ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 31 marzo 2012
ultima lettura giovedì 21 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Ritorniamo tutti nel luogo a cui apparteniamo

di Mattia. Letto 439 volte. Dallo scaffale Viaggi

Nello studio del capitano tutto taceva con un rigoroso rispetto. Lo sciabordio delle onde era leggermente percettibile tra il profondo respirare dell...

Nello studio del capitano tutto taceva con un rigoroso rispetto. Lo sciabordio delle onde era leggermente percettibile tra il profondo respirare dell'uomo che stava appoggiato all'enorme scrivania di mogano con la testa nascosta tra le braccia. Qualche mozzo, meno esperto, bussava ogni tanto alla porta per ricevere una risposta, qualche ordine, ma il risultato era sempre lo stesso. I veterani, invece, sapevano già e non osavano violare il sacro riserbo del capitano. Nessuno si ricordava realmente quando fossero partiti, una nebbia fitta di ricordi si frastagliava tra al poppa dell'imbarcazione e l'ignoto là davanti che giorno dopo giorno aumentava nell'allontanarsi dall'oblio dal quale salparono. Mesi e mesi o addirittura anni, persi nell'oceano di chissà quale sperduta parte di globo alla ricerca disperata di qualcosa che chissà dove, chissà come, chissà cosa. Quello che solamente aveva un vago senso era la bussola, comune come molte altre ma che non indicava nulla, senza ago e senza quadrante; era una bussola, ma non mostrava né il Nord né il Sud. Ogni tanto capitava di perderla d'occhio per qualche tempo e scompariva letteralmente nel nulla, salvo poi ricomparire qualche giorno dopo in una posto curioso. Un marinaio se la ritrovò nel cesto della biancheria sporca e venne messo a digiuno per l'intera giornata essendo ritenuto responsabile del furto. Ecco, così scompariva e ricompariva a suo piacere. In un certo senso era Lei a decidere le sorti della navigazione quasi più del Capitano, che non se ne risentiva mai. Si succedevano poi giorni dove un senso di malinconia colpiva l'intera ciurma, senza un motivo preciso, quasi come un virus preso per un'indigestione di gamberi; erano le giornate in cui una sottile melodia aleggiava tra le vele dell' imbarcazione come a ricordare le vecchie terre natie, come una familiare musica popolare. Quei giorni in cui era piacevole pensare al luogo dove tutti prima o poi ritorniamo, lasciandosi trasportare dal grecale insieme ai pensieri.


Commenti

pubblicato il 31/03/2012 12.20.26
cri52, ha scritto: Quel luogo che è di tutti o diverso per ognuno di noi?! se non ci fosse il bel titolo mi parrebbe un racconto dell'horror... navigare in balia della natura e del capriccio di una bussola senza sapere per dove, praticamente dispersi nel mare " della vita "... ma è stato davvero un bel leggere!!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: