ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 5 marzo 2012
ultima lettura martedì 7 luglio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

I VISIONARI E I GUARDONI (viaggio nell’archeologia del Cinema e del Web)

di ilMoscone. Letto 1093 volte. Dallo scaffale Cinema

“Io non conosco altro cristianesimo e altro vangelo che la libertà corporale e spirituale di esercitare le divine arti dell’Immaginazione e della sacra Insurrezione.”William Blake. In fin dei conti il Web non è mai .....

“Io non conosco altro cristianesimo e altro vangelo che la libertà corporale e spirituale di esercitare le divine arti dell’Immaginazione e della sacra Insurrezione.”

William Blake.

In fin dei conti il Web non è mai esistito.
Internet è solamente una seconda possibilità del Cinema, la settima arte.
Questa Musa si è evoluta per due percorsi.
Il primo è lo Spettacolo, una dinamica successione d’immagini, luci, suoni e colori che mira alla creazione di un sostituto del mondo ritenuto “ reale” in quel momento.
I Visionari sono gli artisti della via dello Spettacolo.

<img style="border-style: initial; border-color: initial; border-image: initial; border-width: 0px" src="http://img585.imageshack.us/img585/1973/220pxwilliamblakebythom.jpg" alt="" align="right" /><img style="border-style: initial; border-color: initial; border-image: initial; border-width: 0px" src="http://img52.imageshack.us/img52/3126/rimbaud.jpg" alt="" width="300" height="500" align="left" />

<img style="border-style: initial; border-color: initial; border-image: initial; border-width: 0px" src="http://img849.imageshack.us/img849/1136/21083440.jpg" alt="" align="middle" />

- Rimbaud, Nietzsche, Blake: i Signori della Visione occidentale, venerabili e sacri Maestri -

Il secondo percorso è quello del Buco della Serratura, che per il suo metodo richiede sia lo svelamento impietoso dell’erotico che l’impudica osservanza di una vita definita come “vera”, e imita l’accomodarsi osceno e indiscreto del Guardone o la scossa del cespuglio che punta un cannocchiale, la prima telecamera, verso il seno che si lava lontano, in una finestra male illuminata.

<img style="border-style: initial; border-color: initial; border-image: initial; border-width: 0px" src="http://img404.imageshack.us/img404/2987/peepingtompubsign.jpg" alt="" align="middle" />

- Peeping Tom: lo spione di Lady Godiva, l'archetipo del Guardone anglosassone -

Le dita, rese agili da ore innumerevoli di pratica coatta, scivolano lubrificate sulla tastiera a illuminare il Video.
Il Monitor, sublime cinepresa del Voyeur, come Prajapati, il dio che tutto vede e tutto sa, soddisfa la nostra naturale voglia di onnipotenza.
Possiamo spiare gli altri dalla nostra altezza e con la libidine della nostra prospettiva e possediamo i poteri dello Yoga al contrario.
Non bisogna ubbidire ai noiosi precetti di quei vecchiacci Indù: capire dalla fragilità d’ogni nostro respiro che non siamo autosufficienti, e che in ogni momento prendiamo al Brahman e restituiamo, teneri involucri umidi votati al vento e alla cenere, un alito della nostra impalpabile vita.
No: subdoli, diabolici, stupefacenti ed eccitanti, sono i nostri nuovi poteri di Guardoni.
Farsi invisibili o piccoli.
Ingigantire e raggiungere le cose più lontane, come Gulliver.
Cambiare il corso della natura. Disporsi ovunque nello spazio o nel tempo, come Myrddyn, lo stregone di Artù.
Evocare i morti, come Herr Frankenstein.
Esaltare i sensi e percepire immagini inaccessibili, di accadimenti in altri mondi, nel più profondo e intimo della propria mente, o nella mente degli altri, come E.A.Poe, Baudelaire, Lovecraft.

Succhiare la linfa di altre anime, irrorandoci i canini, come Bela Lugosi mentre impersona Dracula. Noi, fantasmatici, transilvanici, quieti vampiri; svolazzanti e lugubri in territori da cui ogni Van Helsing è stato abolito.

<img style="border-style: initial; border-color: initial; border-image: initial; border-width: 0px" src="http://img403.imageshack.us/img403/8927/peepingtom370x278.jpg" alt="" align="middle" />


Scaricati Fellini, Bergman e Kurosawa, il Web ha scelto il percorso del Voyeur e siamo stati resi tutti Guardoni.
Non tutti in un senso strettamente clinico o criminale, ma nella nostra relazione psicosomatica quotidiana con il mondo.
Non siamo seguiti dagli investigatoti ma come guardoni siamo lo stesso repulsivi nella nostra anonima oscurità, invasivi nelle nostre segrete spiate.

<img style="border-style: initial; border-color: initial; border-image: initial; border-width: 0px" src="http://img341.imageshack.us/img341/23/animalhousepeepingtom.jpg" alt="" align="middle" />

Come i Guardoni (sospendo da ora il termine dell’analogia, perché dopo Google e Facebook ormai siamo tutti voyeur, consapevoli o meno) facciamo compassione quanto siamo soli.
Siamo diventati troppo presuntuosi per essere cristiani autentici o buddhisti genuini.
E stranamente, è proprio grazie al nostro silente isolamento e al nostro banditesco romitaggio che possiamo diventare, in automatico colpo di click, partner mentali e quindi sessuali e pertanto – faccenda amata in particolar modo dai cacciatori di gonzi guardoni, tipologia di voyeur che affronteremo in seguito – economici di chiunque sia a portata di vista e di tastiera.
Questo è il nostro minaccioso Potere.
Per noi tutte le case sono di vetro, trasparenti.
I nostri tipi di attività sono impossibili all’aperto e incompatibili con l'ossigeno e le nostre ombre sono tutte disegnate con i pixel.

Siamo civili masturbatori (il nostro ritmo onanistico non è mai convulso ma signorile) e abbiamo specchi come carte d’identità: le finestre degli altrui portatili sono le nostre prede.
Tutti i loro eventi segreti sono i nostri trastulli al Parco Giochi.

Siamo irrecuperabili: ci vorrebbe Gesù per guarirci la vista malata, con lo sputo vaginale di una escort redenta nella sua consorte Maddalena.

- Fine della prima puntata -



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: