosa gli consegnate... quando fra i vostri capelli fa il birichino.

Pensateci e pensateci ancora".



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: