ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 27 febbraio 2012
ultima lettura martedì 21 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

IL GUARDIANO della SOGLIA - Capitolo II - La Maledizione (continua)

di mariapace2010. Letto 638 volte. Dallo scaffale Storia

. ************* Disperate grida d'aiuto spinsero una piccola folla indirezione della camera sepolcrale dell...



.






*************





Disperate grida d'aiuto spinsero una piccola folla in
direzione della camera sepolcrale della principessa Nefer. Vi trovarono i corpi
straziati dei due ladri; Isabella giaceva incosciente per terra.



Un'altra sorpresa attendeva tutti: il Protettore
era scomparso. La tavoletta con le parole della Maledizione era sparsa
per terra in frantumi accanto al sacchetto dal misterioso contenuto.



"Che cosa è successo qui?"



Alessandro si chinò a raccogliere i frammenti ed il
sacchetto poi ordinò di chiamare la Polizia per far rimuovere i cadaveri.



Isabella venne trasportata nel suo alloggio e le furono
apprestate le cure necessarie; la prima domanda che le fu rivolta fu:



"Che cosa è successo?"



La ragazza scosse il capo mentre un lampo le attraversava
lo sguardo.



"Non ricordi cosa è successo là dentro? - il fratello le
sfiorò i capelli con gesto affettuoso e protettivo - Quei due stavano rubando?"



"Io... io non so quello...che ho visto. Forse... forse
un'allucinazione."



"Racconta quello che hai visto." la incoraggiò il
fratello.



"La guardia dice di aver udito grida raccapriccianti
provenire da là dentro - interloquì Hammad, alle spalle di Alessandro - Deve
essere accaduto qualcosa di orribile in quella tomba."



"Credo... credo che qualcuno abbia sorpreso i ladri. -
spiegò la ragazza - Credo... ho sentito... io penso..." s'interruppe: l'angoscia,
negli occhi, stava precipitando nel terrore.



"Che cosa hai sentito?" incalzò il fratello; oltre ad
Hammad, alle sue spalle c'erano Omar, Alì e l'Ispettore alle Antichità.



"Due che parlavano... - spiegò Isabella - Uno che chiedeva
all'altro quanto avrebbe ri... ricavato dalla vendita di... di un diadema... dopo..."



Isabella s'interruppe ancora; Alessandro ancora la
incoraggiò:



"Cosa è successo dopo? Chi ha ucciso i ladri?"



Le domande incalzavano, ma lo sguardo di Isabella era
perso dietro spaventose visioni.



"Non lo so. Forse è stato il Protettore... la statua
del Guardiano..."



"La statua? - interloquì l'Ispettore, che per tutto il
tempo non aveva partecipato alla conversazione, limitandosi ad ascoltare - Non
ha alcun senso... Che cosa significa?"



"Significa che la statua del Guardiano di questa tomba è
scomparsa. - esordì Omar - Non si trova più. L'hanno cercata ovunque, ma di
essa non c'è traccia."



"Forse i ladri erano più di due."osservò l'Ispettore.



"Non può essere! - replicò il professore - Perché portarsi
via solo quella statua? Il tesoro sembra intatto."



"Questa storia non mi convince. Uhhh... - Hammad si schiarì
la voce - Nessuno avrebbe potuto portar fuori di quella tomba una statua di
quelle dimensioni senza essere visto dalla guardia. C'è qualcosa che non riesco
a comprendere e quando questo accade, non mi piace davvero. Per Allah!"



"La Maledizione... la Maledizione dei Faraoni! - esclamò Alì
che, con quel suo singolare composto di lingue, inglese, arabo e italiano, dava
molta vivacità ai suoi discorsi - La Maledizione! E' la vendetta della
principessa Nefer, disturbata nel suo eterno riposo."



"Se ti riferisci al masso staccatosi dal soffitto, ti
assicuro che non è frutto di alcuna maledizione, ragazzo mio. - lo interruppe
Alessandro - Considerato il fatto che avrebbe potuto colpire ognuno di noi."



"Non mi riferivo a quello."



"Forse non si tratta di una coincidenza." disse
l'Ispettore.



"Lei pure crede ai fantasmi, Ashraf?" replicò Alessandro.



"No! - sorrise l'uomo; i tratti tranquilli del volto si
animarono, gli occhi ridenti ammiccarono - Penso ad una trappola ben
congegnata: si tocca il sarcofago e dal soffitto cade un masso; si solleva un
oggetto e una finta porta ti piomba addosso... No! Non è una coincidenza.
Piuttosto un disegno."



"Stai dicendo che la Maledizione è un tentativo... un
espediente per tenere lontano ladri e saccheggiatori?"



"Non si può ignorare, però, - esordì Alì - ciò che accadde
agli uomini della spedizione Carter, dopo la scoperta della tomba del faraone
Thut-ank-Ammon. La fine misteriosa di lord Carnarvon, quella di Arthur C. Mace...
caduto in coma senza una vera ragione... e il miliardario Jim Could, a cui Carter
aveva mostrato la sua straordinaria scoperta?"



"Tutte morti per
collasso o peste bubbonica." replicò Alessandro.



"Troppe, le morti misteriose legate a quei fatti: Douglas
Rend, caduto in depressione seguita da morte, Foucolt e tutti gli altri..."
insisteva Alì scuotendo il capo dubbioso.



"Forse Isabella intendeva dire che la statua ha un
congegno che ha fatto scattare una trappola." suggerì il giovane Omar.



"Forse... - rispose la ragazza - Sono molto confusa."



Isabella era pallida e la mente faticava a trattenere i
frammenti delle angosciose visioni ed a ricomporli. Erano pezzi di un mosaico
di cui non riusciva a trovare i giusto incastro.



"Hai corso un brutto rischio anche tu. - Alessandro le
fece una carezza - Ora ti lasciamo riposare, piccola. Vedrai che domani sarà
tutto più chiaro. Lascerò molto presto il campo, domani, ma tu stai tranquilla,
sarò di ritorno fra un paio di giorni."



"Mi prenderò io cura di lei." disse Alì.



Uscirono tutti e i rumori della notte tornarono a
circondare il campo.














Commenti

pubblicato il 27/02/2012 19.38.27
MAXSTEEL45, ha scritto: Di fronte a te, dotta donna, io sono il più piccolo dei granelli di sabbia che possano accarezzare quelle orgogliose creature dell'uomo, le Piramidi...

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: