ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 5 aprile 2012
ultima lettura mercoledì 9 dicembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Lettera ad un'amica

di Simona90. Letto 1075 volte. Dallo scaffale Epistole

Avrei voluto essere meno vigliacca, prendere carta e penna e scriverti una lettera per spedirtela davvero, ma non ci riesco! Ti ricordi quanto ci piac...

Avrei voluto essere meno vigliacca, prendere carta e penna e scriverti una lettera per spedirtela davvero, ma non ci riesco! Ti ricordi quanto ci piaceva scriverci lettere e leggerle? Ognuna aveva il riassunto delle cose fatte e successe nei mesi e giorni che non ci vedevamo. Alcune raccontavano dei nostri amori impossibili, altre le delusioni della vita, della scuola che non andava, cose che sapevamo già ma che scritte e lette facevano un altro effetto.
Mi ricordo che ci perdevo tempo nello scegliere la carta giusta per scriverti, un foglio ricamato, o uno semplicemente bianco con le righe, sempre, altrimenti andavo sempre storta. Forse ci siamo scritte più lettere noi che tutti i fidanzati di altri tempi che corrispondevano in questo modo per non farsi scoprire, o perchè era tempo di guerra. Era semplicemente un nostro modo di comunicare e farci due risate.
Adesso tutto è cambiato, non ci sono più lettere, non ci sono risate, semplicemente ci siamo perse così, senza un apparente perchè. Non darei la colpa neanche alla distanza no, perchè tanto è la stessa città, siamo cambiate nel comportamento e nello stile. Un lavoro per te, un amore per me, non credo siano motivi validi per dimenticarsi di un'amicizia. Sento di non riuscire ad avere lo stesso rapporto senza pensieri con te. Eri l'amica con la quale mi confidavo, sapevi tutto di me, anzi se non ti dicevo qualcosa pure di stupido, mi sentivo in colpa, come se ti stessi facendo un torto. Sembrava facessi lo stesso anche tu, con il tempo mi sono resa conto che non era così, tenevi la tua vita privata nascosta e celata ai miei occhi ed orecchi, come se fossi una della quale non ci si può fidare. Amica mia (si ti definisco ancora così..), non sono io a doverti dire che hai sbagliato, che ti sei comportata in maniera indegna con me, lo dimostrano i fatti e i pensieri. Lo si capisce dal fatto che senza dirmelo, nonostante io ti cercassi, tu ti sei negata, hai preferito altre compagnie a me. Quando ti dicevo che non facevano per te, che erano diverse da te, tu non mi hai creduto, ed invece come è finita? Ti hanno lasciata da sola, si son fatte corrompere da altri modi di fare. Speravo che questo ti facesse vedere la realtà, invece? Ti sei allontanata ancora di più da me, come per rendermi colpevole di un qualcosa che io non avevo fatto. Spero che un giorno cambierai idea, che tornerai da me, non voglio scuse, perchè tutti sbagliamo, nonostante il tuo comportamento mi manca la tua amicizia, era davvero qualcosa di bello poter avere una sorella come te, perchè davvero condividevamo tutto! Torna non chiedo altro..

Tua Simona


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: