ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 13 febbraio 2012
ultima lettura mercoledì 2 dicembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il ricordo a mezzanotte

di methelt. Letto 493 volte. Dallo scaffale Sogni

E se il ricordo fosse un dardo acuminato, infuocato e piacevolmente bello, tanto da diventare masochisti per beneficiarne anche per qualche istante?

Vendeva cartoline fluorescenti,
pullulanti di inappropritezza
con i suoi amici, scherzava.
Forse non così spesso come
ricordo adesso, ma mi piaceva
quando lo faceva sorridendo.
Era un puttaniere dalla mente veloce,
i bordelli erano la sua dimora, e adesso?
Beveva, e fumava compulsivamente.
Nessuno sapeva farlo come lui.
E quando i saloni di bellezza
erano ridondanti di marinai,
scappava terrorizzato.
Forse era nel posto sbagliato,
al momento sbagliato.
Al nostro incontro cercò di toccarmi
e baciarmi, ma solo nella sua mente.
Sì lo adoravo, come un Dio.
Ma quella notte l'orologio
scoccò le sue ore troppo presto
per rimpiangere la sua nullità.
Ed ecco che anche le rose piangono,
tristi e appassite, adesso come mai.
Ambrosia nella mia bocca serrata,
e sangue sui ricordi immacolati e fedeli.
Fuggi da me, oh memoria!
Scappa col tuo manto purpureo,
di mille fantasie, e sogni aguzzi.
Che nei pensieri miei esorcizzi
la falsità di un mondo troppo bello,
esasperandomi...
fino a sorridere.
<img src="http://www.canalemilan.it/wp-content/uploads/2011/05/the_persistence_of_memory_1931_salvador_dali2.jpg" alt="" width="600" height="650" align="absbottom" />



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: