ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 15 aprile 2012
ultima lettura domenica 13 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

A G A R

di mariapace2010. Letto 406 volte. Dallo scaffale Storia

E' un'opera a metà fra il mondo egizio e quello biblico e forse farà discutere per la presa di posizione dell'autrice: Agar è una figura di donna raccontata sempre e solo da mano maschile; qui è presentata con sensibilità tutta femminile..









AGAR
- storia e tradizioni



<img border="0" alt="" hspace="-1" vspace="0" width="1" height="1" />

Agar, nasce a Tebe durante il
regno di Thutmosis III da una sposa secondaria del Sovrano. Cresce fra gli agi
della corte e la reclusione del gineceo reale, mal sopportando il ruolo
impostole dal destino e dalla tradizione maschile. E' una bambina, prima, e una
ragazza, dopo, vivace e piena di curiosità, che farà conoscere al lettore un
mondo straordinario e pieno di fascino.



La sua storia si intreccia con
le vicende di alcuni Sovrani della XVIII Dinastia, tra cui Thutmosis III, suo
figlio Amenopeth II, la famosa Regina-faraone Hutsepsuth.



Testarda e ribelle, cresce e
raggiunge la maggiore età, evento che coincide sempre con un matrimonio
combinato. Per Agar, però, lo sposo non è un uomo comune: il suo nome è Abramo
e viene da Ur dei Caldei.



La vita che l'aspetta è assai
diversa da quella condotta a Tebe. Un lungo viaggio la porterà a Mambre, dove
incontrerà nuove genti, intreccerà nuove relazioni e conoscerà speranze e
delusioni. Alla fine, però, scoprirà il vero ruolo della sua vita.



Questo personaggio, che la
moderna tradizione vuole forzatamente remissivo, trova il riscatto attraverso
le pagine di questo libro, che la presentano come una donna dinamica e forte,
in lotta per la conquista di una dignità femminile. Potrebbe, per questo, anche
oggi essere scelta come simbolo di tutte quelle donne che vogliono uscire da
una condizione di dipendenza ed immobilismo sociale











Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: