ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 28 gennaio 2012
ultima lettura domenica 17 marzo 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Planet-H Volume 2 "La Zona Franca"

di Winterlord. Letto 2055 volte. Dallo scaffale Fantascienza

Il seguito del libro PLANET-H (il volume 1 è presente in questo scaffale qualche pagina più indietro). Potete anche scaricare gratis i due volumi sul sito www.planet-h.org Questo volume è di 177 pagine (non è un racconto, ma un vero e proprio libro)

“PLANET H”

VOLUME DUE

LA ZONA FRANCA

“PLANET – H”

J.T. Winterlord

Il percorso fantascientifico verso la verità

Volume 2 – La zona Francza

www.planet-h.org

Proprietà letteraria riservata

Copyright © 2011 by J.T. Winterlord

Tutti i diritti riservati

Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta o utilizzata sotto qualunque forma o con qualunque metodo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni, o qualunque metodo di preservazione e reperimento d'informazione, senza il permesso del titolare del copyright.

LE EFFUSIONI

Attesi un attimo. Trovai inadeguato il sorriso di Sammy, qualcosa non mi convinceva: “Dai Kate, non farti pregare, andiamo!”

- Lui mantiene sempre le sue promesse - Che diamine voleva dire? A me non hai mai fatto nessuna promessa di alcun genere! - mi feci forza e lo seguii, mi portò all’infermeria; gli dissi che non avevo bisogno di strani intrugli.

Aprì la porta e vidi un’eccitato Sgrunff che sorridente si sfregava tutte e quattro le mani: “Ho un nuovo studente!”-

Trovavo fuori luogo quell’entusiasmo e lo feci immediatamente esplodere.

“Zitto tricheco!”

Valdes mi si avvicinò e mi prese sottobraccio mentre Matt e Sonia stavano a guardare; nessuno sembrava sconvolto o turbato.

Toccò a Sammy parlare: “Con la scusa della visita dentale siamo riusciti a tenerla ferma il tempo necessario per tracciare esattamente la posizione del suo Tasker”.

- Ma di che diavolo sta parlando? -

“Vieni” disse Sammy dirigendosi verso la stanza dove veniva custodito il mio Tasker. Quanto l’aprì e vidi che Sven stava trafficando con i suoi strumenti.

Fui invasa mentalmente da una voce: “Ciao sorellona!”

”Irina!” gridai “Tesoro mio!”

Vidi Sven diventare frenetico, saltava come un grillo da un Tasker all’altro; io provai un’esplosione di gioia che partiva dal mio petto disintegrando tonnellate di energia che vi si erano accumulate.

Mandavo un’infinità di amore verso Irina e lei me ne restituiva altrettanto, Sven intervenne: “Se le due sorelline possono smettere di scambiarsi effusioni amorose mi farebbero un grosso favore” disse sorridendo “Mi state mandando in corto tutte le attrezzature”.

Mia sorella non era morta,…anzi lo era,…forse; ma adesso era di nuovo con me!

Io annuii felice in direzione di Sven e mi allontanai, Sven chiuse la porta dietro le mie spalle.

Uno Sgrunff guardingo e timoroso rientrò in infermeria; mi guardò negli occhi e rimase in attesa di capire se ero ancora arrabbiata.

Sfoggiai un sorriso carico di dolcezza ed ammirazione per quel mio amico, che si dimostrava sempre comprensivo: “Scusa per prima Sgrunff”

Lui riprese a sfregarsi le mani soddisfatto e sorridente: “Ho un nuovo studente!”. Mi aspettavo di vederlo saltellare in giro per la stanza come un bambino troppo cresciuto.

Abbracciai stretto Valdes, e guardai con amore Sammy alle sue spalle.

Gli feci cenno con pollice e gli dissi che era il numero uno, lui si gongolò nel complimento.

Chiesi a Valdes perché non mi avessero detto niente; mi sorrise e disse: “Forse non ti sei resa conto del campo energetico che hai creato intorno a te, ho fatto fatica persino ad avvicinarmi quella volta che piangevi sul viso di tua sorella….eri impenetrabile!”

Guardai anche Matt e Sonia, gli sorrisi e mi accasciai a terra.

Uscii dal mio Tasker decisa, Sven ebbe da dire: “Ma Kate…”

“Zitto Sven, sappiamo bene tutti che sei il migliore”.

Dissi che avevo bisogno di una doccia energetica, quell’orribile videogioco mi aveva sporcato dentro, volevo liberarmi dai residui di quello che era successo.

Mi proiettai nel mio alloggio, regolai la doccia al massimo e mi ci misi sotto, i getti partirono delicati, diventarono i soliti torrentelli, ma io stavo aspettando la vera cascata.

Partì una feroce cascata di energia, la lasciai scorrere fino a che sentii che era stato rimosso ogni singolo frammento residuo di Planet H, in quel momento sentivo che il nome Prison era quanto mai indicato.

Uscii dalla doccia che luccicavo, ero ripulita completamente, tornai all’infermeria e chiesi a Sven di preparare il by-pass sul mio Tasker perché sentivo la necessità di un meeting.

Lui mi disse che avrebbe sistemato i circuiti nel Tasker di Irina e che a breve avrebbe fatto il by-pass.

Rientrai nel Tasker, poi osservai i miei amici sorridenti e gli dissi: “Penso di aver dato una lezione a Kurl, sento di avere questa sensazione”

Matt mi chiese quale arma avessi usato, io dissi: “Furia gelida,…a proposito, la mia razza è Nordik!”

Risero con me, Valdes mi assicurò sul fatto che Kurl era stato “terminato”, mi girai verso Sgrunff e gli chiesi: “Gli Esterni possono venire riconosciuti dalla loro luce scura, ..i loro occhi hanno quella luce vero? Una luce particolare che se fai attenzione non puoi non vedere”

Sgrunff annuì: “Sì, da quando sono stati tolti i diademi agli esseri della Confederazione l’unico modo per riconoscere le due razze sono gli occhi”

Guardai gli occhi dei miei amici, erano luminosi, non potevano esserci dubbi!

Se ripenso a Kurl (a quel testicolo di Kurl), i suoi occhi brillavano di cattiveria e di stupidità, erano bui.

Poco dopo Sven mi informò che il by-pass era pronto: “Attivalo” gli dissi, uscii di nuovo dal Tasker, salutai mentalmente Irina e lei mi rispose prontamente.

Ci ritrovammo tutti nella sala adiacente alla Plancia.

Ci fu una stupenda connessione mentale tra tutti noi, era un modo per festeggiare un recupero ben riuscito e la futura liberazione di quell’essere.

Presi la parola, dicendo a Sven di esporre la teoria sulla tecnologia per disfarsi delle fastidiose dicotomie che era stata sviluppata e poi abbandonata su Planet H.

Sven espose completamente la questione e Matt gli disse di controllare tutto il materiale per assicurarsi che fosse allineato con le scoperte che erano state fatte da noi.

“Se troviamo l’individuo o gli individui giusti” proseguì Sven “…perché no, potrebbe essere un buon piano di riserva, oppure potrebbe affiancare i nostri attuali sforzi”

Il meeting venne interrotto da un sottufficiale il quale comunicava che qualcuno aveva chiesto il permesso di salire a bordo della Nemesis.

Sonia chiese di chi si trattasse.

“E’ Gray, signore” rispose il sottufficiale.

“Permesso accordato” rispose Matt.

Gray si materializzo sul Ponte di Comando e fu accompagnato nella sala dove si stava tenendo il meeting.

Dopo i saluti gli venne chiesto il motivo della sua visita, e lui si accinse a parlare:

“Come voi tutti ben sapete mi sono elevato dalla condizione di razza della Federazione Esterna ed oggi mi trovo tra di voi.

Non è mia intenzione tornare indietro, ma dalle notizie che mi sono giunte qualcuno sta lavorando alacremente per distruggere il poco di sanità che rimane nell’universo Esterno.

In quel luogo io ho lasciato degli amici, e nessuno meglio di me può sapere quanto la feccia che invade quei pianeti sia indesiderata.

Sapete bene che le razze esterne sono nettamente inferiori alle razze della Confederazione, la maggior parte di loro non merita nemmeno di essere presa in considerazione.

Però vorrei fare qualcosa per quelli che desiderano liberarsi dall’opprimente tirannia del Reggente e dei suoi accoliti!

Volevo conoscere il vostro parere”.

Matt soppesò attentamente le parole di Gray, guardò le persone presenti al meeting prima di parlare; quando percepì che gli si lasciava tutto lo spazio che voleva, cominciò ad esporre la sua opinione:

“Caro Gray, se tu desideri aiutare la tua gente nessuno te lo può impedire e personalmente credo che questo sia un gesto nobile.

Tu sai che non facciamo guerre, riteniamo che siano dei giochi stupidi dove nessuno vince… e poi non ne abbiamo proprio bisogno.

Il Reggente, che dirige i suoi loschi traffici da Fionis I, è un vero ammasso di stupidità, e tiranneggia gli abitanti che per natura non gli sono dissimili.

Come pensi di agire?”

Gray ci pensò un poco, indugiando. Probabilmente si stava domandando se l’essere venuto sin qui fosse stata la cosa giusta: “Pensavo di chiedere il vostro aiuto, la mia intenzione era di prendere possesso di uno dei pianeti della Zona Franca e cominciare a tastare il terreno.

Volevo vedere chi avrebbe deciso di rifarsi un’esistenza al di fuori della Federazione Esterna.

Il rischio maggiore è quello di venire invasi dagli Esterni e questo significherebbe guerra tra Zona Franca e Federazione”.

Parlò Sonia per prima: “Penso che sia necessario valutare esattamente la situazione ed elaborare un piano a lungo termine.

L’ideale sarebbe di impedire agli Esterni l’accesso ad una parte della Zona Franca, così che tu possa organizzare una base ed accogliere le popolazioni che intendono trasferirsi”.

“Mmmm….Sì, potrebbe essere una buona idea, ma come impedire l’accesso a quella zona da parte degli Esterni?” rispose Gray, quasi ponendo quella domanda più a se stesso che agli ascoltatori in quella stanza.

“Abbiamo recuperato già due involucri da quella zona” intervenne Matt “chiederemo al Reggente di sospendere ogni attività in quell’area, così da permetterci di continuare il nostro lavoro.

“Non accetterà mai. Lo conosco, non accetterà di venire a patti con nessuno” disse Gray.

Matt sorrise e gli disse: “Non ha acconsentito a fornirci la mappa delle installazioni, ma noi glielo richiederemo, se non vuole collaborare gli interdiremo l’accesso alla Zona. Mi sembra piuttosto semplice”

“Ma questo può significare solo una cosa, la guerra” ribadì Gray.

Matt sorrise in maniera accattivante: “Non necessariamente amico mio,…non necessariamente”

Sembrava avesse già in mente cosa fare.

“Scegli dove creare la tua base e crea il tuo insediamento, ci aggiorneremo per i dettagli dopo il mio incontro con questo Reggente”

Sgrunff intervenne: “Puoi usare il pianeta dove sorge la Biblioteca Universale, è un’ottima base ed è insospettabile”

“Grazie amico mio, ci aggiorniamo al più presto, intanto voglio pianificare alcune cose”

Dopo quella frase salutò e se ne andò.

Matt chiese se qualcuno avesse commenti o consigli.

Valdes disse che quell’intervento avrebbe potuto essere allineato con le nostre missioni: “Se otteniamo che nessun nuovo prigioniero possa essere inviato su quei pianeti e se ogni sentinella ed inserviente sparissero… la cosa ci faciliterebbe molto il lavoro.

Abbiamo molte più possibilità di localizzare tutti i Tasker dei nostri amici e delle razze della Confederazione.

Questo sarebbe sicuramente un vantaggio”.

Sembrava che alcuni avvenimenti volevano mettersi in moto. Le condizioni si giravano al meglio per la nostra missione.

Avevo chiesto quel meeting per chiarirmi le idee, ma non ne avevo realmente bisogno, era “l’altra Kate” a sentirne la necessità, sembrava quasi che avesse sentito che qualcuno dovesse arrivare.

Mantenni la forma della comunicazione verbale, trovavo più facile trasferire così i ricordi nel mio personaggio.

Chiesi a Sven un aggiornamento sullo stato del mio Tasker.

Sven cominciò a spiegare: “Dovevamo risolvere le emozioni negative inerenti alla rabbia, alla gelosia ed all’afflizione. Gli ultimi avvenimenti hanno fatto sì che tu sovraccaricassi a tal punto i vari circuiti da farli disintegrare.

Non sono sicuro di averli localizzati tutti, ma certamente ne ho individuato la maggior parte.

Sperimenterai una sovrapposizione di consapevolezza, ormai il tuo personaggio è diventato una via di mezzo tra un corpo di Planet ed un ologramma.

Questo potrebbe crearti qualche piccolo inconveniente, ma niente di dannoso”

“Magari possiamo cominciare a far usare a Kate un olog” intervenne Sonia “se il nostro Sgrunfy ritiene di essere a buon punto e se Sven ha informazioni a sufficienza.

Si potrebbe parcheggiare il suo personaggio e tenerlo a disposizione in caso si abbia bisogno di altre informazioni…cosa ne pensate?”

Sven disse che avrebbe preparato il mio “olog” e Sgrunff ammise che il lavoro era a buon punto, si riservava di farmi ricontrollare le mie analisi prima di passare a quella soluzione definitivamente: “Anche se,….. se Sven potesse mettere il personaggio di Kate in una vita stile NPC, potrebbe sempre rientrare nel Tasker ed estrarre o verificare informazioni utili” aggiunse.

Sembrava la soluzione ottimale, chiesi a Matt cosa avesse intenzione di fare a proposito della richiesta di Gray, lui rispose: “Sicuramente una pazzia!” e rise.

Non era ancora sicuro quale piano sarebbe stato meglio adottare, ma che ci avrebbe messo al corrente a suo tempo.

Sonia lo guardava sorridente, sapeva già che aveva in mente qualche strano tipo di “Pazzia”.

Lasciammo il meeting, rientrai nel Tasker e ne uscii come “Kate di Planet”. Ero felice di non aver perso Irina. Chiesi a Sgrunff come avrebbe proceduto col suo “nuovo allievo”.

Lui mi disse che avevano dovuto agire rapidamente perché il Tasker era programmato in automatico a far rivivere una nuova vita ad Irina, Sven aveva subito operato un by-pass ed ora Bones era in costante contatto telepatico con lei per metterla al corrente della situazione così da poter spegnere gli emanatori un poco per volta.

“Sospettiamo che ci fosse qualche sorta di ordine ipnotico all’interno di quell’infernale aggeggio che inducesse l’individuo a ritornare nella sala giochi e prendere un nuovo Tasker in caso di avaria di quello attuale.

Questo è un rischio che non possiamo e non vogliamo correre, quindi le prime istruzioni vengono eseguite mentalmente da Bones”.

Mi disse che quando il Tasker fosse stato disattivato completamente avrebbe continuato lui l’addestramento.

Mandai un bacio ad Irina, sentii che mi rispondeva, così mi accinsi a raggiungere l’aula di teoria.

Mentre lavoravo sulle mie analisi chiesi a Sgrunff: “Potresti spiegarmi come riconoscere esattamente gli esseri presenti in Planet, e soprattutto come riconoscere i NPC?”

Sgrunff mi spiegò che avevo già avuto modo di osservare gli Esterni e come gli avevo detto poco fa, nei loro occhi brillava una luce scura, perfida.

Gli esseri della Confederazione avevano gli occhi luminosi, li avrei riconosciuti facilmente: “Basta che pensi ai tuoi amici!” affermò sorridendo.

Poi cominciò la spiegazione riguardante i personaggi non giocanti, i famigerati NPC: “Devi sapere che questi sono in assoluto i più numerosi, sono sparsi in ogni parte del gioco.

Il loro scopo è di mantenere attivo e funzionante Planet H.

Non hanno occhi particolari, direi che sono piuttosto neutri, non devi farti ingannare dalle apparenze, cerca di guardare in profondità.

Scoprirai così che sono programmi che lavorano in automatico, i loro occhi hanno uno sguardo piuttosto spento.

Hanno posizioni che mantengono da lungo tempo, potrei affermare che questi personaggi compongono circa il 90% della popolazione dei vari videogames.

Il modo migliore per individuarli, almeno all’inizio, è per esclusione.

Se non hanno una luce oscura o luminosa sono NPC”.

Ascoltai la sua spiegazione e mi ripromisi di fare un accertamento sul campo.

Ricontrollai le mie analisi, dunque, dovevo semplificare ed adattare alcune cose, così cominciai.

Feci un riassunto mentale di quello che avevo scoperto e le annotai su un taccuino per semplificarle al massimo:

- La vita così come l’avevo conosciuta era in realtà il prodotto di un semplice videogame.

- Tutte le azioni e sensazioni erano prodotte da due emanatori, quello superiore e quello inferiore.

- Dei congegni che alteravano e amplificavano sensazioni ed emozioni erano stati introdotti truffaldinamente dalla Federazione Esterna, allo scopo di ottenere prigionieri.

- Circuiti demoni erano stati inseriti nell’emanatore superiore per indurre l’individuo in uno stato confusionale, per ottenere questo erano stati usati ordini contrastanti dettati mentalmente da una sequenza predefinita.

- Nell’emanatore superiore era stato inserito un’ amplificatore di luce nera che provocava amnesia ed inconsapevolezza.

- Grazie a questi due fattori un essere veniva posto nella condizione di combattere se stesso con lo scopo di produrre energia utile al funzionamento dei “pianeti prigione”.

- I “sogni” erano lo stato di essere che più si avvicinava alla “Verità”, ma questi erano enormemente sottovalutati.

- Durante il sonno un’ individuo poteva sperimentare una sorta di “Corpo Mentale” che io avevo chiamato “Corpo dei Sogni”.

- Più che un corpo era la propria identità, più la sensazione di possedere un corpo.

- Un’ essere era prigioniero del proprio Tasker.

- Il Tasker era una supersofisticata consolle di gioco.

- L’essere usava una sembianza mentale per connettersi tramite il proprio Tasker al videogame, questa sembianza l’avevo chiamata “Corpo Mentale”.

Fermai qui la mia analisi, andare oltre non serviva agli scopi della nostra missione principale e poi avevo ancora dei punti che dovevano essere chiariti.

Sgrunff osservava le mie annotazioni, mi disse che era un’analisi piuttosto ben riuscita.

Quell’analisi sommata alle scoperte fatte assieme a Sven riguardo a come fossero sezionate ed utilizzate le dicotomie ci dava un ottimo quadro generale.

“Secondo me potresti cominciare ad usare un olog per entrare in Planet H” affermò con sicurezza.

Gli chiesi quando questo sarebbe stato possibile: cominciavo ad averne abbastanza di dover accudire così tanto il mio personaggio.

Mi rispose che appena Sven fosse stato a buon punto con Irina si sarebbe dato da fare per procurarmene uno e per insegnarmi come riprogrammarlo in caso di disintegrazione.

Disse quella frase ridendo sotto i baffi.

Il ricordo di uno Sgrunfio che esplodeva fece ridere anche me, volevo chiedergli di nuovo scusa per quanto avvenuto ma sapevo che non era necessario, così lo salutai con un grosso sorriso ed uscii dall’ aula.

LA PASSEGGIATA

Andai alla tenuta, volevo cambiarmi e fare un salto in città, avevo bisogno di incontrare più gente possibile per cercare di identificarla. Volevo verificare quanto avevo appreso.

Feci un salto in cucina dove Serena era al lavoro, mi fece assaggiare quello che stava preparando ed in pochi minuti mi preparò un piatto di spaghetti con pomodoro e basilico; ci mise sopra una bella spolverata di Parmigiano e mi incitò a mangiarli.

Non aveva certo bisogno di pregarmi; mi sedetti sul tavolo della cucina e li mangiai.

Andai a casa per cambiarmi e in breve ero in auto diretta verso il centro.

Una volta arrivata cominciai a camminare per le vie, guardavo la gente cercando di scorgere il loro sguardo, spesso mi soffermavo ad ascoltare i discorsi degli altri fingendo di guardare una vetrina o stando seduta distrattamente su di una panchina.

Niente attirava particolarmente la mia attenzione, i discorsi erano sempre gli stessi, dal chiedersi come andava a discussioni di lavoro.

Cosa avrebbero cucinato per cena o discorsi sulle notizie dei Tg.

Sentivo strani discorsi politici senza senso oppure lunghi dibattiti altamente filosofici su fatti sportivi.

I loro occhi si assomigliavano un po’ tutti, io avevo bisogno di confermare quello che Sgrunff mi aveva detto.

Il pomeriggio stava volgendo alla fine, la luce era più debole e le ombre proiettate per le strade si erano allungate.

Guidai senza meta e senza rendermene conto mi trovai in periferia; riconoscevo quel luogo, era dove avevo invitato Sammy a cena molto tempo fa.

Come allora dei ragazzetti mi bloccarono il passo: “Dove vai dolcezza?” mi domandò uno di loro parandosi davanti, mi sembrava di riconoscerlo. Era forse lo stesso di quella volta?

- Ma no! Dai! Non è possibile! - altri tre ragazzi uscirono da un vicolo, guardai il mio interlocutore negli occhi,….ecco la luce scura.

Osservai anche gli altri, uno aveva degli occhi neutri, il terzo aveva la stessa luce del primo e l’ultimo aveva una luce strana, ..vedevo qualche leggero bagliore luminoso.

Il tipo che avevo di fronte gesticolava e diceva: “Sai che è pericolosa andarsene in giro da queste parti da soli, vieni che ti accompagniamo noi!”

Il ragazzo con il leggero bagliore luminoso insisteva sul fatto di smetterla e di lasciarmi stare.

Occhi perfidi gli disse: “Piantala cacasotto, vedrai che adesso ci divertiamo!”

Rimasi in silenzio. Volevo studiarli.

Un altro mi ordinò con aria sicura di dargli la borsa, ci avrebbe pensato lui a tenerla al sicuro.

Sentivo di avere trovato qualcosa di interessante, osservavo i quattro negli occhi, c’era un NPC e due Esterni, l’ultimo invece non mi convinceva ancora, sembrava essere completamente fuori luogo.

Occhi perfidi mi chiese cosa avessi da guardare: “Ti piaccio, non è vero?” chiese con un sorriso viscido ed appoggiando volgarmente la mano sui genitali.

Avevo osservato quello che mi interessava così gli dissi: “Fatevi da parte, sono armata, forza, toglietevi di torno!”

Occhi perfidi sfoderò una pistola, e il suo amico estrasse un serramanico: “Questa troia non sa con chi ha a che fare. Ora le daremo una bella lezione, ma non prima di essercela ripassata a dovere” disse sbavando.

Leggero bagliore luminoso cercava di dissuaderli, ed il “neutro” guardava eccitato quello che stava succedendo.

Intimai di nuovo di togliersi dalle scatole perché ero armata e dissi loro che non avrei esitato ad usare la mia arma.

I due continuavano a fare gli sbruffoni, ad un certo punto si avvicinarono minacciosamente: “Ci hai rotto le scatole brutta troia, adesso vieni con noi!”

Agii su di loro mentalmente, proiettai nelle loro teste un simpatico filmato dove io estraevo una spada laser e falciavo via le mani che impugnavano le armi.

Loro potevano sperimentare la visione delle mani amputate, sentire il rumore delle mani che toccavano il terreno e sentirne l’effettivo dolore; spaventai anche il “neutro” e presi per un braccio l’ultimo dei malcapitati.

Li vidi scappare terrorizzati ed ululanti di dolore, mentre si tenevano stretti i loro arti perfettamente sani.

Per terra erano rimasti solo la pistola ed il serramanico.

Trascinai lontano da lì il ragazzo che aveva lo sguardo leggermente luminoso; stava balbettando impaurito.

Gli chiesi cosa ci facesse con quelle persone, ma non seppe rispondermi, sembrava straniero ed avevo l’impressione che avesse conosciuto quelle persone per caso.

Non sapendo dove andare si era fatto quelle amicizie.

Non eravamo distanti dall’ Accademia, così presi quella direzione. Gianni sembrava mi stesse aspettando, gli presentai il ragazzo.

Questi balbettò: “Ha…ha…u..un… una spada laser!”

Gianni lo guardò intensamente negli occhi socchiudendoli leggermente: “Speriamo che non abbia preso una delle mie, altrimenti passerà dei guai seri” gli rispose molto seriamente.

Gli diede una grossa pacca sulla schiena in segno di benvenuto e gli disse: “Smettila di sniffare il prezzemolo, non vedi che non lo reggi?”

La frase fu seguita da una grassa ed amichevole risata, il ragazzo cercava di controbattere, ma lui lo accompagnò all’interno chiedendogli se avesse fame.

Gli rispose che non mangiava dal giorno prima.

“Di dove sei?”

“Tedesco”

Gianni gli disse con tono molto serio: “Sei sicuramente di Houston”

“No, sono di Francoforte”

“Ma che cavolo dici, lo sanno tutti che Francoforte si trova in Libano!” gli disse dandogli un leggero scappellotto “Non ti sarai per caso drogato con l’acqua minerale?”

Il ragazzo rimase senza parole; mi guardava per capire se sorridevo o se prendevo quella persona seriamente. Io annuivo cercando con fatica di rimanere seria.

Gianni lo portò in mensa e gli riempì un vassoio con del cibo in scatola, pane ed una bibita

“Sai scrivere vero? Hai presente quegli strani segni che si fanno sulla carta,…le vocali?…a e i o u …?” poneva la domanda gesticolando e mimando in maniera esagerata le vocali.

Il ragazzo sconcertato più che mai rispose: “Certo, ho una laurea in Architettura”

Gianni lo guardò nuovamente negli occhi socchiudendoli leggermente: “Sì, ne sono felice per te, ma ti hanno insegnato a scrivere?” rise alla sua battuta e diede un’altra forte pacca sulla schiena del ragazzo, che si ritrovò a sputare il boccone di pane che stava cercando di inghiottire.

Gianni lo lasciò solo per qualche istante per tornare qualche attimo dopo con foglio e penna.

Io rimanevo divertita a guardare come lo stesse simpaticamente strapazzando; sicuramente quel ragazzo si sarebbe trovato un bel livido sulla schiena…viste le sventole che gli stava elargendo gratuitamente.

Si diresse verso di me per informarmi che il “Tizio” non era un Esterno e molto probabilmente nemmeno un NPC.

“Se fosse stato un NPC si sarebbe già rivoltato; sai quelle belle frasi preconfezionate del tipo…Ma come si permette! oppure…Ma lei non sa chi sono io….Ma io la denuncio….

Anzi, sembra che ci siano buone probabilità che sia uno dei nostri, quindi se stanotte non scappa domattina mi invento un lavoro per lui e lo metto su un corso qualsiasi”.

Gli chiesi cosa fossero quelle tenere carezze che gli aveva propinato ed il perché del suo atteggiamento nel parlargli. Mi spiegò che voleva togliere dalla sua mente la “spada laser” e qualsiasi altra cosa gli fosse successa e che per far questo si stava aiutando con battute forzatamente assurde e con un pesante incitamento fisico.

Risi con lui che aggiunse: “Speriamo di non avergli rotto qualche osso”.

Restai a guardare come lo stesse guidando; gli si avvicinò e gli chiese: “Hai ancora appetito divora crauti?…No?.. Bene, vieni che ti mostro dove puoi sistemarti” stava per dargli un’altra delle sue pacche sulla schiena, ma il ragazzo alzò una mano per proteggersi

“Per oggi basta carezze, seguimi!” disse ridendo.

Salirono le scale, potevo ancora udirli chiaramente mentre Gianni gli mostrava una stanza: “Questa è la tua camera, se vuoi puoi pagarti vitto e alloggio facendo qualche lavoretto qui all’accademia, sai usare una scopa?” e senza attendere una risposta : “So che quelle diavolerie moderne richiedono una laurea, ma posso farti vedere io come si usa”.

Il ragazzo stava sorridendo timidamente. Dopo avergli mostrato la sistemazione lo salutò dicendogli: “Se vuoi andartene l’uscita è da quella parte, se vuoi rimanere ci rivediamo domani mattina e soprattutto, lascia stare prezzemolo e cicoria perché non li reggi!”

Tornando a casa riesaminavo i fatti successi nelle ore precedenti; avevo fatto qualche timida scoperta, potevo distinguere gli Esterni ma avevo ancora qualche difficoltà con NPC e con gli abitanti della Confederazione.

Conclusi che il consiglio di Sgrunff funzionava, dovevo andare per esclusione, almeno finché non mi fossi impratichita.

Ritornai nel mio alloggio e mi lanciai sul letto, era stata una giornata veramente intensa e ne ero soddisfatta. Mi addormentai coccolando mentalmente il pensiero di non aver perso Irina, abbracciai Valdes con la mente e mi addormentai.

LA PAZZIA DI MATT

L’indomani passai in infermeria per avere notizie di Irina, Bones mi disse che stava collaborando magnificamente e che grazie al lavoro svolto da me e Sven, la sua telepatia agiva in maniera molto veloce ed efficace nel farla distaccare completamente dal giogo degli emanatori.

“A breve potrà uscire dal Tasker senza rischi e procedere con l’istruzione di Sgrunfy”

Sentii una specie di solletico mentale, sapevo che era lei così la salutai. Sven mise la testa fuori dalla stanza del Tasker di Irina, avevo capito che la stavo distraendo così sorrisi ai due “lavoratori” e salutando Irina mi diressi in Plancia.

Matt, Sonia e Valdes erano già ai loro posti. Sonia mi chiese se mi sentivo in grado di crearmi una sfera energetica perché da lì a poco ci saremmo diretti nella Zona Franca

Le dissi che ci avrei provato.

“Ti aiuterò io caso ne avessi bisogno” disse Valdes rassicurandomi anche con lo sguardo dolce che ormai avevo iniziato a conoscere bene.

Gli chiesi quale fosse il piano e Valdes mi spiegò che Matt aveva intenzione di far visita al Reggente.

Non chiesi altro, sapevo che mi avrebbero messo al corrente, intanto sentivo dei ricordi affiorare tramite il mio Tasker. Sentivo di essere sia la Kate di Planet che il Tenente di prima classe.

Questo mi dava dei vantaggi, ricordavo a grandi linee il colloquio avuto con Gray e le strategie generali delle varie missioni.

Cercai di godermi il viaggio, il mio tentativo di creare una sfera di energia protettiva fu aiutato dal dolce tocco di Valdes, lo lasciai fare, quell’esperienza mi piaceva.

In breve fummo nella Zona Franca, vidi Matt divenire luminoso e sparire.

Si proiettò nel luogo dove sorgeva la Biblioteca Universale, dove c’era Gray ad attenderlo.

La stanza in cui si trovavano era completamente bianca, al punto che senza un'attenta osservazione non si sarebbero sapute distinguere le pareti dagli oggetti in essa contenuti. Non si comprende se fosse stato fatto apposta per confondere o per non distrarre gli ospiti che frequentavano quei luoghi.

Dopo i saluti Matt gli espose le sue intenzioni: “Andrò a far visita al Reggente per chiedergli di fornirmi le esatte ubicazioni dei prigionieri e chiedergli di smettere di inviare prigionieri”.

“Sembri ottimista” disse Gray “sai bene che viscido elemento sia quella carogna, ho paura che non otterrai niente con la gentilezza”

“Non ho mai detto di voler essere gentile, ma devo lasciargli un minimo potere di scelta, in base alle sue risposte prenderò le mie decisioni”.

Il colloquio fu breve e conciso, solo il tempo di scambiarsi quelle due frasi.

“Buona fortuna amico” disse Gray mentre Matt si proiettava su Fionis I.

Matt si materializzò nel centro della sala del trono del Reggente, che colto di sorpresa sputò con disgusto per terra: “Un Nordik!”

“Ciao reggente, come te la passi nel tuo squallido regno?” domandò Matt come se si stesse rivolgendo ad un vecchio amico.

“Come osi presentarti qui?! Nessuno ti dà il diritto di invadere il mio pianeta….”

Di che invasione stai parlando? Vedi per caso qualche invasore? Sono venuto solo ed in visita di cortesia. Una visita tra vecchi amici, ho portato anche qualche biscottino per il Thè”

“Non c’è niente di cortese nella tua visita,….parla! Cosa sei venuto a fare?”

“Come ti è già stato richiesto desidero avere le esatte ubicazioni degli esseri della Confederazione che hai intrappolato con l’inganno e voglio chiederti di smettere di inviare prigionieri nei pianeti della Zona Franca”

Sembravano più richieste di rito, dovute in segno di cortesia, e Matt sapeva bene che non avrebbe ottenuto niente di buono chiedendolo con la gentilezza.

Osservava il reggente senza mostrare nessuna emozione. La sua faccia animalesca sembrava essere un innominabile incrocio tra bestie diverse buttate lì da un creatore molto propenso all'ironia; quello che dovevano essere capelli erano dei lunghi peli untuosi e arruffati; portava una veste nera e viola che gli conferiva un aria lugubre.

Brandiva un lungo bastone dorato a mo di scettro del quale sembrava andare orgoglioso visto la cadenza con cui lo batteva sul pavimento; la mano che l’impugnava era pacchianamente ingioiellata, le unghie lunghe e sporche.

Il salone che faceva da scenario era ampio, tetro nella sua desolatezza ed i suoni rimbombavano da parete a parete creando un eco davvero poco rassicurante.

- Il classico Minchione – pensò.

“Allora reggente sei disposto ad trovare un accordo?”

Il Reggente guardava Matt con un tal odio che le narici si allargavano mentre espirava: “Scordatelo bastardo, come osi avanzare richieste a me; non hai nessuna autorità in questo luogo e la tua presenza non è ben accetta, vattene o ti faccio imprigionare”

Matt lo guardò senza timore, non staccò mai gli occhi dai quelle pupille nere dilatate al punto da coprire quasi l'intera dimensione del bulbo oculare: “Sei uno tra gli esseri più stupidi che abbia mai avuto la sfortuna di incontrare!”.

Capì d'averlo fatto imbufalire quando lo vide brandire il suo bastone come una mazza da baseball e puntarla verso di lui: “Guardie” urlò “imprigionate questo essere insolente!”

Una trentina di guardie accerchiarono Matt.

Vide comparire nelle loro mani alcune strane armi che non riconosceva, altre erano lance dalla punta elettrificata che invece conosceva sin troppo bene; delle reti di energia gli vennero gettate dall’alto, avvolgendolo sino ad intrappolarlo.

- Bella trappola – pensò Matt senza scomporsi; rimase immobilizzato ed in quel momento alle sue spalle apparve Sonia: “Serve aiuto tesoro?…smettila di giocare con questi animaletti, lo sai che ci aspettano a cena”.

“Ciao amore, che bella sorpresa trovarti qui per caso; comunque stai tranquilla me la cavo da solo”.

“Ecco, non vuoi mai farmi giocare con te, sono sempre sola!”

Il Reggente stava assistendo a quello strano duetto con la bocca aperta; era furente e sbalordito, due Nordik nella sua sala del trono: “Intrappolate quella cagna!” urlò in direzione delle sue guardie, ma queste non si mossero di un solo millimetro.

Matt aveva lasciato cadere le reti di energia che lo stavano tenendo “intrappolato”, nel frattempo aveva immobilizzato le guardie che in quel momento potevano muovere solo la testa.

Era diventato luminoso ed ora stava allontanando i presenti senza fare nessuno sforzo, usando solo la sua energia.

Le guardie scivolavano lontano da lui, bloccate come se fossero statue.

Si girò in direzione del Reggente, che nel frattempo si era accasciato sul suo fatiscente trono dorato, immobilizzando anche lui. Lo fece sollevare di circa un metro, godendosi lo spettacolo di quel vermiciattolo urlante e gesticolante che gli ordinava di farlo scendere.

Sonia si avvicinò a Matt e come una gatta in cerca di coccole gli sussurrò: “Voglio giocare anch’io” con una finta aria imbronciata.

Fece materializzare un cuscino irto di aculei sulla seduta del trono utilizzando l'energia del suo pensiero. Spostò una decina di guardie usando la sua energia mentale, spingendole con forza fino al fondo della grande sala. Qualcuno cadde, si accasciò e rimase in una posizione innaturale.

Sonia disse un delicato “Oppsss, scusate”, fece spallucce e sorrise al reggente iniziando il suo discorso “Ascolta Grankuoss…..”

Matt la interruppe immediatamente: “Come si chiama?… Granculos?.. Davvero?” e continuò: “Si Granculos, ascolta la mia adorabile compagna”

“Quale compagna?” domandò Sonia indispettita: “Ecco sei venuto in compagnia e mi hai lasciata a casa da sola”

“Ma no cara! sei…”

“Ecco, siete venuti in sei e mi hai lasciata a casa da sola a lavare le cipolle”

“Ma tesoro, sai bene che sei….”

“Vuoi forse dirmi che sei sono pochi?…ed io che ti aspettavo a casa sbucciando i carciofi”

“Smettila adesso, Granculos potrebbe aversene a male, guarda che sguardo idiota che ha dipinto sul volto”

“Ecco, voi qui a dipingere e io sola a casa a spennare le melanzane”

“Ma amore mio lo sai che siamo ospiti di questo testicolo purulento, comportati come si conviene…”
“Ecco, tu fai sempre quello che ti conviene e io sola a casa a ritinteggiare i camosci”

Gli occhi del Reggente saettavano a destra ed a manca come se stessero seguendo una partita di ping pong; non riusciva a capacitarsi di quello strano avvenimento: “Bastardi” disse.

Matt usò la sua mente per far sì che si infilasse un dito della mano sinistra nel naso, facendoglielo entrare il più possibile.

“Ma tesoro, non essere indelicato con il nostro ospite, lascia che si accomodi sul suo vomitevole trono” disse Sonia guardando Grankuoss con molta gentilezza.

Il Reggente era inviperito, stava scendendo verso il suo trono: “Me la pagherete baaaaaaaaaahhhhhhuuuu…” emise un feroce ululato mentre gli aculei si infilavano nel suo deretano.

“Non so perché questi esseri abbiano così a cuore la sensazione del dolore, ma guardalo cara, sembra che gli piaccia. Sei certa di non avergli fatto un piacere?!”

Osservavano la scena data dal reggente, un viso animalesco con un dito infilato profondamente nel naso ed un espressione dolorante incorniciata da capelli arruffati ed unti.

“Bastardi” sibilò Grankuoss, “Pagherete caro il vostro affronto”

“E vedi di piantarla Granculos, stai diventando un zinzino monotono” dopo questa frase cercò di scandagliare la sua mente, si ritrasse con un’espressione schifata e rivolgendosi a Sonia disse: “Mi ci vorranno un paio di docce energetiche dopo aver visto il suo lerciume, comunque non sa dove si trovino i Tasker degli esseri della Confederazione”

Si rivolse al Reggente: “Complimenti natica larga, ottima organizzazione, capisco perché ti rifiuti di darci informazioni, siete così confusionari da non sapere nemmeno quello che state facendo”

Sonia guardò Matt dubbiosa: “Cosa si fa adesso?.. a cosa giochiamo?”

Matt rilasciò la presa sul braccio destro di Grankuoss che usò quei pochi istanti di mobilità per arrivare alla tastiera posta su di un bracciolo del suo trono: “Adesso vi distruggerò maledetti”

Matt gli immobilizzò di nuovo l’arto e gli fece storcere la bocca in segno di smorfia bloccandogliela come se avesse una mezza paresi: “Basshhtardi, adesscio paghrrrete carrrro il vosschtro affrrrronto!” sibilò lui mentre si accese un enorme schermo su di una parete laterale della sala.

Sonia si girò verso quella grande parete: “Siii, guardiamo un bel film, cosa danno?”

“Penso che sia una parodia di Star Wars, non abbiamo del pop corn?”

“Guarda, la Nemesis, certo che rompe il video,…è bellissima”

Nelle sue mani apparve una confezione extra di pop corn e Matt ci infilò dentro una mano facendone cadere molti per terra.

“Ma tesoro, che pasticcione che sei”

“Tranquilla cara, tanto pulisce unghia lercia” così dicendo indicò il reggente alle sue spalle.

“Basssccchhhtardiii” sibilò nuovamente Grankuoss.

“Vedi di piantarla ammasso di cacca, vogliamo vedere il film” esclamò Matt guardando in direzione del reggente, mentre nelle sue mani era apparso un piccolo casco di banane; si apprestò a mangiarne una e gettò la buccia per terra.

“Ma amore del mio cuore, sei proprio un bel pasticcione, non devi buttarla lì”, si avvicinò alla buccia, la spostò di pochi centimetri con un piede e sorridendo a Matt disse: “Quello è il suo posto”.

Intanto un nugolo di navicelle aveva circondato la Nemesis e dei lampi di luce ne illuminavano la superficie di un colore bianco accecante. Il Reggente sibilò “Sciii”.

Sonia si girò verso di lui, prendendo un pop corn: “Zitto mousse di cacca di Gnu, vorremmo vedere il film. Uff…c’è sempre qualcuno che parla mentre sei al cinema”.

Gli spari si intensificarono e Sonia disse contenta a Matt: “Caro, hai visto? i fuochi d’artificio! stanno festeggiando la nostra bellissima nave”

Un fulmine globulare partì da una nave di fronte alla Nemesis, l’impatto era imminente, il Reggente osservava la scena con sadico eccitamento: “Sciarrà la vvosctrra ffine”.

Matt stava sbucciando con una calma indescrivibile una seconda banana, ma anziché mangiarla la lanciò al reggente costringendolo a prenderla al volo. Lo immobilizzò nuovamente con la banana stretta in mano ed il braccio teso, questo gli procurò delle fitte ulteriori e lo costrinse ad un urlo animalesco.

Sonia si girò a guardarlo; vedere quell’animalesco individuo con un dito nel naso, la bocca storta i capelli unti proteso in avanti con una banana in mano la fece scoppiare dal ridere.

Matt sorrise e le disse: “Non essere maleducata con quell’ammasso di cacca, dopotutto siamo a casa sua. Guarda che bella!”

“Ma amore, chissà quanto hanno speso per organizzare questa festa” e fiutando l'aria come un cagnolino che cerca strani odori attorno a se “certo che questo posto puzza!”

Intanto il fulmine globulare aveva colpito la Nemesis e l’aveva attraversata, la nave era indenne ma quella che stava alle sue spalle era stata colpita in pieno e stava per esplodere.

Sul viso del reggente si poteva leggere la sorpresa, anche se con l’espressione che aveva la cosa era molto difficile.

Presto si poté vedere quanto fossero inefficaci le armi usate nell’attaccare la Nemesis, ogni cosa l’attraversava senza fare nessun danno, lo stesso non si poteva dire per le navi del Reggente.

Si stavano decimando da sole, gli spari anziché colpire la nave dei nostri amici le passavano attraverso e colpivano le navicelle che stavano dalla parte opposta.

La battaglia cessò con metà delle navicelle abbattute senza che la Nemesis avesse fatto una sola manovra.

“Bel film, ma finale scontato. Non c'era pathos, non si sentiva la tensione della battaglia. Meno male che non abbiamo pagato il biglietto” disse Sonia.

A quel punto Matt si rivolse al reggente: “Senti Granculo, scusami per poc’anzi…..”

Sonia lo interruppe: “Ma come parli bene amore mio”.

“Grazie tesoro, però non interrompermi” disse accarezzandole una spalla “rischiamo di mancare di rispetto al nostro ospite”

“Senti coglionazzo, devi scusarmi per poc’anzi, avevo dato per scontato che tu fossi uno tra i più grossi idioti mai incontrati….scusami, in realtà tu sei il più grosso idiota, questo primato ti spetta di diritto.

Perdonami se ho dubitato di te. Comunque, apri bene le orecchie e ascolta bene quello che ho da dirti: non è più permesso alle tue navi di trasportare prigionieri nella Zona Franca.

Le tue guardie ed i tuoi inservienti dovranno sloggiare dai pianeti di gioco.

Non ti sarà permesso di invadere nessuno dei pianeti di quella zona, le tue luride prigioni te le costruirai sui pianeti della Federazione”

Gli occhi di Grankuoss era iniettati di sangue, un odio profondo era alla base della sua misera esistenza e non faceva niente per nasconderlo, anzi, sembrava vantarsene: “Allora vuoi la guerra Nordik!”, Matt gli aveva rilasciato la bocca per lasciarlo parlare normalmente, ma lo aveva lasciato nella posizione precedente.

“Sai bene che non facciamo guerre, quella parola non esiste nel nostro vocabolario e comunque, qualsiasi essere normale nelle tue condizioni cercherebbe di strappare un accordo, tu non ci provi nemmeno. Capisco il rammarico di Gray quando parla della sua gente”

“Gray!” grugnì il reggente “quel lurido traditore, così c’è lui dietro tutto questo, …maledetto verme”

Sonia intervenne con voce calma: “Proprio non capisci, anzi, non cerchi nemmeno di capire,….sai che gli scimpanzé bonobo fanno molto sesso ricreativo?”

A quelle parole uno scimpanzé apparve sulle gambe del Reggente.

“Ma!...” ogni volta che questi diceva una parola la scimmia lo schiaffeggia con entrambi le mani, contemporaneamente.

“Ahiii! Toglietemela...”

Grankuoss sputò addosso alla scimmia per farla andare via ma questa gli sferrò un morso sulla caviglia e gli salì sulla testa, controllando l’untuosità dei capelli come alla ricerca di pulci, li annusò e poi cominciò ad usare quella testa sporchissima come se fosse un tamburo.

Il Reggente cercò di parlare, ma ottenne solo di mordersi più volte la lingua.

“Guarda come giocano, sembrano amici” esclamò Sonia.

“Sì, ma è decisamente più simpatica la scimmietta”

“Sai che questi scimpanzé fanno sesso orale?”

“Ah sì? e chi si occupa dello scritto?”

“Ma cosa hai capito schiocchino?”

“Ma è chiaro tesoro, agli esami c’è l’orale e lo scritto”

“Ma no mio bel somarello, orale, deriva da orare, è latino..forse greco..magari è turco”

“Ahhh, adesso capisco, significa che prega, fa sesso ed intanto dice le preghiere”

“Esatto amore, vedo che capisci”

“Ma certo che tu sai un sacco di cose! Sei stupenda!”

“Eh si caro, hai proprio ragione”

“Oh come hai ragione a dire che ho ragione”

Gli occhi del reggente avevano ripreso a muoversi a ritmo di una partita di ping pong, restava inebetito dalle parole di quei due, non riuscendo a capire se fossero pazzi.

La scimmia intanto gli saltò sulle gambe facendolo urlare e la vide trafficare sotto la sua veste.

Estrasse quello che doveva essere il pene del reggente, lo prese con pollice ed indice per la pelle con un aria schifata, lo dimostrava il fatto che stava sventolando l’altra mano davanti al muso.

Sonia e Matt guardavano quello stupido essere col dito nel naso ed una banana in mano; sembrava che stesse per avere un’erezione.

La dispettosa scimmia appoggiò il lercio pene del reggente sulla sua mano e con l’altra cominciò a prenderglielo brutalmente a sberle, mentre gli saltava sulle gambe, sollevando le labbra ed emettendo dei versi alquanto simpatici.

Il Reggente ululava di dolore, ad ogni sberla sul suo pisello seguiva un salto sulle gambe; tutto questo movimento portava gli aculei del cuscino a conficcarsi sempre maggiormente nel suo sedere.

La scena era assurda, non voleva saperne di mollare la banana né di togliersi il dito dal naso.

Riuscì a gridare “Guardie!”, ma queste erano immobilizzate a guardare quella scena così incredibilmente fuori da ogni immaginazione perversa; qualcuno stava anche cercando di non ridere.

Matt disse a Sonia che c’era la possibilità che Grankuoss se la stesse godendo, allora il simpatico scimpanzé si tolse di torno e sparì, senza mancare di assestare due sonori schiaffoni al lurido.

Matt comunicò il suo ultimatum al Reggente: “Puoi decidere se fare quanto ti è stato chiesto; se lo farai di tua spontanea volontà te ne saremo grati.

Il nostro scopo è quello di liberare la nostra gente, non saremo vendicativi nei tuoi confronti.

Ma sappi che se farai un solo gesto contro il nostro lavoro daremo tutto l’appoggio possibile a Gray e rimetteremo a lui qualsiasi decisione.

Nessuno invaderà l’universo Esterno, ma ti assicuro che nessuno dei tuoi metterà più piede nella Zona Franca.

Hai già fatto abbastanza per intrappolare i nostri amici, nessuno chiede vendetta, ma non intralciare il nostro operato.

Ogni nave ostile nella Zona Franca verrà spazzata via”

Sonia che sembrava essere pensosa: “E se ….facessimo costruire un Tasker dal nostro Sven per rinchiudere Grankuoss, diciamo… per fargli vivere molte vite nei panni di una cacca.

Intendo una cacca vera, una di quelle che fa sempre lo stesso tragitto, sempre lo stesso tratto intestinale e che viene abbandonata dove capita….”

“Sarebbe una buona idea, ma guarda i suoi occhi, sembra che la cosa gli piaccia, non vorrai dargli un premio per caso”

“Hai ragione tesoro, per lui la punizione più grande sarebbe quella di costringerlo a farsi una doccia”

I due lasciarono un’ incredulo Reggente e fecero ritorno alla Nemesis ancora in preda ad attacchi di riso per quello che avevano combinato in quella sala; ci misero al corrente della loro missione e convocarono Gray al quale venne assegnato il compito di vigilare la Zona Franca. La sua base d’appoggio sarebbe stata la Biblioteca Universale.

Matt e Sonia ci diedero i dettagli della strana missione usando la trasmissione mentale, Gray rideva come un folle.

Io e Valdes li salutammo ed uscimmo dal Ponte di Comando che ancora stavamo ridendo, avevo vissuto quell’esperienza come se fossimo stati presenti.

Incontrammo Sven lungo il corridoio che mi aggiornò sullo stato di avanzamento del mio “olog” in fase di completamento. Gli trasmisi i dati della missione, sbottò in una grassa risata e continuò per la sua strada.

Sgrunff ci stava aspettando nell’aula di teoria, ci accolse con un braccio proteso in avanti, una smorfia sulla bocca ed un dito nel naso.

Io a Valdes ricominciammo a ridere come due imbecilli e subito Sgrunff ci fece compagnia. Quella fu la barzelletta per l’intero equipaggio.

Rielaborai quella missione, naturalmente non riuscivo a smettere di ridere, cercavo di captare ogni singola sensazione, ma non trovai ne cattiveria ne malvagità per quanto riguardasse Matt e Sonia.

Non potevo dire lo stesso per il reggente, anche se ogni volta che cercavo di analizzare le sue emozioni mi si parava davanti quella simpatica scimmia che gli saltava sulle gambe e gli schiaffeggiava quel misero pene.

Lasciai perdere e seguimmo Sgrunff nella sala gemella all’aula di teoria posta dall’altra parte dell’infermeria.

Ci spiegò che Irina avrebbe ricevuto in quel luogo la sua istruzione teorica perché al momento era sprovvista di “olog”.

“Anzi” disse “Non è neppure stato previsto,… ma se lo vorrà, una volta pronta, sono sicuro che Sven gliene preparerà uno”.

Gli dissi che ero certa che ne avrebbe richiesto uno, in tutta risposta sentii la sua trasmissione mentale: “Puoi contarci sorellona”, le mandai un tenero bacio e la salutai.

Quel giorno era finito con quello che io battezzai la pazzia di Matt.

Adoravo i miei amici

IL MIO “OLOG”

Dissi a Valdes che il mio personaggio aveva bisogno di mangiare, così lo invitai alla tenuta.

Mi stava aspettando una sorpresa.

Serena ci accolse: “Ciao ragazzi, Valdes!!! mio caro! è molto che non ti fai vedere, venite” mi fece notare che la mia roba era stata spostata nella casa principale. Avevo due stanze a disposizione per i miei hobby, ma non sapevo che hobby avessi, così guardai Valdes con aria interrogativa.

Lui mi disse che probabilmente stavano organizzando qualcosa, comunque potevo usare la camera di Matt e Sonia, loro avevano lasciato tutta la tenuta a mia completa disposizione.

I miei vestiti erano già nell’ armadio, ma io non sapevo cosa avessero in mente quei pazzi scatenati, ogni cosa era una sorpresa.

Mi accontentai di mangiare le squisitezze che aveva cucinato Serena e passai una piacevole serata con Valdes.

Passammo la notte lì, dormii abbracciata a lui.

Al mattino, dopo una rapida colazione, fummo di ritorno alla N Technology.

Denise era raggiante, c’era un flusso continuo tra vendite, produzione e spedizioni; mi informò che avevamo già raggiunto il 20% del nostro obiettivo, me ne rallegrai ed andai nell’aula.

Sgrunff e Sven mi spiegarono che stavano installando un’intelligenza artificiale al mio Tasker, quando questa sarebbe entrata in funzione la Kate di Planet sarebbe diventato un NPC sotto il mio controllo.

Avevano scelto le abilità di pittore, scultore e scrittore.

Si era prospettata la necessità che dovesse stare per lunghi periodi in un posto e la cosa migliore era di farne un’ artista che si isolava nei momenti creativi.

Viveva alla tenuta, aveva la sua auto ed una certa indipendenza, erano state tolte gran parte di emozioni negative e di blocchi mentali, così che potesse lavorare senza troppi intralci.

Nel pomeriggio sarebbe stato tutto pronto, anche il mio “olog”.

La cosa mi eccitava, potevo finalmente uscire dal Tasker, avevo voglia di un po’ di libertà, non che ultimamente me la stessi passando male, ma avevo sperimentato qualcosa di molto meglio ed ero stanca di portarmi appresso quel peso chiamato corpo o personaggio.

L’ultimo avviso di Sven fu quello inerente ad una sottilissima connessione con il mio personaggio, se avessi voluto concentrarmi su di esso avrei immediatamente saputo dove fosse e cosa stava facendo.

La cosa era di mio gradimento, così chiesi a Valdes di festeggiare con un Alaska, Sgrunff si accodò.

Una volta giunti nello strano bar a bordo della Nemesis ordinammo i tre drinks e dissi a Valdes: “Per caso…il nostro Sgrunfio sta aspettando una promozione?”

“Nahhh, lui non si abbassa a queste cose, penso che voglia solo bere”

“Sgrunfietto caro sei proprio un gran ubriacone sai?”

Valdes gli diede una pacca sulla spalla : “Meglio stare attenti, questo simpaticone sarebbe capace di berne quattro alla volta”

“Tranquillo caro, lo tengo d’occhio” disse Kate.

Sgrunff ci guardava divertito, gli porsi il suo Alaska e gli disse che se l’era meritata…..la promozione.

“Ma cara” disse Valdes “ma non vedi che è solo qui per bere?” poi rilassando tutto il volto in un sorriso gioviale “D’accordo, ok.... oggi pomeriggio ci sarà la tua cerimonia”

Sgrunff esibì un sorriso da orecchio ad orecchio, io aggiunsi: “Sì, festeggiamo una bella promozione alla classe nona” e risi. Il sorriso di Sgrunff si bloccò ed io risi ancora più forte: “Tranquillo Sgrunfio, so che così facendo saresti degradato, stavo scherzando”, alzai la mia coppa e gli feci gli auguri.

La sua eccitazione era chiaramente visibile ed ordinò altri tre Alaska, si prese anche un Siberian, una di quelle strane paste che si scioglievano in bocca sprigionando variegati sapori di frutta.

Valdes rise di gusto “Hai visto che voleva solo bere, …. ne ha ordinati altri tre!!”.

Ma Sgrunff era troppo felice in quel momento, ci porse i drinks: … “Salute” e bevve il suo d’un fiato.

Bene, mi aspettava un pomeriggio intenso, ero curiosa di vedere il lavoro di Sven.

Passai un po’ di tempo nell’aula di teoria nell’attesa che il mio “olog” fosse pronto a subentrare al personaggio che stavo usando.

Riguardai le mie analisi, sentivo che mancava qualcosa, c’era qualcosa che sentivo essere importante e che mi stava sfuggendo.

Aveva a che fare con i sogni, ..ci pensavo ma non riuscivo a focalizzare cosa fosse.

I miei pensieri furono interrotti da Sven che mi chiedeva di raggiungere il mio Tasker; aveva approntato un apparecchio che avrebbe sostituito la mia presenza alla guida della “Kate di Planet”.

Mi chiese di sdraiarmi sul lettino: “Solo il tempo di collegare l’apparecchiatura” disse Sven.

Così mi sdraiai, uscii dal Tasker ed intanto potevo osservare mentalmente il mio personaggio alzarsi ed uscire dall’infermeria.

Sven mi disse che nel mio alloggio c’era un secondo Pac che serviva ad attivare l’ologramma che avrei potuto usare per riconnettermi a Planet, mi spiegò come attivare il programma: “Nel tuo alloggio troverai una tuta da ginnastica, prendila e raggiungici in palestra, dobbiamo istruirti sul funzionamento del tuo olog”.

Andai al mio alloggio, attivai il programma tramite il Pac e mi diressi alla palestra; oltrepassando la zona di transito sentii l’ologramma attivarsi.

Avevo una visione duplice, mi bloccai, io non potevo oltrepassare la zona di transito, così mi trovai all’esterno della Nemesis.

- Bello scherzetto mi hanno fatto! - ritornai nel mio alloggio e sentii l’olog disattivarsi….c’era qualcosa che non funzionava.

Andai in infermeria, Sven stava ridendo: “Scusami Kate, ma non ho saputo resistere, ..riprova, attiva il Pac e dirigiti mentalmente versò la zona di transito”, risi anch’io vedendolo giocare a quel modo.

Ritornai all’ alloggio, mi misi comoda in poltrona ed attivai nuovamente il programma, mi diressi mentalmente verso la zona di transito ed il mio “olog” si materializzò.

Stavo comodamente seduta in poltrona ed intanto guidavo il mio “nuovo personaggio” verso la palestra, dovevo abituarmi a quella doppia visione; provai a concentrarmi maggiormente all’ ologramma.

Mi trovai in palestra, vidi la tuta che avrei dovuto prendere nel mio alloggio, Sgrunff e Sven sorridevano: “Adesso proverai un po’ di confusione dovuta allo sdoppiamento.

Non stai più usando un personaggio tipico di Planet, quindi dovrai abituarti al fatto che sei pienamente cosciente di quello che sei.

Come cercherai di attraversare la zona di transito il tuo olog si attiverà e ti proietterà all’interno di Planet, ma tu sarai sempre cosciente.

Devi solo concentrarti maggiormente sul gioco”

Questa fu la prima spiegazione di Sgrunff, capivo cosa stesse dicendo, la cosa era perfettamente logica, Planet H in realtà non esisteva se non nella forma di videogame quindi non potevo entrarci con il corpo mentale.

Indossai distrattamente la tuta e le scarpe da ginnastica, provai a sperimentare il mio olog, era leggerissimo, molto simile al corpo mentale.

Dava delle leggere sensazioni, era come indossare un leggerissimo e comodo abito di seta.

Sentivo che non aveva organi interni, era leggero ed allo stesso tempo robusto.

Sven cominciò ad istruirmi sulla conformazione dell’ olog: “E’ Stato costruito prendendo come riferimento il corpo mentale, è indistruttibile…più o meno, possiede alcune abilità che dovrai imparare ad usare.

La percezione dell’olog è molto fine, puoi manovrarlo a tuo piacimento senza sforzo, stai solo attenta a non fare cose innaturali, desteresti sospetti”

“Perché hai detto …indistruttibile più o meno?” gli chiesi incuriosita. Sgrunff rise mimando un’esplosione, subito ricordai le due volte che lo avevo disintegrato, adesso capivo esattamente quello che intendeva e risi.

Sgrunff mi spiegò che dovevo esercitarmi ad usarlo, cominciando dalla deambulazione: “Puoi volare, ma evita di farlo quando puoi essere vista”.

Valdes e Sonia entrarono in palestra in quel momento, io mi sollevai di circa venti centimetri da terra, era vero, aveva delle qualità simili al corpo mentale. Bene, ero stufa di quell’altro corpo così pesante.

Mentre mi spostavo da una parte all’altra della palestra Valdes stava preparando delle cataste di fogli su di un tavolo.

“Butta in giro tutte queste carte” mi disse Valdes indicando il tavolo. Mi avvicinai e con le mani buttai tutto per terra.

Sonia scoppiò a ridere: “Anche l’altra Kate non sarebbe stata in grado di fare di meglio, prova ad usare la tua forza mentale invece di usare le mani”.

Rimisi a posto le carte mentre gli altri mi guardavano divertiti. Una volta che ebbi riposto tutto sul tavolo mi allontanai e cercai di sparpagliare le carte usando il pensiero.

Non successe niente. Sgrunff mi disse di cercare di immaginare un raggio invisibile che uscisse dal mio “olog” e che colpisse le risme di carte posizionate sul tavolo; lo feci, tutti i fogli saltarono per aria e, con mia grande sorpresa, il tavolo andò in briciole.

Valdes e Sonia risero di gusto: “Ecco, su questo devi esercitarti, altrimenti ci farai esplodere tutte le scrivanie” disse Sonia divertita.

Sven mi spiegò che avrei potuto passare attraverso le pareti, mi diede indicazioni su come fare: “Prova con delicatezza, devi pensare che il tuo nuovo corpo sia etereo”

Mi diressi verso la finta parete alta circa due metri che era stata predisposta nel centro della palestra, vi sbattei il muso contro, non sentivo alcun dolore, solo un leggero formicolio : “Quella che senti è l’esatta sensazione del dolore, quando percepisci un formicolio devi stare attenta a quello che ti sta succedendo, potresti trovarti seduta su di un falò e non accorgertene.

Sicuramente qualcuno di denuncerebbe per stregoneria” spiegò Sven cercando di trattenere qualche risata.

Quei quattro si stavano decisamente divertendo alle mie spalle, ma non provavo nessuna emozione negativa, anzi, ero contenta.

Corsi verso la finta parete in maniera decisa, la attraversai senza sforzo, sentivo però qualcosa era cambiato, mi voltai e vidi che la mia tuta e le scarpe erano rimaste dall’altra parte.

I quattro ridevano sonoramente: “Ricorda che tutto quello che esiste in Planet è vincolato dalle leggi di quel gioco, quindi alcune cose sono impossibili da fare”, disse Sgrunff intanto che si teneva la pancia con due delle sue mani.

Guardai il mio ologramma, ricopiava perfettamente il corpo umano, guardai i miei seni, i capezzoli erano ben fatti e sembravano veri, guardai verso il pube, avevo indosso un paio di mutandine, incuriosita ci guardai dentro.

Sonia mi guardava divertita “Tutti i bambini piccoli giocano col pisellino quando si rendono conto di averlo”.

La guardai e risi, ricontrollai all’interno delle mutandine, c’era una leggerissima peluria e nient’altro, niente fessure, niente buchi, anche il sedere era perfettamente modellato ma privo di buco.

Indossai la parte superiore della tuta, cominciai a fissarmi le mani, Sonia mi disse di cercare di regolarne la luminosità, lo feci e la mano destra diventò trasparente, cercai di toccare le due mani ma una passava attraverso l’altra emettendo delle leggerissime scariche elettriche.

La feci ritornare solida, mi guardai i piedi…unghie rosse: “Sven, sei proprio un fetente!” gli dissi ridendo.

Lui mi spiegò, mentre continuava nel tentativo, poco riuscito, di non ridere: “Dal Pac che è rimasto nel tuo alloggio puoi modificare alcune cose, dal colore delle unghie ai capi d’abbigliamento, tutto quello che ti stiamo mostrando è a scopo dimostrativo, anche le unghie rosse.

Sono stati usati di proposito abiti di Planet per farti capire come agiscano i diversi tipi di materia.

Quelli che puoi scegliere tramite il tuo Pac ti seguiranno se attraversi un muro”.

L’atmosfera era particolarmente ilare, io ero il bersaglio dei loro sberleffi, ma la cosa mi divertì parecchio.

Me la stavo spassando ad usare il mio nuovo corpo: “Come faccio per l’auto?” chiesi, visto che l’altra Kate l’aveva portata con se alla tenuta.

Valdes mi disse che c’arano una decina di Suv creati sempre da Sven con lo stesso sistema di ologrammi, erano in un parcheggio diverso da quello aziendale ed avrei potuto usarne uno a seconda delle mie necessità.

“Bene, andrò nel mio alloggio a cambiarmi, voglio uscire per sperimentare il mio olog” dissi ai ragazzi. Sven mi fermò: “Aspetta Kate, non hai bisogno di tornare nel tuo alloggio, basta che pensi intensamente di spegnere il tuo ologramma e ti ritrovi immediatamente sulla Nemesis, senza doverti muovere per forza.

Ricorda solo che per entrare in Planet devi avviare il programma tramite il tuo Pac, questo lo devi fare ogni volta, basta che ti concentri in un luogo qualsiasi della zona di transito e ti ci ritrovi, per uscire ti consiglio di camminare come se tu avessi un corpo normale”

Ascoltate quelle parole spensi il mio “olog” e mi trovai nell’alloggio, riprogrammai alcune cose, cominciando dalle unghie rosse.

Utilizzai dei vestiti come quelli che usavo solitamente per recarmi al lavoro e riavviai il programma.

In poco tempo fui di nuovo in palestra, i miei amici erano ancora lì, sembrava che mi stessero aspettando.

Misi intanto l’attenzione sull’altra Kate, vedevo che stava finendo di sistemare un computer su di una scrivania in una delle due stanze messe a sua disposizione alla tenuta.

Si accingeva ad aprire degli scatoloni, da uno di essi estrasse un cavalletto e delle tele, ne prese una incartata e la sconfezionò – Ettore e Andromaca - mi ero scordata di quel dipinto, ma evidentemente Sonia si ricordava bene della promessa che mi aveva fatto un paio d’anni prima, le sorrisi.

Prima di salutarmi mi dissero che se avessi avuto bisogno di uno di loro bastava che lo chiamassi mentalmente; annuii e chiamai mentalmente tutti quanti, loro risero e mi lasciarono uscire.

Andai al parcheggio interno che mi era stato indicato, mi misi alla guida di uno dei Suv ed andai in direzione di un laghetto non molto distante.

Mi divertii a sperimentare il mio nuovo corpo – In questo modo è divertente giocare in Planet! - pensai a tutti gli esseri che vi erano intrappolati e rafforzai il mio desiderio di aiutarli ad uscirne.

Mi trovai a giocare con delle papere che mi osservavano incuriosite, stavo camminando vicino a loro, mi accorsi di essere in piedi sull’acqua e tornai prontamente a riva sperando che nessuno mi avesse visto.

Cercai di lanciare dei sassi nell’acqua usando il raggio invisibile, facevo come mi era stato spiegato, intanto cercavo di regolarne la forza.

Raggiungere la sponda opposta che distava circa un chilometro non era decisamente una cosa naturale per una ragazza, così cercai di fare dei lanci più corti.

La parte più difficile era moderare la forza, trovavo più difficoltoso tirare dei sassi vicino a me che non lanciarli nel mezzo di quel laghetto.

Decisi che mi sarei allenata ogni giorno per cercare di regolare le mie nuove capacità.

Spensi l’olog e mi trovai nel mio alloggio, decisi di riunire gli altri per verificare lo stato delle operazioni in corso, volevo anche informarmi di come stesse procedendo con Irina.

Nella sala dei meeting erano tutti presenti, anche Gray era stato convocato, quella volta era presente anche Denise.

Chiesi come stesse procedendo con Irina e che nuovi sviluppi si stavano prospettando; mantenevo sempre una forma di comunicazione verbale anche se le informazioni più complesse da spiegare le trasmettevamo mentalmente.

Cominciò Bones: “Stiamo procedendo bene, penso che a breve Irina possa essere staccata dal suo Tasker, abbiamo trovato ordini nascosti che inducevano un essere a riprendere possesso di un nuovo Tasker e riproiettarsi nel gioco.

Questo era il pericolo maggiore da scongiurare, ora stiamo lavorando telepaticamente sulla sua vera identità mentre Sven disattiva i vari circuiti con cautela”.

Gli chiesi quali problemi erano connessi con l’identità : “Ricordi come ti ha salutato la prima volta che hai visto il suo Tasker?” mi chiese Bones .

“Sì” dissi “mi salutò con Ciao Sorellona!”

“Esatto, ma tu sai bene che nessuno di noi ha fratelli e sorelle, ma solo amici” aggiunse Bones.

Era vero, “Sorella” faceva solo parte della commedia di Planet.

Matt prese la parola e spiegò a Gray ed a tutti noi come sarebbe stato meglio procedere: “Metteremo a disposizione della Zona Franca delle astronavi che serviranno solo come mezzo di difesa in caso gli Esterni decidano di fare qualche strana sortita.

Faremo in modo di riuscire a spaventarli per farli desistere da ogni loro azione.

Tu Gray visita pure i luoghi che ritieni utili per far passare chiunque ti voglia seguire nella Zona Franca.

Intanto spediremo a casa loro guardie ed assistenti appartenenti alla Federazione Esterna piantonando ogni edificio dei quattro principali pianeti dei giochi”.

Proseguì con la comunicazione mentale : “Convochiamo tutti gli abitanti dei vari pianeti della Confederazione Unita per verificare chi tra loro vuole partecipare a questa impresa; presumo che saranno in molti”.

Detto questo lasciò la parola a Gray: “Partirò per un rapido tour tra i pianeti nei quali ricordo amici che avevano il mio stesso modo di vedere le cose, chiederò loro di organizzare dei gruppi di esseri desiderosi di sottrarsi alla stupidità del Reggente.

Spiegherò loro cosa stiamo organizzando e gli darò modo di raggiungere la Biblioteca Universale”

Chiesi a Sgrunff una stima degli esseri della Confederazione intrappolati sui quattro pianeti Grekos;

dopo essersi consultato con Sven e disse: “Secondo i nostri calcoli abbiamo circa 7.500 installazioni per ognuno dei pianeti in questione, questo ci porta ad un totale di circa trentamila edifici utilizzati per Planet H.

Considerando che in ogni installazione possono essere stati utilizzati due o tre esseri della Confederazione per produrre l’energia necessaria a mantenerla funzionante, direi che ci sono intrappolati dai novanta ai centomila esseri appartenenti alla Confederazione Unita”.

Scuotendo leggermente la testa aggiunse : “Ma questo è un calcolo approssimativo, se invece consideriamo gli Esseri della Federazione Esterna, direi che dai Tasker in azione siamo intorno agli ottocento milioni di individui”.

Osservai Gray, e si apprestò a spiegare: “Siamo certi che solo una parte degli individui imprigionati siano veri criminali.

La maggior parte degli esseri sono sicuramente individui normali che davano fastidio al Reggente, potrebbero essere considerati una sorta di prigionieri politici.

Vista la malvagità e la stupidità della razza a cui appartiene Grankuoss è facile presumere che la maggior parte degli individui intrappolati siano stati messi in quelle prigioni ingiustamente”.

Intervenne Sonia: “Sappiamo bene di che pasta sono fatte alcune razze abitanti nella Federazione, e sappiamo anche che altre razze sono esseri normali, individui che non vogliono avere niente a che fare con l’attuale regime.

Daremo loro un aiuto per staccarsi da quell’universo invaso dalla stupidità.

Sappiamo che nessuno di loro riuscirà ad entrare nell’universo della Confederazione, per via della loro energia pesante, ma qualcuno potrebbe prendere il tuo esempi” indicando Gray “Benché non sia una cosa facile da fare”.

Rivolgendosi a Matt : “Facciamo intanto in modo che si sentano più liberi utilizzando come loro nuova casa i pianeti della Zona Franca, dopo di ché spetterà loro decidere, sono esseri particolarmente dediti al gioco, penso che il luogo più consono per la loro esistenza sia la Zona Intermedia”.

Gray annuì, si stava delineando un piano d’azione che avrebbe coinvolto molti individui e soprattutto avrebbe fatto cambiare aspetto alla Zona Intermedia, la famosa Zona dei Giochi.

I pianeti Grekos I, II, III e IV stavano per essere cambiati radicalmente da quelle decisioni.

Tutti erano d’accordo sul da farsi, il meeting terminò ed io entrai in Planet assieme a Valdes.

Ero desiderosa di fare esperimenti e di osservare gli abitanti di quel posto utilizzando il mio nuovo e fantastico corpo, mi stavo quasi divertendo; anzi, consideravo le missioni che ci eravamo riproposti di attuare e mi sentivo ottimista, mi stavo divertendo davvero.

Il mio olog rispondeva bene, spesso Valdes rideva per le azioni e le mosse “esagerate” che gli facevo eseguire.

Mi fece notare che quanto fosse inappropriato per una giovane ragazza spostare le panchine di cemento del parco per raddrizzarle leggermente: “Stai diventando ossessionata dall’ordine?” mi domandò con un sorriso, ma io non stavo badando molto a quello che facevo.

Pensai mentalmente ad un luogo solitario, una grande vallata dove una piccola cascata sgorgava da alcune rocce e formava un torrente, trasmisi quell’immagine a Valdes e ci ritrovammo in quel luogo.

Il panorama era splendido, nessuno era in vista, mi gustai quella vista e la compagnia di Valdes.

Ritornammo in città, da una panchina potevo vedere due ragazzini di circa dieci anni, uno dei due era particolarmente fastidioso.

Continuava a torturare l’altro, sembrava una zanzara o una mosca che continuava a molestare la sua povera vittima.

Pensai di dargli uno scappellotto sulla testa; il mio pensiero divenne azione e vidi il ragazzino spostare la testa in avanti, si girò e alzo il dito medio a due persone che erano appena passate.

Insisteva a tampinare il suo amico, lo canzonava e gli dava continuamente delle spinte per farlo reagire.

Un piccione volò “per caso” sopra di lui sganciando un carico sulla sua testa, il ragazzino si toccò la testa ed imprecò, si avvicinò all’amico con la mano sporca nel tentativo di pulirsela sulla maglietta dell’altro.

Per “puro caso” inciampò e corse via piangendo.

“La beniamina dei più deboli” disse Valdes ridendo.

“E’ meglio non interferire troppo con i giocatori di Planet, so che è divertente, ma è anche inutile”, questa frase la disse con un tono divertito.

Mi venne in mente il mio precedente giro fatto al laghetto, avevo dimenticato il Suv: “Stai tranquilla Kate, quando esci da Planet quelle auto sono programmate per ricomparire nel parcheggio interno”

Io sorrisi poi scoppiai a ridere pensando ad un eventuale ladro che si accingeva a forzare la serratura della portiera per appropriarsi dell’auto e che nel momento in cui si sedeva sul sedile l’auto spariva lasciandolo col sedere per terra.

Valdes rise con me e mi fece cenno del tempo che passava; mi resi conto che era già sera, avevo avuto l’impressione che fossero passati pochi minuti da quando eravamo usciti, ma evidentemente dovevo regolare la mia concezione del tempo.

In un istante fui di nuovo nel mio alloggio sulla Nemesis.

­GRAY IN AZIONE

Il mio Tasker non mi infastidiva più, diedi un’occhiata alla tenuta, “l’altra Kate” stava dipingendo mentre sgranocchiava qualcosa preso da un vassoio.

- Chissà se Serena cercherà di farla ingrassare? -

Con Valdes, Sven e Sgrunff andammo a bordo della Silver Thunder dove Sammy ci stava aspettando. Destinazione: Biblioteca Universale.

Matt e Sonia erano andati su Nordkhen per reclutare amici.

In breve ci trovammo nella Biblioteca a colloquio con Gray, il quale aveva già recuperato alcuni esseri della Federazione Esterna che lo avevano seguito con entusiasmo: “Molti altri giungeranno. Al momento loro hanno creduto in me” disse Gray soddisfatto. Erano tutti lì, fermi, in silenzio.

Ci guardavano con sospetto, gli chiesi cosa avessero e loro dissero: “Siete Nordik vero?”.

Rispose Sgrunff: “Valdes e Kate sono Nordik, io sono un Voltiur e Sven è un Semser, questo vi crea qualche problema?”

Sembravano impauriti, uno di loro disse: “Sappiamo che i Nordik sono altamente distruttivi, loro usano la Furia Gelida, ci fanno paura; noi tutti li temiamo”

Gray scoppiò in una sonora risata: “Questi sono i miei migliori amici; certo hanno abilità che voi nemmeno vi sognate, ma nessuno di loro ha la malvagità del reggente e non sono qui per rendervi schiavi o torturarvi, bensì per aiutare tutti noi”

Io sorrisi e dissi: “Vi verranno messe a disposizioni delle navi simili a questa, a voi spetta il compito di imparare a pilotarle e magari di studiare qualcosa sulle razze della Confederazione attingendo informazioni dalla Biblioteca Universale.

Magari scoprite che l’istruzione che vi è stata data sul vostro pianeta è inappropriata e menzognera”.

Gray fece un discorso a tutti quanti, qualcosa del tipo che ognuno avrà un suo compito e che il pianeta va organizzato da cima a fondo.

“Sgrunff aiuterà qualcuno di voi affinché diventi istruttore, verranno compilati dei corsi di interesse generale perché voi, miei ignoranti amici” disse ridendo “non siete a conoscenza di molte cose”.

“Battezzeremo questo pianeta senza nome e diventerà il luogo della nascita delle razze della Zona Intermedia!”

Le persone che lo stavano ascoltando erano entusiaste e si mostrarono volenterose di cominciare. Gray assegnò alcuni semplici compiti e ci portò in disparte: “Sarà una cosa lunga e faticosa, nelle loro menti ci sono degli schemi contro cui io stesso ho faticato parecchio per liberarmene.

Speriamo che ci sia qualcun altro con la mia stessa forza di volontà, la cosa mi aiuterebbe parecchio.

Cominceremo dandogli un luogo più sereno in cui vivere ed approfitteremo dell’istruzione per migliorare le loro condizioni.

Sarà un’ impresa disperata, ma non impossibile”

Era fiducioso e questo era di buon auspicio, dimostrava anche saggezza e lucidità mentale, …sapeva quel che stava facendo.

Lasciammo Gray e facemmo ritorno sulla Nemesis, Sonia e Matt erano tornati; una decina di Nordik erano arrivati e si apprestavano, col nostro aiuto, a convertire la struttura delle loro navi.

Ci divertimmo a fare lo stesso lavoro che era stato fatto in precedenza sulla Nemesis, in quello stato di essere luminoso comunicai a Valdes che avevo voglia di fare un salto a casa.

Lui mi accompagnò su Nordkhen, c’era un posto particolare dove ci si incontrava, era una sorgente di energia, la chiamavamo la sorgente dell’energia infinita.

Poteva essere considerata una fonte che produceva il moto perpetuo, quel luogo era un incanto.

Pochi istanti in quello stato sublime e poi di nuovo a bordo della Nemesis.

Le navi degli amici Nordik erano pronte per prendere posizione tra i pianeti dei giochi ed il confine della Federazione.

Avvisammo guardie ed inservienti di abbandonare le loro postazioni negli edifici dei giochi, qualcuno non voleva saperne di muoversi, anzi, cercava di attaccare con strane armi; Valdes non si scompose e fece smaterializzare ogni arma nelle mani delle guardie, le quali impotenti scapparono all’esterno degli edifici.

Furono fatti tutti imbarcare nella stiva della Nemesis che si diresse su Fionis I, atterrando nella piazza del palazzo reale.

Il reggente si affacciò alla balconata e cominciò ad inveire contro di noi, Matt senza dar peso a quello che stava dicendo gli bloccò il sorriso, gli incastrò nuovamente il dito nel naso e per finire gli bloccò il braccio proteso con in mano una banana.

Dalla sala del trono si levavano urla divertite di scimpanzé, il Reggente sparì come un fulmine.

Guardie ed inservienti vennero fatti scendere dalla Nemesis e lasciati andare liberi verso dove volevano.

La Nemesis riprese il volo e si piazzò vicino ai pianeti che andavano protetti.

Il progetto di conquista era cominciato.

Altri Nordik mandati nei pianeti circostanti avevano arruolato numerosi volontari, molti avevano già preso il posto delle guardie che in precedenza presidiavano gli edifici.

Quei luoghi stavano venendo gradualmente messi in sicurezza, ma ora iniziava la parte più delicata del lavoro: liberare gli esseri ed istruire i nuovi abitanti dei pianeti della Zona Franca.

Gray era inarrestabile, aveva fatto giungere circa 100.000 individui dalla Federazione, li aveva suddivisi in gruppi ed aveva assegnato loro vari compiti.

Dovevano preparare il terreno per i nuovi ospiti e nel frattempo imparare tutto il possibile sulla Zona Franca e sulla Confederazione Unita.

Battezzarono il pianeta dove sorgeva la Biblioteca Universale, non era un nome bizzarro, anzi era una cosa piuttosto normale, fu chiamato Terranova, forse il nome era un po’ pacchiano, ma a loro piaceva.

La sera stessa si sarebbe festeggiato il primo insediamento su Terranova, doveva essere il pianeta di rinascita degli esseri della Federazione Esterna, si prospettava un buon inizio.

A bordo della Nemesis convocai i ragazzi nella grande sala ovale utilizzata per ricevere gli ospiti, per avere maggiori informazioni a riguardo delle razze Esterne e degli sviluppi sui Tasker.

Sgrunff era un vero esperto, aveva contribuito in larga misura a quella biblioteca con i suoi amici; gli abitanti di Voltiur erano molto abili nella logica, nella raccolta dati e nell’insegnamento, quindi parlò per primo: “Le razze esterne sono composte da circa un 50% di feccia, tra questa feccia c’è la razza peggiore in assoluto ed è quella a cui appartiene il Reggente.

Le razze rimanenti sono composte da esseri di un livello piuttosto basso, a volte sono litigiosi, ma sicuramente non malvagi.

Sono esseri che tramite l’istruzione possono migliorare notevolmente, non saranno mai esseri di luce, anche se Gray è riuscito a raggiungere quello stato.

Possono provarci e sicuramente questo li renderà migliori.

Penso che una volta lasciati a vivere su pianeti dove non sono costretti a subire la stupidità che hanno assorbito durante tutta la loro permanenza nella Federazione, possano riscoprirsi esseri migliori.

La Zona Franca può essere il loro limbo naturale, il luogo dal quale possano evolversi e migliorare.

Questo è quello che speriamo, e comunque Gray è un esempio per tutti loro”.

“Bene Sgrunfio” dissi “e per quanto riguarda i Tasker, a che punto siamo?”

Rispose Sven al suo posto: “Intanto abbiamo ripulito l’area così che se qualcuno dovesse spegnersi saremmo pronti ad accogliere l’essere che vi era intrappolato.

Stiamo cercando una soluzione per spegnere l’automatismo che fa partire una nuova vita al momento della morte, non riusciamo a capire su quanto tempo siano regolati questi timer.

Abbiamo provato a forzarne due, ma ci siamo ritrovati tra le mani due Esterni spaventati e confusi che abbiamo subito tranquillizzato telepaticamente e li abbiamo affidati a Gray.

La cosa migliore sarebbe di riuscire ad intervenire sui timer per far spegnere il Tasker alla fine della vita che l’essere sta attualmente vivendo.

Ma anche facendo così potremmo ritrovarci tra le mani un’enorme numero di Esterni da gestire”.

La situazione era chiara, dovevamo andare molto più sul sicuro; non c’era niente di male nel liberare gli esterni, ma l’obiettivo principale era quello di liberare prima gli esseri della Confederazione.

Le cose avevano preso a muoversi più velocemente, molti esseri si erano presi a cuore la nostra missione.

Feci un rapido calcolo, Nordkhen era abitato da soli 500 esseri, i pianeti della razze affini coi Nordik erano una decina e questi pianeti contavano popolazioni di circa 3.000 esseri.

Nel centro dell’universo della Confederazione Unita i pianeti in media contavano 8.000 individui, il più popolato era Voltiur, il pianeta di Sgrunff, il pianeta degli intellettuali, circa 25.000 esseri.

Li stavo paragonando ai pianeti abitati dagli Esterni, avevano una media di circa un miliardo di abitanti, erano veramente tanti, chissà come avrebbe fatto Gray ad occuparsi di tutti, temevo che all’interno della Federazione scoppiasse qualche rivolta che si tramutasse in guerra.

Gray doveva agire con molta cautela.

Tornai nella nuova aula di teoria. Con mia grande sorpresa Irina era stata liberata dal suo Tasker; era in possesso del suo corpo mentale e seguiva con interesse gli insegnamenti di Sgrunff

Mi percepì e si girò di scatto: “Ciao sorellina” le dissi, lei mi fece un enorme sorrise e avvicinandosi per abbracciarmi mi salutò con: “Ciao Kate, grazie per tutto quello che hai fatto”, abbracciandomi mi inondò di piccoli coriandoli luminescenti che esplodevano come delle bollicine d’acqua; la sensazione era alquanto piacevole.

“Chi sei?” gli domandai anche se io l’avevo riconosciuta perfettamente : “Ma sono la regina delle fate! Non mi riconosci?” disse facendo una giravolta su se stessa.

Era un’artista magica, ero profondamente legata a quell’essere. Per lei avevo deciso di partire con la mia missione personale, ed ora l’avevo di fronte, vigile ed arzilla.

Le chiesi come stesse andando: “E’ scatenata!” disse Sgrunff, “Vuole sapere tutto in una volta sola, mi ricorda tanto qualcuno. Lei però ancora non mi ha fatto esplodere, ciò significa che faccio miglioramenti come insegnante” e rise soddisfatto.

Devo creare un duplicato nella Silver, avrei bisogno di Sven: “Posso venire anch’io!” domandò Irina

“E' un po' presto, ma sarebbe terapeutico” disse Sgrunff

Il corpo mentale di Irina mostrava una splendida ragazza di 25 anni, non era più la vispa sorellina quindicenne.

“Cosa devi fare Kate?” mi domandò Irina, esibendo uno dei suoi bellissimi e deliziosi sorrisi.

”Ho intenzione di dare una piccola scossa a Planet H, e con l’aiuto di Sven conto di farlo entro oggi”.

Sven si presentò, percependo che avevo bisogno di parlargli; gli esposi il progetto e lui mi disse che avremmo dovuto raggiungere l’hangar.

“Create una copia esatta della Silver ed io, come per magia, la trasformo in ologramma così che possa entrare in Planet”.

Mi diedi fa fare, conoscevo alla perfezione quella nave; Irina nel frattempo apportava alcune modifiche ed io la lasciai fare contenta di essere aiutata e di vederla all’opera.

Dopo pochi minuti avevamo creato una copia perfetta della Silver, era uguale ma sembrava addirittura più bella.

Sven la trasformò in olog; quella stupenda astronave era già disponibile nel parcheggio interno.

“Sono o non sono bravo!” disse in tono compiaciuto battendosi una mano sulla spalla.

Mi resi che conto di non aver guardato molto attentamente quello che chiamavano “parcheggio interno”, per contenere la Silver…

“Abbiamo un olog per Irina?”

”Cos’è un olog?” domandò lei; le spiegai che si trattava di un ologramma che le permetteva di rientrare in Planet H.

Disse che ne voleva immediatamente uno. Non ne avevo dubitato nemmeno per un istante.

Sven le disse che era ancora presto, ma che avrebbe potuto dargliene uno con funzioni ridotte.

Così fece ed entrammo in Planet; lei era incuriosita da tutto, una volta entrate nel parcheggio interno la feci salire a bordo della copia della Silver e prendemmo il volo.

Le dissi che dovevamo stare attente a non farci intercettare e che fortunatamente la Silver era creata con materiale antiriflesso e che la propulsione era mentale.

Durante il tragitto mi rivelò che aveva apportato alcune modifiche: “Guarda lo scafo”, io guardai e non vidi nulle, lo scafo non si vedeva.

“Energia mimetica” disse sorridendo “una delle mie specialità; ti puoi realmente confondere con ogni scenario che incontri, spesso la uso nelle mie creazioni”.

Andammo a Roma, sorvolammo Città del Vaticano.

Doveva essere domenica o un giorno speciale poiché la piazza era ghermita da una folla multicolore, munita di ombrelli parasole e cappellini. Il Papa stava benedicendo milioni di fedeli, ci fermammo a circa 100 metri d’altezza, nessuno notava la nostra presenza.

Altra prova, deserto del Nevada, Area 51, ci piazzammo proprio sopra gli edifici principali, niente, vedemmo solo alcune persone muoversi freneticamente ed altre che cercavano di scrutare il cielo.

Probabilmente avevano captato qualcosa, ma non riuscivano a vedere niente.

Irina fece materializzare un enorme cesta di pomodori nel centro di uno spiazzo, accanto ad un edificio basso che mal si mimetizzava con l’ambiente circostante. Si videro persone fuggire a chiamarne altre, qualcuno comunicava via radio l’accaduto ed un gruppetto di militari si avvicinò, con le armi in pugno, a quel pericolosissimo cesto di pomodori.

Puntammo verso la nostra destinazione, Stazione Stellare Orbitante Nubiriumh.

Il viaggio all’interno del sistema solare durò circa 20 minuti, puntammo su Urano. La Nubiriumh era nascosta dietro quell’azzurro pianeta.

Durante il viaggio chiesi a Irina come stava andando dopo l’uscita dal suo Tasker; mi disse che aveva ancora qualche vuoto di memoria ma che tutto sommato si sentiva alla stelle: “Non riesco ancora a credere come potessi essere così convinta di quella strana vita all’interno di Planet, sembrava che non esistesse nient’ altro”.

Mi disse anche che Bones le aveva consigliato qualche doccia energetica e quando fosse stato possibile avrebbe dovuto ritornare sul suo pianeta così che l’amnesia residua sarebbe stata eliminata.

“Intanto Sgrunff mi sta istruendo su tutta la faccenda, ha una particolare ammirazione nei tuoi confronti Kate, … ed anch’io!”.

Il suo volto si illuminò con uno splendido sorriso.

- La mia amica è di nuovo libera! – stavamo gioendo al pensiero di quello che eravamo stati capaci di fare.

Quel pensiero mi ripagava della pesantezza che ricordavo dai tempi dell’ “altra Kate”.

La Nubiriumh era in vista, mi avvicinai ed attraccai; quella Stazione era enorme, la Silver sembrava un granellino di polvere appoggiato su un mobile. Era composta da un’innumerevole quantità di anelli concentrici che si muovevano su stessi, rendendo quella nave una scultura gigantesca che fluttuava nello spazio.

Entrammo, il posto era illuminato, mi diressi verso la Plancia con Irina alle mie spalle, sfiorai con la mano un riquadro posto vicino alla consolle dei comandi; alcune luci si illuminarono.

Sapevo esattamente cosa fare per introdurre la nuova orbita, digitai le coordinate e guardai Irina: “Fatto”

Lei mi chiese cosa sarebbe successo ed io le spiegai che da quel momento la Nubiriumh si sarebbe spostata lentamente su di un orbita più esterna e avrebbe cominciato a rendersi visibile.

Se qualcuno avesse guardato nei prossimi mesi il cielo con un telescopio avrebbe potuto cominciare a vedere qualcosa di “strano”.

“La speranza e che questo avvenimento cominci a scuotere i giocatori di Planet così da indurli a pensare che esiste qualcosa di più al di là della loro semplice vita.

Questo dovrebbe dargli una bella sveglia mentale e se aggiungiamo a tutto ciò la vibrazione emessa dai sistemi per produrre energia commercializzati dalla N Technology, dovremmo ottenere un qualche aiuto nel localizzare altri Tasker”.

La Stazione aveva cominciato a muoversi secondo le coordinate che avevo impostato, feci cenno ad Irina di rientrare a bordo della Silver.

Le chiesi se le era stato spiegato come comunicare mentalmente tramite il suo “olog”.

“In realtà mi è stato spiegato ben poco”

Usai la mia comunicazione mentale per spiegarle come funzionasse, poi le chiesi se poteva accedere alla modalità invisibile.

Per tutta risposta fece diventare trasparente il suo corpo per poi farlo sparire: “Sì, funziona” disse lei nascosta nel nulla.

Riapparve e mi chiese se potevamo rientrare in volo, aveva un sorrisetto giocoso; le chiesi cosa volesse combinare.

“Volevo vedere che fine ha fatto il mio cesto di pomodori. Li avranno vivisezionati?” disse con un tono di vera preoccupazione, ma rise subito dopo.

Feci rotta per “Groom Lake”.

Irina mi chiese se avessimo potuto volare sopra quell’area rendendoci visibili per pochi istanti, era curiosa di vedere cosa sarebbe successo.

Vedevo che aveva una gran voglia di giocare, la cosa mi piacque e così l’accontentai.

Ad una quota di circa 1.500 metri la Silver divenne visibile solo per pochi attimi, la velocità non era nemmeno paragonabile al mezzo più veloce esistente su Planet; quella nave era predisposta per non fare alcun rumore, anche il boato che avrebbe dovuto accompagnare il suo passaggio venne nullificato. Notammo il brulicare di persone sotto di noi, tutte rivolte con lo sguardo al cielo, indicando il punto della nostra apparizione.

Parcheggiai la Silver, tornata invisibile, a circa 200 metri d’altezza in prossimità della montagna dove sembrava finire una lunga strada; dissi ad Irina di prepararsi perché saremmo entrate in quel luogo segreto in modalità invisibile a fare le curiose.

Stabilimmo il luogo dove riapparire, dodicesimo piano; lasciammo la nave e ci trovammo all’interno di una grossa sala, una riunione era in corso.

Alcune persone presenti avevano una divisa militare, ma la persona che stava parlando e passeggiando nervosamente aveva abiti civili ed indossava un paio di occhiali scuri.

Qualcuno cercava di dare spiegazioni: “Deve essere stato un fulmine” disse un tizio col camice bianco.

“Sì, un fulmine che percorre 5 km in linea retta e che sparisce senza fare nessun rumore… e poi che significato ha quella cesta di pomodori?” domandò l’uomo in piedi che sembrava essere a capo di quello strano gruppo di persone.

Un altro tizio con camice bianco disse che probabilmente qualcuno li aveva dimenticati.

L’uomo in piedi sbraitò: “Siete un’ ammasso di imbecilli. Vorreste farmi credere che l’ortolano del villaggio sia entrato nel posto più inaccessibile del pianeta ed abbia lasciato per caso una cesta di pomodori nel bel mezzo di una pista a cui nessun estraneo può accedere?”

Lanciò un paio di imprecazioni e cercò di accendersi una sigaretta mentre continuava a percorrere lo stesso tratto di stanza avanti ed indietro.

Sentii Irina entrare in azione, nel momento in cui l’uomo accese l’accendino la fiamma divampò brutalmente facendolo spaventare.

Nel tentativo di liberarsi dell’accendino urtò gli occhiali facendoli cadere.

“Luce scura negli occhi, è un Esterno!” mi comunicò Irina telepaticamente.

Le dissi che dovevamo andarcene, non volevo rischiare di essere scoperte. Ritornammo a bordo della Silver e mentre la nave si allontanava, potevamo vedere un certo via vai di mezzi che decollavano.

Dissi ad Irina di tenersi pronta perché avremmo semplicemente spento gli “olog”.

Mi chiese se potevamo fare qualche altro giretto. Sorrisi al pensiero di quello che avrebbe combinato quella piccola peste, ma le dissi che per quel giorno sarebbe stato sufficiente così.

“Cos’è quello strano posto Kate?”

Le dissi che era chiamata Area 51 ma che sapevo ben poco al suo riguardo: “Sembra che molti abitanti di Planet pensino che in quel luogo ci siano dei segreti riguardo agli UFO”

“UFO…sì dai, facciamo gli UFO!!” disse ridendo quella pazza scatenata, risi a mia volta ma le dissi di tenersi pronta al rientro.

In un istante fui nel mio alloggio e mi diressi verso la nuova aula di teoria; Irina stava sopraggiungendo, la lasciai nelle mani di Sgrunff e me ne andai salutandoli.

Sgrunff era stato promosso, era soddisfatto anche se le nostre “Cerimonie” erano piuttosto sbrigative ed informali.

Servivano più che altro come riconoscimento ad un compito ben svolto, non c’era una vera differenza o supremazia tra i nostri ranghi.

Andai nella sala meeting per informare gli altri della messa in orbita della Nubiriumh, Matt e Sonia erano ripartiti per Nordkhen, Valdes mi stava aspettando per andare a far visita a Gray.

Partimmo.

GLI ESTERNI

Una volta raggiunto il pianeta di Terranova ci incontrammo con Gray.

Era assistito da due abitanti di Voltiur amici di Sgrunff, erano Dan e Cindy, due abili istruttori.

Sotto la costante guida del nostro Sgrunfio avevano compilato dei corsi di cultura generale che sarebbero serviti da guida per gli esterni giunti su quel pianeta.

Avevano creato molte aule di studio, e quegli esseri sembravano assorbire avidamente le informazioni che erano state preparate per loro.

Osservai un paio di questi individui, notai una stranezza e mi apprestai a chiedere spiegazioni a Gray.

“Ho notato che questi individui hanno perso una piccola parte della luce scura che albergava nei loro occhi, quale pensi che sia il motivo?”

Gray sembrava non conoscerne la risposta: “Sto lavorando con Bones e Sgrunff per capire cosa ci sia dietro questo lieve cambiamento, al momento non sono in grado di fornirti nessuna risposta”.

Lo ringraziai e chiesi a Valdes di accompagnarmi a visitare le strutture che stavano nascendo su quel pianeta, sembrava che quel luogo stesse lentamente prendendo vita, la Biblioteca Universale era il centro di quella nuova comunità e sembrava che tutto stesse nascendo e crescendo sotto i migliori auspici.

Andammo su Grekos I; volevo vedere come erano state riorganizzate le sale giochi diventate prigioni a cura del Reggente.

Potevo vedere la vastità di quel panorama costellato di alti edifici bianchi, tutti privi di finestre; mi soffermai ad ammirarne la schiacciante imponenza; saper che così tanti esseri erano intrappolati in uno stupido videogame poteva risultare sconvolgente.

Non sentivo emozioni negative, avevo solo delle ferme certezze, sapevo che avevamo fermato la spirale discendente di quella stupida trappola.

Camminavo con passo sicuro al fianco di Valdes, cercando di scacciare la sensazione che molti esseri innocenti erano tenuti prigionieri in quel luogo. Ci aggiravamo tra i corridoi osservando gli inservienti delle razze esterne che avevano seguito Gray, ai quali erano stati forniti delle uniformi, delle specie di tute azzurrognole con un piccolo stemma dorato sulla spalla sinistra.

Salutavano al nostro passaggio portando il pugno chiuso sul cuore.

Gray aveva dato loro dettagliate istruzioni su come comportarsi, quel luogo sembrava ben organizzato e dava un certo senso di tranquillità.

Sentivo che il nostro lavoro stava dando i frutti sperati, questo era anche il pensiero di Valdes, ora sapevamo che avremmo solo dovuto aspettare che tutti i tasselli di quello strano puzzle andassero al loro posto.

Gray stava lavorando sodo mentre Sven con una decina di aiutanti si dava da fare per trovare un sistema per velocizzare le operazioni di liberazione degli esseri dai Tasker.

Sgrunff si era preso l’incarico di addestrare tutti i nuovi arrivati e gli individui che venivano via via liberati.

Dalla N Technology era partito il segnale in direzione di tutte le apparecchiature sparse all’interno del gioco e all’Accademia Gianni stava seguendo un progetto che avrebbe potuto aiutarci ad individuare altri abitanti della Confederazione.

Comunicai così a Valdes il mio desiderio di tornare a casa, lui sapeva a che luogo mi stessi riferendo ed acconsentì con immenso piacere.

Ci svestimmo dei nostri corpi mentali e ci proiettammo su Nordkhen: avevamo un luogo particolare in cui ci si ritrovava ed in quel luogo c’erano anche Matt e Sonia.

Li percepivo, una carezza mentale fu il loro modo di salutare il nostro arrivo, quello era il nostro pianeta, la nostra casa.

Potei risperimentare l’assenza di suoni, il rumore era una componente inesistente in quel luogo, il tempo era una semplice idea, in effetti normalmente niente si muoveva a meno che qualcuno di noi non lo facesse muovere in modo intenzionale.

Non c’erano orologi o rivoluzioni del pianeta intorno ad un ipotetico asse, esistevano solo pochi luoghi dove del movimento aveva luogo e noi eravamo in uno di quelli.

Ci trovavamo alle sorgenti dell’energia infinita, era il luogo in cui amavamo incontrarci.

Guardai la prima sorgente; era costituita da un solco di forma circolare inciso nella roccia scura.

Al suo interno gravitavano, sospese nell'aria, a circa 5 centimetri d’altezza tre sfere grosse come pompelmi, le tre sfere ruotavano lentamente in senso orario.

Sopra di esse era posizionato un disco di roccia nera del diametro di circa un metro e mezzo, sospeso anch’esso ad un altezza di circa 5 centimetri sopra le tre sfere.

Questo disco ruotava molto più lentamente delle tre sfere, ma in senso anti-orario.

Nel centro del disco nero era posizionata una semisfera del diametro di circa 30 centimetri ed il tutto era ricoperto da uno strato di metallo liquido paragonabile al mercurio.

Il metallo liquido, sembrava vivo, pulsante e ruotava ad una folle velocità nel senso di rotazione opposto al disco di roccia nero; il tutto emanava una leggerissima vibrazione, agiva a livello mentale, dava una sensazione di freschezza.

Questa sorgente aveva la capacità di purificare un essere togliendo le eventuali impurità che poteva aver accumulato, sentii che mi stava sganciando dalla sottile connessione che mi era restata con la “Kate di Planet” così mi allontanai.

Valdes lo aveva percepito e rimase con me. Ci stavamo pervadendo, diventando un essere solo pur mantenendo la nostra individualità.

Era la forma più alta del sentimento dell’amore sperimentabile su Planet, occupare lo stesso spazio della cosa o della persona amata.

Ci avvicinammo alla seconda sorgente, esattamente vicino a Matt e Sonia; quella sorgente emanava un senso di pace e di serenità estreme.

La osservai ancora una volta con attenzione, mai sazia di ammirarla; era costituita da un cerchio di rocce leggermente luminose alte circa 20 centimetri, al suo interno sgorgava una fonte che si ergeva per circa un metro che ricadeva a ombrello nella pozza sottostante larga circa un metro e cinquanta.

Sembrava acqua ma era una particolare energia luminosa, sgorgava molto lentamente e ricadeva senza spruzzi ma formando leggere increspature sulla superficie.

La luce che emanava era tenue, leggermente giallognola, riusciva a proiettare poche ombre sulle rocce scure in prossimità dell’altra sorgente.

Volevo visitare altri luoghi, andare nel luogo dove passavo molto tempo sola o in compagnia di Valdes, quella che chiamavo la nostra casa, ma osservai la Kate di Planet che stava modellando una statuina di creta e mi resi conto che in quel videogioco era già trascorso circa un mese.

Mi sarei potuta perdere in quel luogo, distaccarsi era sempre difficile ma d’accordo con Valdes comunicai ai nostri amici che avremmo ripreso la strada per Terranova.

Ci comunicarono che da lì a poco ci avrebbero raggiunti.

In pochi istanti ci eravamo rivestiti del nostro corpo mentale su Grekos I, l’attività nei dintorni era aumentata, così andammo da Gray su Terranova, destinazione Biblioteca Universale.

Era in corso una riunione tra Gray, Sgrunff, Sven e Denise, che stava chiedendo agli altri se avevano notato qualcosa nei Tasker.

In Planet era stato coperto circa il 55% delle aree che erano state selezionate.

Gray disse che si erano spenti solo tre involucri di Esterni che chiedevano di essere riportati all’interno della Federazione.

Anche secondo Sven il lavoro stava procedendo con scarsi risultati; i timer erano stati cambiati e nascosti all’interno della struttura, in qualche centro di controllo ben nascosto negli edifici. Nei Tasker erano rimasti dei timer fittizi.

La buona notizia era che qualcosa era stato scoperto a proposito di alcune razze di Esterni, in particolar modo alle razze presenti su Terranova.

Sgrunff ci mise al corrente: “Sembra che qualcuno di loro abbia qualche frammento di memoria di una civiltà esistita nella Zona Franca.

Non sono informazioni certe, ma esiste la possibilità che alcune razze siano state fatte prigioniere dagli abitanti della Federazione ed usate come schiavi per i loro giochi perversi.

Stiamo indagando e ricercando in quella direzione.

Non abbiamo capito come questo sia successo ed anche Gray non se lo spiega, ma forse ci troviamo di fronte ad alcune razze sicuramente più evolute delle originali razze della Federazione Esterna”.

“È vero” disse Gray “durante il mio percorso per raggiungere l’universo della Confederazione mi sono liberato di così tanti fardelli e ricordi che è possibile che mi sia perso qualche conoscenza riguardante queste razze.

Sapevo che c’era qualcosa di diverso, ma sicuramente qualsiasi informazione l’ ho disintegrata assieme al mio passato”.

Io guardai Valdes: “In qualsiasi modo siano andate le cose questa è sicuramente una buona notizia, stiamo dando la possibilità ad un maggior numero di esseri di ritornare liberi.

Questi sicuramente ci potranno aiutare nei nostri scopi i quali diventeranno anche i loro”.

Da lì a poco giunsero Matt e Sonia, li mettemmo al corrente della situazione mentalmente.

“Dobbiamo tornare a bordo della Nemesis” disse Matt “qualcosa sta accadendo”.

Un rapido salto e ci ritrovammo sul Ponte di Comando, giusto in tempo per vedere che una flotta di navi della Federazione stava puntando sui pianeti dei giochi.

Si bloccarono quando apparvero dal nulla le astronavi messe a disposizione della Zona Franca.

- Brava Irina!- pensai ridendo. Era stata a Terranova ed aveva assistito i comandanti delle navi nella trasformazione dell’energia di cui erano costituite ed aveva creato una piccola flotta.

Sentivamo le trasmissioni mentali emanate dai membri degli equipaggi, erano tutti esseri della Confederazione, quindi erano in grado di respingere quell’assurdo attacco inducendo pensieri molesti negli esseri della Federazione.

Sentivo che li convincevano che le loro navi stavano tremando paurosamente e che si stavano sciogliendo.

Potevo percepire il loro panico, avevano veramente l’impressione che le loro navi diventassero mollicce; altre comunicazioni gli instillavano il pensiero che l’unico modo per salvarsi era di fare ritorno al di là del confine con la Zona Franca.

Le navi si mossero in ritirata, Matt sorrise dicendo che era fin troppo facile plagiare quelle deboli menti: “Il Reggente è proprio un grandissimo idiota!”

“Però hai commesso un piccolo errore tesoro” intervenne Sonia “dovevi lasciare tutte e due le dita incastrate nel naso di Grankuoss e il suo sorriso avrebbe dovuto essere così teso da farlo sputare ogni volta che avrebbe tentato di dare un ordine”.

Matt rise alla scena che gli aveva prospettato Sonia: “Ma cosa posso farci Amore se ho il cuore tenero!”

Io ripensai alla fuga del reggente quando aveva sentito urla di scimpanzé all’interno della sala del trono, scoppiai a ridere e Valdes, percependo i miei pensieri, fece altrettanto.

Sonia volle tornare su Terranova per osservare di nuovo gli Esterni al seguito di Gray e Matt andò con lei.

Al loro ritorno ci aggiornammo sul da farsi. Sonia prese la parola: “Sembra che quegli esseri siano diversi; aiutati dall’istruzione che ha fornito loro Sgrunff ed assistiti da Dan e Cindy, hanno abbandonato atteggiamenti e pensieri che non erano a loro naturali”.

Matt aveva sentito in loro qualcosa di molto diverso rispetto a quello che maggiormente appesantiva gli abitanti della Federazione: “Diamo tempo al tempo, l’addestramento sta facendo dei miracoli su quegli individui, forse ci troviamo veramente di fronte a razze così oppresse da non sapere neppure chi sono. La sensazione è che siano molto meglio della media delle razze Esterne”.

Dovevamo fare ulteriori ricerche per velocizzare il nostro piano, e per realizzarlo Matt e Sonia si sarebbero travestiti da esterni per fare delle ricerche sui loro mondi. Volevano scoprire se c’erano tracce di razze più nobili della media.

“Vuoi dire che dobbiamo puzzare come quello zotico di Grankuoss?” chiese Sonia con aria schifata.

“Solo un pochino amore, ma se fai la brava ti compro il gelato!”

Risero come due piccioncini e lasciarono la parola a Valdes; lui disse che sarebbe rimasto in zona per coordinare le operazioni già in corso.

Io invece volevo rientrare in Planet per osservare di nuovo i giocatori, volevo trovare un modo per individuare con più facilità gli esseri della Confederazione.

Ci salutammo, Matt e Sonia andarono a parlare con Gray per sapere quali pianeti avessero potuto fornire le informazioni più proficue per il loro scopo, Gray li consigliò di visitare quelli più esterni perché erano meno frequentati dagli accoliti del Reggente.

Valdes si mise al lavoro sulla Nemesis ed io accesi il Pac nel mio alloggio per attivare l’olog, decisi che per i miei scopi avrei usato un’ abbigliamento più casual; jeans e maglietta potevano andar bene, avviai il programma ed entrai.

Mi proiettai direttamente nel parco cittadino, non avevo voglia di usare il Suv, riuscii a spaventare un cane che era stato liberato dal guinzaglio, ma nessun altro mi vide.

Vagabondai per le vie della città senza ascoltare le varie voci e rumori che si sentivano, avevo l’attenzione puntata solo sugli occhi della gente.

La maggior parte delle persone che incontravo erano NPC, mi diressi tra le bancarelle di un mercatino, passai tra i banchi che esponevano frutta e verdura, potevo sentirne gli odori.

Osservai un proprietario di una bancarella, vidi la classica luce scura nei suoi occhi, gli diedi le spalle guardando la bancarella di fronte, volevo sentire cosa diceva.

Faceva delle battute, scherzava con i clienti e con il suo vicino di posto; alcune battute erano un po’ pesanti, ma non sembrava un tipo malvagio.

Vidi una cliente che si faceva dare della frutta, dopo averla pesata le disse quanto era il totale e sentii che diceva: “Signora, queste due mele hanno una leggera ammaccatura, sono buone ma non posso venderle così, se vuole gliele regalo”.

La signora accettò soddisfatta ed il tizio si rivolse al vicino: “Hai visto, regalando due mele invendibili probabilmente otterrò che quella signora ritorni ad acquistare da me”.

C’era qualcosa che non quadrava, ero sicura che fosse un Esterno, però si comportava in maniera opposta dagli individui dai quali mi ero dovuta difendere con la spada laser mentale.

Pensai che probabilmente erano stati inseriti in Planet molti Esterni delle razze simili agli attuali abitanti di Terranova, non avevo altra spiegazione.

- Ma allora dove sono i veri malvagi? - mi riproposi di parlarne con Sgrunff; intanto il ricordo dell’accaduto di alcune sere fa mi aveva fatto voglia di far visita all’ Accademia.

Vidi una signora che faticava a portare due borse molto pesanti così mi offrii di aiutarla: “Oh grazie ragazza mia, oggi ho i piedi che mi fanno un male cane”, presi una delle borse tra le braccia e l’accompagnai poco lontano.

Sentivo il profumo dei peperoni, delle pesce e delle albicocche che si sprigionavano dal suo interno, quando fummo arrivati al portone di casa lei citofonò intimando a qualcuno di scendere per darle una mano. Probabilmente il figlio. Mi ringraziò dicendomi dove potevo appoggiare la borsa: “Adesso arriva mio figlio che mi aiuterà a portare in casa la spesa, grazie ragazza mia”, così dicendo mi mise in mano tre albicocche: “Lavale prima di mangiarle, chissà che porcherie ci mettono sopra” mi raccomandò la signora salutandomi con un bel sorriso.

Mi allontanai e misi in bocca un’albicocca, la sentii sciogliere completamente, nocciolo compreso, l’albicocca svanì in un delicato nulla lasciandomi la bocca piena del suo dolce aroma.

Potevo sentirne il gusto, ma il frutto spariva senza che io lo inghiottissi.

Mangiai anche le altre due, l’esperienza era piacevole, sicuramente con quel sistema nessuno poteva ingrassare.

Al mio ritorno alla Nemesis avrei assaggiato un Siberian.

Mi diressi all’ Accademia.

Vi trovai come al solito Gianni che stava gironzolando dando disposizioni ai ragazzi che partecipavano ai corsi.

Lo salutai e gli chiesi che fine avesse fatti il nostro amico.

“E’ pazzo” mi rispose ridendo e compose un numero al telefono attaccato alla parete “Ernst, maledetto mangiacrauti, vieni qui”, quello era il suo modo dolce per chiamarlo.

Rideva e mi spiegò che Ernst fosse convinto di far parte di una razza aliena.

“Potrebbe essere un buon segno” osservai io, ma Gianni mi disse di aspettare e sentire di quale popolazione diceva di far parte.

Il ragazzo arrivò, fece degli strani versi a me incomprensibili, ma io percepii che mi stava salutando leggendo nella sua mente.

Gianni gli diede una poderosa botta sulla schiena e gli disse: “Te l’ ho già detto, smettila di drogarti con i broccoli o il prezzemolo, ti fanno male”, alla botta seguì una grassa risata; Gianni si rivolse a me facendomi l'occhiolino “Pensa di essere un Klingon”, così dicendo gli appoggiò un braccio sulla spalla e gli infilò un dito nell’orecchio.

La scena mi fece ridere, chiesi cosa fossero i Klingon ed Ernst partì a raffica con la sua spiegazione: “Sono una razza aliena che vive….”

Gianni lo bloccò subito: “Stai calmo Pampurio, adesso faccio partire un filmato, con le tue chiacchiere riusciresti a convertire anche un Vescovo” lo prendeva in giro spudoratamente, ma Ernst reagiva divertito, a parte forse la schiena indolenzita.

Gianni mandò in onda un filmato tratto dalla Convention annuale della fantascienza, si vedevano moltissime persone travestite da personaggi di alcuni noti film.

Vidi che molti indossavano i costumi di Star Wars, altri erano vestiti con abiti che non riconoscevo, le immagini si soffermarono sui Klingon,…non avevo messo in relazione la cosa: “Star Trek!” esclamai, avevo capito, stava parlando della razza dei Klingon di quella simpatica e ben riuscita serie televisiva.

“Sì, mi sono piaciuti molto quei film” dissi a Ernst, lui era soddisfatto e guardava con ammirazione le immagini che venivano mostrate in quel video, intanto mormorava qualche strana parola:

“Heghlu'meH QaQ jajvam”. (Questo è un buon giorno per morire)

“Cosa ha detto?” chiesi a Gianni

“Ed io che ne so! Chiedilo a lui! Mica parlo il klingonese”

Gianni mi prese da parte: “Penso proprio che sia uno dei nostri, magari su qualche pianeta della Confederazione si divertivano ad impersonare quei personaggi”.

Come finì la frase si presentò Sammy: “Abbiamo localizzato un altro Tasker, è lui?” chiese indicando Ernst, Gianni rispose: “Penso proprio di sì, guarda come gli brillano gli occhi”.

Sammy si avvicinò a Ernst, si presentò dicendo che era l’istruttore di volo, voleva sapere se era interessato a partecipare ai suoi corsi.

Lui chiese se avrebbe potuto guidare un’astronave, allora Sammy gli disse: “Magari cominciamo con un ultra-leggero, poi vediamo…., se ti interessa domani mattina fai subito un esame medico con tanto di visita dentistica”

Sammy si girò verso di me strizzandomi un occhio.

Ernst si disse d’accordo, ma non capiva il perché della visita ai denti; Sammy gli spiegò che gli sbalzi di quota avrebbero potuto avere dei cattivi effetti su denti non a posto e comunque se voleva volare la visita era d’obbligo.

Ernst si mise d’accordo con Gianni per il mattino seguente; la cosa mi fece piacere, ma ancora non avevo trovato una risposta alla mia domanda.

- Come fare per individuare con più facilità gli esseri della Confederazione? –

Per quel giorno mi accontentai e feci ritorno alla Nemesis.

Usando l’olog ed il corpo mentale non avevo la necessità di mangiare o di dormire, quindi potevo sfruttare ogni momento disponibile per perseguire gli scopi della nostra missione.

Incontrai Irina ed intrattenei con lei una discussione sulle mie analisi, Sgrunff le aveva affidato i compiti a casa.

Irina mi disse che aveva notato delle cose interessanti ed in base a quello che ricordava della sua precedente vita, c’era qualche aspetto riguardante ai sogni che attirava la sua attenzione.

“Mi sono ritrovata spesso a fare dei sogni lucidi, anche se solo ora ho capito di cosa si trattasse e ricordo che molte volte mi svegliavo ed avevo l’impressione di avere fatto delle scoperte sensazionali, ma che non riuscivo a ricordarle.

Penso che nel luogo dei sogni ci sia nascosto qualcosa che ci possa aiutare, purtroppo non so cosa sia”.

Le dissi che avevo la stessa impressione e che magari più avanti ci avrei lavorato di nuovo,

“Su che progetto ti ha messo Sgrunff?”

Mi disse che aveva scelto lei il progetto: “Voglio tracciare le linee di potere di Planet H, vorrei riuscire a capire chi diamine comanda veramente questo mondo virtuale.

La cosa mi è nata quando abbiamo sorvolato l’ Area 51, mi sono venuti troppi sospetti, così ho deciso di raccogliere informazioni”.

“In che modo intendi procedere nella tua raccolta di informazioni Irina? Sappi che in rete o tramite altre persone avrai informazioni incomplete e corrotte”

“Sì, ho valutato anche questo, intanto traccio delle mappe e dei fatti generici, poi studierò cosa fare, Sgrunff dice che sono a buon punto ma che devo studiare ancora un po’.

Quando sono pronta mi accompagni su Magician?”

Magician era il suo pianeta d’origine, non distante da Nordkhen.

“Certo che lo farò, contaci”.

Mi salutò con un dolce sorriso ed io andai a trovare Denise.

La trovai indaffarata a tenere i collegamenti tra Sven e le vendite della N Technology; voleva raggiungere un punto in cui le cose cominciassero a sbloccarsi, la salutai e la lasciai lavorare.

Passai da Valdes che stava organizzando con Sven la sostituzione del Tasker per il giorno seguente, Valdes gli stava chiedendo se era possibile immettere, al posto dell’ oggetto prelevato un Tasker differente.

Chiedeva se era possibile trasformare il Tasker in un'esca, in qualcosa che togliesse un poco di energia da Planet, così da far sembrare il gioco un po’ meno reale: “Dare la sensazione agli esseri collegati che il mondo in cui vivono sia leggermente più finto del solito”.

Gli dissi che mi sembrava una buona idea, dovevamo svegliare gli esseri intrappolati un po’ alla volta, senza che questi subissero dei traumi improvvisi.

Sven ci pensò per un momento e disse che avrebbe trovato una soluzione alla cosa; sì, gli sembrava che potesse apportare qualche leggero beneficio.

A quel punto Valdes tirò le prime conclusioni: “Se otteniamo anche solo dei piccoli ma costanti risultati dalle vibrazioni emesse dalle celle fotovoltaiche e dalla sostituzione dei Tasker, con l’aiuto dato dalla Nubiriumh dovremmo riuscire ad aumentare un poco la consapevolezza spirituale della popolazione di Planet.

Dobbiamo trovare altre cose che ci aiutino verso quella direzione”.

La teoria era che tanti piccoli danni danneggiano di più di un grosso danno, quindi applicando questa teoria ai benefici…tanti piccoli benefici devono dare più risultati di un solo grosso beneficio.

Tanto più che niente viene fatto in maniera brusca, anzi usiamo un metodo fin troppo delicato.

VISITA ALL’ ESTERNO

Matt e Sonia si erano infiltrati in uno dei pianeti più lontani della Federazione Esterna, gli individui erano schivi e taciturni; i due cercavano di usare un leggero sondaggio mentale per carpire qualche informazione.

Trovarono qualcuno che era disposto a fare qualche chiacchiera, così chiesero se su quel pianeta ci fossero storie o leggende particolari di quel luogo.

Il tizio interrogato disse loro che era stato vietato moltissimo tempo fa di raccontare qualsiasi leggenda.

I libri o gli scritti del passato erano stati tutti disintegrati ed era impossibile avere notizie su quello che riportavano perché nessuno più se li ricordava.

“Ma da dove accidenti venite voi due?” Secondo lui tutti nella Federazione erano al corrente di queste cose.

Matt disse che venivano da uno dei pianeti al limite dell’universo al confine della Zona Franca, e che sperava che da questa parte dell’universo qualcosa fosse restato intatto.

Il tizio borbottò qualcosa di incomprensibile e si allontanò.

“Tesoro penso che non caveremo un ragno dal buco, sono tutti così bui e poco espansivi che la cosa più difficile è quella di comunicare con loro” disse Sonia alzando le braccia con fare deluso.

“C’è del vero in quello che dici, ma continuiamo a scandagliare”.

Osservavano come si aggregavano gli abitanti di quella zona, sembrava che si assembrassero in grandi famiglie composte da circa 10 o 15 elementi.

La sera si riunivano intorno ad un fuoco e spesso rimanevano in silenzio.

Da lontano sentirono un leggero vociare, si avvicinarono furtivamente ad una delle abitazioni a forma circolare; dalla finestra si poteva sentire qualcuno che raccontava una specie di favola, qualcuno lo intimava a smettere perché quei racconti erano vietati, ma questi non lo stava a sentire.

“Si dice che moltissimo tempo fa i pianeti del confine della Zona Esterna erano mondi meravigliosi, dei veri e propri paradisi.

Ai loro abitanti era permesso di fare qualsiasi cosa e vivevano felici.

Un giorno venne una grande guerra, il Dio del centro dell’Universo si era adirato con i suoi popoli perché non rispettavano le usanze dettate molto tempo addietro.

Questo potente Dio affidò alle popolazioni dei pianeti centrali il compito di epurare e rendere in schiavitù chiunque non si fosse sottomesso.

Dio aveva nominato il Reggente suo diretto discendente ed a lui dovevano obbedire tutti gli esseri dell’ universo.

Oggi ci troviamo qui a scontare i nostri peccati”

Matt e Sonia avevano ascoltato quella triste storiella e capirono che qualcuno si era dato veramente da fare per gettare quella gente nell’ abisso dell’ ignoranza.

Decisero di cercare qualcuno che conoscesse come si fossero svolti veramente i fatti.

Si spostarono su di un pianeta al confine estremo dei quei mondi; gli era sembrato il luogo più difficile da raggiungere per gli abitanti del centro della Federazione.

Quel posto aveva un aria tetra ma sentivano qualcosa di diverso, una strana e leggera fonte di energia che emanava dalle montagne alle loro spalle.


Si mischiarono alla popolazione locale attenti ad ogni indizio riguardante a strane storie.

Videro una costruzione che assomigliava molto ad una chiesa e vi entrarono.

Uno strano sacerdote stava tenendo una funzione, i due si scambiarono qualche comunicazione mentale: “Questa è la prima chiesa che vediamo, che ci sia qualcosa di diverso su questo pianeta?” domandò Sonia.

“Ho una strana sensazione, alla fine di questa funzione facciamo un po’ di domande e ascoltiamo le loro menti”.

Lasciarono finire la Messa e si diressero all’esterno, ascoltavano i pochi discorsi che facevano le persone presenti.

Una di loro disse che sarebbe stato meglio avere i consigli dell’oracolo anziché quelli di quel viscido prelato.

Matt chiese ad uno di loro dove avrebbe potuto trovare l’oracolo, ma questi non rispose e si defilò.

Sembrava che la cosa dovesse essere un segreto.

Sondò mentalmente alcune di quelle persone ma senza risultati. Tutte le menti erano stranamente chiuse e non vi era possibilità di carpire nessuna informazione.

Si diressero verso il centro del paese, erano abbigliati come gente del luogo quindi non destavano sospetti.

Ascoltarono una discussione tra un gruppo di persone, sembrava che avessero scelto un luogo nascosto per appartarsi; forzando con maggiormente le loro menti, usando il potere telepatico, riuscirono a captare la conversazione interamente.

“Non credo che il Dio Nordik abbia investito dei suoi poteri il Reggente, perché se è così che il Dio Nordik sia maledetto” disse uno dei quattro.

Un altro confermò che il Dio Nordik era un Dio malvagio, perciò aveva fatto in modo che il male si spandesse per tutta la Federazione.

“Solo l’oracolo ci può salvare, ma è debole, ha bisogno di aiuto” disse un terzo.

Sonia e Matt si guardarono in faccia, avevano una gran voglia di ridere, ma si trattennero: “Bisogna trovare l’oracolo” disse Sonia.

“Senti quella strana energia che emana dalla montagna?” chiese Matt attirando l'attenzione di Sonia sulla montagna spoglia alla loro destra.

“Sì, pensi che abbia a che fare con il nostro oracolo?”

“Sono quasi sicuro di sì” disse Matt facendo segno a Sonia di seguirlo.

“Se qualcuno si trova su quelle montagne dobbiamo fare in modo di avvicinarlo, una volta scoperto che lui è l’oracolo dobbiamo fornirgli il nostro aiuto; poi vediamo cosa succede”

“Se pensano che esiste una profezia probabilmente dovremmo informarci, cosa ne dici mio pazzerello tesoro?” disse Sonia preparandosi a quel breve viaggio.

“Giusta osservazione, scandagliamo un po’ di menti e vediamo se otteniamo delle risposte”

“Ehi Matt, qui parlano di due angeli che entrano dalla cima della montagna, certo che ne hanno di fantasia per le cose assurde”

“Bene, entriamo dalla cima della montagna e raggiungiamo la fonte di energia, dovrebbe essere il nostro uomo, speriamo che non scappi gridando”

I due si concentrarono, una volta localizzato esattamente il loro obiettivo lo raggiunsero, rendendosi prima invisibili, per studiare il soggetto prima di fargli venire un infarto.

Il tizio dimorava in una caverna nel centro della montagna, l’entrata chiusa da una porta fatta di energia, il luogo è scuro ma non hanno bisogno di luce per vedere.

Percepiscono quell’essere, è solo e distrutto; ha ancora una buona dose di orgoglio, ma sa che ha fallito molto tempo fa, è un rottame di essere.

I due si consultano sul da farsi, comunque lui è il simbolo che gli abitanti di questo pianeta stanno aspettando. “Matt, tesoro, dobbiamo fare qualcosa”.

“Facciamo avverare la profezia ed entriamo dalla cima della montagna”.

Così fecero, discesero dal centro della caverna come se avessero attraversato la roccia soprastante e si rivestirono di una luce brillante.

Il tizio che vi abitava era un ometto minuto e con una lunga barba bianchissima, che sembrava essere d'argento. Balzò all’indietro atterrito: “Chi siete?” urlò in loro direzione.

“Siamo gli angeli della profezia!” disse Matt con tono roboante, il tizio indietreggiò ancora di più.

“Che profezia? …Chi siete?”

“Oh..oh.. c'è qualcosa che non quadra Matt; ci troviamo al cospetto dell'oracolo più ottuso che potevamo incontrare ”

“Forse hai ragione tesoro” ed indirizzandosi allo sconosciuto disse: “Come chi siamo? Non esiste per caso una sorta di profezia che parla di due angeli che discendono dalla cima della montagna?”

Il tizio li osservò stralunato: “Quella è una storiella che mi sono inventato, chi siete e come osate venire qui?”

“Hai capito con che razza di giocherellone abbiamo a che fare?” disse Sonia rivolgendosi al suo compagno.

Matt alzò la mano in direzione di quello strano personaggio: “Chi sei tu che vivi in codesta caverna, non sei forse tu l’oracolo?”

“Ma come ti esprimi bene tesoro!”

Il tizio parlò: “Sono Exhadòr, l’ultimo della mia razza, e voi chi diavolo siete; vi mandano forse gli Esterni per catturarmi?”

“Ciao Exhadòr, io sono Sonia e lui è Matt, siamo venuti per parlare con te, vogliamo conoscere la tua storia”.

“Andatevene, vi manda sicuramente quella canaglia del Reggente, ma non mi avrete” rispose lui in tono sprezzante.

Così dicendo delle pareti di energia scura si ersero intorno a lui, Matt le fece svanire con un tocco leggero mentre Sonia faceva apparire una tenue luce fra le sue mani.

Appoggiò la luce nel centro della caverna, quel luogo si illuminò in maniera sommessa, Exhadòr era spaventato ma non demordeva: “Ditemi chi siete e chi vi manda, cosa volete da me?”

Sonia si sdraiò per terra, mise le mani dietro la testa ed accavallò le gambe: “Ti abbiamo già detto chi siamo, vogliamo solo conoscere la tua storia”

Matt si mise comodo, pervase quell’essere con una sensazione di calma e gli fece cenno di avvicinarsi e di sedere.

Gli chiese come mai si fosse inventato la storiella della profezia ed Exhadòr disse: “Troppa gente veniva da me aspettandosi strane cose, tutti avevano continue e stupide domande a cui dovevo rispondere, alla fine mi sono stancato. Siete sicuri di non essere inviati degli Esterni?…Chi siete?”

Matt gli fece un piccolo sorrise: “Siamo due viaggiatori venuti da molto lontano desiderosi di conoscere la tua storia, qual è la razza di cui sostieni esserne l’ultimo?”

Un Exhadòr titubante cominciò a spiegare: “Sono Exhadòr, ultimo dei Morgwen, un tempo insediati nell’ Universo di Mezzo”

“Universo di Mezzo?” domandò Sonia sollevandosi su un braccio, incuriosita “Che fine ha fatto quell’Universo e dove sono i suoi abitanti?”

Exhadòr prese tempo e poi raccontò la sua storia: “L’Universo di Mezzo è quella fascia Tra l’Universo Esterno e L’Universo Interno.

Molti pianeti di quella fascia erano abitati dalla mia e da altre razze.

Tutti vivevano in pace fino a che il malvagio Dio Nordik si alleò con quello che sarebbe diventato il Reggente.

Diede lui poteri divini e l’ordine di fare prigionieri tutte le razze abitanti su quei pianeti.

Furono tutti catturati ed imprigionati, vennero condotti al di là del confine.

Divennero parte delle razze Esterne, io sono l’unico che sia riuscito a fuggire, ma da allora mi nascondo maledicendo il Dio Nordik”.

“Penso che questo ragazzo abbia le idee leggermente confuse” disse Sonia.

Exhadòr fu preso da un attacco di panico, ricreò le barriere di energia e fuggì all’esterno della caverna.

Matt e Sonia lo stavano già aspettando di fuori, seduti su un masso accanto all'entrata di quel rifugio scavato nella montagna; quando li vide si bloccò stupito: “Conosci Gray?” chiese Matt ad un confuso Exhadòr.

“Gray è solo una leggenda, nessuno è mai riuscito ad innalzarsi a tal punto da varcare il confine degli Interni”.

“Forse non sei stato molto attento, oppure non hai controllato i fatti di persona; hai mai visto il Dio Nordik?” chiese ancora Matt ad Exhadòr.

“A nessuno è concesso di vedere il Dio Nordik, solo il Reggente ne possiede la capacità”.

Sonia intervenne: “Come puoi sapere che questo Dio esista se non lo hai mai incontrato, e poi Gray non è una leggenda, esiste veramente”.

“Voi vi state prendendo gioco di me, lasciatemi solo!” furono le parole di Exhadòr.

Matt rimase in silenzio per alcuni istanti, poi: “Sarei proprio curioso di incontrare questo Dio Nordik che ha dato tanto potere al Reggente. Nell’attesa potrei farti conoscere Gray, se lo desideri”

Exhadòr rise: “Sì, voglio proprio vedere come farai a presentarmi qualcuno che non esiste!”

“Facciamo fare un bel giretto a questo simpatico zuccone...”. Sonia non fece in tempo a terminare la frase che si proiettarono assieme al loro ospite all’interno della Biblioteca Universale.

Comunicarono mentalmente a Gray le loro scoperte.

Exhadòr era terrorizzato, ma Matt non gli diede il tempo di riprendersi che subito gli presentò Gray: “Gray è una leggenda” disse Exhadòr con voce tremula.

Gray si avvicinò: “Sono Gray la leggenda, è un vero piacere conoscerti Exhadòr dei Morgwen!”

Exhadòr scappò all’esterno della Biblioteca confuso e spaventato; si bloccò quando giunse all’esterno, vide persone indaffarate ed alcune costruzioni, guardò il cielo e si accorse di non essere più sul pianeta dal quale era stato prelevato.

La Zona Franca era caratterizzata da piccoli astri luminosi che proiettavano luce sui pianeti circostanti.

La sua particolarità era che la luce non era mai troppo forte ed ogni parte dei pianeti veniva sempre illuminata in modo gentile.

Gray lo seguì, percepiva il suo sconforto ed il suo disorientamento.

“Siamo nella Zona Franca o Zona dei Giochi, un tempo conosciuta come l’ Universo di Mezzo.”

Exhadòr era incredulo ma riconosceva quel luogo, una memoria lontana stava tornando alla luce.

Anche gli altri raggiunsero i due all’esterno; passeggiarono per mostrare la zona ad Exhadòr e per farlo sentire più a suo agio.

Io e Valdes li raggiungemmo, ben presto arrivarono anche Bones e Sgrunff, Sven ci raggiunse più tardi.

Exhadòr cominciava a prendere un po’ di coraggio: “Chi siete voi che vivete in questo luogo e perché anch’io mi trovo qui?”

“Siamo abitanti della Confederazione che hanno deciso di fermare la pazzia di Grankuoss” spiegò Gray, ma Exhadòr mostrò un ghigno ironico e disse: “Non potete niente contro il Reggente, lui è protetto dal Dio Nordik”

Vedendoci ridere a quell’affermazione: “Perché ridete, non sapete forse che il Dio Nordik è potente e malvagio ed ha dato il suo appoggio al Reggente?”

Sonia gli sorrise e si rivolse a Matt: “Adesso sarei curiosa anch’io di conoscere questo malvagio Dio Nordik, cose ne dici se facciamo visita ad unghia lercia?”

“Ma allora ti diverti, mia cara!”

Tutti volevano essere della partita, così il gruppo apparve in quell’istante nella sala del trono di Fionis I.

Il Reggente balzò indietro sul suo trono dallo spavento, Exhadòr cercò di indietreggiare scosso da quei repentini ed allucinanti avvenimenti: “M-ma il Re-re-reggente” disse balbettando indicando Grankuoss seduto sul suo trono.

Il Reggente gridò: “Guardie!!!” ma queste alla vista di Matt e Sonia si erano già defilate lasciando deserta la sala del trono.

Grankuoss sibilò: “Bastardi, come osate!”

Exhadòr si fece piccolo ed intimorito, Matt chiese scusa al Reggente e lo sollevò ad un metro dal trono facendogli infilare il dito della mano sinistra nel naso e bloccandogli il braccio destro in avanti brandendo la solita banana.

“Così sei molto più simpatico” gli disse ridendo.

Sonia si rivolse a Matt: “Smemorato, dimentichi qualcosa!” così dicendo fece apparire il cuscino irto di punte e Matt gli disse: “Scusa tesoro, avevo dimenticato le due dita, ma ormai ha in mano la banana!”.

Matt non si perse d’animo e lasciò che la mano destra del reggente infilasse mezza banana nella narice rimasta libera.

Noi guardavamo sia il Reggente che Exhadòr, la situazione era piuttosto strana, forse di più.

Exhadòr cercava di non ridere a quella vista, ma allo stesso tempo era terribilmente impaurito dal Reggente e voleva scansarsi dalle sue ira.

“Maledetti Nordik” disse Grankuoss, Exhadòr fece un balzo indietro: “Ecco, ha convocato il Dio Nordik”.

Valdes gli mise una mano sulla spalla: “Tranquillo Exhadòr, il Dio Nordik non verrà; magari ha da fare, forse deve stendere il bucato”

Avvicinandosi al trono Matt girò intorno al reggente “Allora Granculo, ci racconti la verità questa volta?”

“Non essere scortese con il nostro ospite, fallo sedere” disse Sonia.

Il Reggente memore della volta precedente urlò: “No bastardi”

Matt lo lasciò dove si trovava, chiedendogli di nuovo la verità sulla Zona Franca.

Grankuoss non voleva saperne di parlare, Valdes aprì la sua mente e Bones cercò di estrarre le informazioni riguardanti quella storia.

Matt decise di liberargli la mano con la quale si era infilato la banana nel naso: “Un po’ di contegno culo profondo, stiamo cercando di conoscere la verità” disse al Reggente bloccato dalla presa mentale di Valdes.

Bones aveva finito di estrarre le informazioni dai ricordi di Grankuoss, sembrava leggermente confuso, si scosse la testa come per schiarirsi le idee: “Dovrò restare parecchio tempo sotto una bella doccia” disse l’ufficiale medico.

Poi cominciò ad indurci mentalmente le fasi salienti estrapolate dai ricordi del Reggente, dalla trasmissione venne escluso Exhadòr, dopo pochi istanti sapevamo cosa fosse realmente successo.

La decisione fu unanime, avremmo valutato le nuove informazioni una volta ritornati a Terranova.

Guardai il Reggente, era un essere malvagio e viscido, decisi che il suo trono era troppo alto.

Feci sparire il soppalco che lo rialzava, sparirono anche le gambe di quell’ orribile trono, la seduta si trovò appoggiata per terra e lui avrebbe dovuto allungare le gambe una volta che si fosse seduto.

Matt gli liberò anche l’altra mano, così che si togliesse quel dito dal naso, io mi rivolsi a Sonia: “Cosa dicevi a proposito degli scimpanzé…..”

Sonia non si fece attendere. Si girò verso i suoi compagni di viaggio: “Lo sapevate che gli scimpanzé Bonobo adorano fare del sesso ricreativo?”.

A quella frase apparvero due simpatiche scimmiette, una andò a mettersi sopra la testa del reggente gettando via la sua orrenda corona e l’altra gli saltò sulle gambe.

Matt fece scendere il reggente fino a che il suo sedere sfiorasse il cuscino predisposto da Sonia, le sue gambe erano allungate in avanti, “Adesso che non occupa più una posizione così elevata, come ti sembra questo cinghiale troglodita?” chiese Matt a Exhadòr.

Il Reggente cominciò ad inveire furibondo contro tutti loro, Matt fece in modo che si colpisse in piena fronte con la banana che stringeva in pugno mantenendo poi il braccio bloccato in quella posizione.

Nelle mani delle due scimmie apparvero dei piccoli manganelli di gomma, mentre una lo colpiva dolcemente e ritmicamente sulla testa, l’altra aveva cominciato a saltargli sulle gambe colpendolo furiosamente sui testicoli.

Saltando faceva in modo che il lurido andasse a sedersi sugli aculei che spuntavano dal cuscino sotto di lui, i manganelli sembravano morbidi, ma sicuramente i colpi ben assestati avevano un certo effetto, ne ebbi il sospetto in base alle urla agghiaccianti che emetteva Grankuoss.

Valdes dette una pacca sulla spalla di Exhadòr, lo fece avvicinare al Reggente e gli chiese con che occhi vedesse adesso il Reggente, Exhadòr disse: “Adesso ho capito, il Dio Nordik lo ha abbandonato!”.

Valdes cominciò a ridere, Matt si avvicinò ed appoggio anche lui una mano sulla spalla di Exhadòr: “Exhadòr, lascia che te lo dica, come oracolo sei una vera chiavica. Prima affermi che un misterioso Dio Nordik aiuti questo testicolo, poi dici che lo stesso misterioso Dio Nordik lo ha abbandonato; ma veramente non ti è mai passato per l’anticamere del cervello che forse questo Dio Nordik sia una bella favoletta come la profezia che ti sei inventato tu?”

Exhadòr arrossì leggermente imbarazzato: “Ma allora come stanno le cose?”.

“Questa è una domanda intelligente Exhadòr” gli disse Valdes.

Matt chiese a Sonia di mettere a dormire i cuccioli: “Svelti ragazzi, smettetela di dar fastidio a quel lurido signore, muovetevi, andate a lavarvi i denti poi filate a letto!” rivolgendosi alle due scimmiette e poi a Grankuoss: “Signore le chiedo scusa per quei due monelli, spero che non l’abbiano disturbata troppo; sa,…sono giovani ed hanno sempre voglia di giocare.

Chissà che due palle che le hanno fatto!”

A quella battuta scoppiarono tutti a ridere, ne fu contagiato anche Exhadòr, che ormai non sapeva più cosa pensare.

Grankuoss stava per sibilare qualcosa, ma Valdes si voltò di scatto verso di lui fissandolo con due occhi di ghiaccio, non c’erano emozioni, sentivo solo una spietatezza senza limiti.

Il mio compagno non aveva pensieri e non disse una sola parola, ma quello sguardo terrorizzò il Reggente.

Ci mettemmo in contatto mentalmente ed in una manciata di secondi fummo su Terranova.

Exhadòr era completamente scombussolato, Sonia urlò: “Attenti il malvagio Dio Nordik sta arrivando, presto, tutti a terra”.

Exhadòr si gettò immediatamente a pancia in giù, alzò lo sguardo e vide che nessuno lo aveva seguito nel suo gesto, anzi, stavano tutti ridendo.

Si alzò e per la prima volta rise anche lui di gusto.

Matt disse a Gray che saremmo ritornati a bordo della Nemesis per elaborare le informazioni appena ottenute, lui e Sgrunff si presero cura di Exhadòr, il quale li stava seguendo in biblioteca ponendo una miriade di mezze domande: “Ma allora?…Cosa facciamo?…Chi siete?…Da dove venite?…”

Sgrunff lo interruppe, dicendogli che avrebbe trovato le risposte che cercava nella Biblioteca e che avrebbe dovuto dare lui molte risposte in primo luogo: “Devi parlarci di tutto quel che ricordi sulle razze che dimoravano nella Zona Franca”.

I tre entrarono nella Biblioteca e noi ritornammo a bordo della Nave.

UN’ ORRENDA VERITA’

Nella sala dei meeting a bordo della Nemesis ci stavamo preparando a valutare le informazioni; aspettammo Bones che pretese di fare una doccia energetica, e ne aveva un buon motivo.

Al suo arrivo cominciammo a riepilogare quello che avevamo estratto dalla mente di Grankuoss, avevamo scoperto che esistevano diverse razze che abitavano la Zona Franca ancora prima dell’avvento del gioco ideato da Sven.

Queste razze non erano dissimili da quelle che abitavano i pianeti della Confederazione, forse erano di livello più basso, ma non conoscevamo esattamente cosa abitasse quella Zona molto tempo addietro.

La Federazione Esterna capeggiata da Grankuoss, che allora non si era ancora proclamato Reggente, si diede un gran da fare per catturare gli esseri abitanti nell’Universo di Mezzo, quella parte centrale che ora veniva chiamata Zona Franca.

Lo scopo per cui questa operazione venne fatta era a dir poco raccapricciante; dalle informazioni mentali che ci aveva trasmesso Bones si capiva che questi esseri venivano sfruttati per il piacere degli Esterni.

La cosa aveva un certo gusto macabro, gli abitanti della Zona Franca venivano intrappolati e separati in gruppi di circa cinque individui.

Questi individui venivano incatenati attorno ad una colonna alta circa due metri fatta di un materiale scuro, venivano bloccate loro mani, piedi e testa, la schiena era appoggiata alla colonna e così lo era la testa.

Questa strana colonna era percorsa da una costante corrente elettrica che aveva lo scopo di congelare qualsiasi loro pensiero e faceva in modo che ponessero la loro attenzione a quello che gli si presentava davanti.

Questa trappola li rendeva impotenti ed alla mercé dei loro carcerieri, sulla loro testa veniva posto uno strano caschetto collegato ad un grosso cavo che partiva dalla parte superiore della colonna scura.

Davanti ad ognuno di loro veniva collocata una grossa luce di forma ovale alta circa un metro e larga cinquanta centimetri, questa luce era sollevata da terra, sembrava sospesa nel vuoto, la sua sommità coincideva con la testa del prigioniero.

La luce veniva posta ad una distanza di circa un metro, si accendeva ad intermittenza ogni quindici minuti circa, proiettava una luce bianchissima ed abbagliante, aveva lo scopo di confondere l’essere e di fargli perdere in parte la memoria.

Due proiettori mentali venivano posti all’altezza delle tempie di ogni prigioniero, questi servivano a proiettare immagini e filmati mentre le scariche elettriche continuavano a fluire incessanti dalla colonna centrale.

Le immagini ed i filmati proiettati contenevano sempre gli stessi temi, principalmente si trattava di sesso, violenza, paura e dolore.

Da una specie di consolle posta sulla parte posteriore della colonna elettrificata partivano altri cavi dove venivano collegati solitamente due caschi di ricezione mentale.

Agli esseri intrappolati venivano proiettati in continuazione i filmati, spesso si trattava di un mix tra le varie caratteristiche dominanti.

Poteva trattarsi di scene di sesso sadico a cui seguivano le torture e la morte del soggetto filmato.

Lo scopo di tutto questo era raccapricciante, gli Esterni che indossavano uno dei caschi di ricezione si nutrivano delle emozioni trasmesse dai prigionieri ed elaborate dalla colonna elettrificata.

Si trattava di vero e proprio vampirismo mentale.

I prigionieri rimanevano attaccati a quell’orrenda attrezzatura per molto tempo, almeno fino a che fossero stati in grado di produrre emozioni soddisfacenti.

La loro prigionia finiva quando questi crollavano in una profonda apatia, a quel punto venivano liberati e sostituiti con nuovi esseri.

Gli individui liberati venivano indottrinati e fatti entrare tra le popolazioni Esterne.

Spesso veniva fatto credere loro che avevano scontato un periodo di prigionia meritato per supposti crimini.

Naturalmente l’unico crimine che avevano commesso era stato quello di essersi fatti catturare, ma questo era un crimine contro se stessi, non sicuramente contro qualcun ‘altro.

Paragonando il tempo trascorso dedicato a quello sconsiderato atto di vampirismo mentale in grande stile, riuscivo solo a pensare in termini di millenni vissuti all’interno di Planet H.

Ci sentivamo ignoranti, nessuno di noi conosceva realmente la Zona Franca prima dell’avvento dei videogame, probabilmente questi esseri ….

Non riuscivo a pensare come potessero essere, nei miei ricordi c’erano solo le informazioni fornite da Bones.

Sentivo un onesto dispiacere nei confronti di quegli esseri, adesso capivo la necessità di Bones di darsi una ripulita, lui aveva toccato quel lerciume molto più profondamente di noi, mi ripromisi una vigorosa doccia mentale.

“Avresti dovuto lasciare quelle due simpatiche bestiole provviste di manganello a far compagnia a quel maiale di Grankuoss” disse Matt a Sonia, dopo aver rivisto quelle scene.

Lei sorrise e disse: “Ne avrei dovuto lasciare un’ esercito intero, ad un certo punto mi è venuta voglia di fare quello che Kate ha fatto a Kurl; cosa ne dite se facciamo una pausa di qualche minuto per darci una ripulita?”

Tutti annuirono, Bones espresse un fervido desiderio di ributtarsi sotto la doccia e noi volevamo che seguire le sue mosse.

Mi proiettai nel mio alloggio e accesi la doccia al massimo, nel giro di poco mi sentii ripulita da quel luridume.

Pochi minuti dopo ero di nuovo in compagnia dei miei amici desiderosa di elaborare un piano d’azione che mirasse ad aiutare gli esseri caduti vittime degli abitanti della Federazione Esterna.

Matt disse che Exhadòr era piuttosto malconcio, ma dimostrava di possedere ancora alcune abilità mentali: “Certo bisogna fare in modo che si chiarisca per bene le idee, non vorrei che cominciasse a predicare qualche strana religione dettata dal fantomatico Dio Nordik”

Secondo Bones lui avrebbe potuto aiutarlo a liberarsi mentalmente di parte del ciarpame che lo confondeva: “Se Sgrunff riesce ad istruirlo a sufficienza su come stanno realmente le cose, nel giro di breve dovrebbe essere in grado di passare tra i vari pianeti della Federazione per reclutare gli esseri che prima abitavano queste zone.

Lui dovrebbe essere in grado di riconoscerli facilmente”.

“Bene” disse Matt “dobbiamo cercare i più sani e vedere se qualcuno possiede abilità telepatiche, con l’istruzione ed un trattamento mentale adeguato dovrebbero essere in grado di riprendersi.

Bones, sei in grado di sviluppare qualche tecnica mentale che riesca a liberare questi esseri dagli abusi subiti?”

Bones pensò per qualche momento e passò in rassegna tutte le tecniche che conosceva: “Penso di poterlo fare, avrò bisogno di qualche soggetto per studiarlo attentamente così da poter sviluppare una sequenza idonea per estirpare i loro ricordi dannosi, e naturalmente avrò bisogno di molte docce!”

“Come mai ho l’impressione che Exhadòr e Gray stiano, senza saperlo, lavorando sullo stesso progetto? Non lo pensi anche tu Valdes” disse Sonia.

“Per quello che ne sappiamo potrebbe benissimo essere così, d’altra parte Gray si è elevato spiritualmente, ma non conosciamo veramente a che razza appartenesse prima.

Questa cosa non la ricorda nemmeno lui.

Quindi c’è una reale possibilità che ci si trovi di fronte ad esseri che possono essere decaduti dall’universo che noi abitiamo, questo presuppone che possano fare qualcosa per ritornare al loro stato nativo.

Ma per il momento non lo sappiamo”.

Gli dissi, mimando Sonia,: “Ma bravo tesoro, come parli bene”

Valdes mi sorrise dolcemente, poi lasciò la parola a Sonia: “Dunque, stiamo lavorando su più fronti, lasciamo che le cose procedano senza intoppi, sono sicura che Exhadòr e Gray si daranno piuttosto da fare nei loro progetti, quindi ritorniamo a mettere l’attenzione su Planet H e sul modo di aumentare la possibilità di liberare i nostri amici”

“Sono d’accordo con te” disse Matt “daremo il nostro appoggio per la ricolonizzazione della Zona Franca, ma lasciamo che Exhadòr e Gray se ne occupino dalla prima linea.

Dobbiamo raccogliere più informazioni possibili su come risvegliare gli esseri da Planet.

Credo che ognuno possa improvvisare nella propria ricerca, intanto manteniamo inalterato il piano originario”.

Detto questo il meeting venne concluso, Bones decise di fare un salto da Sgrunff, io e Valdes uscimmo per andare in direzione dell’infermeria, volevamo verificare un paio di cose insieme a Sven a riguardo dei Tasker.

Diedi uno sguardo mentale all’altra Kate, stava leggendo un libro all’ombra della grande quercia.

Pensai al ruolo ed al numero di NPC presenti nel videogame, quegli individui creati assieme al gioco confondevano la ricerca.

Con Valdes chiesi a Sven se durante la mia vita nei panni di Kate di Planet avessimo mancato di scoprire qualcosa, Sven rimase pensieroso: “Sicuramente ci siamo persi qualcosa, con la tua forza sei riuscita a far saltare più circuiti del necessario ed è impossibile sapere per cosa fossero predisposti, a cosa stai pensando Kate?”

“Stavo pensando a cose come i sogni e l’uscita dal corpo fisico, ho l’impressione di aver saltato qualche tappa benché abbia avuto diverse esperienza.

Penso che in quell’area si possano trovare delle risposte per velocizzare la nostra ricerca e di conseguenza la nostra missione”.

Sven annuì, mi disse che intanto erano state sostituite le pile che permettevano al mio Tasker e a quello di Irina di fornire l’energia al gioco, così da rendere gli scenari e gli avvenimenti leggermente irreali.

“Dovremmo avere un altro soggetto che possa analizzare più attentamente nelle aree di tuo interesse, cosa ne pensi di Ernst?”

“No, è un buon elemento ma mi sembra che gli manchi l’energia necessaria per questo compito; questa cosa la lascerò decidere a Sgrunff quando deciderà di prenderlo come allievo, per ora abbiamo il suo Tasker ed è diventato un amico inseparabile di Gianni.

Abbiamo bisogno di qualcuno di una razza più forte, .. e per il momento io non ho nessuna intenzione di rientrare nel mio Tasker”.

Salutai Sven, attivai il mio “olog” ed uscii con Valdes, destinazione mentale : Fiordi della Norvegia. Ci proiettammo al faro di Færder, uno sguardo al panorama e poi le Isole Lofoten; non c’era uno scopo preciso in quelle visite, volevo solo ammirare qualche bel panorama assieme a Valdes, lo abbracciai mentre dall’alto guardavamo quei luoghi meravigliosi.

Ci immergemmo nella bellezza estrema della cascata delle sette sorelle nel Geirangerfjorden.

All'interno di Planet H erano stati creati scenari da lasciare senza fiato, la cui bellezza dava agli esseri umani emozioni di straordinaria forza.

Volevo solo chiudere in bellezza quella giornata prima di rituffarmi sulla mia ricerca, Valdes mi disse che si sarebbe interessato alle persone che si occupano di ufologia ed extraterrestri per vedere se tra di loro fosse più facile scorgere qualcuno dei “nostri”.

Gli dissi che avrei dato un’occhiata alla fantascienza ed al fantasy, partendo dall’ Accademia.

Ci salutammo ed ognuno prese la sua strada, non sapevo bene cosa cercare, o per lo meno, ne avevo solo un vago sospetto.

Gli esseri della Confederazione sembravano essere sempre attratti dalla magia e dalla fantascienza.

Decisi così di andare a trovare Gianni, mi materializzai in un luogo tranquillo poco distante ed osservai una ragazza che si era fermata a leggere l’annuncio esposto all’esterno dell’accademia: “Stasera al dibattito su fantasia e fantascienza ci sarà l’intervento speciale del prof. Skraocovikoch”

- Sgrunff si divertirà a spaventare la gente con le sue quattro braccia - sorrisi al pensiero e mi diressi verso Gianni che si era affacciato all’ingresso mentre la ragazza stava chiedendo a che ora ci sarebbe stato quell’ evento e se fosse stato possibile partecipare.

Gianni stava per rispondere che quei dibattiti erano destinati ai membri dell’ Accademia, ma lo vidi bloccarsi, cambiò repentinamente le parole che stava per dire: “Stasera alla venti e saremmo lieti di averti come ospite”

Restai ad osservare da lontano, mancavano pochi minuti all’inizio e Gianni fece accomodare la sua ospite.

Mi avvicinai e raggiunsi Gianni sulla balconata chiusa da una vetrata che dava sulla sala in cui si sarebbe tenuto il dibattito.

Sgrunff aveva già cominciato, oggi era in anticipo di pochi minuti, chiesi a Gianni come mai avesse cambiato idea ed avesse fatto entrare quella persona.

“Per i suoi occhi, molto luminosi e diversi da quelli che si incontrano di solito”, scambiai una rapida comunicazione mentale a Sgrunff, il quale cambiò tattica d’approccio per verificare se il sospetto di Gianni fosse giusto.

“Chi pensa che ci siano altri pianeti abitati oltre alla terra?” molti ragazzi alzarono la mano.

“Chi pensa che ci siano altri universi abitati al di fuori di quello in cui vivete?”, qualcuno rispose che non si conosceva nemmeno a fondo l’universo in cui si vive, come si potrebbe pensare che possano esistere altri universi.

“E se io vi dico che in un luogo lontano esistono tre universi? ..cosa mi rispondete?”

Ogni volta il pubblico di quei dibattiti cambiava, lo scopo non era quello di far divertire le persone, ma di cercare qualcuno a cui quel discorso potesse far illuminare il suo sguardo, così da farcelo individuare.

“Bene miei giovani jedi, qualcuno crede che da qualche parte esista un pianeta dove la magia sia all’ordine del giorno?”

Nessuno rispose, però la ragazza introdotta da Gianni si rizzo leggermente sulla sedia, Sgrunff continuò: “Su ragazzi, lavorate con la fantasia e ditemi qualche nome di pianeta che possa esistere al di fuori di questo universo, inventatevi pure i nomi!”

I ragazzi si diedero da fare e ne uscirono dei nomi totalmente strampalati, Sgrunff continuò: “Nessuno ha mai sentito parlare di Theutoris?” Si prese una lunga pausa in cui passò a rassegna molti occhi dei ragazzi che lo guardavano, si consultavano e ridacchiavano sommessamente “Nessuno ha mai sentito parlare di Kratox?” su quell’ultimo nome mise un accento più forte, sentii che la ragazza di sotto era stata colpita alla testa da quel nome come se fosse stato un sasso scagliato con forza, percepivo che aveva l’impressione che la domanda fosse stata posta direttamente a lei.

Sammy arrivò all’improvviso.

“Un nuovo Tasker ha cominciato a segnalare, chi è?”

Non c’erano dubbi, Gianni ci aveva visto giusto, era la ragazza sotto di noi, Sammy disse a Gianni di organizzare la solita visita dentistica, ma lui gli disse che quella persona era venuta lì per puro caso.

Sammy pensò per alcuni istanti: “Pensate di riuscire a tenerla li senza farla muovere? Non voglio perdermi questo recupero”.

Gianni annuì dicendo che al limite l’avrebbe bloccata mentalmente; io comunicai a Sgrunff che era in atto il recupero del Tasker, lui sorrise e fece in modo di interessare ancora di più quella persona.

“Dovete sapere che Kratox è uno dei pianeti vicini a Nordkhen, su questo pianeta vive una razza di esseri dediti alla magia, si tratta di magia creativa.

Alcuni dei suoi abitanti si definiscono Le Streghe, ma ovviamente non sono le streghe che tutti conoscono qui. Sono esseri di un livello molto elevato e la loro magia….”

La ragazza svenne, le parole che aveva sentito da Sgrunff le avevano causato dei colpi ancora più forti della parola Kratox.

Gianni si precipitò a soccorrerla; probabilmente quel fatto era dovuto al distacco del suo Tasker.

Venne portata in infermeria ed adagiata sul lettino.

Sammy tornò trionfante: “Missione riuscita” disse con un grosso sorriso e se ne andò.

Ora Gianni aveva un piccolo problema, era stato recuperato il Tasker di una sconosciuta, io la guardai, non era proprio una ragazza, aveva passato la quarantina e stava rinvenendo.

Domandò cosa fosse successo, Gianni le disse che era svenuta quindi con l’aiuto di qualcuno l’avevano adagiata sul lettino dell’infermeria.

“Come ti senti …..?”

“...Emm....Anna, il mio nome è Anna”.

“Bene Anna, io mi chiamo Gianni e sono il prode salvatore che ti ha portato qui; come ti senti?”

Sembrava cercasse di ricordare, ci mise un poco prima di rispondere: “Adesso bene, non so cosa mi sia successo, ho avuto come la sensazione che qualcuno staccasse una spina ed ho visto buio, poi mi sono risvegliata qui”.

“Ti sei ricordata di pagare la bolletta della luce?” disse Gianni sorridendo.

“Spiritoso” rispose Anna sorridendo maliziosamente.

Lei si mise a sedere su quel lettino; io osservavo la scena di nascosto, ero curiosa di vedere cosa avrebbe fatto Gianni.

Vidi che la guardava negli occhi, in silenzio; lei sosteneva il suo sguardo con una tranquillità da mettere i brividi.

“Bene, adesso andrò a casa” disse Anna.

“Non puoi, resta qui” disse Gianni “Sei ancora debole. Potresti svenire di nuovo”

Anna disse che si sentiva bene e che sarebbe tornata a casa.

“Dove abiti?” domandò ancora Gianni

“Qui vicino” rispose quella donna, alzandosi dal lettino con fare instabile.

“Dimmi almeno se ti è piaciuto il dibattito, cosa ne pensi dei pianeti che possono esistere al di fuori di questo universo?”

Anna rise di gusto: “Durante il dibattito sono svenuta, quindi non mi sembra una gran bella esperienza, per quanto riguarda pianeti esistenti in un altro universo,…forse esistono”

“Ma magari tu abitavi su uno di questi!”

“Senti Gianni, sei simpatico, ma questa discussione finisce qui, sono circa vent’anni che mi dedico alla ricerca spirituale, e ne ho sentite di tutti i colori”

Anna raccolse la sua borsetta dal pavimento e stava per andarsene. Gianni mi chiese aiuto mentalmente, avevo notato che quella Anna era un osso un po’ duro per lui, così intervenni.

Entrai e mi presentai, ci fissammo a lungo negli occhi, aveva davvero due occhi profondi e luminosi, ad un tratto mi chiese: “Ci conosciamo?” io risposi: “Si, ma forse ci siamo conosciuti in un’ altra vita”.

Lei sorrise, mostrando una leggera confusione.

“Devi scusare Gianni, lui è un grande appassionato di fantascienza, vorrebbe parlare con tutti dei tre Universi e della Confederazione Unita, ma di solito non lo lasciano mai finire, scommetto che ti ha parlato anche della Zona Franca?”

Sentivo che quelle parole la stavano colpendo, in parte la scuotevano, ma cercava di non darlo a vedere.

“Siete tutti dediti alla fantascienza qui?” domandò lei

“Solo alcuni, altri si preoccupano maggiormente dei viaggi fuori dal corpo”

Sentii che la cosa la colpì come una badilata sulla schiena, ma non si scompose di un millimetro, così continuai: “Puoi venire a far visita ai nostri amici quando vuoi Anna, adesso io devo andare”, la salutai e dissi mentalmente a Gianni di fare altrettanto.

Gianni la salutò cordialmente ed Anna se ne andò; era venuta a piedi, segno che non abitava troppo distante.

Mi congratulai con Gianni per il suo spirito d’osservazione, aveva un vero e proprio talento, ma lui mi fece notare che aveva fatto fatica a tener testa a quella persona: “Penso che possa essere realmente un Kratox o un Nordik, dovrebbero essere i più difficili da gestire.

Comunque abbiamo recuperato il suo involucro, speriamo che nei prossimi giorni torni a farti visita”.

Gianni mi salutò e decise che l’avrebbe seguita per vedere dove abitava, io ritornai al mio alloggio.

Se quella persona fosse davvero di una quelle due razze avrebbe potuto aiutarmi a sondare di nuovo sulle questioni che avevo lascito in sospeso

- Dai tempo al tempo Kate – pensai.

LA NUOVA ARRIVATA

Tornata alla Nemesis, andai nell’aula di teoria, Sgrunff era tornato ed era in compagnia di Valdes e Irina.

Vidi Irina intenta a spiegare a Valdes quello che era successo durante la nostra “visita” a Groom Lake e si dimostrò interessata a curiosare in quel luogo per poi riportare le informazioni a Valdes.

“Sgrunff...” disse Valdes girando lentamente attorno alla poltrona di Irina con fare scherzosamente inquisitorio “secondo te l’addestramento di questa bella donzella è a buon punto? E' in grado di sopportare un’ azione del genere?”

Sgrunff annuì: “Irina deve ancora capire diverse cose riguardo a Planet, ma è indiscutibilmente in grado di fare una cosa simile senza conseguenze.

Il suo olog non è più quello provvisorio, quindi sono sicuro che non ci sia da preoccuparsi”.

Irina sorrise vittoriosa e mi chiese se poteva usare la Silver e farsi accompagnare da Sammy. Sapevo che non ne aveva bisogno e percepivo che voleva combinare qualche scherzo quindi le dissi di sì.

Partì come un razzo per organizzare la sua “missione”; aveva una gran voglia di giocare.

Valdes stava scuotendo la testa rassegnato: “Speriamo che non metta in subbuglio l’Area 51”

Sicuramente avrebbe combinato qualcosa: “Restiamo a vedere cosa succede”

Lo misi al corrente di quello che era successo all’Accademia e trovai che anche Sgrunff era d’accordo sul fatto che Anna potesse essere la persona giusta per la ricerca che avevo in mente.

Come avevo intuito, il giorno seguente Anna era tornata a far visita all’Accademia ed ovviamente aveva cominciato a fare molte domande a Gianni, che si trovò in difficoltà.

Nessuno aveva preparato una strategia per casi del genere; eravamo intenti a cercare, non pensavamo di venire cercati.

Gianni chiese aiuto mentalmente, non perché non sapesse cosa rispondere, ma perché aveva intenzione di far rimanere quella persona.

“Dov’è la ragazza di ieri sera?” chiese Anna. Gianni le disse che ero uscita per una commissione ma che da lì a poco sarei tornata; solo il tempo di finire quella frase ed io entrai.

“Ciao Anna, vedo con piacere che sei tornata a farci visita, come possiamo esserti utili?”

Non aveva chiuso occhio tutta la notte, aveva continuato a ripensare a quello che le era successo qui, sembrava essere attratta da questo posto: “Volevo sapere a cosa ti riferivi quando ieri accennavi ai viaggi fuori dal corpo” disse quelle parole ponendo l'accento sulle ultime parole ed aspettò la mia risposta.

Le spiegai che stavamo ricercando e studiando le varie tecniche per poter sperimentare quello stato che viene descritto come “Viaggio Astrale” o “Viaggio extracorporeo”, insomma, in qualsiasi modo lo si voglia chiamare “Il distacco da parte dell’essere dal corpo fisico”.

In effetti Anna si era sempre interessata a quel genere di cose, ma fino ad ora non aveva ancora trovato niente che potesse minimamente assomigliare ad una tecnica precisa che producesse sempre quel risultato. E le persone erano stranamente reticenti a parlarne.

Avevo trovato il punto d’aggancio per portare quella ragazza ad unirsi a noi, decisi di bluffare.

“Abbiamo un gruppo di ricerca che ha sviluppato delle tecniche diverse dalle altre sin ora conosciute. Ci stiamo ancora lavorando su, ma posso affermare con certezza che siamo diversi passi avanti rispetto ad ogni altra tecnica o metodo”.

Anna si dimostrò incuriosita ma anche pensierosa: “Chiedete dei soldi?…Bisogna associarsi a qualcosa?… Si entra a far parte di qualche tipo di setta?”

Io sorrisi e la scrutai negli occhi. La rassicurai mentalmente: “Sono convinta che chiunque cerchi di scambiare qualsiasi cosa che abbia a che fare con la libertà spirituale di un essere chiedendo in cambio soldi ed eterna devozione stia tradendo ogni fiducia possa mai essere riposta in lui”

Anna si dimostrò soddisfatta della mi risposta, senza essersi resa conto che non avevo aperto bocca per comunicarle quel pensiero, aggiunse: “Sono d’accordo, è vero che la libertà spirituale non ha prezzo, ma se qualcuno chiede soldi in cambio adesso so che quel qualcuno è ben lungi da tale libertà, diversamente non avrebbe la necessità di avere i beni altrui”

Fece una breve pausa poi mi chiese di spiegarle la cosa nei dettagli

“Vieni con me” Le avrei mostrato il gruppo di persone con le quali stavo lavorando e l’avrei messa al corrente delle scoperte a cui eravamo giunti: “Gianni fa parte del nostro gruppo ed è un individuo di grande valore” aggiunsi sorridendo a Gianni e facendogli l'occhiolino.

Anna mi seguì a bordo del Suv. Era ansiosa di sapere e mi tempestò di domande, dovetti fermarla chiedendole di avere pazienza e che al nostro arrivo le avrei presentato i miei amici e le avrei spiegato esattamente su cosa stavamo lavorando.

Entrammo nel parcheggio della N Technology, una volta parcheggiata l’auto salimmo al quarto piano dirigendoci verso la porta dell’ “Archivio”.

La feci entrare e la portai nell’aula di teoria, Sgrunff ci stava aspettando, glielo presentai: “Ma… lui non è il professore di ieri, quello con quell’ impronunciabile nome?”.

“Ciao Anna, io sono Sgrunff” stringendole la mano, che poco dopo venne avviluppata dalle quattro mani di Sgrunff. La povera donna si ritrasse con un piccolo urlo e si mise a ridere: “Oddio, che scherzo è questo?”.

“Fa sempre effetto!” mi disse Sgrunff sfoggiando un sorriso sornione.

Valdes entrò e salutò tutti, Anna lo fissò negli occhi e lui la precedette con la domanda: “Ci conosciamo?”

Anna copiò spudoratamente la mia risposta del giorno prima: “Magari ci siamo conosciuti in un’altra vita”.

Valdes le sorrise: “Pensi di aver vissuto qualche altra vita?”

La donna pensò attentamente prima di rispondere ….: “Alcuni credono che un’anima si reincarni in vite successive da lungo tempo, altri credono semplicemente che si siano vissute altre vite prima di queste.

Tempo fa pensavo che anch’io avessi vissuto delle vite precedenti, ma col tempo mi sono convinta che questa sia l’unica vita che sto vivendo in questo stupido posto….e spero proprio che sia anche l’ultima”

Valdes le strinse la mano: “Piacere mi chiamo Valdes, ottima risposta Anna, penso che tu abbia ragione”.

Anna sorrise a quelle parole: “Sei la prima persona che accetta di sentire quello che penso senza cercare di convincermi di qualcos’altro, grazie”

Sven entrò e disse: “Il Tasker è stato modificato, può andare sulla Nemesis,...quando vuoi Kate”.

“Chi è quello?” domandò Anna, io risi: “E’ solo Sven, non gli far caso, a volte crede di essere un Dio, invece è solo stramaledettamente in gamba”

Sven mi sorrise e restò sulla porta.

“Allora Anna, accomodati che ti spiego un paio di cose”. Sgrunff aveva fatto salire le poltrone telescopiche dal centro dell’aula, feci accomodare Anna che stava domandando, sussurrando, come mai Sgrunff avesse quattro mani: “Gli servono per manovrare le sua quattro spade laser” ed appoggiando l'indice sul naso “shhh...non dirlo a nessuno però” rispose Valdes ridendo.

Anna rise e si sedette sulla poltrona, io le spiegai che adesso avrebbe sperimentato qualcosa che poi avrebbe dovuto descrivermi nei particolari.

“Cosa volete farmi?” Chiese lei impaurita. La rassicurai: “Niente, proverai delle semplici sensazioni, cerca di percepirle al meglio delle tue possibilità e poi mettimi al corrente di quanto hai sperimentato”.

Dissi a Sven di procedere, vidi Anna che cominciava a guardarsi le mani e sorrideva sempre di più la osservai mentre si riempiva i polmoni di aria come se stesse provando una grande sorpresa, notai che aveva una leggera confusione in testa e feci cenno a Sven di smettere.

Anna aveva gli occhi intensamente luminosi: “Cosa?…Come?…”

Le sorrisi e le chiesi di spiegarmi cosa avesse sperimentato.

“Mi stavo staccando dal corpo!” disse lei con enfasi.

“Puoi dirmi esattamente ogni singolo avvenimento che hai sperimentato?”

Anna era rimasta stupita dall’accaduto: “Sono anni che sto cercando di raggiungere una cosa simile, sì, certo, ho avuto qualche sporadica esperienza, ma mai così nitida….ah sì, dunque... per prima cosa ho sentito una lieve leggerezza alle gambe ed al bacino, questa leggerezza si spostava man mano verso il torace, era una cosa molto lieve.

Poi ho sentito le mani che perdevano di consistenza, sembravano aver raddoppiato la loro dimensione ed erano molto leggere, poi questa sensazione si è allargata alle braccia ed alla testa, mi sentivo grande almeno il doppio del mio corpo.

Quando questa sensazione ha raggiunto la testa ho avuto la netta sensazione che mi stessi staccando dal corpo, ma poi sono cominciati dei piccoli capogiri e tutto è cessato lentamente.”

Si stava massaggiando lentamente le mani come a percepirne la reale consistenza: “Adesso ditemi voi cosa avete fatto? … Cosa mi è successo?”

“Allora Anna, quello che hai sperimentato non è nient’altro che l’amplificazione del Corpo dei Sogni e del parziale spegnimento delle percezioni del tuo corpo fisico”.

“Corpo dei Sogni?” fece lei dubbiosa.

“Sì, io lo chiamo così perché è del tutto simile come consistenza e percezioni a quella parvenza di corpo che viene utilizzato quando stai sognando, altri usano nomi differenti, tipo corpo astrale”

“Io lo chiamo distacco dal corpo, non ho mai considerato un’ altro tipo di corpo, sono convinta che sia l’essere spirituale che abita nel corpo che si distacca dalla sua prigione” commentò Anna.

Le lasciai prendere fiato e riconsiderare le parole che ci eravamo scambiate, poi aggiunsi: “Io lo chiamo Corpo dei Sogni, ma se tu preferisci chiamare quell’esperienza – Il Distacco dal Corpo – per me va bene.

Cambiando le parole la verità di quell’esperienza non cambia.

Scoprirai però che non è proprio l’essere spirituale che si stacca dal proprio corpo, ma succede qualcosa di differente, anche se la cosa può avere molte similitudini”.

Anna balbettò per qualche istante: “Come?…Cosa?…Possiamo rifarlo?”

Guardai Sven e lui disse che avremmo potuto, ma che la cosa rischiava di far surriscaldare i circuiti: “Se facciamo una cosa veloce….”

Anna disse subito di sì, e noi l’accontentammo; stesse reazioni della volta precedente, sorrideva beata ed inebetita; ricordavo molto bene quel tipo di sorriso, vidi che la cosa le procurava ancora dei fastidi a livello della testa e chiesi a Sven di spegnere l’attrezzatura: “Troppo tardi” disse lui.

Anna era svenuta.

Sentii Sven che spostandosi oltre all’infermeria diceva: “Ciao Anna”, lei stupita domandava: “Cos’è quello strano aggeggio? e come faccio a trovarmi qui,…prima ero con Kate”

Sven intervenne: “Attenta, stai per essere risucchiata dall'altra par…..”

Anna si risvegliò sulla poltrona accanto a me.

“Ma cosa mi state facendo?…Cos’era quella macchina da cui sono uscita e poi rientrata?”

Sgrunff cercò il tono più calmo che riuscì a trovare per non spaventarla: “Era il tuo Tasker, il luogo dove tu sei tenuta prigioniera”

“E chi mi tiene prigioniera, siete forse voi?”

“Se noi ti stessimo tenendo prigioniera, pensi che ti mostreremmo la prigione ed il modo per uscirne?” rispose Sgrunff.

“No, ma…mi spiegate per l’amor del cielo cosa succede?”

“Certo che te lo spieghiamo, ma dobbiamo procedere per ordine, sono sicuro che ad ogni risposta che ti possa venire data tu prepari subito cinque nuove domande...e la nostra Kate ne sa qualcosa, vero Kate?”

Lo disse per prendermi in giro ed io gli sorrisi divertita: “La curiosità è sinonimo d'intelligenza” mostrandogli la lingua, per poi rivolgermi ad Anna : “Senti, in questo posto c’è un alloggio che potrai usare nel caso tu decida di farci visita, mentre riordini i tuoi pensieri vieni che te lo mostro”

Anna seguì me e Valdes immersa in pensieri e domande silenziose.

Oltrepassai la zona di transito e mi ritrovai nel mio alloggio, corsi subito fuori in direzione di Anna e di Valdes che era restata a bocca aperta mentre Valdes rideva come un matto: “Non ti sei dimenticata niente tesoro?”

Dannazione nella fretta mi ero scordata che il mio olog si sarebbe spento oltrepassando quella zona! Ma Valdes intervenne: “Le piace fare trucchetti del genere quando abbiamo ospiti. E' una vera mattacchiona. Devi vedere quando fa sparire i conigli nelle pentole a pressione. Un vero spasso la nostra Kate”

Anna non ne era convinta; a pochi passi da lei mi aveva vista sparire ed ora mi guardava con un certo sospetto. Le mostrai il suo alloggio, lei lo osservò ma era troppo distratta da quello che aveva appena visto; si guardava intorno distrattamente e mi chiese: “Adesso mi dici come hai fatto!” Valdes aveva ripreso a ridere: “Sì amore, spiegale come hai fatto”.

“Non sono ancora pratica dell’utilizzo di questo corpo, ho paura di avere degli strani poteri magici che non sono ancora riuscita a catalogare” cercai di dire la verità confondendola tra qualche stranezza, lei mi sorrise: “Poteri magici?…Se è vero me li devi insegnare!”

Io annuii, sperando che se la fosse bevuta, anche se la cosa non era troppo lontana dalla verità.

Tornammo tutti da Sgrunff nell'aula che ormai era diventata un punto di ritrovo, giunsero Matt e Sonia che volevano conoscere la nuova arrivata.

“Ciao Anna” le dissero contemporaneamente guardandola negli occhi, Anna li fissò e disse: “Come mai ho l’impressione di conoscere tutti quelli che incontro in questo posto?

“Probabilmente perché ci conosciamo, forse sei dei nostri”

“Cosa sapete che io non so?”

“Non sappiamo niente che tu non sappia” questa fu la risposta sibillina di Matt.

“Volete spiegarmi?…Avanti, chi comanda qui?”

Valdes disse: “Io!”

Matt alzò la mano : “No, io!”

Non mi tirai indietro e dissi: “Io, io comando qui!”

Sonia fu l’ultima a parlare: “Se ben ricordate oggi tocca a me!”

Matt rise: “D’accordo amore, oggi comandi tu. Uff...”

Sonia divenne seria: “Sgrunfy per favore accendi lo schermo sui tre universi e dai la bacchetta luminosa ad Anna”.

Sgrunff eseguì, Anna prese la bacchetta e Sonia le disse: “Dunque, questi sono i tre universi, a destra c’è lo spazio della Federazione Esterna, nel centro la Zona Franca e a sinistra lo spazio della Confederazione Unita.

Se tu dovessi per ipotesi vivere in una di queste zone, quale sceglieresti?”

Anna guardò la mappa: “E’ una specie di gioco o di test?”

“Sì” rispose Sonia “Scegli”

Anna indicò senza esitazioni la zona di sinistra, la Confederazione Unita.

“Ok, Anna. Sempre ipotizzando che tu viva in quella zona, quale parte sceglieresti, indicala cercando di essere più precisa possibile, anche se è solo un inutile test”

Anna si soffermò un poco ad osservare la mappa, poi fece un piccolo cerchio che comprendeva quattro pianeti fra cui Nordkhen e Kratox.

“Bene” disse Matt “quindi sei dei nostri” con una sicurezza tale da sbalordire Anna.

Sonia e Matt salutarono e si avviarono verso l’uscita mentre li sentii discutere: “Sonia, tesoro....sarai d'accordo con me che la giornata è finita e che adesso tocca a me comandare”.

“Non è ancora finita e poi tu hai rovesciato il pop corn dal lurido. Sei troppo disordinato, non ti si può far comandare”

“Sì, ma ho anche buttato per terra la buccia di Banana in maniera molto artistica, lo ammetterai questo”

“Non è vero, sono dovuta andare a spostarla di ben 5 centimetri”

“Sì, ma hai anche interrotto bruscamente la scimmietta che si stava divertendo così tanto”

I due si allontanarono con lasciando una vaga scia dei loro discorsi.

Anna corrugò la fronte e scuotendo la testa : “Ma qui siete tutti pazzi…però devo dire che mi trovo a mio agio”

Io le dissi che adesso stava a lei decidere, poteva scegliere se rimanere o andare, noi avremmo preferito che si unisse a noi.

“Qualcosa mi dice di restare, ma voglio pensarci un po’ sopra, si dice che la notte porti consiglio, anche se a volte a me ha portato scompiglio”

Le sorrisi e le dissi che l’avrei accompagnata a casa da lì a poco.

Ci girammo verso la porta quando la sentimmo aprirsi. Entrò Gianni con Ernst, lo presentò a Valdes e Anna, io restavo girata di spalle a guardare la mappa sul video.

Alla domanda di Ernst ad Anna se fosse una Klingon, Gianni gli diede un leggero ma rumoroso scappellotto sul collo: “Scommetto che ti sei sniffato sotto le ascelle!”

Ernst disse un timido “Ahi” massaggiandosi il collo.

Gianni lo portò da Sgrunff per presentarglielo.

Ernst riconobbe il prof. ma Sgrunff si apprestò a stringergli la mano: “Sono Sgrunff, il tuo nuovo istruttore di teoria” ben presto la mano di Ernst fu avviluppata dalle quattro mani di Sgrunff, il ragazzo si ritrasse con un urlo: “Ma prof. Skraocovikoch, lei ha quattro mani” lui lo corresse: “Mi chiamo Sgrunff e qui ci diamo del tu non del lei”.

“Ma le mani……sono quattro!”

Gianni intervenne dicendogli: “Demoniaccio di un Klingon, non ti sfugge niente eh?”

Tutti si misero a ridere, Ernst mi vide, lanciò un altro urlo: “Lei! Lei ha una spada laser!”

Sgrunff gli disse: “E allora? ..io ne ho quattro”.

“E’ vero” risposi “lui è più importante di me. Gli hanno dato ben quattro spade laser! In effetti sono un po’ invidiosa Sgrunff. Com’è che tu ne hai quattro ed io una sola? E poi quella verde, con la luce intermittente, la voglio anche io!”

“Ma ma come…..cosa significa?”

Il ragazzo era palesemente confuso. Passava in rassegna lo sguardo di tutti sperando di trovare una risposta a quello che aveva appena visto e sentito.

“Ha quattro mani” prese la parola Gianni “avrà anche quattro spade laser, non ti sembra che il ragionamento fili?”

Ernst non sapeva cosa rispondere a tale assurda domanda, ma in quel momento entrò Irina: “Ciao Sgrunfietto, volevo verificare una cosa con te,…ma vedo che sei impegnato”

Era chiaro che volesse solo conoscere i nuovi ospiti, disse un “Ciao” a Ernst e salutò Anna guardandola intensamente negli occhi, all’unisono si domandarono: “Ci conosciamo?”

Sapevo che lo scopo di Irina era quello di giocare, aveva aspettato che la donna partisse con la domanda per fare la sua nello stesso momento.

Le due si misero a ridere.

Intanto Ernst era rimasto bloccato a bocca aperta colpito dalla bellezza di Irina, Gianni intervenne: “Dai Pisistrate, chiudi quella bocca che sono già entrate due mosche” accompagnando la sua affermazione da uno sberleffo sulla spalla del giovane ed una sonora risata.

Ernst arrossì e chiuse immediatamente la bocca, Irina salutò tutti e poi: “Ciao Anna, ciao Pisistrate”, quell’ultimo nome lo disse con un modo di fare leggermente civettuolo; si stava divertendo come una matta.

Si udì solo un filo di voce uscire dalla bocca di Ernst: “Ciao Irina”

“Ma chi è? la regina delle fate?” disse dopo che lei era uscita.

Gianni sbottò subito: “Sì e tu sei il principe ranocchio! Ma cosa fai, stai forse facendo gli occhi dolci alla mia fidanzata” gli disse in tono serio.

Ernst si scusò immediatamente dicendo che se avesse saputo non si sarebbe mai permesso.

Gianni scoppiò di nuovo a ridere e noi con lui: “A volte mi dispiace prenderti in giro, ci caschi troppo facilmente!”

Anna salutò tutti i presenti dicendo che desiderava andare a casa “Mi sento esausta” mi disse.

Mi offrii di accompagnarla, dando a Valdes appuntamento a non appena fossi rientrata.

Gianni disse a Sgrunff che avrebbe fatto un salto al reparto spedizioni: “Intanto vedi come è meglio cominciare con l’istruzione di Ernst, se sei indaffarato lo posso seguire io dall’Accademia”.

Sgrunff fece un rapido colloquio con Ernst, il quale stava ancora cercando inutilmente di chiedere delle quattro mani, ma Sgrunff glissava puntualmente ogni eventuale domanda e gli chiese dei suoi studi precedenti.

Dopo aver parlato per un po’ di tempo di varie cose con il nuovo allievo gli affidò delle letture da analizzare, si trattava di circa 20 libri.

Gianni ritornò e ripartì per l’accademia con Ernst.

Valdes salutò divertito Sgrunff augurandogli buon lavoro; era stato tutto quel tempo ad osservare i nuovi arrivati.

Durante il viaggio per accompagnare Anna a casa le feci qualche domanda, le solite che si fanno per conversare, sei sposata? hai dei figli?

Mi disse che l’ultima storia che aveva avuto era terminata cinque anni prima e che non aveva figli: “Ero stufa di prestarmi a delle assurde commedie per far andar bene le cose, ho sempre odiato fingere, ad un certo punto ho deciso che quando avessi trovato la persona giusta lo avrei capito semplicemente guardandola negli occhi. Non ci sarebbe nemmeno stato bisogno di parlare”.

“Saggia decisione, senza saperlo hai fatto una cosa giusta… vedi che le sai le cose?” le dissi mettendo enfasi sull’ultima parte della frase.

“Cosa vuoi dire?” mi chiese Anna incuriosita

“Voglio dire che conosci delle cose e senza sapere di saperle usi comunque quella conoscenza”

“Mi stai confondendo, ho anch’io un sospetto del genere, ma sentirmelo dire da un’altra persona mi fa sentire un pochino stupida…e sospettosa”

“Non penserai che io possa leggere nella tua mente per caso?” dissi con aria sublimemente innocente.

“No, ne dubito fortemente” disse Anna… “O forse sì?” riprese guardandomi negli occhi in maniera leggermente sospettosa.

“Nahhh” le dissi scoppiando a ridere. Mi accompagnò nella risata mentre si preparava ad una nuova domanda; l'anticipai di qualche istante: “Vedi che il nostro Sgrunfio aveva ragione, ad ogni risposta tu prepari cinque domande” lei riprese a ridere.

Eravamo arrivati, Anna si fermò un momento in auto, poi mi disse : “Aspettami qui”.

Corse in casa dopo pochi minuti fu di ritorno con un trolley: “Tanto domani mattina mi sarei presentata da voi, tanto vale non perdere tempo, vengo adesso”

La cosa mi faceva piacere, comunicai telepaticamente a Valdes che stavo tornando con Anna, e lui mi disse che sicuramente non aveva mangiato: “Vi invito a cena stasera, quando mi vedi fare l’autostop caricami a bordo” questa fu la sua comunicazione mentale.

Anna mi chiese come mai fossi diventata distratta, era particolarmente attenta

“Ti va di mangiare qualcosa? Chiesi guardandola negli occhi

“In effetti avrei un certo appetito” disse senza distogliere gli occhi dalla lunga strada alberata che stavamo percorrendo.

Più avanti c’era un tizio che faceva l’autostop.

“Non vorrai raccogliere un autostoppista adesso?” mi domandò vedendo che avevo rallentato la velocità.

“Ma questo non è un normale autostoppista” gli risposi, mi accostai e Valdes salì in auto.

“Ma come diavolo hai fatto a trovarci?” chiese girandosi verso il sedile posteriore dove era seduto Valdes e poi verso di me “Ma come ci ha trovate? E come ha fatto ad arrivare qui così in fretta? Ok... lascia perdere, credo che non capirei e la spiegazione che mi verrebbe data potrebbe rivelarsi piuttosto strampalata”

“Ho preso l’aereo?!”

Anna rise: “Ok ci credo, ma state pur certi che vi subisserò di domande, adesso andiamo a mangiare perché la mia fame sta aumentando”

Andammo in un ristorante Giapponese; ero ancora curiosa di sperimentare i sapori tramite il mio olog. La serata trascorse in modo veramente piacevole, Anna stava cominciando ad entrare nell’ordine di idee che noi eravamo le persone che stava cercando. Di sicuro noi stavamo cercando lei.

A fine serata ci fermammo a gustarci un Alaska al nostro solito locale e, mentre Valdes si diresse nella sua cabina, io entrai con Anna nell’alloggio a lei assegnato per mostrarglielo; le dissi che la doccia era regolata per venti secondi : “Cosa ci faccio con 20 secondi, nemmeno il tempo di bagnarmi i piedi”.

La rassicurai: “Provala! poi domani mi dirai come l’ hai trovata, non usare saponi o altro”

Vidi il suo dubbio negli occhi, la salutai e raggiunsi Valdes.

Ci divertimmo a percepire mentalmente Anna nella sua stanza, come se la stesse cavando.

La sentimmo borbottare riguardo alla doccia: “Venti secondi,..bah, non saranno troppi? Saranno in economia d'acqua?”.

Si mise sotto la doccia: “Ma cosa?…Ohh…Delizioso! Che stupenda sensazione!”

Dopo la doccia sentimmo che si stava mettendo a letto, avevo regolato la leggera vibrazione del materasso che aveva accompagnato le mie notti quando ancora usavo il mio personaggio.

Passarono pochi secondi ed Anna si addormentò.

- Buona notte Anna -

Valdes mi sorrise, ci fu un tenero contatto mentale, durante quel tocco ci scambiammo una veloce conversazione, lui mi diceva divertito che non avevo usato mezze misure con quella tipa: “E’ molto sveglia, sapevo che mettendola di fronte a determinati fatti non si sarebbe tirata indietro!”.

Era tempo di fare una visita a Gray.

LE TECNICHE DI BONES

Raggiunsi Terranova in compagnia di Valdes, osservai che di fronte alla Biblioteca era sorta una grossa costruzione. Era un edificio basso ad un piano, intonacato di un rosso acceso, che spiccava in maniera impressionante rispetto alla monotonia degli anonimi edifici circostanti. Mi incuriosii ed entrai per verificare di cosa si trattasse.

Bones, percepì mentalmente il nostro arrivo ci raggiunse per mostrarci cosa era riuscito ad organizzare.

Aveva costituito una squadra facendosi aiutare da amici ed abitanti del suo pianeta, ci fece vedere una grande palestra suddivisa in diversi scomparti.

Quello che vidi era davvero singolare.

“Ho suddiviso la terapia per questi esseri in vari gradini, la prima parte è suddivisa in quattro zone differenti dove si eseguono differenti esercizi”.

Guardai i primi scomparti e vidi individui che lottavano contro una specie di muro grigio alto circa tre metri e largo altrettanto.

“Questo è un muro di energia, assorbe i colpi, ha un’ effetto materasso, la prima fase consiste nel lottare contro questo muro il tempo necessario a sfogare qualsiasi emozione negativa possa affliggere questi esseri”.

“Spiegati meglio” gli dissi e Bones mi spiegò che per molto tempo questi individui avevano subito atrocità e oppressioni: “Quindi bisogna fare in modo che comincino a sfogarsi, questo serve per farli lottare e reagire contro un’ immaginario nemico, fino a ché sentono che possono reagire a quanto gli è successo.

Devono risvegliare, in un certo senso, il loro spirito vendicativo e cominciare a sfogarsi”

Diedi un'occhiata in un’ altro di quegli scomparti e vidi un tizio che si accaniva ferocemente contro quello strano muro, sembrava avesse intenzione di demolirlo, così chiesi a Bones: “Perché vuoi fare in modo che risveglino la loro sete di vendetta?”

“Certamente non per fargliela attuare, lo scopo e far sì che questi esseri si predispongano a lottare per sistemare la loro attuale condizione, ma la lotta che dovranno affondare ha a che fare con la loro mente, non con un nemico esterno”.

Ci fece vedere altri scomparti. Dopo che un individuo era giunto al punto di sentirsi veramente distruttivo nei confronti di quel muro, solitamente lo si lasciava continuare fino a che quella strana lotta cominciasse ad annoiarlo, a quel punto passava alla fase successiva.

In una zona separata dagli scomparti dei muri di energia c’erano gli scomparti degli specchi.

In questa seconda zona gli individui dovevano riuscire a restare davanti a degli enormi specchi fatti con la stessa energia e delle stesse dimensioni dei muri grigi.

Bones ci fece notare come questi esseri facessero fatica a guardare la loro immagine riflessa: “Ogni volta che guardano nello specchio cominciano ad emettere involontariamente delle scariche elettriche che li fanno incollare alla superficie specchiata.”

Ci fece cenno di guardare un individuo alto e magro : “Questa parte è piuttosto delicata, emettono dell’energia che è fuori dal loro controllo e devono imparare a tenerla a bada.

Se uno di loro provasse a stare davanti allo specchio senza avere prima combattuto contro il muro, vi ci si troverebbe incollato così forte che avrei bisogno di aiuto per staccarlo…oltre al fatto di dover oscurare lo specchio”.

Guardai alcuni individui davanti a questi specchi, vedevo che facevano fatica a guardarli, ogni tanto dovevano distogliere la loro concentrazione; qualcuno era attaccato allo specchio, ma gli aiutanti di Bones erano pronti ad intervenire.

“La seconda fase è quella che richiede più tempo, solitamente ci mettono un po’ prima di riuscire a controllare quel tipo di energia. Devono solo concentrarsi nel dominare quell’energia.

Nella terza fase devono ripetere quello che facevano contro il muro di energia ma questa volta devono farlo con uno specchio.”

“Questa è la lotta allo specchio!” Esclamai, avendo avuto una specie di illuminazione.

Ricordavo quello che avevo fatto io in palestra ma gli chiesi a cosa sarebbe servito quell’esercizio.

“Qui lo scopo è piuttosto semplice, devono combattere contro sé stessi, o meglio, contro la loro immagine allo specchio fino a che diventano consapevoli del fatto che si stanno combattendo da soli.

Questo li dovrebbe portare a smetterla di farlo, in teoria dovrebbero passare da uno stato di introversione ad uno stato di tranquillità verso loro stessi.”

Ci condusse verso un'altra stanza, passando oltre alle porte dove potevo vedere ancora lotte allo specchio.

“Poi abbiamo la quarta fase, qui non è ancora giunto nessuno.

Si tratta sempre di mettersi di fronte ad uno specchio, ma questa volta devono cercare di farsi paura.

Devono spaventarsi.

Questo ha un duplice scopo, devo ancora testarlo, ma penso che dovrebbe portare questi individui a non avere più paura della loro ombra, cosa che adesso purtroppo li sta perseguitando; e nel frattempo dovrebbero cominciare a ridere di sé stessi e prendersi volutamente in giro.

Se li osservi vedrai che raramente ridono, solitamente fanno dei sorrisi forzati”.

“Certo che ti sei ingegnato Bones, ma dimmi, qual’è lo scopo generale che ti sei prefisso con queste prime quattro fasi?”

“L’idea è di far sì che questi esseri si rendano conto che possono fare qualcosa per migliorare la propria condizione dandogli un po’ di fiducia in sé stessi.

Parto dal presupposto che se diventano più estroversi, quindi meno timorosi, possano arrivare a capire che un miglioramento sia possibile”.

Sembrava che la cosa potesse avere dei buoni effetti quindi gli chiesi: “Quali sono i passi che hai previsto dopo questa prima fase?”

Bones non ne era ancora sicuro: “Pensavo di fare in modo che sviluppassero una sorta di comunicazione mentale, ho visto che molto tempo addietro avevano una capacità simile; Exhadòr ne è ancora in possesso anche se si tratta di una forma molto grossolana e pesante.

Volevo che cominciassero ad esercitarsi, magari in gruppi o a coppie, a comunicare mentalmente, anche solo immaginando di comunicare telepaticamente.

Nel frattempo volevo fare in modo che cominciassero a liberarsi di tutta l’energia negativa che hanno accumulato nel corso della loro esistenza come schiavi degli esterni”.

Mi mandò mentalmente un proiezione tridimensionale della struttura di questi esseri: “Come puoi osservare, il loro Corpo Mentale o Energetico è molto denso, non riescono a farlo diventare trasparente”.

Vidi ciò che Bones intendeva “Ha una solidità esagerata, nota come all’interno ci siano degli ammassi scuri. Mentre il nostro è vuoto, il loro è pieno di energia scura addensata, questi ammassi si sono formati durante il periodo in cui erano sottoposti ai trattamenti di vampirismo mentale.

Sto studiando un sistema per cui possano liberarsene un poco alla volta”.

Bones si era dato veramente da fare, con l’equipe di gente della sua razza aveva sviluppato dei primi metodi per dar modo a quegli esseri di risalire qualche gradino dall’ abisso in cui erano precipitati.

Dissi a Bones che secondo me stava facendo un’ ottimo lavoro e Valdes gli diede mentalmente la sua approvazione; sentivo che il mio compagno era curioso di sapere cosa stesse combinando Exhadòr.

Andammo alla biblioteca e vi trovammo Dan, il ragazzo assisteva Sgrunff assieme a Cindy; ci disse che Exhadòr era voluto partire per cercare di recuperare un po’ della sua gente nonostante Sgrunff lo avesse sconsigliato dicendogli che era ancora presto, e che avrebbe dovuto istruirsi di più prima della partenza.

Exhadòr si era dimostrato entusiasta e testardo, così gli era stata messa a disposizione una nave per aiutarlo nel suo primo tentativo.

Il tempo passava ed i primi abitanti di Terranova, assistiti dall’equipe di Bones, aveva passato la quarta fase del programma iniziale; avevano finito il lavoro agli specchi ed avevano cominciato ad esercitarsi su di una grossolana forma di trasmissione mentale.

All’inizio riuscivano solo ad immaginare di comunicare telepaticamente, ma qualcuno cominciava ad ottenere qualche primo risultato.

Tale comunicazione era veramente grossolana, sembrava che i due individui messi uno di fronte all’altro, anziché mandarsi dei pensieri nitidi e comprensibili si versassero dei barili di melassa sulla testa.

Osservando due di loro risi compiaciuta: “Per favore ragazzi, non usate quella comunicazione con me, vi prego!…usate quella verbale!”, ma mi complimentai con loro per i progressi ottenuti.

I due sorrisero imbarazzati, ma grazie a quello strano complimento si diedero da fare con più impeto.

Sgrunff e Sven ci raggiunsero dopo diversi giorni per metterci al corrente degli sviluppi con Anna.

Aveva cominciato Sgrunff spiegando come stesse procedendo con la sua istruzione, stavano analizzando cosa fosse Planet H: “Gli hai parlato delle banane che esplodono?” gli domandai divertita.

“Certo! Fa parte degli standard istruttivi della Confederazione” rispose in modo erudito, ma subito dopo scoppiò a ridere.

Sven intervenne trasmettendoci mentalmente le fasi salienti dei fatti avvenuti; aveva cominciato a mandare in corto i primi circuiti demoni all’interno del Tasker di Anna, ci ripropose alcune sequenze.

Vidi Anna seduta alla poltrona nell’aula di teoria, mentre Sven gli dice di pensare al sesso. Velocemente ritorna nella zona del Tasker e si sente Anna: “Sven, che diavolo hai fatto?”

Sven ritorna nell'aula e vede Anna rossa in viso e leggermente imbarazzata.

“Brava, vergognati, continua a vergognarti!” disse facendo capolino dalla porta per poi uscire di nuovo.

“Sven, vieni subito qui!”.

Sven rientrò con aria dubbiosa e vide Anna in piedi in mezzo all’aula con le braccia sui fianchi, non era più imbarazzata, ma solo un po' stizzita. Sapevo che aveva sentito quella scarica di energia che era fluita sino alla sua testa.

“Abbiamo mandato in corto circuito sesso e vergogna!” urlò Sven dall'alto della sala.

“Non ero particolarmente interessata al sesso in questo momento! Potevi almeno chiedere!!”

“Erano le due prime cose da sistemare, ora non avrai più fastidi da quelle aree! E non dirmi che non è stato piacevole” le disse facendole l'occhiolino.

“Beh...no ...sì...insomma!! Con voi non si sa mai cosa aspettarsi!”

Aveva sviluppato un sistema molto veloce per liberarsi dai circuiti avendo avuto a disposizione anche il Tasker di Irina su cui lavorare.

Anna era stata presa alla sprovvista, anche se secondo Sven cinque minuti di preavviso erano un largo tempo per avvisare una persona.

Anna gli aveva fatto notare che non era così interessata all’aspetto sessuale durante la sua vita, ma Sven disse: “Non importa quanto tu fossi in grado di tenere a bada quel che ti succedeva, c’era qualcosa che andava risolto in quell’area e noi lo abbiamo risolto.

Adesso puoi anche abusare sessualmente di Sgrunff senza vergognartene. E con quattro mani, ti lascio immaginare di cosa sarebbe capace”

Anna rise a quelle parole e nel frattempo Sgrunff, che si era messo due mani dietro la testa ed altre due sui fianchi, aveva accennato una timida danza del ventre: “Non sono forse bellissimo?”

La situazione era bizzarra e simpatica; Sgrunff si rendeva simpatico a tutti quelli che conosceva. Aveva ripreso a parlare di Planet H ed Anna gli aveva chiesto di smetterla con la storia delle banane che esplodono.

Sorrisi ripensando al mio percorso in quel frangente - La storia delle banane fa sempre colpo -

Sgrunff disse anche che Anna aveva cominciato a fare qualche sogno lucido.

-Bene - pensai - prossimamente comincerò a farle analizzare quello che avevo in mente. -

A quel punto fummo interrotti dal ritorno di Exhadòr, aveva portato della gente con sé, ma sembrava alquanto turbato.

Entrò nella biblioteca, trafelato e visibilmente agitato: “Il Reggente sta maltrattando e torturando le popolazioni dei vari pianeti!”

Lo fermammo ed aspettammo l’arrivo di Matt e Sonia; era meglio che fossimo tutti presenti per ascoltare quanto aveva scoperto.

Quando anche loro furono presenti si chiese ad Exhadòr di esporre gli avvenimenti.

“Grankuoss ha mandato truppe armate su tutti i vari pianeti limitrofi a Fionis I con lo scopo di terrorizzarne gli abitanti.

Alcuni vengono presi e torturati, viene loro intimato di non dare appoggio alle razze della Confederazione.

Gli fanno credere che si stia preparando un’invasione e chiunque aiuti il nemico verrà messo ai pali. Dobbiamo fare qualcosa per fermarlo. Combattiamolo!”

Exhadòr era veramente molto scosso, ma Sgrunff intervenne: “Dovevi aspettare a partire, non hai ancora raggiunto un livello di istruzione adeguato che ti permetta di valutare in maniera logica le cose. Cosa vorresti fare?..vorresti correre a combattere il Reggente?”

“Sì, voglio combatterlo, togliamolo di mezzo!”

Matt alzò la mano, fece una lunga pausa: “Exhadòr, tu ritieni che il tuo nemico sia il Reggente, bene…come proponi di combatterlo?”

“Mandiamo delle navi, respingiamo le sue truppe e catturiamo quel verme”.

“Sei proprio uno zuccone, Sgrunff ha ragione. Grankuoss può anche essere il tuo o il nostro nemico, ma è un nemico conosciuto.

Potrebbe essere dannoso toglierlo di mezzo, lui è stupido e prevedibile, una volta che ce ne saremmo sbarazzati chi potrebbe assicurarci che qualcuno più malvagio e più furbo possa prendere il suo posto?”

“Ma, dobbiamo fare qualcosa, la nostra gente….”

“Stiamo già facendo qualcosa” lo fermò Matt “se nessuno di noi fosse qui a fare quello che sta facendo probabilmente tu non sapresti che cosa succede nell’Universo Esterno.

Ora, il fatto di conoscerlo ti fa ribollire il sangue e vorresti agire; ma agisci secondo un piano ben congegnato; vorresti forse correre a fare il paladino della giustizia iniziando una guerra senza senso che non avrà mai fine?”

Exhadòr non voleva sentire ragione, la sua mente era offuscata dalla vendetta: “Se è necessario che guerra sia!”

“Piantala di atteggiarti ad eroe violento, innanzitutto il Reggente deve rimanere al suo posto, meglio un nemico conosciuto e stupido piuttosto di un nemico ancora da capire e studiare.

Fare una guerra vorrebbe dire combattere con la violenza i cinque pianeti principali degli Esterni, dove vive la razza del lurido.

Meglio studiare il modo per combatterlo senza che lui lo sappia, così facendo lo indeboliamo giorno per giorno, vanificando ogni suo sforzo”.

“Non capisco” Exhadòr camminava nervosamente gesticolando “come si fa a combattere senza farlo sapere al nemico; e poi, non possiamo rimanere senza far niente di fronte alle azioni scellerate che il Reggente sta compiendo”.

“Dobbiamo studiare una strategia ben pianificata e Kate è una vera esperta in questo, quindi le lasciamo la parola”.

Sapevo a cosa si stava riferendo, sapevo anche che mi aveva dato la parola perché da lì a poco avrebbe cominciato a scherzare ed a prendere in giro Exhadòr, così buttai lì un piano:

“Innanzitutto dobbiamo prevedere cosa accadrà una volta che avremo neutralizzato le armate del Reggente.

Sarebbe opportuno fare in modo di esiliare momentaneamente la sua razza spostandola su pianeti esterni di quell’universo.

Abbiamo degli esseri qui a Terranova che si stanno addestrando nella comunicazione telepatica, potremmo istituire delle zone di addestramento sui vari pianeti interessati dalle scorrerie degli accoliti del Reggente.

Questi esseri in addestramento riescono, all’inizio, ad emanare una comunicazione così solida che sarebbe in grado di intorpidire un bisonte, usiamola per bloccare le armate di Grankuoss.

Potrebbero continuare ad esercitarsi sui vari pianeti, se e quando arriveranno gli inviati del Reggente gli basterà inondarli di quella strana melassa mentale che riescono ad emanare.

Questo dovrebbe rendere inoffensive e confuse le truppe del lurido, mentre qualcuno con una capacità telepatica più sviluppata potrebbe indurli e convincerli che orami abbiano torturato molte persone e che stiano facendo un’ ottimo lavoro.

Questi se ne andrebbero senza aver mosso un dito ma convinti di essere stati terribilmente malvagi ed irresistibili.

Intanto organizziamo il trasferimento dei pianeti sui quali andremo ad esiliare il Reggente ed i suoi amici.

Il tutto senza che lui se ne renda conto e senza torcere un capello a nessuno”.

Matt si voltò verso Exhadòr, aprendo le braccia in segno di soddisfazione: “Vedi Exhadòr come si sviluppa un piano strategico, adesso per punizione ti verranno colorate le unghie di rosso e dovrai indossare calze a rete e tacchi a spillo, così diventerai Exhadòr la simpatica!”

Exhadòr rimase a bocca aperta, Sonia intervenne: “Se proprio vuoi combattere il Reggente personalmente ti posso prestare qualche scimpanzé, però dovrai combatterlo vestito come ha appena suggerito Matt”

Exhadòr non sapeva se ridere o rimanere serio; cercò di dire qualcosa ma riuscì solo a balbettare. Sgrunff lo stava aspettando al varco: “Ok Exhadòr, ora che hai sentito che una guerra può essere combattuta senza per forza dover usare la forza o scontrarsi col nemico, cosa ne dici se riprendiamo il tuo addestramento?

E ricorda, non è vero che l’attacco sia la miglior difesa, la miglior difesa è fare in modo che il nemico combatta sé stesso.

Questo ti potrebbe far capire che una guerra viene vinta solo se non ci partecipi affatto”

Sonia prese sotto braccio Sgrunff: “Te lo ha mai detto nessuno che sei un grandissimo filosofo?”

“In moltissimi, almeno due, mamma e papà, però temo che volessero solo imbonirmi, ero piccolo ed avevo appena distrutto un grattacielo di 15 piani per riprendere il mio biberon”.

Exhadòr era senza parole, vedeva quei tizi scherzare tranquillamente quando pochi attimi prima lui era pronto a fare una guerra.

“Ok Sgrunfy” disse Matt “sistema il nostro ribelle oracolo, poi accertati che sviluppi il piano esposto da Kate nei minimi dettagli”.

Bones intervenne: “Sono convinto che un’azione del genere sia molto terapeutica per gli esseri che si stanno esercitando, dovrebbe farli finalmente sentire utili e tra le altre cose questo sarebbe un’ enorme iniezione di fiducia, approvo pienamente il tutto”

Valdes era stato attento ad ogni particolare, aveva ascoltato ma non aveva espresso alcun pensiero, ma sapevo che era d’accordo con quanto detto; mi disse che era ora di verificare cosa avesse combinato Irina e come stesse procedendo con Anna.

Il gruppo si sciolse dopo i saluti, ognuno tornò alle occupazioni precedenti, Matt e Sonia stavano seguendo lo svolgimento del progetto partito dalla N Technology assieme a Denise.

Le vendite stavano andando forte e ci si avvicinava sempre di più all’obiettivo prefissato.

Io e Valdes ritornammo a bordo della Nemesis.

I RESOCONTI

Giunti nella seconda aula di teoria, quella completamente a bordo della Nemesis, incontrammo Irina e Sammy che stavano ridendo.

Valdes chiese loro di metterci al corrente della loro “missione” segreta.

Cominciò Sammy dicendo che avevano creato un bello scompiglio alla base di Groom Lake: “Duemila capi di bestiame hanno invaso la pista principale e la zona circostante, Irina si è preoccupata anche che avessero cibo in abbondanza, stanno ancora cercando di liberare la zona ed avranno un bel da fare per ripulire il tutto”.

Irina sorrideva, aveva l’aria birichina di chi ne aveva combinate parecchie; sorrisi e le chiesi cosa avesse fatto.

Ci mise al corrente: “Abbiamo sorvolato l'area e “parcheggiato” sopra alla montagna, senza atterrare.

Avevo deciso che dovevamo visitare qualche piano di quello strano posto, ci sono molte storie che affermano che in quel luogo vengono custoditi segreti riguardo a creature extraterrestri ed ai loro velivoli.

Onestamente non abbiamo visitato tutto quanto, però devo dire che non abbiamo trovato nessuna traccia di cose del genere, anche sondando le persone mentalmente non c’è stato niente che ci abbia dato da pensare che tali storie avessero un fondamento”.

Valdes annuì e chiese: “Cosa avete trovato allora?”

Irina riprese a parlare: “Abbiamo visitato diversi piani, c’erano molti laboratori dove venivano sperimentate strane teorie, molte avevano a che fare con applicazioni per il volo aereo.

Abbiamo visto diversi prototipi, vi posso dire con certezza che stanno cercando di costruire delle astronavi.

Da quello che abbiamo percepito dalla mente di qualcuno che era lì da molto tempo, gli strani incidenti di cui molta gente ha parlato, hanno solo a che fare con tentativi di far volare delle brutte copie di dischi volanti.

Sembra che abbiano preso spunto da alcuni romanzi di fantascienza, ma questa non è decisamente la parte più interessante”.

Fece una breve pausa poi riprese: “Stanno lavorando in due settori che sono considerati segretissimi, per entrare in alcuni reparti o laboratori bisogna essere muniti di un pass particolare; chi deve entrare in questi posti deve passare al riconoscimento delle impronte digitali, vocali ed alla scansione ottica. Viene sempre accompagnato da due guardie e per lasciare questi laboratori deve eseguire la stessa procedura.

In queste zone c’è pochissima gente.

Hanno delle attrezzature che assomigliano ai Tasker!”

Le chiesi a che scopo avessero tali attrezzature e lei continuò:

“Stanno sperimentando l’amplificazione di alcuni poteri mentali, dalla telepatia alla visione remota, cercano di riprodurre anche fenomeni di telecinesi.

Hanno modificato geneticamente alcune cavie, si tratta di cavie umane.

Vengono messe in queste apparecchiature con lo scopo di amplificare quelle che loro credono essere abilità o capacità prodotte dal cervello umano.

Se Sven li vedesse gli direbbe che sono proprio degli inetti incompetenti”.

“Chiariscimi meglio il concetto oppure trasmettimi mentalmente le informazioni” dissi a Irina, lei lo fece, vidi dei corpi modificati a tal punto da avere gli arti atrofizzati ed una testa molto più grossa, gli occhi erano scuri ed incavati per via della loro permanenza al buio, la pelle era lattiginosa e grigiastra, quello era il risultato della scarsa ossigenazione e della mancanza di luce a cui venivano lasciati per molto tempo.

Quegli idioti erano convinti che il cervello dell’uomo, …cioè…del personaggio di un videogame potesse emanare quelle che erano considerate attività extrasensoriali, secondo loro l’attività paranormale era creata da qualche strano enzima prodotto nella scatola cranica, davano per certo qualcosa che non esisteva realmente -Sono dei grandissimi intelligentoni! Niente da dire – pensai.

Irina proseguì con la sua esposizione dei fatti: “Anni or sono c’è stato un grosso incidente, tutti pensavano che si trattasse di una nave aliena precipitata sul suolo terrestre, in verità era solo un esperimento che si era concluso male.

Qualcuno aveva teorizzato che i dischi volanti avessero quella forma perché erano in grado di formare vortici di energia contrapposti tra di loro tali da produrre un campo magnetico contrario a quello terrestre.

Questo avrebbe fatto in modo che il velivolo così costruito potesse alzarsi in volo verticalmente senza far nessun rumore e che potesse volare ad alte velocità.

Il velivolo che è precipitato durante quell’esperimento era costruito con materiali leggerissimi ed aveva dei mini propulsori.

Un guasto meccanico lo ha fatto cadere al suolo.”

Valdes sembrava molto interessato e chiese ad Irina: “Ma quindi?.. questi Alieni?…i dischi volanti?, cos’è tutta questa faccenda che infervora tanto alcuni dei personaggi di Planet H?”

“Penso che sia tutta una grossa bufala per far credere ad altri che in un determinato luogo esistano conoscenze e tecnologie molto più avanzate di quelle realmente esistenti.

Un po’ come i risultati delle analisi di Kate sulle religioni”

Valdes chiamò Sven: “Sven, in Planet sono state create altre razze che abitano altri pianeti?”

Sven rispose senza indugio: “Assolutamente no, a meno che gli esterni abbiano apportato modifiche del genere, ma per quanto ne so non ne possiedono la capacità.

Creare un videogame ben fatto è piuttosto complicato e laborioso, conoscendo il modo di fare degli Esterni…direi che la cosa non sia per niente possibile.

Solo i personaggi di Planet hanno la capacità di costruire dall’interno materiali e mezzi per potersi muovere nel suo spazio, ma nessun altro pianeta è stato predisposto perché i giocatori/prigionieri potessero viverci”

“Ma qui parlano di altri mondi e di astronavi che viaggiano nello spazio venendo da molto lontano, come spieghi questi fatti?”

“Non li spiego, non sono state previste cose del genere, quindi non dovrebbero esistere.

La struttura del videogame è sferica, se Kate a bordo della Silver intraprendesse un viaggio mantenendo una rotta definita, si ritroverebbe a fare un grosso giro a forma di cerchio e tornerebbe al punto di partenza giungendo dalla parte opposta.

Oltre a questo non saprei dirti altro se non che non è stata inserita nessun’altra razza o civiltà!”

“In questi libri, e questi sono solo una piccolissima parte, ci sono persone che asseriscono di essere state rapite da entità aliene, puoi dirci qualcosa?” gli chiese infine Vlades posando una mano sulla piccola catasta di blocchetti.

Bones arrivò in quel momento, aveva captato i nostri pensieri e pensava di avere una possibile risposta.

Chiese di vedere gli scritti a cui si stava riferendo Valdes, questi li fece apparire sullo schermo davanti a noi, Bones ne lesse un paio molto velocemente: “Questi racconti sono molto simili tra loro, rapimento, esperimenti, paura, strane comunicazioni…sembrano dei piccoli racconti del terrore!”

“Sono racconti inventati secondo te, Bones?”

“Sono racconti veri, mi spiego meglio, queste persone hanno vissuto queste esperienze, ma non le hanno vissute su Planet.

Gli episodi che abbiamo visionato con gli individui che si stanno addestrando su Terranova sono molto simili a questi, direi che hanno tutti lo stessi stampo.

Sono episodi indotti mentalmente durante le torture alla colonna elettrificata, lo scopo di queste esperienze mentali era quello di far produrre al soggetto forti scariche di terrore.”

“Quindi i racconti qui descritti sono frutto di ricordi?”

“Sì e no, possono essere ricordi ma possono anche essere stati inseriti nell’amplificatore di paura che hanno scoperto Kate e Sven all’interno del Tasker”

Valdes pensò a quanto sentito: “Grazie Bones, il tuo intervento ci è stato utile, ora dobbiamo verificare qualche altra cosa”

Bones ritornò dalla sua equipe, Valdes disse a Sammy ed Irina di usare la modalità invisibile, aveva in mente di andare da Anna.

Sven mi guardò divertito “Oggi risolviamo la paura?” disse ridendo

Risi ricordando quello che avevo passato io: “Sì, ma aspetta il mio segnale!”

Raggiunta Anna nell’aula di teoria posta nella zona di transito e dopo esserci scambiati i saluti di rito le chiesi cosa ne pensasse di Alieni, spiriti e fantasmi, lei pensò a quella domanda sorridendo: “Ne penso di tutti i colori” disse in tono allegro.

“Parlacene, magari partendo dagli alieni” la incitò Valdes, lei cominciò a dire: “Certi discorsi li ho sempre affrontati con amici sin da quando ero ragazza, ci si trovava a casa di qualcuno e dopo qualche discorso futile cadevamo sempre su storie di fantasmi ed entità spirituali”

Condussi Anna nella palestra, il luogo era più adatto per parlare.

Arrivati in palestra, sistemai qualche sedia ed abbassai le luci, volevo che avessero la stessa intensità di qualche candela accesa: “Creiamo un po’ di atmosfera spettrale” dissi ad Anna.

“Anna, cosa ricordi riguardo a storie di extraterrestri?” le chiese Valdes.

“Ben poco, solitamente parlavamo di spiriti e magia”

“Ricordi qualche episodio di rapimento alieno?”

“Una volta un mio amico insisteva a parlarne, aveva letto un libro ed era rimasto attratto da quelle storie, ma personalmente non ci ho mai creduto troppo”

“Indipendentemente dal fatto che tu ci creda o no, se dovessi pensare di venire rapita dagli alieni, che cosa proveresti, quali sensazioni ti vengono in mente?”

“Nessuna, non credo che questo potrebbe accadere”

“Ok, ti posso capire, ma prova a sforzarti di immaginare di essere a casa da sola, al buio e ad un certo punto cominci ad avere una strana sensazione,…alieni che vengono per prelevarti, usa solo l’immaginazione…cosa provi?”

Anna rimane pensierosa, poi: “Penso che potrei avere paura, potrei immaginare che degli strani esseri entrino nella mi stanza e mi portino via per torturarmi, potrei anche arrivare ad essere terrorizzata,…ma ti ripeto, non penso che mi possa succedere”

“Grazie Anna, mi hai detto quello che volevo sentire, cosa mi dici invece riguardo a spiriti o fantasmi?”

“A quelli credo molto di più, ogni volta che ne parlavamo tra amici, naturalmente la sera e la discussione si protraeva per tutta la notte; poi si aveva la sensazione che qualche presenza fosse intorno a noi”

Sentivo che Anna aveva cominciato ad essere più vigile, gli occhi le si muovevano a scatti a destra e sinistra, questa era la paura che stava entrando in azione allora le chiesi: “Hai mai sperimentato una presenza quando ti trovavi a casa da sola?”

“Sì, c’è stato un periodo che la sera mi mettevo a leggere a letto, poi prima di addormentarmi pensavo allo spirito, all’essere spirituale tenuto prigioniero da questo corpo…ed immancabilmente quando spegnevo la luce per mettermi a dormire cominciavo a sentire una presenza.

Non era cattiva o malvagia, solo che mi disturbava, non riuscivo a dormire, se spegnevo la luce continuavo a girarmi perché mi sentivo osservata.

Morale della favola ho dormito per una settimana con la luce accesa”.

Io le chiesi cosa percepiva da quella presenza, lei si assentò mentalmente per qualche istante, stava ripensandoci ed io vedevo che la sua leggera paura aumentava: “Ricordo che sentivo una vera e propria persona vicino a me, ma questa persona non aveva il corpo, era invisibile… percepivo una reale presenza incorporea”

Diedi il segnale a Sven e dissi a Irina di apparire ed appoggiare una mano sulla spalla di Anna, che lanciò un urlò agghiacciante. Si girò, vide Irina e Sammy: “E voi da dove sbucate, mi avete fatto prendere un colpo!”.

Sammy sorrise: “Eri così assorta dal tuo racconto che non ci hai sentito arrivare”

Anna lo guardò: “Se voi foste entrati normalmente vi avrei certamente sentito, ho come l’impressione che non volevate farvi sentire”.

Irina diede una gomitata a Sammy “Ci hanno scoperti!” disse ridendo, intanto Sven ci comunicava che l’amplificatore della paura era stato disattivato.

“Di che amplificatore sta parlando?” domandò Anna.

Le chiesi se Sgrunff l’avesse messa al corrente di Planet H, lei annuì: “Quella storia mi sembra surreale, vivere in un videogioco….”

“Sei già uscita dal tuo Tasker?”

“Sì, almeno credo, non ne sono molto sicura, il ricordo di quelle esperienze è molto simile ad un sogno; mi sento molto confusa al riguardo” non aveva capito bene cosa fosse quell’infernale aggeggio, poi chiese: “Chi è questo omone?”

Irina accarezzandogli teneramente una spalla: “Ti presento Sammy, il mio pilota personale”

“Avete un aereo o qualcosa del genere?”

“Qualcosa del genere” risposi cercando di non entrare in argomento per ora. Ogni cosa a suo tempo.

Sammy ed Irina ritornarono nella seconda aula mentre io e Valdes accompagnammo Anna nella prima.

Volevo sapere come stessero andando i suoi studi; ero curiosa di sapere se avesse già fatto dei sogni lucidi.

“Sì, sai che sono diverse volte che mi sveglio all’interno del sogno e so che sto sognando?”

“Brava, hai già provato a volare?”, Anna mi guardò stupita: “Si può volare davvero?”

Le sorrisi: “Certo, per prima cosa devi ricordarti che puoi farlo, poi ti convinci che sia facile e dopo di che fai una piccola corsa e spicchi il volo; questa è la tecnica che ho sempre usato…e funziona tutte le volte”

Mi disse che ci avrebbe provato, non aveva mai fatto quei sogni prima e non sapeva esattamente come dovesse comportarsi o cosa potesse fare.

Mi interessava che provasse a volare e che cercasse di percepire il proprio corpo all’interno del sogno: “Abbiamo bisogno di raccogliere più informazioni possibili su quello che io chiamo il Corpo del Sogno per metterlo a confronto con L’uscita dal Corpo”

Lei si dimostrò particolarmente entusiasta della cosa: “Non mi è mai piaciuto così tanto dormire come in questi periodi”

Rise contenta. Ci saremmo aggiornate per i nuovi sviluppi e la salutai.

Anna mi guardò uscire ed io sentii che aveva troppe domande che avrebbe voluto farmi, fortunatamente ero riuscita a sviarla facendole pensare ai sogni lucidi

- Lasciammo a Sgrunff il suo lavoro – pensai sorridendo tra me e me.

Mi diressi con Valdes nella sala adiacente alla Plancia, ci stavamo apprestando a fare il punto della situazione, Matt e Sonia ci raggiunsero.

Valdes disse che nelle sue visite lampo a vari club “Amici degli Alieni” non aveva trovato informazioni rilevanti: “Sembrano tutti convinti che altri mondi siano abitati da strane creature che possiedono tecnologie molto avanzate.

Alcuni sostengono di avere avuto incontri con queste entità mentre altri sostengono di essere stati rapiti, da un rapido sondaggio mentale ho constatato che quasi tutti si sono inventati delle storielle.

Alcuni hanno visto qualcosa di inspiegabile ed hanno attribuito ciò che hanno sperimentato agli Alieni.

Solo i ricordi di un paio di persone erano reali, ma mentre una parte era piuttosto nitida, ne esisteva una seconda alquanto confusa.

Penso proprio che queste persone abbiano confuso tempo e spazio di quegli avvenimenti”.

Matt si mostrò molto interessato in quella ipotesi “Quindi è abbastanza inutile cercare in quella direzione, pare che queste persone sperimenti dei ricordi anziché dei fatti reali, esattamente come sostiene Bones”.

“Sì” confermò Valdes “c’è troppa confusione attorno a quei fatti, meglio puntare su altro”.

Le storie di Alieni erano molto interessanti, ma purtroppo anche molto infarcite di inspiegabili bugie, misi quindi al corrente i ragazzi sui progressi di Anna: “Penso che quella della ricerca spirituale sia una strada che attiri maggiormente i giocatori/prigionieri della Confederazione.

E’ la condizione più vicina al loro stato precedente all’ingresso in Planet, ho la netta impressione che molti cerchino una via del genere”.

Sonia si mise comoda su una poltrona accanto ad un monitor: “Sono d’accordo, sondando i ricordi di Ernst abbiamo notato che lui è convinto di far parte di una razza diversa da quella terrestre, nella sua strana confusione mentale c’è un grande fondamento di verità, ma la strada delle razze extraterrestri viene presa meno seriamente della liberazione spirituale.

Anna invece è molto determinata a scoprire come liberarsi dal corpo; e sebbene anche questa strada venga derisa dai più, è quella che maggiormente si avvicina al nostro scopo all’interno di Planet, cioè quello di far aumentare la consapevolezza per localizzare i Tasker”.

Matt e Valdes si dissero d’accordo, quindi proposi: “Mi metterò d’accordo con Sgrunfio al fine di far leggere ed analizzare ad Anna tutti i testi che riguardano tecniche di meditazione e di liberazione spirituale, così che possa elaborare un sistema semplice ed efficace.

Dopo di che studieremo come fare per inserirlo all’interno del videogame”.

Quell’improvvisato meeting ebbe fine e ci proiettammo su Terranova per vedere a quali sviluppi ci saremmo trovati di fronte.

UN’ ARMA LETALE

Bones ci stava aspettando, ormai diversi individui in addestramento sotto l’attenta supervisione della sua equipe erano giunti alla fase della comunicazione telepatica.

Ogni volta che li osservavo ne restavo piacevolmente inorridita, la melassa scorreva a fiumi, ma c’era anche qualcuno che riusciva ad abbozzare una timida ma pur sempre grossolana comunicazione mentale.

“Qualcuno è riuscito a sviluppare una comunicazione telepatica in grado di far percepire dei vaghi pensieri a chi lo sta ascoltando, devono esercitarsi ancora parecchio, ma questi individui possono già cominciare a darsi da fare sulla tecnica che ho sviluppato per estirpare gli ammassi energetici che li affliggono”.

Ascoltai le parole di Bones e gli chiesi: “Pensi che questi esseri possano riuscire a distrarre mentalmente gli inviati del Reggente?”

“Dovrebbero riuscire ad ottenere qualche effetto sicuramente, ma non penso che siano ancora in grado di comunicare realmente dei concetti veri e propri”.

Matt si rivolse a Bones “E se noi provassimo a farli comunicare solo allo scopo di far confondere chi riceve il loro pensiero, ritieni che si possa fare un tentativo?”

Matt voleva verificare se potessero essere pronti ad attuare il piano che avevo consigliato ad Exhadòr. Bones valutò i ragazzi in addestramento: “Possiamo provare a formare due gruppi, ciascuno composto di dieci elementi, ne prendiamo otto che sono ancora all’inizio nei loro tentativi telepatici, e due che sono più avanzati.

Proviamo a fare in modo che continuino ad esercitarsi su di un pianeta afflitto dalle incursione degli uomini di Grankuoss, intanto qualcuno di noi resta con loro in caso abbiano bisogno di aiuto”.

“Proviamo!” esclamò Sonia entusiasta “Cosa ne pensi Gray?”

A Gray brillavano gli occhi dall'entusiasmo e si offrì per seguirli durante i primi periodi: “Meglio se Exhadòr per un po’ rimane alla larga, ha ancora troppe idee strane per la testa” affermò ridendo.

Bones cominciò ad organizzare la prima spedizione, organizzò due gruppi e li istruì a dovere sul da farsi, i ragazzi che aveva selezionato erano volenterosi, ma ancora insicuri ma nel giro di un paio di giorni partirono accompagnati da Gray.

Intanto Sgrunff ci stava aggiornando sui progressi di Exhadòr: “E’ un incorreggibile zuccone, possiede alcune capacità, ma ha anche certe idee fisse piuttosto distorte.

Quello che abbiamo saputo è che lui è stato catturato assieme ad altri della sua razza, ma ha subito poche torture mentali e a causa di un temporaneo guasto ad una colonna elettrificata è riuscito a fuggire.

Sconvolto e confuso si è diretto nella Zona Franca. Quando ha visto che molti esseri venivano catturati per essere portati nei luoghi di prigionia degli Esterni è fuggito verso uno dei pianeti più remoti della Federazione Esterna.

Ha passato molto tempo a rimuginare il suo piano per liberare gli esseri catturati, ma l’unico risultato che ha ottenuto è stato quello di rimanere sul quel pianeta fino a che non l’ hanno trovato Matt e Sonia”.

“E' come ha fatto a diventare l'oracolo?” chiese Matt.

“In effetti aveva una tenue capacità di lettura della mente, che era più assimilabile ad una sensazione che ad una vera e propria abilità. Attraverso di essa si è conquistato il rispetto ed il timore di quella gente, che però ad un certo punto a cominciato a chiedere sempre maggior precisione nelle profezie.”

“Ed è per questo” sorrise Sonia “che il nostro simpatico amico ha creato la profezia dei due angeli. Non potendo più soddisfare le richieste, ha pensato bene di nascondersi e calarsi totalmente nei panni dell'oracolo”

“Esatto” disse Sgrunff “E nella solitudine di quella caverna, ha covato un miscuglio di paura e vendetta per tutto questo tempo.

Ora ha finito la prima parte di istruzione che avevo preparato per lui e mi ha dato molte informazioni, alcune piuttosto confuse, sulle razze che abitavano questa zona prima che diventasse un deserto e luogo usato per i giochi.

Penso che lo affiderò all’equipe di Bones per fare in modo che si liberi da quegli strani guazzabugli mentali”.

Matt sorrideva in direzione di Sgrunff: “Il nostro oracolo è piuttosto pazzerello in questo momento” commentò.

Sgrunff sorrise e ci informò del fatto che avevano preparato diversi corsi per istruire gli individui giunti dai pianeti esterni per unirsi a noi: “Faremo in modo che la Zona Franca ritorni ad essere la loro casa”.

Andammo a vedere come si erano riorganizzati sui quattro pianeti Grekos. Quello che vedemmo ci sorprese in quanto ad efficienza. Erano stati demoliti degli edifici per far posto a dei piccoli villaggi che sorgevano intorno agli edifici dove i Tasker in azione tenevano prigionieri circa un miliardo di esseri.

Un gruppo di lavoro che aveva istituito Sven stava lavorando sui Tasker per studiarli nei minimi dettagli, ognuno di quegli “strumenti” veniva catalogato su una mappa nella quale venivano riportate varie annotazioni.

Stavano cercando il modo per scoprire dove era stato nascosto il timer che teneva accese quelle macchine facendo particolare attenzione a non manomettere niente che potesse compromettere il loro funzionamento.

In quel momento sarebbe stato poco opportuno avere a che fare con un Essere troppo confuso, gli sforzi che sarebbero serviti per aiutarlo avrebbero fatto spendere troppe energie al personale che si era messo a disposizione di quella missione.

Bisognava procedere un passo alla volta, cercando di liberare qualcuno dandogli assistenza ancor prima che potesse uscire dalla sua prigione.

Sgrunff andava avanti e indietro dalla Nemesis; aveva affidato ad Anna gli scritti che gli avevo consigliato e stava facendo in modo che facesse una sorta di analisi riassuntiva

Al mio ritorno l’avrei aiutata.

Dopo alcuni giorni Gray tornò con le sue due squadre di apprendisti telepati, venne subito a metterci al corrente.

“Questi ragazzi sono stati strabilianti, all’inizio erano piuttosto timorosi e pensavano che la tecnica suggerita non potesse funzionare a dovere.

Quando abbiamo localizzato un gruppo di inviati del Reggente si sono dati subito un gran da fare, la prima squadra formata da dieci soggetti ha cominciato a bombardare telepaticamente i malcapitati, non solo li hanno confusi, ma sono riusciti ad appesantirli così tanto da farli dormire per diverso tempo.

Al loro risveglio i due più dotati hanno cominciato a fargli credere, sempre usando la loro comunicazione mentale, che erano state torturate molte persone, sono riusciti anche a mandar loro qualche immagine.

Gli uomini del Reggente se ne sono andati confusi ma soddisfatti”.

“Quindi” dissi divertita dalla scena “abbiamo inventato una nuova ed efficace arma soporifera!”

Gray rise annuendo: “Ma non è finita, all’inizio gli abitanti del luogo erano spaventati, dopo qualche intervento da parte dei nostri ragazzi hanno cominciato a prendere coraggio fino al punto di fare scherzi ai tizi che dormivano”.

“Igor per esempio” indicando uno dei ragazzi della prima squadra “al risveglio degli inviati ha cominciato a inondarli di pensieri, il capo di quegli uomini ripeteva esattamente quello che lui gli trasmetteva.

Lo hanno sentito tutti ripetere con aria solenne e pomposa: Andiamo ragazzi, questi bifolchi ne hanno avuto abbastanza per oggi, sarà contento il nostro amatissimo unghia lercia.

Poi si è rivolto agli abitanti: E ricordate, questa volta ci siamo limitati a violentare tutti quanti, ma la prossima volta non risparmieremo nemmeno le quaglie e le lepri.

Andiamo miei prodi testicoli, quel vecchio cinghiale di Grankuoss ci starà aspettando!”

Continuò nel racconto: “Andandosene da quel luogo gli uomini del Reggente si scontravano l’un l’altro sorridendo beatamente. Gli abitanti di quel posto hanno voluto sapere chi fossimo, gli abbiamo detto di quello che stiamo facendo qui e ci hanno chiesto se potevano venire a far parte della nostra comunità.

Gli è stato risposto che avremmo spiegato loro come fare e comunque si sono dimostrati tutti volenterosi ad aiutare”.

Guardai Igor, era sorridente ed intorno a lui si era formato un drappello di curiosi, tutti stavano ascoltando quello che avevano fatto le due squadre.

La cosa sembrava funzionare e Bones aveva ragione, il fatto di fare agire quegli Esseri per annientare gli stupidi attacchi di Grankuoss si erano rivelati terapeutici.

Ora c’era da organizzare la cosa in grande stile; quelle persone non erano in grado di muoversi come noi, almeno per il momento, forse un giorno lo sarebbero stati.

Per ora avevano bisogno di mezzi di trasporto.

Irina sembrava la persona più adatta per quel compito, quindi la cosa venne affidata a lei che si preoccupò subito di reclutare qualche aiutante dai Pianeti degli artisti e della magia.

Istallò una piccola base spaziale ad una certa distanza dal centro, diverse navi spaziali vennero create; erano piuttosto piccole, potevano portare circa una ventina di persone.

Adesso c’era il problema di dover istruire qualcuno per pilotarle, all’inizio se ne occuparono gli Esseri della Confederazione mentre venivano istituiti dei corsi di pilotaggio.

La cosa si stava cominciando a muovere per il verso giusto, c’era ancora da accertarsi che Exhadòr si desse una bella sistemata e che cominciasse ad organizzare che almeno quattro o cinque pianeti nella parte più remota dei mondi Esterni venissero liberati dai propri abitanti.

Il lavoro non era semplice, bisognava far in modo che le persone che si trasferivano dal loro pianeta occupassero dei pianeti nella Zona Franca, non che fosse un lavoro eccessivamente complicato, ma richiedeva una perfetta organizzazione e molto tempo.

Gli studenti di Sgrunff erano desiderosi di apprendere più velocemente di prima e le persone affidate all’equipe di Bones erano aumentate, sembrava che tutti volessero far parte delle squadre del “sonno”.

Qualcuno aveva in mente di giocare diversi scherzi agli inviati del Reggente, pensai che se avevano voglia di divertirsi alle loro spalle ne avevano tutto il diritto.

D’altra parte la cosa si stava svolgendo senza che nessun atto di violenza venisse perpetrato.

Grankuoss riceveva le informazioni che stava desiderando anche se queste erano completamente false; ma come non avrebbe potuto, visto che i suoi uomini erano convinti di essere i più grandi torturatori dell’Universo?

Era tempo di verificare i progressi di Anna.

Decisi che era tempo di metterla al corrente di alcuni fatti, incontrai Bones in infermeria, gli dissi che avrei fatto uscire Anna dal Tasker, volevo spiegarle alcune cosette.

Il fatto di potersi proiettare e comunicare telepaticamente con i vari membri dell’equipaggio era particolarmente utile, soprattutto quando si trattava di entrare ed uscire da Planet H.

Andai da Anna e chiamai Sven, lei era nell’aula di teoria ad analizzare alcuni dei dati che aveva estrapolato dalle letture affidategli da Sgrunff.

“Ciao Kate, avevo proprio bisogno di qualcuno con cui discutere alcune tecniche”.

Era allegra, il compito che le era stato affidato le piaceva: “Adesso vieni a fare un giretto con me Anna, ti mostro qualcosa che è tempo che tu conosca”.

Incuriosita mi chiese di cosa si trattasse, le sorrisi: “Adesso andiamo in infermeria e poi andiamo a fare un giretto sulla Nemesis”.

“Andiamo a fare un giro negli alloggi?” mi domandò stupita. Dissi a Sven di preparare l’uscita e senza rispondere ad Anna la accompagnai in infermeria.

Lei si sdraiò sul lettino, Sven attivò il circuito di by-pass e lei uscì dal suo Tasker.

La stavo aspettando e la condussi per il corridoio che conduceva all’ hangar della Silver Thunder.

Anna non parlava, cominciai a mandarle qualche piccola comunicazione telepatica, lei sembrava confusa, le parlai: “Come ti senti?…non hai l’impressione di essere più leggera?”.

Non aveva ancora capito bene cosa stesse succedendo, ma cominciò a sorridere: “Come mai ho questa strana sensazione di benessere ed allo stesso tempo ho una gran bella confusione nella testa?”.

“Perché in questo momento non sei più prigioniera del tuo Tasker, ma allo stesso tempo ci sei ancora vincolata…..sei fuori dal videogame”.

“Mi sembra di poter essere d’accordo con te ma allo stesso tempo non ti credo affatto, come me lo spieghi?”

La portai all’ hangar, vide quell’enorme spazio e osservò la Silver. Rimase a bocca aperta, non aveva ancora realizzato quello che le stava succedendo.

“Dove siamo e cos’è quella cosa,…sembra un’astronave!” disse tra un misto di stupore e curiosità.

“Quella è la Silver Thunder, la mia astronave, l’ ho soprannominata Bolide d’ Argento, ti piace?”

“Non può essere vero, cosa succede e come mai siamo in una costruzione così ampia, dall’esterno non si vede niente…cosa?…come?”

La rassicurai mentalmente e le dissi: “Siamo a bordo della Nemesis e siamo fuori dal videogame, dovresti poter sperimentare la leggerezza del tuo Corpo Mentale e poter scambiare comunicazioni telepatiche”

“Smettila di prendermi in giro” disse lei puntandomi contro il dito indice, aspettai e lasciai che si guardasse intorno.

Poco dopo le chiesi di seguirmi all’infermeria, ma quando arrivammo dove avremmo dovuto vedere il lettino mi guardò stranita: “Dov’è il lettino?”

Le dissi di provare a percepire il suo attuale corpo: “Prova a dirmi le differenze che trovi dal tuo corpo attuale ed il tuo corpo di prima”

Comunicai con lei mentalmente “Siamo al di fuori di Planet, ricordi le banane esplosive di Sgrunff?”

“Come hai fatto a parlare senza muovere la bocca?.. e dov’è finito il lettino?”

Io risi e le dissi che stavo usando la telepatia, lo rifeci comunicandogli: “Osserva il tuo corpo e paragonalo a quello che avevi prima di sdraiarti sul lettino scomparso”.

Provò a farlo mentre osservavo il suo sguardo stranito e ricominciò a sorridere: “E’ leggerissimo, non me ne ero accorta prima”. Il suo sorriso si allargò: “Come è possibile?”.

Le ripetei che era fuori dal Tasker e che non era più all’interno di Planet e per provarglielo le mostrai il suo Tasker vuoto: “Sven, puoi fare in modo che abbia qualche ricordo più nitido di questa esperienza quando rientra?”

Sven rispose affermativamente, Anna continuava a sperimentare il suo corpo, era quello che volevo.

“Cosa riesci a ricordare riguardo a te stessa?” le chiesi mentre l’aiutavo mentalmente a sfiorare qualche ricordo di prima del suo intrappolamento.

Anna continuava a sorridere: “Posso ricordare che hai ragione”. Mi sorprese usando la telepatia.

Ci scambiammo qualche concetto mentale, poi le spiegai che per ragioni inerenti al videogame solitamente usavamo il linguaggio verbale.

“Riesco a ricordare qualcosa che però in parte mi sfugge, comincio a sospettare di aver preso una gran bella fregatura,…ma sono veramente intrappolata in un videogame?” in realtà fece quella domanda a voce alta rivolgendosi a se stessa.

Sven intanto ci avvisò che tra poco avrebbe dovuto rientrare era ormai al limite del tempo che concedeva il by-pass: “L’entrata sarà molto più lente e dolce, così probabilmente riuscirai a ricordare qualcosa di più”

Poco dopo Anna fu attratta all’interno del suo Tasker, sperimentò l’attivarsi degli emanatori e si risvegliò sul lettino dell’infermeria: “Era un sogno? Era un sogno lucido?”

Le sorrisi scuotendo la testa per farle capire che non si era trattato di un sogno. Vidi Anna completamente a suo agio ed aveva un’aria pacifica. Le consigliai comunque di rimanere sdraiata per un po’ mentre Bones le preparava il suo famoso intruglio energetico.

Dopo che Anna lo bevve la accompagnai nel suo alloggio: “Programmo il timer della tua doccia sui due minuti, aspetto qui per verificare che tutto fili liscio”.

Mi guardò come se dovesse domandarmi qualcosa, ma non disse nulla, si infilò sotto e la doccia e la sentii canticchiare sottovoce.

“Finalmente una doccia un po’ più lunga, non ne potevo più di quei venti secondi di cui potevo usufruirne in precedenza!”

Andammo nell’aula per fare il punto della situazione, lei aveva un’aria leggermente distratta e sognante, si guardava intorno come se stesse vedendo quel posto per la prima volta anche se non sembrava che lo osservasse veramente.

Ci accomodammo sulle poltrone telescopiche e lei si mise le mani dietro alla testa e si appoggiò comodamente allo schienale, mi guardò con due occhi particolarmente luminosi e sereni.

LA TECNICA SPERIMENTALE

Ero comodamente seduta nell'aula con Anna. Aspettai a parlarle, volevo che prendesse un po’ di tempo e che esprimesse i suoi pensieri spontaneamente.

Anna mi chiese se tutto quello che ricordava fosse accaduto veramente, la fissai e non potei fare a meno di ridere: “Mi ricordi tanto come ero io un paio di anni fa, chiedi a Sgrunfio, lui te lo può confermare”.

Le dissi che Sgrunff solitamente dopo queste esperienze mi lasciava tranquilla dicendomi di prendere il tempo che era necessario per “digerire” quelle informazioni.

“Se vuoi puoi fare altrettanto, altrimenti possiamo metterci all’opera, cosa ne pensi?”

Anna sorrideva entusiasta: “Dico che possiamo metterci al lavoro, poi mi ripasso le esperienze mentalmente, cosa dobbiamo fare esattamente?”

Le spiegai che dovevamo trovare una tecnica che accomunasse un modo per raggiungere L’uscita dal Corpo: “Avrei bisogno che tu ti soffermi ad analizzare le varie metodologie ed estragga un sistema che possa funzionare, puoi usare l’amplificazione del Corpo dei Sogni facendoti aiutare da Sven fino a che avrai capito qual è l’esatto meccanismo che entra in funzione”

Anna si mise a pensare: “Intendi un sistema che possa far staccare l'essere da corpo anche qui nel videogame? Intanto ti posso dire che sembra che ancora nessuno abbia capito esattamente cosa succeda in quei momenti, forse perché ognuno tende a spiegare la cosa in maniera differente da altri.

Sono state sviluppate diverse tecniche basate tutte sulla meditazione, ma nessuno ha mai spiegato con certezza come avvenga il distacco dal corpo da parte dell’essere”.

Io la misi al corrente di alcune delle mie analisi: “Ho studiato anch’io diverse tecniche; una cosa che ho notato e che vogliamo evitare è che molte di queste tecniche hanno uno sfondo religioso, viene predicato il fatto che bisogna ubbidire ad alcune leggi o regole affinché si possa raggiungere uno stato di Essere superiore.

Da quello che ho osservato le religioni, generalmente, tendono a sviluppare una mole esagerata di regole perdendo di vista lo scopo principale che si sono prefisse di raggiungere”.

Anna annuì, comprendendo quello che intendevo: “Non ho nessuna intenzione di abbracciare un qualsiasi movimento religioso, sono per le cose neutrali, non amo nemmeno i partiti politici”.

Mi trovò d’accordo. Le spiegai che la nostra intenzione era di rimanere il più lontano possibile da strani movimenti o sette: “Vogliamo che qualsiasi cosa riusciamo a sviluppare possa essere abbracciata da chiunque lo desideri senza che questi debba per forza essere un tifoso di qualche squadra sportiva o che faccia parte di qualche strana associazione filosofica”.

Anna stava riprendendo con la sua spiegazione ma si bloccò: “Non intenderai per caso fondare qualche strano movimento che smuova le masse vero?”

La rassicurai: “Nessuno ha intenzione di costituire qualcosa del genere, a parte il fatto che la trovo una cosa inutile e facilmente travisabile, non la considero nemmeno divertente o terapeutica, l’unica cosa che stiamo cercando è un semplice sistema che aiuti gli esseri ad aumentare la loro consapevolezza in sé stessi”.

Anna voleva mostrarmi qualcosa e per il quale le serviva la mia opinione e chiamò Sven: “Possiamo ripetere l’esperimento dell’altro giorno?”

Sven le disse che poteva cominciare quando voleva, bastava che gli desse un segnale.

“Fai attenzione Kate”. Si mise comoda e chiuse gli occhi: “Parti Sven!”

La osservai per un paio di minuti poi vidi che la testa reclinarsi in avanti come se si

stesse addormentando e lei reagì prontamente aprendo gli occhi: “Spegni Sven” disse Anna e si volse verso di me: “Cosa hai notato?”

Avevo avuto l’impressione che gli fosse venuto un colpo di sonno.

“E’ proprio questo il punto! Solo in un libro ho trovato un’ accenno ad una cosa simile, ma nessun altro ne parla.

Ho il sospetto, e Sven lo può confermare, anche se non ho ancora ben capito come faccia…..” fece una piccola pausa e poi pensò ad alta voce: “Il Tasker? Sì potrebbe essere in effetti....”

Non aspettò la risposta e continuò: “Quello che penso che succeda è che durante la meditazione il corpo si debba addormentare, ma non è questa la parte importante.

La parte importante è che tu riesca a rimanere sveglia mentre il corpo si addormenta.

Ma procediamo per ordine, partiamo dalla postura così forse riesco a farti capire meglio quello che intendo”.

Sgrunff apparve all’improvviso al suo fianco, facendola trasalire e le passò la consolle dello schermo: “Sgrunff, da dove diamine sei sbucato?…Lascia perdere, ho il sospetto che dovrò abituarmi ad un certo tipo di stranezze”

Sgrunff sorrideva e si mise ad ascoltare.

Anna aveva fatto apparire alcune immagini relative alle posture usate durante la meditazione; in tutte le foto si vedevano Yogi in una perfetta posizione, la classica posizione del loto.

“Vedi come tengono la colonna vertebrale eretta ed il capo fermo? Le spalle abbassate e le braccia appoggiate?….nessuno lo specifica, ma ho la netta sensazione che in quella posizione, se ti addormenti, rimani fermo senza cadere.

Forse mi sbaglio, ma penso che questa sia una cosa importante, …Sven, cosa mi dici? mi stavo addormentando?”

Sven annuì: “Nel momento in cui il tuo Corpo dei Sogni si stava sganciando dalla tua testa tu eri in procinto di addormentarti, …..ma questo è quello che normalmente dovrebbe succedere”.

“Capisci Kate, sembra che il trucco sia tutto qui, fare addormentare il corpo mentre tu rimani vigile, approfitti di quel momento e ti stacchi consapevolmente.

Il trucco è semplice, ma trovo difficile riuscirci”.

Sgrunff intervenne facendo apparire un ologramma : “E se venisse fatta una speciale poltrona che ti tenga eretta o leggermente inclinata all’indietro dove tu possa appoggiare la testa, cosa succederebbe?”

“Penso che la cosa possa essere utile” gli rispose Anna “Tutte le volte che in passato ho provato a mettermi comoda per meditare ho sperimentato varie cose, una di queste è che quando ti senti espandere cominci a pensare che ti stai staccando dal corpo ed immancabilmente quel processo si blocca.

Un’altra volta mi sono accorta che mi ero addormentata e sono uscita dalla parte posteriore del corpo, ma quell’esperienza è durata solo un paio di minuti, subito dopo ho cominciato a sognare.

Spesso mi sono ritrovata addormentata”.

In effetti quello che diceva era tanto semplice quanto interessante: “Anch’io ho avuto esperienze del genere, solitamente si trasformavano in sogni lucidi; la cosa più difficoltosa è sempre stata quella di essere completamente svegli e vigili nel momento in cui accade.

Un’altra cosa che ho trovato difficile da fare è il non pensare a nulla, immancabilmente dopo un po’ qualche pensiero veniva a bussare alla mia testa”.

“Esatto!” disse Anna “comunque con l’aiuto di Sven raggiungo facilmente il punto in cui sento che mi sto staccando dal corpo, ora si tratta di capire come risolvere il problema legato alla testa”

Sgrunff ci mostrò di nuovo alcune parti ingrandite del ologramma: “Possiamo abbozzare un primo progetto pilota, costruiamo una poltrona comoda secondo le tue istruzioni, questa è solo una bozza, poi potresti meditare cercando di non pensare a niente per un certo periodo di tempo, diciamo dieci minuti, nel frattempo Sven ti tiene monitorata per cercare di capire che meccanismi subentrano.

Potrebbe poi aggiungere un’amplificazione o uno spegnimento, a seconda di quello che ritieni più utile osservare.

Può amplificare il tuo corpo dei sogni, oppure può solamente diminuire la sensazione fisica legata al tuo corpo. Cosa ne pensi?”

“Penso che valga la pena di fare qualche tentativo per cercare di capire ed aggiustare il tiro di volta in volta, ma ripeto, le cose più difficili sono due, il riuscire a non pensare, esattamente come affermava prima Kate e l’essere svegli quanto il corpo si addormenta.

Comunque proviamo, la cosa mi intriga parecchio!”

Bene, lo spirito con cui si stava tuffando in quel progetto mi piaceva, mi alzai per andarmene: “Sai Kate che a volte guardo dalla finestra e fisso l’esterno.. e ad un certo punto ho l’impressione di essere al cinema, il telone dove viene proiettato il film cade e io vedo la verità che c’è dietro”

“Questa è una bella notizia Anna!” dette quelle parole salutai e chiesi mentalmente ai ragazzi se potevamo aggiornarci.

Da lì a poco ci trovammo nella sala dei meeting a bordo della Nemesis, questa volta era presente anche Irina che mi volle subito ragguagliare sul suo progetto: “Ho fondato con un gruppo di amici la prima accademia spaziale, il nome me lo ha suggerito Matt, all’esterno abbiamo scritto «Accademia Spaziale, corsi di volo per vecchi lupi di mare» aggiungendo «se lo fai divertendoti sicuramente ti riesce meglio!»

Risi, era la stessa cosa che mi aveva consigliato tempo fa.

Valdes ci informò che di nascosto aveva fatto visita al Reggente: “Sua immensa sporcizia Grankuoss è convinto che gli abitanti dei pianeti confinati con i cinque appartenenti a Fionis siano costantemente tiranneggiati e torturati, dovreste vedere come sbava”.

Matt e Sonia invece ci informarono dell’andamento dei lavori su Terranova e su Grekos: “Exhadòr sta mettendo la testa a posto. Diverse persone sono giunte sui nuovi pianeti per colonizzarli ed i ragazzi in addestramento dall’ equipe di Bones stanno facendo passi da giganti, in un paio di giorni gli allievi telepati sono raddoppiati”.

Adesso toccava me informarli dei progressi: “Con Anna stiamo cercando di sviluppare una nuova tecnica di meditazione, chiaramente prendendo spunto da tecniche già esistenti, ma stiamo cercando di semplificarla e di renderla funzionale; ora Anna sta avviando un progetto pilota aiutata da me, Sgrunff e Sven”.

“Bene” disse Matt “ora bisognerebbe capire cosa avvelena maggiormente l’integrità e la consapevolezza dei giocatori/prigionieri e cercare di fare qualcosa per rimediare”.

Irina intervenne nella conversazione per esporre la sua idea al riguardo: “Durante la mia lunga esistenza in quello sconvolgente videogame, e......a proposito, grazie a tutti per essere venuti al mio funerale, ho notato che al momento attuale la gente viene particolarmente inebetita da un’ aggeggio presente in tutte le abitazioni.

A volte di questi apparecchi ce ne sono due o tre. Si tratta della televisione.

Vedere un film in santa pace non causa cattivi effetti, a parte magari rimestare qualche ricordo, ma essere bombardati da continue ed inutili informazioni, con immagini che cambiano continuamente e musiche strampalate e brutte che non hanno mai un volume accettabile, per non parlare dei messaggi pubblicitari subliminali; beh, questo sicuramente danneggia la salute mentale di chi sta a guardare quelle maledette scatole parlanti”.

“Detta così sembrerebbe un’ innocuo sistema di tortura; hai notato se per caso la gente a volte rimane a guardare come se fosse ipnotizzata?”

“Sì, Sonia. Quella è l’impressione che ne ho avuto. A volte non fanno nemmeno attenzione a quello che stanno vedendo; rimangono imbambolati a guardare immagini che scorrono, ad ascoltare suoni che spesso non hanno nessun senso, incapaci di staccarsi”.

“Sarà piuttosto difficile” disse Matt “far cessare un passatempo che la gente usa giornalmente, ormai è per loro diventata una droga, distruggiamo i satelliti e tutte le reti televisive?…poi mandiamo in onda dalla Nubiriumh solo cartoni animati di Willy il Coyote?” quest’ultima parte la disse ridendo.

I vari progetti stavano procedendo, magari lentamente, ma erano in costante avanzata.

LA STRANEZZA DI GREKOS

L’equipe di Bones stava incontrando un’ inconveniente e non riusciva a venirne a capo.

Mentre l’addestramento e soprattutto gli esercizi per affinare l’abilità nella comunicazione telepatica funzionavano alla perfezione su Terranova, su Grekos dava degli effetti collaterali imprevisti.

Avevano già trovato un paio di individui addormentati mentre facevano tali esercizi.

Gli studenti in addestramento negli edifici messi a disposizione su Grekos I lamentavano strani pensieri e facevano sempre più fatica ad usare quella loro prima e rozza forma telepatica nella quale si stavano applicando.

Portando questi “studenti” su Terranova lo strano fenomeno cessava, sparivano gli strani pensieri e gli esercizi riprendevano il loro normale corso.

Erano ancora al livello della comunicazione pesante come la melassa e questa era una parte piuttosto semplice, ma che richiedeva molto tempo; per questo motivo quei tipi di esercizi venivano fatti un po’ dovunque, bastava costituire un gruppo di lavoro dove le persone potessero aiutarsi e controllarsi a vicenda.

Dopo il verificarsi di questi avvenimenti Bones aveva chiesto a Sven se la sua squadra avesse potuto controllare gli edifici che custodivano i Tasker, perché sembrava che quello fosse l’epicentro di quello strano fenomeno.

Gli individui colpiti sembravano essere solo coloro che si esercitavano nella comunicazione mentale, nessun altro aveva notato strani effetti o cambiamenti.

La squadra capeggiata da Sven si diede da fare per controllare da cima a fondo l’edificio dei Tasker più vicino.

Intanto Bones chiese ad alcuni suoi studenti di provare ad esercitarsi all’interno dell’edificio in cui Sven stava eseguendo i suoi controlli.

Bones stette ad osservare i suoi “ragazzi” durante le loro esercitazioni, sembrava che niente potesse turbare il regolare svolgimento di quelle azioni.

Decise di far loro provare la stessa esercitazione nella zona subito al di fuori di quell’edificio, ed infatti mentre il gruppo, formato da sei persone, proseguiva con i loro esercizi Bones poteva notare come questi si appesantissero poco per volta, fino a diventare assonnati.

Fece smettere subito quei ragazzi, li mandò su Terranova e chiese ad un nuovo gruppo di sostituirli e di raggiungerlo.

Questa volta li fece esercitare molto lontano dall’edificio dei Tasker, e come aveva intuito, sembrava che a quella distanza niente interferisse, così ringraziò i suoi studenti e li rimandò indietro.

Avvisò Sven di cosa avesse appena riscontrato, sembrava che l’area circostante all’edificio interagisse con quelle pesanti comunicazioni mentali.

La squadra di Sven aveva intanto spostato un paio di Tasker facendo la massima attenzione, la zona sottostante a queste apparecchiature non era mai stata controllata a fondo, nessuno pensava che ce ne fosse bisogno, fu lì che fecero un’ interessante scoperta.

Da ogni marchingegno partivano dei cavi che andavano a collegarsi ad un grosso connettore, il tutto era nascosto dal pavimento, quindi ad un controllo superficiale non sarebbero stati visti, anche perché nessuno riteneva necessario controllare l’esistenza di circuiti nascosti all’esterno dei Tasker, la cosa sembrava addirittura superflua a detta di Sven.

Posto sotto il connettore c’era una strana centralina da cui partivano altri cavi elettrici che si infilavano in una tubatura che continuava perpendicolare al pavimento; sembrava che sotto l’edificio dei Tasker confluissero diversi collegamenti elettrici.

Ora ci si stava ponendo una insolita domanda: - Cosa diavolo c’era al di sotto di quell’edificio? –

Bones andò all’esterno seguito da una parte della sua equipe, cominciò a pervadere mentalmente l’area sottostante, si fermò quasi subito mostrando un lieve sbandamento: “Mai sentito niente di così pesante, aspettiamo gli altri ragazzi e procediamo con una ricognizione, meglio se nessuno cerca di sondare il terreno usando la telepatia….capisco perché quegli studenti si siano addormentati”.

Chiamati da Bones lo raggiungemmo, anche Exhadòr fu della partita, Matt e Sonia andarono in una direzione con un altro gruppo, io e Valdes nella direzione opposta.

C’eravamo disposti in quattro gruppi e cercavamo nell’area circostante all’edificio una via d’accesso ad un presunto locale sotterraneo.

All’interno dell’edificio non era stato segnalato nessun accesso alla zona sottostante, quindi un’eventuale entrata andava individuata all’esterno, ma non c’è cosa peggiore che cercare qualcosa senza aver il minimo indizio su cosa stai cercando.

Trovai qualcosa che sembrava essere un passaggio vicino a delle rocce poste a ovest rispetto al locale dei Tasker.

Chiamai i ragazzi che mi raggiunsero velocemente. Spostammo alcune rocce che ostruivano in parte l’entrata ma, seguendo il precedente consiglio di Bones, nessuno cercò di pervadere mentalmente l’area ne tentò di proiettarsi verso l’interno.

Ci trovammo di fronte all’entrata di quello che sembrava un cunicolo buio e da cui usciva uno strano odore pungente, a metà tra il lezzo di muffa e l’odore metallico derivante da una molatrice in azione.

I nostri sguardi si incrociarono dubbiosi; non potendone sondare l’interno eravamo completamente all’oscuro di cosa ci aspetta, ma tutti noi avevamo la sensazione che stavamo per imbatterci in qualcosa di pericoloso.

Percorremmo un lungo corridoio, la cui altezza era impressionante e l'unica luce era quella che filtrava da piccole feritoie poste sopra la nostra testa; ci trovammo, dopo il lungo cammino, in una strana caverna ricavata nella parte sottostante all’edificio.

Regnava un silenzio assoluto e noi stessi non producevamo nessun suono; il rumore dei nostri passi veniva assorbito senza che il ben che minino rimbombo trapelasse.

Il pavimento era liscio. La volta di quella caverna era leggermente illuminata ed appesi ad essa vi erano dei dischi di metallo lucido del diametro di circa cinquanta centimetri. Al centro si potevano scorgere delle specie di stalattiti che emettevano un sommesso ronzio, una sorta di leggero ed inquietante “bzzz”. Ci guardammo in silenzio, ognuno di noi si interrogava su cosa ci trovassimo di fronte.

Quelle strane stalattiti avevano un diametro di circa dieci centimetri ed una lunghezza di venti, erano piuttosto tozze, non avevano una classica forma a punta riscontrabili nelle normali formazione rocciose. La loro superficie era ruvida, erano molto più simili al corpo di una lumaca che non a delle rocce. Erano certamente vive.

Il loro colore era grigio chiaro, alcune avevano sfumature differenti, ma sempre nella tonalità del grigio.

Potevo contare circa un centinaio di quelle strane cose, sentivamo che l’area della caverna era fortemente satura di energia pesante, avevamo l’impressione che il ronzio emesso da quelle stalattiti avesse un certo effetto ipnotico, mi girai verso Exhadòr e vidi che era a terra svenuto ed anche gli altri ragazzi confermavano le mie sensazioni.

Bones decise di raggiungere mentalmente una di quelle surreali rocce, lo vedemmo barcollare e dovette appoggiarsi a Matt per non cadere; poco dopo staccò il suo contatto mentale e ci comunicò di ritrovarci tutti alla Biblioteca di Terranova.

Una volta giunti in quel luogo notammo che Bones era fortemente intorpidito, i suoi movimenti erano lenti e confusi, sembrava appesantito da quello che aveva estratto mentalmente da quella stalattite.

Matt gli chiese di metterci al corrente: “Avanti Bones, rendici partecipi, così ti liberi dall’energia negativa che hai accumulato”, ma Bones era restio; percepivo che faceva molta fatica e che cercava di proteggerci da quello che aveva visto.

Matt richiamò alla Biblioteca tutti gli individui della Confederazione presenti nelle vicinanze, arrivò Irina con il suo gruppo; i ragazzi di Sven ed anche i piloti delle navi a guardia dei confini giunsero per unirsi a noi.

Dovevamo contattare Bones mentalmente per aiutarlo ad alleggerirsi e per avere a nostra volta le informazioni.

Nel momento stesso in cui tentai il mio contatto capii che dovevo sbarazzarmi del mio corpo mentale e lo stesso fecero tutti gli altri. Ognuno di noi riprese le proprie sembianze originali. Questa cosa era troppo forte e dovevamo utilizzare ogni nostra risorsa.

Diventò un contatto spirituale globale. Ognuno emetteva un delicato ed invisibile flusso di energia raggiungendo Bones, creando una speciale rete di interconnessione mentale che collegava ognuno di noi. In quel momento eravamo un unico essere, pur mantenendo la nostra individualità.

Così facendo tutti furono messi a conoscenza simultaneamente di quello che Bones aveva estratto dalla stalattite.

Bones si sentì sollevato e noi ritraemmo i nostri flussi che si allontanavano da lui come sottili dita invisibili; avevamo scoperto qualcosa di cui eravamo totalmente all’oscuro.

Nemmeno Exhadòr aveva tali informazioni nei suoi ricordi e per il momento non le avrebbe ancora avute. Mi girai verso di lui, stava ancora dormendo.

Bones stava meglio, ma sentiva la necessità di una doccia energetica; quelle istallate su Terranova erano di potenza ridotta, così andammo a bordo della Nemesis mentre lui cercava di ripulirsi dei residui di quell’esperienza.

Comunicammo con le persone sopraggiunte alla biblioteca dicendogli di riprendere le proprie postazioni, li avremmo messi al corrente dei nostri progetti più tardi.

Nessuno si era ancora fatto un’idea di come comportarsi, ora conoscevamo quello che aveva dato il via alla prigionia, le stalattiti.

- Cos’ erano realmente? -

Moltissimo tempo fa queste strane creature vivevano in uno stato letargico nella profondità di alcune caverne tra le montagne di Fionis I.

Erano strane creature che avevano caratteristiche sia animali che vegetali, vennero in seguito chiamate amichevolmente Henty da parte degli abitanti di Fionis.

Gli Esterni che abitavano quel pianeta avevano un corpo energetico molto solido, molto simile agli attuali personaggi di Planet H, non erano in grado di farlo diventare semi-trasparente o invisibile, quindi erano le prede giuste.

Gli Henty vennero svegliati dall’aumentare della cattiveria e della stupidità che imperversava su Fionis.

Queste creature avevano una mobilità molto scarsa, si muovevano come se fossero delle lumache, raggiungevano le loro prede e le sfioravano.

Il primo individuo che ne venne in contatto toccò casualmente uno di queste creature e sentì subito un rinnovato vigore, tanto che la adottò alla stregua di un animaletto domestico.

Gli Henty rilasciavano dell’energia che piaceva molto agli abitanti di Fionis; poco alla volta si era sviluppata la moda di possederne uno.

Entrando in contatto fisico con queste creature si ottenevano molte sensazioni piacevoli, per lo meno dal punto di vista degli abitanti di quel pianeta.

Si era venuta a creare una particolare simbiosi tra Individui e creature.

Quanto tutti gli Henty ebbero il loro proprietario, cominciarono la loro subdola azione; incominciarono ad emettere il loro caratteristico ronzio ipnotico allo scopo di risucchiare le energie del loro ospite ed impadronirsi del comando.

Strisciarono fisicamente all’interno della testa del malcapitato e si impossessarono delle loro capacità mentali.

Adesso gli abitanti di Fionis I erano il loro mezzo per procurarsi cibo. All’inizio avevano dato energia a quegli individui per guadagnarsi la loro più cieca fiducia, ora la situazione si era capovolta.

Furono gli Henty a far costruire le colonne elettrificate; imposero alla comunità sottomessa mentalmente di Fionis di erigere quelle perfette macchine da tortura, al fine di risucchiare sempre maggiori cariche di energia.

A quel tempo gli abitanti di quel pianeta erano una semplice razza inferiore, erano stupidi e malvagi, ma ogni mascalzonaggine veniva fatta all’interno dei cinque pianeti dove abitavano le loro razze.

Queste razze avevano una tecnologia abbastanza sviluppata, tecnologia che oggi è andata perduta; avevano ingegneri e tecnici che potevano costruire ogni sorta di apparecchiatura.

Gli Henty indussero mentalmente, poiché ormai in controllo totale, gli individui soggiogati a costruire le attrezzature con le quali cibarsi ed ordinarono la cattura di ogni essere vivente sui pianeti limitrofi.

Le torture a mezzo delle colonne elettrificate furono il primo passo.

Queste creature si cibavano di energia mentale, erano loro i veri vampiri. E tale energia era più pura quanto più fortemente venivano stimolate le emozioni del malcapitato essere imprigionato. Odio, rancore, rabbia, paura producevano forti emozioni e quindi moltissima energia, ma anche la gioia, il sesso ed il piacere in generale ne producevano, anche se in quantità e di qualità inferiore.

Partì da loro il piano per imprigionare quanti più individui possibili nei Tasker modificati.

Con quell’azione si erano procurati una scorta di cibo pressoché illimitata.

Ora sapevamo!

Conoscevamo il perché delle prigioni, adesso Prison H aveva lo scopo della sua origine completamente svelato.

Avevamo trovato i veri responsabili, quelle sanguisughe mentali si nutrivano delle emozioni negative generate da ogni essere intrappolato.

Sven capì il perché degli amplificatori aggiunti nei Tasker, comprese perché alcune emozioni fossero state amplificate a dismisura: queste creature erano golose delle emozioni generate dal sesso, dalla vergogna, dalla paure e dalla violenza, ira e rabbia in primo luogo.

Fece una rapida analisi: “Da quello che abbiamo scoperto i cavi che entrano nel sottosuolo mandano l’energia a senso unico, quelle sanguisughe possono solo ricevere emozioni, ma non possono trasmettere niente.

Sarebbe necessario controllare tutti gli edifici dei Tasker, perché è logico pensare che caverne simili esistano in ogni zona sottostante.

Per il momento consiglio di schermare completamente le caverne così che queste creature non possano emanare la loro schifezza ipnotica nell’area circostante”.

Matt restò silenzioso un momento osservando Bones: “Come ti senti amico mio?”

Bones esitava a rispondere, si vedeva che non era riuscito a liberarsi completamente dell’energia accumulata durante il suo contatto mentale.

“Bones disfati del tuo corpo mentale!” gli disse Sonia, ma questi aveva difficoltà a farlo. Sembrava caduto in una sorta di apatia ipnotica.

Sonia glielo disse di nuovo e non appena ricevemmo da lui un segnale mentale lo aiutammo a disfarsene.

Il comando fu repentino “Portiamolo a Nordkhen!”

Ci trovammo in cinque vicino alle fonti energetiche del nostro pianeta, Matt fece mettere Bones vicino alla fonte della purificazione, lui si sedette ad una ventina di centimetri da terra e si lasciò cullare da quelle piacevoli vibrazioni.

Matt e Valdes gli stettero vicini, io mi allontanai; sapevo che la troppa permanenza vicino a quella fonte avrebbe disintegrato il mio contatto con Planet e così andai a sedermi accanto alla fonte della serenità.

Sonia si stava divertendo restando nel mezzo delle due fonti. Aveva cominciato a roteare dolcemente su se stessa, con le braccia aperte come se fosse un angelo in volo ed assorbendo l’energia di entrambi le fonti; sembrava una lenta danza che eseguiva sospesa nell’aria.

Priva del proprio corpo mentale era un puro essere di luce, era bellissima.

L’atmosfera era magica, Bones si ristabilì completamente nel giro di poco così Valdes e Matt lo accompagnarono alla seconda fonte.

Percepivamo il suo stupore e la sua meraviglia, era la prima volta che visitava quel posto, nessun abitante di altri pianeti era mai giunto in quel luogo, probabilmente chi lo aveva fatto prima di lui ci era stato moltissimo tempo addietro.

Tornammo su Terranova con un ufficiale medico completamente rinvigorito, anzi i suoi occhi erano più luminosi di prima.

Con un Bones completamente ristabilito riprendemmo a valutare la situazione, la squadra di Sven aveva confermato che c’erano quelle vampiresche istallazioni sotto ogni edificio che conteneva i Tasker ed aveva già messo all’opera i suoi per ingabbiare quelle caverne entro pareti energetiche.

Questo per impedire l’uscita delle emanazioni di quelle creature.

Bones riconsiderò l’esperienza: “Dunque, hanno usato la popolazione soggiogata di Fionis. Una volta che le prigioni furono attive si sono trasferiti nelle caverne facendo dimenticare agli ospiti la loro esistenza.

Hanno lasciato la mente della gente di Grankuoss così inquinata che avrebbero continuato a fare prigionieri finché ogni Tasker venisse riempito.

Sven… ricordi quando ti hanno chiesto l’utilizzo di Planet?”

Sven pensò a quell’episodio: “Ricordo esattamente che abbiamo pervaso la loro mente per verificare le loro reali intenzioni, c’erano quattro individui ed un prigioniero.

Il prigioniero modello era di una malvagità veramente perfida.

I quattro che vennero a richiedere l’uso del videogame avevano intenzioni pulite, volevano veramente ripulire l’ Esterno dalla feccia; posso anche dirti che non abbiamo percepito quegli Henty che abbiamo visto poco fa”.

Matt soppesò le informazioni: “Sembra che abbiano raggirato tutti, hanno mandato quattro Esterni che probabilmente facevano parte della razza di Exhadòr, gli hanno fatto credere che stava iniziando una grande pulizia planetaria e temo proprio che quei quattro siano stati i primi ospiti della prigione”.

“Quindi” aggiunsi “hanno imprigionato veramente i più malvagi e stupidi esseri Esterni, poi hanno riempito i Tasker delle vecchie razze che abitavano la Zona Franca ed hanno fatto in modo che ogni essere della Confederazione che si collegasse al videogame ne restasse a sua volta intrappolato”.

Sonia sorrise: “Comunque sembra che i nostri piani non debbano venire stravolti, se per il momento è sufficiente schermare quelle caverne. Beh, almeno ora sappiamo la verità sull’inizio di questa folle storia e possiamo continuare con il nostro progetto. Certo che vista da questa angolazione la faccenda assume un’ aspetto molto più macabro”

Valdes intervenne per fare una domanda a Bones: “Quando abbiamo estratto le informazioni dal Reggente, mentre tenevo spalancata la sua mente, non ho sentito niente che potesse ricondurre agli Henty, ma ho percepito che la mente di Grankuoss aveva pensieri simili a quelle creature, tu cosa hai percepito a questo riguardo?”

Bones ripensò a quell’avvenimento: “Ricordo molto bene che avevo un gran bisogno di una doccia” rise al pensiero “e ricordo di aver avuto la percezione che il Reggente ad un certo punto presentasse un vuoto mentale, ma potrei asserire che la sua stupidità fosse aumentata dopo quel vuoto.

A fronte di quello che abbiamo scoperto direi che gli Henty devono aver sostituito una parte dei suoi pensieri e della sua memoria. Sono convinto che Grankuoss non ricordi niente della loro esistenza, l’ hanno usato e poi hanno cancellato ogni traccia del loro passaggio”.

Ok, dovevamo andare avanti, conoscere la sporca trama di quelle creature ci faceva capire il perché Planet fosse diventato Prison e ci faceva capire l’esatto schema usato per le modifiche ai Tasker.

Quegli Henty non avrebbero mai potuto fare ciò che hanno fatto se non avessero incontrato esseri così degradati come quelli delle razze di Fionis.

Ora era tempo di muoversi di nuovo verso i nostri obiettivi cercando di accelerare il loro raggiungimento.

Gli altri membri della Confederazione che erano stati presenti alla Biblioteca Universale per aiutare Bones furono messi al corrente degli sviluppi.

Furono ripresi gli esercizi di telepatia su Grekos dopo che la squadra di Sven aveva installato gli schermi, ora le cose procedevano normalmente.

Avremmo deciso in seguito cosa fare di quei parassiti mentali, per il momento restarono intrappolati nelle loro caverne.

I PASSI AVANTI DI ANNA

Anna aveva girato l’azienda nel tempo della mia permanenza a Terranova, facendo amicizia con i vari personaggi chiave tra cui Denise e Mario.

L’ingegnere l’aveva aiutata con la costruzione della poltrona per la meditazione, usando due grandi fogli di polietilene aveva costruito un grosso cuscino termosaldando quel materiale sui lati.

Aveva lasciato solo una piccola apertura che serviva per iniettare del poliuretano espanso.

Aveva fatto sedere su questo enorme cuscino Anna, quando il materiale al suo interno doveva ancora solidificarsi.

Usando questo stratagemma era riuscito a creare una parte della poltrona che si adattasse perfettamente al suo corpo.

Una volta indurito il materiale aveva tagliato le parti in eccesso ed aveva rifinito alcune zone facendo in modo che Anna si sedesse e gli dicesse quali parti non erano ancora confortevoli.

Così facendo aveva ottenuto lo schienale con poggiatesta e la seduta della poltrona, ora mancava la zona dove poter sistemare le gambe.

Usando lo stesso sistema fece accomodare la ragazza su quella poltrona e prese il calco della posizione delle gambe.

A questo punto aveva mandato quei pezzi in un altro reparto, avrebbero fatto indurire leggermente il poliuretano nelle zone dove doveva rimanere più robusto; avevano assemblato la poltrona rivestendola di stoffa ed infine avevano aggiunto una struttura di alluminio per sostenerla.

Anna mi mostrò in palestra la sua poltrona da meditazione. Era reclinabile, così da poterla regolare facilmente; le gambe venivano messe in una posizione simile a quella usata nella meditazione Yoga, ma erano molto più comode, facevano in modo che le giunture non fossero sotto sforzo: “La posizione del loto richiede molto esercizio e normalmente la gente non riesce a stare in quella posizione senza sentire le giunture indolenzite, a meno che non si sia esercitata sin da piccola”.

Era soddisfatta della sua creazione e sembrava veramente comoda. Le gambe erano incrociate ma nessun arto appoggiava sopra ad un altro, le ginocchia poggiavano ai lati in una posizione naturale, era anche stato ricavato un piccolo alloggiamento per i piedi ed un appoggio per le caviglie.

“Mario ha cercato di mettere il baricentro tra le natiche e la zona lombare così che tutto il peso del corpo non gravi sul sedere.

Seduta così mi sento proprio a mio agio, la testa è leggermente reclinata indietro ed ha un piccolo alloggiamento così che non si sposti se mi addormento”.

Mi mise al corrente degli esperimenti portati avanti: “Mi sono scontrata con alcune cose che sto verificando entrando ed uscendo dal mio Tasker.

Ho notato che ogni volta che sto per addormentarmi sento una strana scarica elettrica che colpisce la parte posteriore della testa, sembra essere localizzata nella zona dietro le orecchie”.

La interruppi mentre mi sedevo su quella comoda poltrona, di cui Anna mi aveva ceduto il posto: “Se hai guardato le mie analisi precedenti dovresti aver notato che anch’io mi sono scontrata con quel fenomeno, sembra che una strana energia si sprigioni da quella zona”.

“Esatto Kate, non ho guardato quello che hai scritto in precedenza, ma mi riservo di farlo più tardi, adesso che lo so.

Sembra che quell’energia mi tenga attaccata alla testa, non so esattamente come spiegartelo. Ho la sensazione che dei cavi ad alta tensione stiano sfrigolando fortemente, può essere paragonato ad un grosso ronzio che mi attira e mi spinge proprio nel momento in cui sta per sopraggiungere la fase di addormentamento”.

Le chiesi che esperimenti avesse fatto col Tasker, e lei mi spiegò: “Ogni volta che entro in quel dannato aggeggio sento che un’energia simile si sprigiona dalla parte superiore, ho chiesto a Sven se potesse rallentare quella fase, ma mi ha spiegato che l’ ha già rallentata al massimo.

Mi dà l’impressione che sia un’enorme vibrazione, e nel momento in cui entra in azione mi sento quasi mancare.

Penso che quello sia il punto cruciale di tutta la faccenda….purtroppo se comincio a porci l’attenzione quell’effetto cessa”.

Pervasi mentalmente i ricordi dell’altra Kate, vidi le esperienze che avevo sperimentato e le dissi: “Ti stanno capitando le stesse cose che sono successe a me.

Anch’io se ponevo la mia attenzione su quell’energia essa cessava, e le volte in cui mi prendeva di sorpresa mi ritrovavo addormentata e contemporaneamente sveglia in un sogno.

Siamo arrivate al dunque, adesso devi lavorare sul modo per eludere l’incoscienza che ti viene proiettata e staccarti così dal corpo prima di entrare in un sogno, dovresti lavorare con Sven per cercare il modo di riprodurre quell’esatta vibrazione e magari ascoltarla”.

Anna ci pensò qualche istante: “Ci proverò, anche se ho un paio di problemi da risolvere, il primo riguarda l’alimentazione, se mangio qualcosa di pesante, mi addormento come un sasso, la digestione è un grosso elemento di disturbo, ma ho già chiesto a Mario se riesce a fare qualche esperimento in laboratorio per creare un cibo sintetico che non appesantisca.

Poi ho il grosso problema che quando mi rilasso sulla poltrona dopo un po’ comincio a pensare a varie cose, questo è il problema maggiore, mi accorgo che a volte i miei pensieri diventano il sogno che comincio a sognare.

Puntualmente mi sveglio e cerco di ricominciare da capo, a volte devo andare a fare due passi perché mi sento troppo attiva”.

La guardai sorridendo: “Hai provato a concentrarti su qualcosa anziché cercare di non pensare?

Molte tecniche suggeriscono di concentrare la propria attenzione sulla parte centrale della fronte, nel luogo in cui pensano ci sia il terzo occhio.

Altre consigliano di porre l’attenzione sul proprio respiro”.

Anna sospirò: “Si, le ho provate un po’ tutte, quella che mi fa rilassare maggiormente è quella dove seguo il mio respiro e gradatamente lo faccio rallentare, facendo rallentare anche il battito del mio cuore.

Il problema di questa tecnica è che spesso mi sento parecchio rilassata ma niente di più, solo poche volte ho sperimentato l’avvicinarsi del distacco dal corpo; quella che funziona meglio, naturalmente quando ci riesci, è quella dove non pensi a niente”.

Bene, Anna stava facendo progressi, era giunta al punto a cui ero arrivata anch’io, ora si trattava di farla andare avanti.

Ero soddisfatta dal fatto che avesse cominciato a prendere sempre più familiarità col suo Tasker e confidavo sul fatto che avrebbe trovato il sistema per ottenere i risultati che sperava.

Se fosse riuscita in quell’intento avremmo avuto un’arma in più da usare all’interno di Planet.

Le dissi di continuare su quella strada, lei si dimostrò entusiasta dei piccoli passi avanti che aveva fatto: “Adesso proverò quelle tecniche più a lungo, senza che Sven intervenga sugli emanatori, poi sono curiosa di vedere le tue analisi su questo soggetto, …devo capire come eludere il pensiero quando comincia quella strana vibrazione,…. ce la voglio fare!”

Arrivò Mario e mostrò una polvere biancastra ad Anna: “Questo è un miscuglio proteinico, c’è condensato tutto quello che serve per l’alimentazione del tuo corpo, lo scioglimento è lento, così non dovrebbe sovraccaricare la tua digestione.

Possiamo farne delle compresse oppure puoi metterne in bocca un cucchiaino e bere due abbondanti bicchieri d’acqua”.

Anna lo assaggiò: “Decisamente insapore, forse un po’ disgustoso, ma hai fatto un ottimo lavoro, grazie Mario”

Mario sorrise e se ne andò salutandoci.

L’immancabile Sonia arrivò dopo di lui: “Cos’è quella bellissima polverina bianca? Avete iniziato ad usare droghe pesanti?”.

Anna spiegò a Sonia cosa fosse e a cosa servisse “Purtroppo il gusto non è un gran che” mentre gliela porgeva invitandola ad assaggiare. Sonia prese il sacchetto lasciato da Mario e sparì.

Si ripresentò dopo circa due ore. Al posto della polverina adesso c’erano dei piccoli biscotti quadrati abbastanza spessi: “Assaggia uno di questi” disse ad Anna che subito eseguì.

“Buono!” esclamò con soddisfazione. Era tenero da masticare e l’aspetto era decisamente invitante. “Dove li hai presi?” domandò un’ Anna decisamente incuriosita.

“Non conosci ancora Serena a quanto vedo, è bastato dirle che quella polvere serviva come nutrimento che subito l’ ha impastata con un poco di fecola, ha aggiunto della crusca, ha versato del miele e dello sciroppo d’acero sul tutto; poi ha impastato gli ingredienti aggiungendo dello yogurt intero ed ha lasciato riposare il tutto per circa un ora.

Ha tritato finemente delle mandorle sgusciate, poi ha modellato l’impasto facendone dei biscotti, dieci minuti nel forno per la cottura, una rapida passata con del cioccolato fondente fuso e per finire una bella spolverata di mandorle tritate.

Cosa ne pensi della nostra Serena?”

Anna sorrise: “Dico che è bravissima, devo conoscerla assolutamente”

Risi ripensando alle grasse mangiate a cui venivo sottoposta da quell’amabile cuoca “Farebbe ingrassare anche un'anoressica quella simpatica donna”

In quel momento arrivò Bones, vide il cibo di Anna e preparò uno dei suoi intrugli, aggiunse il suo preparato ad un litro d’acqua: “Bevendo anche questo dovresti essere a posto, se c’è qualche grasso in eccesso verrà bruciato, con un paio di bicchieri riesci ad integrare sali e vitamine al tuo nutrimento.

Ah, se ti dovessi stancare dell’aroma di lampone dimmelo che lo cambiamo”

Sorrise e se ne andò. L’ufficiale medico era restato tutto il tempo in ascolto telepatico, era anche lui incuriosito dal lavoro di Anna.

Fortunatamente non mi stava domandando come mai quelle persone erano sempre presenti con delle soluzioni a problemi che lei non si era ancora posta.

“Ma siete tutti telepatici?” domandò Anna mandando in frantumi le mie speranze.

La salutai ridendo ed uscii. Mi ricordava troppo i miei comportamenti precedenti ed orami avevo capito che, come le domande che ponevo io, anche lei sospettava già quale fosse la risposta esatta, solo che non la ricordava ancora.

LA SILVER

Feci il punto della situazione. Avevamo cominciato per aiutare degli amici intrappolati; l’Essere per cui avevo deciso di fare quel tuffo nell’ignoto, la persona che aveva fatto scattare in me la voglia di fare qualcosa era stata proprio Irina, la mia carissima amica del pianeta Magician.

Quella iniziativa pazzesca, temeraria e sconsiderata, farmi intrappolare a mia volta per uscirne scoprendo cosa fosse successo e ritrovarmi con una visione molto più ampia dei fatti, mi lasciava un certo vuoto dentro.

Ho sempre saputo di poter contare sui miei inseparabili amici, Sonia, Matt e il mio adorato Valdes.

Venire a conoscenza che quello a cui avevamo dato inizio stava diventando un’impresa enorme, mi faceva in un certo qual modo sentire inutile; conoscevo bene il mio valore, non avevo dubbi su me stessa e sulle mie capacità, ma mi ritrovavo di fronte ad intere parti dei tre universi da risistemare. Decisamente era un compito che avrebbe preso molto tempo e molte risorse.

Scoprire poi che tutto quello che era successo era partito da delle sanguisughe mentali che avevano soggiogato delle razze inferiori….beh, la cosa sfondava con forza le barriere poste dalla mia logica.

Sentivo che avevo bisogno di far qualcosa di più, ma non sapevo cosa fare, le cose stavano andando verso la loro soluzione.

I passi da fare erano lenti e la mia concezione del tempo era completamente diversa.

Ho sempre ritenuto che ogni azione andasse fatta nello stesso momento in cui veniva pensata, questa era la mia idea di tempo, la mia concezione adottata nel fare qualsiasi cosa.

Adesso mi sentivo in stallo, non era importante che facessi qualcosa, ma allo stesso tempo avevo voglia di agire.

– Cosa fare? –

Ne parlai con Valdes. Al nostro meeting privato si aggiunsero Matt e Sonia, noi quattro avevamo sempre fatto gruppo.

La cosa era piuttosto semplice, abbiamo sempre preso tutto con la massima serietà, ma anche con uno spirito di gioco ad un livello estremamente alto.

Basti guardare le nomine che ci eravamo dati. Matt fu il primo a decidere di fare qualcosa, seguito subito da Sonia, una frazione dopo hanno ottenuto l’accordo di Valdes e quasi in contemporanea il mio.

Matt era il Capitano di prima classe, Sonia seconda, Valdes terza ed io avevo preferito il nome Tenente.

Questo era lo spirito con cui affrontavamo le cose, nessuno di noi comandava veramente gli altri, trovavamo sempre l’accordo perfetto in ogni situazione.

Comunicai ai miei amici i miei pensieri, anche se loro già li conoscevano.

Giunti a quel punto potevamo anche delegare i nostri compiti ad altri e ritornarcene sul nostro pianeta, ormai avevamo messo in moto un ingranaggio che non si sarebbe fermato, quindi domandai ai miei amici: “Azione o non azione?”.

La loro risposta non tardò molto, decidemmo per l’ azione.

Secondo Matt dovevamo scongiurare ogni possibilità che gli Henty potessero ripetere ciò che avevano fatto: “Hanno potuto agire grazie alle razze degradate degli esseri esterni, quindi queste razze devono essere esiliate su pianeti dove non possano più entrare in contatto con nessuno”.

Gli dissi che a quel punto avremmo dovuto anche privarli delle tecnologie che possedevano: “Nessuno di loro è più in grado di costruire navi spaziali, riescono solo a ripararle; hanno perso gran parte delle loro conoscenze iniziali. Propongo quindi di eliminare tutti i loro velivoli”.

Sonia aggiunse: “A questo punto dobbiamo anche eliminare tutte le loro armi, facciamo in modo che non possano sviluppare di nuovo delle tecnologie nocive”.

Eravamo tutti d’ accordo, ma Valdes chiese: “Come pensate di fare con le truppe inviate dal Reggente a torturare gli abitanti degli altri pianeti? Possiedono navi ed armi e per il momento vengono resi inoffensivi dalla telepatia soporifera, ma poi? Non possiamo continuare a tenerli a bada con quel sistema, agiamo anche su di loro?”

L’idea era diventata proprio quella. Distruggere le loro navi e privarli delle armi, dovevamo però trovare il sistema di esiliarli immediatamente, nessuno doveva informare Grankuoss di ciò che stava succedendo.

Le decisioni furono prese, avremmo visitato alcuni pianeti verso il confine dell’universo esterno per scegliere i più idonei al trasferimento degli uomini del Reggente.

Gli altri componenti della “Missione Zona Franca” vennero messi al corrente, solo Exhadòr venne tenuto per il momento all’oscuro dei piani, essendo ancora troppo confuso dai precedenti avvenimenti.

Alla fine del suo addestramento sarebbe stato informato, volevamo evitare che cominciasse ad inneggiare alla guerra e alla vendetta.

Sapevamo bene che nessun essere che abitava i tre universi poteva morire, era proprio della loro natura; la morte era solo una componente di Planet e in realtà, nella nostra vera realtà, non esisteva.

Venne dato l’ordine alla flotta a guardia del confine di distruggere ogni nave degli Esterni e catturare l’equipaggio che avesse osato anche solo starnutire.

Fino ad ora avevamo adottato una tattica puramente difensiva, ora la stavamo cambiando per porre rimedio ed evitare che un’azione così meschina e viscida come quella perpetrata ai danni della Zona Franca potesse ripetersi nuovamente.

Presi i comandi della Silver. Avevamo deciso di viaggiare con la nave, evitando di proiettarci nei vari luoghi, cosicché se avessimo incontrato truppe di Grankuoss li avremmo portati a bordo dopo aver disintegrato ogni apparato tecnologico in loro possesso.

Passai da Irina e le chiesi di apportare le stesse modifiche fatte sulla copia della Silver che usavamo in Planet.

Lei mi accontentò velocemente: “Andate a giocare alla guerra? Volete creare un po’ di scompiglio qua e là?” mi domandò divertita, sapevo che mi stava prendendo in giro, le sorrisi e le mandai un grosso bacio mentale.

Da lì a poco eravamo in viaggio per il limite remoto dell’Universo Esterno.

Con la Silver Thunder modificata potevamo tranquillamente volare nel cortile del palazzo del trono senza essere visti e naturalmente fu la prima cosa che facemmo. Eravamo tutti curiosi di osservare Grankuoss che si pavoneggiava con i suoi per gli atti di malvagità che stavano compiendo per i mondi di quell’ universo.

Il reggente era sul suo trono, aveva un ghigno malefico dipinto sul volto, sentivamo che era molto soddisfatto per quello che in realtà non stava succedendo.

Avremmo dovuto sistemare definitivamente anche lui, ma non prima di aver trovato dove esiliarlo.

La visita durò poco, ci mettemmo quasi subito in viaggio per il limite di quei mondi, sorvolammo alcune zone dei pianeti attorno a Fionis I; avvistammo diverse aree destinate all’esercito di Grankuoss, molti hangar erano visibili dall’alto, c’erano strane caserme e personale trasandato un po’ ovunque.

Una volta raggiunti i confini di quell’Universo visitammo alcuni pianeti, fummo attratti in modo particolare da uno di questi: “Planet H!” dissi ai ragazzi.

Quel pianeta aveva molte similitudini con quello rappresentato nel videogame, stessa conformazione esterna, stessi colori delle acque e delle nubi.

Con la Silver feci vari giri attorno ad esso, sembrava che quel pianeta fosse deserto.

Scendemmo sul suo suolo per valutarne l’aspetto da vicino, sembrava proprio Planet nella sua forma più selvaggia. Gli scenari erano molto similari a quelli del videogame: foreste, deserti e mari.

Ritornammo a bordo della Silver e, attraverso diversi voli di ricognizione, sondammo mentalmente tutta la superficie facendo dei turni.

Non sapevamo se altri luoghi di quei mondi potessero essere abitati da creature simili agli Henty.

Valdes, dopo una serie di passaggi, esclamò deciso: “Libero”

Quel posto era l’ideale per i primi esiliati.

Visitammo anche altri posti, un pianeta non lontano da quello era scarsamente abitato, studiammo la popolazione di quel luogo. Dopo averlo fatto decidemmo di atterrare e di mischiarci a loro.

Una volta giunti nel centro di quella che sembrava essere una numerosa comunità fummo, con nostra sorpresa, raggiunti da tre individui.

“Chi siete stranieri e come siete giunti in questo luogo?” ci domandò il personaggio al centro, Matt lo guardò divertito e cercò di mentire dicendo la verità: “Siamo viaggiatori e veniamo dalla parte estrema dell’Universo, siamo giunti in volo”.

Sonia stava sorridendo divertita, avevo capito il perché, quegli strani individui stavano usando un rozzo tipo di sonda mentale per captare i nostri pensieri.

Valdes intervenne e domandò: “Chi siete voi e a quale razza appartenete?”

Il tizio al centro disse di chiamarsi Fedor e non era affatto convinto della risposta di Matt.

“Non abbiamo visto nessun velivolo atterrare nella zona, e non riusciamo a leggere le vostre menti, sappiamo per certo che non siete Esterni, quindi….chi siete?”

Matt gli sorrise: “Siamo Nordik” e così dicendo ci presentammo

Fedor rise: “E’ impossibile, i Nordik non vivono nella parte estrema di questo universo, e poi non avrebbero nessun motivo di giungere fino a qui”.

Sonia gli confermò quanto aveva detto Matt e chiese a sua volta: “Chi siete voi, anche noi ormai sappiamo che non siete Esterni, di dove venite?”

Fedor si decise a darci qualche informazione, non capivano ancora chi fossimo ne come mai eravamo giunti in quel luogo, ma sentiva di non correre pericoli: “Siamo Morgwen e il pianeta su cui vi trovate è stato battezzato Exhadòris, in onore di un amico che non vediamo da ormai molto tempo”.

Questa volta Sonia rise veramente di gusto: “Non ti starai riferendo per caso a quel pazzo scatenato di Exhadòr dei Morgwen, vero?”

Fedor rimase sorpreso dalle parole di Sonia: “Lo conoscete? Siete venuti a salvarci?”

Matt sorrise e rivolgendosi a noi disse: “Vuoi vedere che il nostro misterioso oracolo è diventato così svampito da credersi l’unico sopravvissuto, chissà che sorpresa sarà per lui”

Fedor non stava più nella pelle, adesso voleva sapere, altri individui ci stavano raggiungendo, erano molti di più di quelli che avevamo visto prima di atterrare, sembravano sbucare dal nulla.

I tre che ci erano venuti incontro ci scortarono verso un grande porticato, doveva essere il loro luogo delle riunioni. Si trattava di una costruzione a forma circolare, delimitata da alte colonne e coperta da un tetto in pietra; era piuttosto ampia e le persone si erano già disposte tutte intorno a noi per ascoltare quello che avevamo da dire.

Matt li mise al corrente di alcune cose, senza svelare tutto, voleva avere più informazioni da parte loro prima di fargli sapere cosa si stava organizzando nella Zona Franca.

Fedor ci disse che da molto tempo stavano aspettando che qualcuno li venisse a prelevare per tornare nel proprio mondo, erano fuggiti molto tempo fa, dalla cattura da parte degli esterni.

Avevano raggiunto quel luogo volando su di una grossa astronave che era ripartita verso l’Universo di Mezzo per recuperare altri esseri, ma che purtroppo non aveva mai più fatto ritorno. E da allora erano rimasti in attesa.

Ci trovavamo di fronte ad una delle razze intermedie, quegli individui erano ancora in possesso di gran parte delle loro capacità.

Non avevamo visto molte persone perché avevano conservato l’abilità di mimetizzarsi con l’ambiente circostante, il loro corpo energetico era molto più fluido di quello delle attuali popolazioni Esterne.

Poteva diventare semi-trasparente e questo li aveva avvantaggiati durante le incursioni da parte degli Esterni in quel mondo.

Non avevano trovato nessuno, quindi se ne erano andati; sfruttando quella loro capacità avevano fatto sembrare quel luogo deserto.

Erano in possesso di lievi capacità telepatiche e potevano creare una certa quantità di energia.

A quel punto Matt li mise a conoscenza dei nostri progetti: “Fedor, noi siamo veramente Nordik, Exhadòr è con noi e sta fondando una colonia nella Zona Franca.

Crede di essere l'unico della sua razza.

Stiamo rendendo inoffensivo il Reggente e le sue armate, molti Esseri che facevano parte delle razze intermedie stanno cercando di ripopolare quello che un tempo era il loro Universo.

Quasi tutti sono stati soggiogati dalla malvagità dei popoli Esterni e vengono aiutati per liberarsi dai loro pesanti fardelli.

Stiamo cercando dei pianeti idonei a ricevere l’esilio degli abitanti dei pianeti di Fionis.

Vuoi unirti a noi?”

La risposta rimbombò per l’intera vallata di quel villaggio, era un sì carico di entusiasmo e di speranze, Fedor chiese come potevano raggiungere di nuovo il loro mondo: “Siamo circa trentamila, come facciamo a spostarci in direzione della Zona Franca…e soprattutto, come siete arrivati qui? A questa domanda non avete ancora risposto”.

Resi visibile la Silver Thunder, non era molto distante da quel luogo e sul viso di Fedor si illuminò un sorriso.

“La nostra nave non è in grado di portarvi tutti quanti su Terranova” gli dissi, e mi consultai con gli altri, sembrava che per quel trasporto avremmo dovuto usare la Nemesis, ma in questo momento c’era Anna che ci alloggiava; avremmo dovuto studiare il modo per portarla con noi o per allontanarla il tempo necessario per effettuare quell’ esodo.

Venne detto a Fedor di radunare tutta la sua gente, nel giro di poco avremmo mandato la nave adatta per accoglierli e trasportarli nella Zona Franca.

Fedor sembrava un po’ deluso, aveva timore che nessuno di noi avesse fatto ritorno; memore della lunga e logorante attesa della nave della loro flotta.

Matt lo pervase mentalmente facendogli sentire che nessuno li avrebbe abbandonati e Fedor rimase stupito da quella forza e dalla fluidità con la quale emanava; questo fu sufficiente a fargli credere che questa volta non avrebbe aspettato invano.

Salutammo quella gente, e tornammo verso Terranova, ora avevamo a disposizione due pianeti.

Uno doveva ancora essere liberato, ma con la Nemesis sarebbe stata una questione veloce da risolvere.

Durante il ritorno ci imbattemmo in una nave della Federazione, decidemmo di seguirla.

Questa atterrò su di una pianeta che solitamente veniva preso di mira dagli inviati di Grankuoss; in quel luogo avevamo vari gruppi di persone che si esercitavano con la comunicazione soporifera.

Dall’alto osservammo dove atterrava, una squadra di “studenti” si stava avvicinando per addormentare l’equipaggio, ma furono spaventati dall’improvvisa disintegrazione della nave spaziale nemica.

Uscimmo dalla Silver, i ragazzi ci riconobbero e si calmarono, era la prima volta che assistevano alla strana esplosione silenziosa seguita da una fulminea implosione di un mezzo della Federazione.

Sapevano che gli ordini erano di difendere e dissuadere gli inviati del Reggente, quindi non si spiegavano cosa fosse successo.

Valdes si avvicinò all’equipaggio della nave appena distrutta e fece sparire le loro armi ed i loro mezzi di tortura: “Basta con la difesa soporifera, da questo momento tutte le navi che atterrano sul pianeta devono venire distrutte e l’equipaggio imprigionato.

Non attaccheremo Fionis o i suoi quattro pianeti, ma vi difenderete rendendo inoffensive le armi del vostro nemico!”

I ragazzi erano straniti da quel repentino cambio di programma, sapevano di non possedere nessun mezzo offensivo allora decisi di intervenire: “Ritornate all’ Accademia di Volo, sono già state predisposte le modifiche da apportare alla vostra navetta. Saranno montati degli scudi difensivi e dei disintegratori. Gli equipaggi catturati verranno spediti su appositi pianeti che accoglieranno il loro esilio”.

Matt si premunì di far loro capire che non si trattava di una guerra, ma solo di un’azione difensiva atta a rendere inefficace ogni tentativo fatto dagli abitanti di Fionis per riportare il caos nella Federazione.

Gli “studenti” partirono di buon grado verso Terranova per far apportare le modifiche al loro mezzo spaziale, sembravano quasi euforici di quella decisione.

Noi portammo i prigionieri a bordo della Silver e facemmo rotta sul pianeta che avevamo notato in precedenza.

I prigionieri borbottavano ed inveivano, Sonia li guardò con un grosso sorriso: “A nanna bambini, si è fatto tardi!” così dicendo li ibernò, era stanca di sentire i loro pensieri: “Sono rumorosi anche quando stanno zitti”

Una volta raggiunto il pianeta Matt ci fece notare che quel luogo non aveva ancora un nome: “Dobbiamo battezzarlo, scegliete un nome strano”.

Valdes non si fece pregare: “Io ti battezzo Esilium, in onore del grande Grankuoss che ci passerà il resto della sua esistenza con la sua razza”.

Matt gli diede una pacca sulla spalla: “Bravissimo, un nome veramente originale, sono sicuro che nessuno potrebbe mai sospettare il perché del suo nome.

Onestamente non avrei potuto fare di meglio!”

I due stavano ridendo come degli imbecilli e la cosa fece sorridere anche me e Sonia.

Era tempo di sbarcare il nostro carico ibernato, Sonia li scongelò, li svegliò e gli indicò la strada.

I sei membri dell’equipaggio sembravano cadere dalle nuvole, il luogo era a loro sconosciuto e Sonia gli stava indicando un burrone alla fine di una montagna.

Sonia rideva: “Questo è il vostro nuovo pianeta, siete i primi esiliati della vostra razza, avete i privilegio di scegliere dove stare.

Molti altri verranno dopo di voi, fate i bravi e non litigate”.

La Silver riprese il volo, destinazione Terranova.

L’ ESODO

Giunti a destinazione venne riunito il primo consiglio della Zona Franca, ogni abitante di quel luogo venne messo al corrente delle scoperte.

Exhadòr stava fremendo, voleva partire immediatamente verso il pianeta dove dimorava la sua razza per portarli a Terranova.

Matt mise al corrente Exhadòr delle azioni in corso contro le truppe del Reggente; Exhadòr si illuminò: “La guerra!”

Valdes gli diede uno scappellotto sulla nuca mentre Irina, facendo cenno di no con il dito indice lo sgridò dolcemente: “Smettila di fare il birichino Exhadòr, la guerra è una cosa da adulti”.

Io gli inviai mentalmente alcune immagini relative alle guerre che erano accadute su Planet ed Exhadòr si tirò indietro sulla sua sedia: “No no no, non era questo che avevo in mente, io mi sarei accontentato di vendicarmi sul Reggente, che so…trascinarlo con un aeromobile legandolo per le caviglie e facendolo strisciare su un terreno roccioso e pieno di cactus, ma per poco tempo, diciamo..un paio di giorni.

Poi magari avrei fatto in modo che un frustatore automatico lo colpisse continuamente sul didietro, ma per pochissimo tempo…diciamo …una settimana!”

Exhadòr aveva un’espressione imbronciata ed innocente, ma la cosa fece ridere tutti perché era palese la percezione che si aveva da lui; voleva accanirsi contro Grankuoss e cercava di nasconderlo.

L’addestramento di Sgrunff e la terapia di Bones lo avevano migliorato parecchio ma decisamente non era ancora al 100%.

La cosa certa era che nessuno aveva intenzione di impedirgli un faccia a faccia col Reggente quando sarebbe stato il momento.

I comandanti delle navi a difesa del confine presero atto del fatto che ora potevano disintegrare le navi del Reggente senza farsi nessuno scrupolo, avrebbero solo dovuto accertarsi di recuperare ogni membro dei loro equipaggi per il trasferimento su Esilium.

Adesso che avevamo aggiornato il consiglio ed ascoltato le teorie di Exhadòr sulla guerra era ora di pianificare il viaggio con la Nemesis.

Venne presa in considerazione l’idea di costruire un’astronave gemella della Nemesis, ma si presentava il problema che la nostra nave funzionava con la nostra energia mentale, quindi andava creato un mezzo di trasporto che potesse essere fatto funzionare dalle persone delle razze intermedie.

Dopotutto quella era la loro battaglia per riconquistare la libertà, il nostro ruolo era solo quello di aiutarli ad iniziarla, non di combatterla in loro vece.

Prendemmo così la decisione di usare la Nemesis e di portare Anna con noi facendola uscire dal suo Tasker per il tempo necessario.

Sven si occupò di sistemare i circuiti per darle modo di uscire, Bones la fece sdraiare sul lettino dell’infermeria e lasciò la sua assistente nella zona pirata per qualsiasi evenienza.

Anna faceva decine di domande, ma Bones le disse solo che avrebbe fatto un piacevole viaggio: “Dovrai assistere allo spostamento di circa trentamila individui da un pianeta all’altro, una cosuccia da niente”.

Sven attivò i circuiti e Anna si ritrovò accanto al suo Tasker, era particolarmente tranquilla, la condussi sul ponte della Nemesis, mettendola al corrente della situazione usando la comunicazione telepatica.

Vedevo nei suoi occhi quella strana confusione che proveniva ancora dall’emanatore superiore, però riusciva a capire quel che succedeva.

Fuori dal Tasker era una Anna diversa, non aveva ancora visitato completamente la Nemesis e non era al corrente di quello che stavamo facendo al di fuori di Planet, ma si stava adeguando molto rapidamente.

Osservava la Nemesis che si dirigeva verso un luogo che faticava ancora a ricordare, la lasciai tranquilla su di una poltrona del Ponte di Comando mentre si godeva lo spettacolo mentre i suoi ricordi riaffioravano lentamente.

Percepivo perfettamente come si sentiva, a tratti provava stupore poi la sua mente si tranquillizzava ricordando la sua vera esistenza.

Aveva l’espressione di un bambino che per la prima volta visitava un parco dei divertimenti.

Durante il viaggio fummo intercettati da alcune navi della flotta della Federazione, Matt chiese se secondo noi avessimo spazio a sufficienza, la risposta fu affermativa.

Le navi cominciarono ad attaccare la Nemesis, Matt sbuffò: “Hanno voglia di farci perdere tempo, mai visti idioti più accaniti di questi; tesoro, cosa ne dici se li ghiacciamo?” chiese a Sonia mentre tutti vedemmo alcuni raggi di luce oltrepassavano la nostra nave.

Sonia per tutta risposta trasformò una nave nemica in un grosso blocco di ghiaccio: “Sì, direi che l’idea è carina, possiamo poi portare tutto a bordo per tenere in fresco lo Champagne”.

Partì la nostra azione, repentina ed incisiva; in breve sette astronavi, incluso il loro equipaggio, vennero trasformate in blocchi di ghiaccio. Stivammo quel freddo carico a bordo della Nemesis e con noncuranza riprendemmo la nostra rotta verso Exhadòris.

Exhadòr si trovava a bordo, per nessun motivo voleva mancare a quella missione, passeggiava avanti e indietro per la Plancia; ogni tanto Valdes gli faceva lo sgambetto per distrarlo dai suoi pensieri, mentre Matt gli lanciava delle palle da tennis che svanivano dopo che lo avevano colpito.

Si stavano divertendo a torturarlo per il semplice motivo che stava appesantendo l’aria con il suo incessante pensare.

Distraendolo dai suoi pensieri riuscivano a farlo sorridere anche se ogni tanto sembrava prendersela: “Exhadòr, mi consumerai tutto il pavimento della Plancia se non ti fermi, fai un salto al bar e fatti un paio di Alaska o qualcosa che ti distenda i nervi” gli disse Matt schernendolo.

Exhadòr non sapeva nemmeno cosa fosse un bar, figuriamoci se poteva conoscere un Alaska.

Valdes si offrì di accompagnarlo, stava infastidendo tutti con il suo strano nervosismo.

Una volta giunti alla zona ricreativa della Nemesis Valdes ordinò due Alaska mentre chiedeva mentalmente a Bones di preparare un tranquillante per quel ragazzaccio nervoso.

Exhadòr iniziò a sorseggiare e gustare quel saporito cocktail mentre Bones gliene serviva un altro di sua preparazione.

Bere o mangiare era una cosa inutile per il corpo energetico, ma dava delle piacevoli sensazioni.

Sembrava che Exhadòr non avesse mai fatto uso di quelle percezioni o se lo aveva fatto non se lo ricordava.

Bevve l’ Alaska e ne fu deliziato, poi passo all’intruglio di Bones che gli diede una sensazione di rilassatezza.

Bones gli stava inducendo mentalmente uno stato di tranquillità, aveva usato la scusa del bere per sviare la sua attenzione e la cosa aveva funzionato.

Ora lo strano oracolo era tranquillo, ma ormai non era più necessario, stavamo sorvolando Exhadòris e dall’alto potevamo vedere che Fedor aveva radunato tutta la sua gente nel posto dove ci eravamo incontrati in precedenza.

Trentamila individui era tanti da far salire a bordo, quindi lasciammo loro tutto il tempo necessario. Fedor ci venne incontro: “Lieto di rivedervi, sapevo che avreste mantenuto la vostra parola”.

Exhadòr rimase a bocca aperta quando lo vide, un turbinio di ricordi lo stava letteralmente inondando, Fedor si volse verso di lui con un aria felice: “Exhadòr vecchio mio, speravo che questo momento arrivasse” così dicendo gli corse incontro per abbracciarlo; Exhadòr era confuso, stavano riemergendo nella sua mente troppi ricordi, l’unica cosa che riuscì a fare mentre abbracciava l’amico fu quella di piangere come non ricordava di avere mai fatto prima.

Bones lo guardava soddisfatto: “Questo è un pianto liberatorio, sicuramente nella sua mente si sbloccheranno molte cose d’ora in avanti”

Molte persone passavano vicino a Exhadòr mettendogli una mano sulla spalla in segno di saluto, anche se non ricordava i loro nomi sapeva di conoscere tanti di quegli individui e sicuramente tutti conoscevano lui.

La Nemesis non aveva alloggi a sufficienza per tutte quelle persone ma a loro non importava, volevano ritornare a casa loro più di ogni altra cosa, anche se erano grati al pianeta che per molto tempo li aveva ospitati.

Molti di loro si sistemarono nella stiva, fecero cerchio intorno a Exhadòr e chiedevano di quelle strane astronavi congelate.

Fedor non la smetteva più di fare domande al suo vecchio amico e Exhadòr, per contro, non aspettava altro per cominciare a spiegare come si erano messe le cose.

Parlò loro del suo “ritiro” all’interno di una montagna, di come fosse stato raggiunto da Matt e Sonia.

Sembrava instancabile, durante tutto il viaggio di ritorno aveva detto loro dei progetti che erano stati fatti per far rinascere l’ Universo di Mezzo, finì col parlare del congelamento delle navi della flotta del Reggente.

Guardarono tutti con molto interesse quando scongelammo quelle navi per liberare i loro equipaggi su Esilium. Valdes e Matt si occuparono della disintegrazione di quei velivoli mentre io seguivo Sonia che faceva le solite raccomandazioni ai prigionieri.

“Su bambini, andate a giocare coi vostri amici nella grande palude, vedrete quanti bei coccodrilli che ci sono. E non torturate quelle innocue bestiole, poi tutti a lavarsi i denti e a letto”.

Dava le sue raccomandazioni mentre con disinvoltura disintegrava le loro armi; Anna che stava a guardare volle provare a fare lo stesso, Sonia le fece un inchino dicendo: “Accomodati mia cara”.

La prima arma trattata da Anna scomparve con un esplosione tremenda che fece spaventare a morte il suo proprietario, l’esplosione fu accompagnata da una grossa fumata.

Il proprietario dell’arma terrorizzato aveva il braccio ed il viso anneriti, Sonia scoppiò a ridere: “Molto teatrale, ma esperimento ben riuscito”.

Anna rise a sua volta e volle riprovare, questa volta ci fu un leggero scoppio ma nessun fumo, voleva sperimentare la cosa di nuovo, riuscì a disintegrare diverse armi calibrando la sua forza; all’inizio ne aveva usata troppa e disse che i suoi ricordi erano ancora troppo legati alla sua permanenza in Planet, la cosa buffa è che non smise di ridere un solo momento mentre eseguiva quell’azione.

Mi piaceva che si stesse divertendo, era un buon segno, sapevo che i suoi ricordi erano ancora confusi e che quel fastidioso sfrigolio alla testa non le permetteva di essere completamente lucida.

Avevo provato la stessa cosa quindi sapevo quanto fosse importante lasciarla fare.

I nostri spettatori guardavano entusiasti, sembrava che nessuno di loro avesse avuto a che fare in precedenza con Esseri della Confederazione; non erano spaventati, sapevano che nonostante fossimo in possesso di molta forza eravamo loro amici. Questo era positivo, in pochissimo tempo si era instaurato un reciproco rispetto.

Il viaggio riprese ed arrivammo a Terranova; trovammo diverse persone ad attenderci, primo fra tutte era Sgrunff che non vedeva l’ora di aggiornare le informazioni della Biblioteca Universale.

Sicuramente avrebbe avuto molto da lavorare avendo a che fare con individui non inquinati mentalmente come lo era stato Exhadòr.

Si stava sfregando le mani in segno di grande soddisfazione.

Lo sbarco dei Morgwen procedette senza intoppi; c’erano un’infinità di cose da organizzare, ma Exhadòr si era già messo in azione. Salutammo Fedor e i suoi compagni dicendogli che quando si fossero sistemati avremmo fatto loro visita.

La Nemesis si rimise nella sua posizione e si riagganciò a Planet.

Anna chiedeva se poteva visitare l’edificio dal quale era stato prelevato il suo Tasker, chiesi a Sven se poteva rimanere ancora sganciata da Planet, lui annuì: “Anna, sei in grado di proiettarti all’esterno?”.

Rispose che non ne era sicura così salimmo a bordo della Silver.

I miei amici ci raggiunsero e in breve fummo su Grekos I, Anna guardò l’edificio, stava ricordando: “Ero venuta qui perché un mio amico di Kratox era sparito da ormai troppo tempo, l’ultima cosa che mi aveva detto era che sarebbe venuto a giocare un po’ con Planet.

Aveva provato molto tempo prima ed era curioso di vedere come il gioco fosse stato modificato.

Ricordo che quando sono arrivata c’era una reception all’ingresso, due assistenti accoglievano le persone, chiesi loro di questo mio amico e loro mi risposero che sicuramente era ancora dentro che si stava divertendo.

Erano strani, ma sentivo che non stavano mentendo.

Mi dissero che se fossi entrata lo avrei potuto facilmente raggiungere”.

Valdes, dopo averla ascoltata, le disse: “Probabilmente le persone che hai incontrato erano all’oscuro di quello che stava realmente accadendo, anche Kate quando si è collegata a Planet aveva notato che c’erano queste persone che sembravano sincere.

Ma noi già sospettavamo che ci fosse un grosso inganno dietro tutto questo”.

Anna volle sapere degli Henty, io le dissi che era molto pericoloso cercare di entrare in contatto telepatico con loro, ma lei insistette sul fatto che voleva solo guardarli.

La portammo alla caverna, Anna fu tenuta, per sicurezza, dietro la barriera energetica; avevamo paura che il suo forte contatto con Planet potesse in qualche modo interagire con quelle creature.

Lei si limitò ad osservarli: “Bisogna congelarli, questa è l’unica soluzione”

Nemmeno lei sapeva dire perché avesse detto quelle parole, ma c’erano serie possibilità che avesse ragione.

Nel tragitto di ritorno verso la Silver Anna si ricordò: “Kratox è il mio pianeta!”.

Era ottimo che ricordasse la sua origine anche se non aveva ancora sperimentato l’uscita dal corpo mentale; ancora meglio era il fatto che fosse una Kratox, quella razza aveva delle peculiarità che avrebbero fatto molto comodo ai nostri progetti e soprattutto al lavoro che stava svolgendo su Planet.

Conoscevo molte più cose di Anna riguardo alla sua vera natura, capivo perché era partita da sola alla ricerca del suo amico, i Kratox e i Magician erano due delle cinque razze che avevano molte affinità con i Nordik.

E come tutti gli esseri della Confederazione nessuno avrebbe mai abbandonato un amico che necessitava aiuto.

La cosa mi faceva molto piacere, sorridevo mentalmente conoscendo lo stupore e l’estasi che avrebbe provato un volta che si fosse svestita del proprio corpo energetico e si fosse proiettata al di fuori.

Anna cercava di captare i miei pensieri, ma aveva ancora qualche piccola difficoltà, percepì che ero contenta per lei e la cosa le bastò.

Ritornammo sulla Nemesis ed approfittati del fatto che si trovasse fuori dal Tasker per ribadirle il concetto della nostra missione, ma non mi lasciò parlare, aveva già capito: “So che quello che stai cercando di fare ha come risultato la liberazione dei nostri amici e di tutti gli esseri imprigionati, quindi prenderò questo compito molto sul serio, senza mancare di divertirmi naturalmente!”

Io e Sonia la stavamo ascoltando e la cosa ci fece sorridere, stava entrando nello spirito giusto. Anna riprese: “La cosa stupida è che ho sempre cercato me stessa, all’interno di uno stupidissimo videogame quando invece bastava guardare fuori, ….non che questo sia facile quando si è intrappolati”.

Si diresse verso il Tasker.

“Mi raccomando Sven, voglio ricordare il più possibile” lo guardò fisso negli occhi “...e so che tu puoi fare qualcosa”.

Sven le sorrise mettendosi sull'attenti: “Agli ordini madame!”.

Era tempo che rientrasse, poco dopo si svegliò sul lettino dell’infermeria, si stiracchiò e fece un grosso sbadiglio, io e Sonia eravamo intente a guardarla.

“Sapete che ho fatto uno stranissimo sogno?” a quella frase cominciò a ridere: “Scherzo, volevo vedere le vostre facce!”

Rimase pensierosa per alcuni istanti: “Kate, dovremmo valutare con molta più attenzione quelle creature appese nella grotta, non so in che modo ma penso che abbiano a che fare col nostro progetto”.

Le dissi che le avrei fornito tutte le informazioni di cui eravamo in possesso e lei affermò con assoluta certezza che aveva una gran fame.

Sonia sorrise: “Cosa ne dite di andare a festeggiare al ristorante? Abbiamo fatto un bel lavoro e la nostra amica ha fame”.

La risposta fu unanime per una cena al ristorante.

Furono avvisati Matt e Valdes che non si fecero attendere, Anna si era andata a fare una doccia ed in una decina di minuti era pronta, Sammy sbucò dal nulla: “Serve un’autista?”

Bene, quel gruppo era perfetto per una cena fuori; stavamo uscendo ma ci trovammo bloccati da Irina: “Avevo proprio una gran fame” disse la mia simpatica amica.

I ragazzi risero, come si poteva non invitare la fondatrice dell’Accademia di Volo.

Partimmo per il centro, Sonia disse a Sammy di evitare il locale dove aveva lasciato la sua “originale” ricetta.

“Non vorrei che qualcuno ci prenda per attori comici e cerchi di disturbare la nostra serata”.

Sammy eseguì e ci portò in una città lontana. Anna scendendo dall’auto si stava domandando come avessimo fatto a percorrere circa duemila chilometri in soli quindici minuti, le rispose Irina: “Devi sapere che Sammy è il più fantastico pilota della flotta, quindi e molto abile nel volo”.

Anna non sapeva se la stesse prendendo in giro o se veramente avevamo volato, controllò l’auto che sembrava un normalissimo Suv grigio metallizzato.

Preferì non fare altre domande così ci avviammo all’interno del locale.

Sembrava che per avere un tavolo in quel posto bisognasse prenotare una settimana prima, chi ci stava accogliendo diceva di essere dispiaciuto, ma che tutti i tavoli erano occupati.

Valdes guardò la sala e notò che solo metà dei tavoli avevano occupanti.

Una rapida occhiata mentale e scoprimmo che bisognava essere soci di un club molto esclusivo, potevano accedervi solo i soci iscritti al golf club che dimostravano di possedere almeno dieci milioni di euro.

Matt disse al tizio di fronte a lui: “Ma ci sono decine di tavoli vuoti, perché mai non ci fate accomodare?”

Vedendo il proprio uomo in difficoltà sopraggiunse il direttore, Valdes e Matt non avevano intenzione di fermarsi in quel posto però avevano deciso di divertirsi un poco alle spalle di quei due.

Il direttore ci guardò con aria di sufficienza.

“I signori hanno prenotato?” ben sapendo che la cosa non era possibile.

Matt gli disse che gli dispiaceva molto, ma che non avevano avuto il tempo di farlo.

“Possiamo parlare col proprietario per favore?” chiese con un tono di voce calmo, ma deciso.

“Spiacente, ma il proprietario non viene mai nel suo ristorante”

La domanda era servita solo per carpire mentalmente al direttore il nome del proprietario; si trattava di un certo Tom Bristol ed effettivamente i suoi dipendenti non lo aveva mai visto i quel locale.

Matt si rivolse a Valdes: “Dai Tom andiamo a mangiare da un’altra parte, ci sarà pure una pizzeria aperta” il direttore alla parola pizzeria fece una faccia disgustata.

Valdes si rivolse ancora a lui: “Se paghiamo il doppio ci lasciate entrare?”

Il direttore sembrava non raccogliere la cosa e non rispose nemmeno.

Valdes insistette: “Forse se le diamo una bella mancia, che so, cinquanta euro…eh, cosa ne dice?”

A quel punto il direttore fece una smorfia di disgusto: “Vedo che non avete la più pallida idea di quanto costi cenare in questo luogo, solo gli antipasti costano più dei vestiti che avete in dosso”.

Matt continuava a sostenere la commedia: “Dai Tom lo so che sei pieno di soldi, ma cinquanta euro sono una gran bella mancia per questo signore; ah…a proposito, aspetta che ti rendo le carte che mi hai prestato oggi!”

Matt passò a Valdes una American Express Platino, una Dubai First Royale Mastercard e una Visa Infinite Diamond, e durante questa operazione il direttore cominciò a sbavare.

Valdes mise le carte di credito all’interno del suo portafogli con noncuranza, il direttore vide che aveva molte altre carte.

Valdes osservò il direttore con aria di sufficienza: “Ci spiace veramente non poter cenare qui, vorrà dire che andremo in pizzeria”

Intanto il direttore aveva notato i costosi vestiti delle persone che avevano intenzione di cenare in quel luogo, Matt e Valdes ostentavano due costosissimi Rolex, così balbettò una frase: “Forse possiamo trovare una soluzione”

Valdes gli sorrise compiaciuto: “Mi dica buon uomo, cosa possiamo fare?”

Matt insistette: “Suvvia Tom smettila di importunare questo distinto signore, è chiaro che questo locale non è alla nostra altezza, andiamo a mangiarci una bella pizza, ti prometto che sulla tua facciamo mettere doppia mozzarella, salsiccia e cipolle!”

Il direttore stava snobbando le parole di Matt e rivolgendosi a Valdes: “Vede, questo è un locale veramente esclusivo, ma forse, se siete disposti a sborsare un piccolo extra, potremmo trovarvi una sistemazione”.

Il viscido stava facendo il loro gioco, così Valdes domandò: “A quanto ammonta questo piccolo extra, egregio signore?”

Ormai il direttore sentiva in tasca un bel gruzzoletto così disse: “Per voi potremmo fare cinquemila euro, se la cosa è di suo gradimento”.

Valdes gli fece un sorriso raggiante: “Certo che è di nostro gradimento buon uomo, accettiamo con piacere”.

Il direttore stava sbavando dalla gioia, li fece accomodare e chiese un documento: “A che nome la prenotazione?”

“Tom, Tom Bristol” gli disse Valdes porgendo la sua falsa patente di guida. Il direttore fece un attimo di pausa, prese il documento e sbiancò in volto, cominciò a balbettare poi svenne.

L’aver cercato di mercanteggiare una consistente mazzetta col proprietario del ristorante dove lavorava l’aveva fatto sentire davvero male.

Il gruppo di amici soddisfatto si allontanò da quel posto, sapendo di aver impartito una lezione solenne ad uno sbruffone.

Tre isolati più avanti c’era un ristorantino messicano delizioso.

Mentre si dirigevano verso la loro meta il direttore si era ripreso ed era corso per strada cercando il signor Bristol e gridando a gran voce, mentre sventolava in aria la lista degli ospiti: “Mr. Bristol c’è stato un errore ma ora è tutto risolto”

Si rivolse verso il cameriere: “Dov’è andato a finire Tom Bristol?” il cameriere lo guardava con aria interrogativa e con perfetto accento siciliano gli disse: “Ma che minchia dici? Si proprio ‘nu scimunito!”

Intanto un cliente che stava uscendo lo guardò con aria dubbiosa.

“Direttore, ma cosa ha bevuto? Ero poco fa al telefono con Tom e le assicuro che si trova a Singapore”.

Il direttore rimase sbigottito e gridò al cielo: “Maledetti truffatori! E tu…” rivolgendosi al cameriere “Che cosa dicevi? Che lingua era quella?”

“Niente direttore, niente, le chiedevo se aveva bisogno di un bicchiere d’acqua”

“Nu scimunito?”

“Sì, esatto. Per l’esattezza acqua gasata”

“Ah, grazie caro, ma preferisco lo Champagne”

Il cameriere sorrise annuendo e rientrò nel locale.

Matt rideva: “Ci ha chiamati truffatori. Senti come accusa gli altri dei propri crimini quel lurido”.

Entrammo dal Messicano e ci vennero portati subito degli antipasti della casa, Anna aveva fame, e mentre sparlavamo e ridevamo di quel disonesto direttore una cameriera venne per prendere le ordinazioni.

Ognuno ordinò piatti tipici del Messico, la serata passò in maniera piacevole; era il nostro modo per festeggiare gli avvenimenti della giornata.

Dopo quella breve parentesi Sammy ci riaccompagnò a casa.

LE TECNICHE DI BONES

Al nostro ritorno su Terranova l’ufficiale medico ci mise al corrente dei nuovi sviluppi sulle tecniche mentali messe a disposizione per i suoi “studenti”.

“Avendo schematizzato quello che gli è successo durante il periodo di prigionia ho sviluppato un sistema che per il momento è ancora sperimentale.

Durante il tempo che questi esseri hanno trascorso incollati alla colonna elettrificata sono stati bombardati da immagini, filmati e sensazioni spiacevoli, però abbiamo anche dei punti chiave di riferimento che possono essere usati per aiutarli ad alleviare la pesantezza dovuta a queste torture.

Abbiamo dei momenti certi e facilmente riconoscibili, ovvero, le accecanti luci con cui sono stati bombardati ritmicamente ogni quindici minuti”.

Ascoltavamo con interesse, sapendo che ogni nuovo elemento poteva condurci a nuove scoperte.

“Queste luci procuravano loro una forte amnesia ed un senso di stordimento, ma questo fatto ci ha aiutato parecchio per la terapia che ho sviluppato.

Ho notato che ogni essere può ricordare quello che gli è successo nel periodo tra un bagliore e l’altro, quindi questo è quello che sto provando a fargli mettere in pratica”:

Ci condusse dove aveva creato uno spazio per le persone che stavano sperimentando quella tecnica.

Si trattava di un posto lontano e tranquillo, nessuno doveva disturbare il lavoro di quei “ragazzi”.

Gli individui che erano già progrediti con la comunicazione mentale e che, naturalmente, erano passati oltre la soglia della telepatia soporifera ora si apprestavano a ricordare per filo e per segno quanto gli fosse accaduto durante gli atti di vampirismo mentale.

Bones riprese a spiegare: “Lavorano sempre in coppia, ognuno fa in modo che l’altro ricordi i filmati e le sensazioni che venivano loro proiettati mentalmente.

Si devono attenere solo a quello che è successo tra due intensi bagliori, in pratica devono ricordare esattamente quello che è successo nell’arco dei quindici minuti trascorsi tra una luce e l’altra.

Devono fare in modo di raccontarselo in maniera dettagliata e quando ritengono di essere riusciti ad estrarre tutti i ricordi di quei quindici minuti passano alla fase di disintegrazione mentale”.

Potevamo vedere coppie di persone sedute o in piedi, l’uno di fronte all’altro, in completo silenzio.

Le loro mani sembravano toccarsi, ma in realtà si sfioravano appena, unite solo da una leggera e tenue luce azzurrata.

“Usando la leggera telepatia di cui sono ora in possesso ognuno aiuta l’altro a disintegrare, nel vero senso della parola, i ricordi degli abusi subiti in quel breve lasso di tempo.

Questo fa sì che la cosa non li turbi ulteriormente e perde il proprio peso, perde letteralmente energia”.

Ci spiegò che ovviamente il procedimento richiedeva molto tempo, in primo luogo perché all’inizio non avevano alcuna dimestichezza con quella tecnica e poi perché i periodi di quindici minuti erano veramente molti se si considerava il tempo totale in cui quelle torture avevano avuto luogo.

Ma i suoi “studenti” lavoravano sodo; li osservammo standocene in disparte, quelli che erano all’inizio facevano veramente fatica ed a volte venivano aiutati da qualcuno dell’equipe di Bones.

“Questi quattro stanno lavorando su questo progetto da circa una settimana” ci fece notare il nostro amico

“Come potete notare riescono a lavorare più velocemente ed il tempo dedicato a quegli episodi si è ridotto notevolmente per via della loro familiarità con la tecnica da utilizzare”.

Guardammo quei due gruppi di persone, in effetti impiegavano circa quindici minuti per disfarsi del fardello dato dai quindici minuti di abusi mentali, mentre le persone che erano all’inizio di quell’esperimento dovevano spendere anche tre ore per poter ottenere il risultato sperato.

Quello che ci mostrò era di una semplicità geniale, ricordavo che a volte in Planet, quando c’era una parola che non mi piaceva o che ritenevo stupida, cominciavo a ripeterla mentalmente in continuazione finché questa cessava di infastidirmi.

Lo facevo come se fosse un gioco, dopo poco tempo la parola non mi sembrava più stupida ma diventava una semplice parola.

Sembrava che la cosa funzionasse, le tecniche sperimentali di Bones diventavano ben presto definitive perché quel “tizio” aveva la particolarità di vederci giusto.

“Dopo che hanno disintegrato i ricordi degli abusi subiti tra un bagliore e l’altro passano alla fase di osservazione della forte luce, solitamente questa fase li lascia intorpiditi, ma devono continuare ad osservarla ad intervalli regolari finché questa luce cessa di infastidirli e lascia intravedere quali filmati sono stati proiettati loro mentalmente prima della sua accensione.

La osservano. Quando si sentono intorpiditi smettono momentaneamente per poi riprendere a guardarla; se e quando continuano senza smettere solitamente tendono ad addormentarsi, per questo motivo l’attenzione su di essa deve fluttuare”.

Passò poi a spiegarci che molti dei suoi studenti ponevano molte domande allo staff di Sgrunff, le domande erano sempre le stesse per ogni persona che progrediva attraverso i vari stadi, quindi Sgrunff aveva cominciato a prendere nota di tutte quelle domande e ne aveva fatto un piccolo corso di studio.

Siccome le tecniche mentali potevano svuotare un’ individuo, oltre allo studio lo si faceva distrarre rendendosi utile in varie cose.

In pratica quegli esseri partecipavano attivamente alla ricostruzione della loro civiltà lavorando su diversi fronti.

Studiavano, si applicavano mentalmente ed organizzavano la vita della loro nuova comunità nel senso pieno della parola.

Molti di loro, dopo lo studio, si impegnavano aiutando all’Accademia di Volo e si cimentavano nei corsi tenuti dai ragazzi di Irina; più o meno tutti quelli che andavano all’Accademia volevano diventare piloti e, visto come si stavano mettendo le cose, quel fatto ci sarebbe tornato molto utile.

Visti i progressi ottenuti dal nostro mitico Steve Donovan in arte “Bones”, gli dissi che avevo bisogno di discutere un paio di cose con lui: “Senti Bones, dovrai darmi una mano a sviluppare qualcosa che sia utile ad Anna, mi sto riferendo alle sue tecniche di meditazione all’interno di Planet”.

“Volentieri Kate, avrò bisogno anche di Sven, quando vuoi basta che tu mi faccia un fischio”.

Stava sorridendo, gli piaceva rendersi utile nel settore in cui si stava applicando, potevo contare su amici veramente in gamba.

Dopo la visita a Bones andammo all’Accademia; Irina si stava cimentando con altri della sua razza a creare nuove navi spaziali.

“Ciao Irina, vedo che vi state divertendo, ma cos’è quella strana creatura metà triangolare e metà sferica?”

In effetti c’era una grossa nave che nella parte sinistra era triangolare, con un ala dall’aspetto veramente fiero, mentre la parte a destra era arrotondata.

Irina rise divertita: “Chiedilo a Sasha, abbiamo creato una cinquantina di navette per i ragazzi che vanno all’esterno, poi ci siamo messi sul progetto ‘Navi da Trasporto ’ , a quel punto qualcuno ha cominciato a creare la parte a destra, mentre Sasha si stava occupando della parte sinistra,…riesci ad immaginare quanto stesse ridendo intanto che lavorava?”

Stavano facendo un gran lavoro, molte navi erano in missione e sul piazzale dell’Accademia ce ne erano molte altre.

“Sai Kate, abbiamo montato qualche scudo energetico; è vero che le navi della Federazione non possono nemmeno scalfire i nostri scafi, ma l’equipaggio è formato da molti studenti, il loro corpo energetico è ancora molto vulnerabile.

Poi, guarda che razza di cannoncini disintegratori abbiamo montato”.

Mi fece vedere quei giocattoli, Matt e Valdes guardavano divertiti.

“Ehi Valdes, secondo te cosa farebbe Exhadòr con uno di questi aggeggi?”

“Non ho dubbi, andrebbe subito a far visita a Grankuoss per sparargli nelle chiappe”

Tutti scoppiarono a ridere, mentre Irina intervenne: “Exhadòr è stato qui a visitare l’Accademia e dovevate vedere come se la rideva pensando a quanto si sarebbe divertito.

Mi ricordava scene simili a quelle viste in certi cartoni animati su Planet”.

Sonia volle sapere come stesse precedendo con i piloti: “Stanno progredendo rapidamente o incontri qualche problema?”

Irina indicò un gruppo di quattro persone: “Gli amici portati da Exhadòr ed in genere tutti quelli che hanno seguito sia lui che Gray durante i loro tour per la Federazione sono ancora piuttosto debolucci.

Hanno imparato come si pilota uno di questi mezzi, ma possono emettere troppa poca energia per farli volare a dovere, ed infatti per le navette piccole servono ben quattro piloti.

Mentre i Morgwen sono molto abili. Hanno ancora piuttosto intatta la loro capacità di creare energia, quindi sono in grado di far volare anche quelle per il trasporto.

Oltretutto sembrano affascinati dal volo, molti di loro stanno seguendo i corsi per diventare piloti di astronavi.

Gli altri ragazzi,…gli esterni, che ancora non ricordano chi siano, si stanno impegnando molto ed alcuni vanno a far parte dell’equipaggio delle navi più grosse”.

Sonia sembrava soddisfatta delle cose: “Ma dimmi Irina, anche se sono debolucci come dici tu, stanno comunque pilotando qualcosa o sbaglio?”

“Non sbagli, a loro sono affidate le navette che vanno in difesa delle popolazioni Esterne colpite dagli stupidi attacchi da parte degli inviati del Reggente, però devono chiedere aiuto quando si tratta di prelevare i prigionieri”.

Sembrava che Irina avesse perfettamente sotto controllo la situazione; Sammy, Sasha ed altri membri della sua razza si stavano dando un gran da fare, la Zona Franca disponeva di una piccola ma efficiente flotta.

Nel bel mezzo della nostra visita all’Accademia una nave da ricognizione stava rientrando con notizie fresche da Fionis I.

Ci riunimmo alla Biblioteca Universale, il pilota aveva informazioni che riteneva di dover comunicare a tutto il Consiglio.

Il pilota era della Confederazione, quindi ci informò di ogni cosa telepaticamente, era come essere stati in ricognizione con lui.

Venimmo catapultati in quello scenario, come se lo stessimo vivendo in prima persona.

Grankuoss era andato ad ispezionare i suoi armamenti.

“Luogotenente, dove sono tutte le nostre navi?” chiese vedendo gli hangar ed i piazzali vuoti.

“Sono in viaggio per sconfiggere il nemico mio Signore”.

“Bene, bene Luogotenente, quante navi abbiamo impiegato per questa operazione?”

“Tutte mio Signore, nessuna nave è rimasta su Fionis”

“Bene, bravo Luogotenente, e dimmi, come sta procedendo la battaglia?”

“Ottimamente mio Signore, sono ancora in viaggio e non abbiamo subito perdite”

“Bravissimo Luogotenente, sei veramente un grande stratega tu,….sei addirittura riuscito a non avere perdite durante il viaggio, bravo anzi bravissimo”.

“Quante sono le navi nemiche mio valoroso Luogotenente?”

Le domande del reggente erano precise e dirette, ed il ragazzo rispondeva con fare militaresco.

“Veramente poche oh mio Signore, gli equipaggi che hanno respinto il primo attacco hanno parlato di dieci navi”

“Meraviglioso…eh dimmi mio valoroso Luogotenente, che armi utilizza il nemico?”

“Oh mio Signore, questo la farà veramente ridere, usano dei ridicoli trucchetti mentali, probabilmente non hanno armi a bordo dei loro velivoli”

“Ottimo, bene, stupendo….ehhh… per quando è previsto l’attacco?”

“Molto presto mio Signore, giusto il tempo di arrivare”

“Bene, bene Luogotenente, tieni questo bastone”

“Dove devo metterlo Signore?”

“Poi ti spiego,…poi ti spiego mio valoroso Luogotenente”.

Il Reggente sbavava come un mastino, era soddisfatto di quelle informazioni, Matt rideva di gusto: “Certo che in fatto di pianificazione sono molto precisi quei tipi”.

Valdes lo seguiva a ruota però fece una precisazione: “Adesso dobbiamo far lavorare i nostri ragazzi, se la flotta del reggente ha deciso di attaccare al confine della Zona Franca ci ritroveremo con parecchi prigionieri da trasportare su quel pianeta….come si chiama?”

“Guarda che lo hai battezzato tu, ma se non ricordo male era Granculos I”, naturalmente nessuno stava prendendo sul serio l’attacco del Reggente, anzi l’intero consiglio ne era divertito.

Poco dopo fummo informati che un’immensa flotta aveva attraversato il confine ed era entrata nella Zona Franca, Matt diede il suo ordine: “Aspettate che si avvicinino, lasciateli giungere fino al centro di questa zona, poi procedete nella vostra azione!”

Poi si rivolse a Sonia: “Facciamo i ghiaccioli?”.

Lei pensò per un momento: “Direi di lasciare divertire i ragazzi, lasciamogli sfasciare le navi di Grankuoss, poi congeliamo l’equipaggio volato fuori da quelle navi e lo trasportiamo su Esilum”.

“Matt, ecco qual’era il nome, non Granculos I” disse Valdes con aria seria.

“Oh porcaccia la miseriaccia, come ho potuto scordarlo” ribadì Matt con una grossa risata.

Li dovetti trascinare a bordo della Silver, continuavano a fare battute sul Reggente ed io non volevo perdermi la vista dell’imminente e disastroso attacco.

Mi diressi nella zona dove era attesa la flotta di Grankuoss; c’erano circa un migliaio di navi, alcune grosse ma anche molto malridotte.

La flotta era numerosa, ma sembravano pezzi di rottami volanti, le nostre navi si resero visibili, erano circa un centinaio, la flotta del Reggente aprì il fuoco, i loro colpi oltrepassavano le navi comandate da esseri della Confederazione.

Quelle con a bordo equipaggi di “studenti” avevano degli scudi che fermavano i loro colpi, gli scudi avevano lo scopo di non far colpire l’equipaggio.

Alcune navi della flotta Esterna vennero colpite, Irina aveva istallato a bordo un sistema di comunicazioni, così potevamo scambiarci messaggi.

Sentivamo i ragazzi delle nostre navi prendere sul serio quella stravagante battaglia, tutti quelli che avevano subito abusi dalla razza di Grankuoss si stavano divertendo a fargli il culo a strisce, li lasciammo divertire un poco.

Quando ebbero abbattuto una ventina di navi circa tutta la nostra flotta intervenne, in una decina di minuti l’intera flotta del Reggente era stata disintegrata.

Ora rimaneva l’equipaggio di quelle navi da recuperare, le persone delle navi colpite dai nostri ragazzi più infervorati avevano preso dei colpi tali che furono scagliati a notevole distanza.

Sonia disse ai vari piloti che bisognava congelare momentaneamente quelle persone: “Fatelo, altrimenti una volta caricati sulle navi per Esilium sarebbero capaci di farvi addormentare con la loro pesantezza mentale.

Quei tipi hanno uno strano modo di rimuginare i pensieri, sembrano ruminanti in azione”

Qualcuno dei nostri era stato colpito, circa una decina di persone; i raggi emessi dalle navi del Reggente avevano forzato qualche scudo ed avevano colpito degli “studenti” facendoli sbattere violentemente contro delle pareti all’interno della loro nave.

Erano decisamente intontiti, direi quasi semi-incoscienti.

Furono portati da Bones il quale istituì immediatamente una zona adeguata per le loro cure: “Niente di grave, in una settimana di trattamento mentale-telepatico saranno di nuovo in forma”

Le ultime navi stavano finendo i recuperi. Facemmo un giro per vedere se qualcuno fosse ancora nei paraggi, non si vedevano né navi né equipaggio.

C’era voluto molto più tempo a recuperare i dispersi che non a porre fine a quella battaglia.

Furono riempite tre navi da trasporto con i prigionieri, l’indomani sarebbero partite con destinazione Esilium.

Ogni arma in loro possesso venne distrutta, qualcuno era ridotto piuttosto male, le esplosioni delle loro navi avevano lasciato il segno, soprattutto quelle colpite dalle armi degli “studenti”.

Qualcuno era senza vestiti, erano stati disintegrati durante la battaglia.

Congelati ed incoscienti erano un carico veramente silenzioso, Sonia guardava qualcuno di loro e rideva.

“Perché ridi tesoro?”.

Sonia stava ridendo troppo per rispondere, dopo che si riprese guardò Matt: “Ma non ti sei accorto che questi individui hanno il pene? Lo avevo notato anche con Grankuoss,…non ti sembra strana la cosa?”.

“Certo che te ne intendi di uomini amore mio, ma cosa…..?” Matt capì, Sonia gli disse che avremmo verificato più tardi come stessero le cose.

Intanto gli abitanti di Terranova volevano festeggiare. I Morgwen erano notevolmente soddisfatti della piega che aveva preso l’intera vicenda, non potevamo negarglielo.

Li lasciammo fare e dopo aver salutato tutti ci rintanammo a bordo della Nemesis.

Quella battaglia aveva segnato una data importante per quella gente, ora sentivano più forte la certezza della loro rinascita. Non andammo su Terranova per circa una quindicina di giorni, avevamo qualcos’altro in mente in quel momento.

Mentre la Zona Franca stava cominciando a rivivere volevamo rivedere i nostri piani riguardo a Planet H, c’era ancora molto lavoro da fare.

Feci visita ad Anna, era vispa ed allegra.

“Ciao Kate, avevo proprio bisogno di te”

“Ciao Anna, ti vedo arzilla, che novità hai?”

“Lo sai che avevi ragione, mi riferisco all’uscita dal corpo, ormai ricordo varie cose della mia esperienza al di fuori dal Tasker…e, so che sto usando una copia del mio corpo mentale…o energetico. Non so ancora quale termine lo definisca meglio”.

“Spiegati Anna, cosa hai capito esattamente?”

“Beh, è molto semplice, se io sono intrappolata all’interno del mio Tasker e questo è un videogame, come posso uscire da questo corpo?….Voglio dire, se non ci sono realmente dentro è impossibile che io ne esca.

Quindi la spiegazione più logica che riesca ad elaborare in questo momento è che avevi ragione tu.

Sto usando quello che tu chiamavi Corpo del Sogno, e con questo corpo dirigo il mio personaggio!”

Aveva messo a fuoco qualcosa che a me era sfuggito, quindi volli sapere cosa era riuscita ad elaborare nella sua mente.

“Come sei giunta a queste conclusioni?”

“Ascolta attentamente Kate, se io sono all’interno del Tasker con un corpo mentale è logico supporre che stia usando una copia o una parvenza di quel corpo mentale per guidare il mio personaggio, altrimenti non sarei in grado di spiegare in nessun modo il viaggio astrale o l’uscita dal corpo.

Tutto mi riconduce a quello che mi avevi raccomandato tempo fa, cioè di fare attenzione a quando sogno, mettendo in relazione quella parvenza di corpo che viene utilizzato durante quella fase”.

Aveva ragione, stava trovando un nesso logico: “Brava Anna, continua con i tuoi esperimenti, ci aggiorniamo tra qualche giorno, dobbiamo verificare alcune cose assieme a Sven ed a Bones”.

La salutai e chiesi a Valdes se avesse voglia di accompagnarmi da Gianni, in un attimo fu con me.

Andammo all’Accademia, dove Gianni stava sistemando un locale facendosi aiutare da Ernst.

“Ciao ragazzi, stiamo seguendo il progetto di Anna, che ve ne pare?”

Stavano sistemando alcune poltrone che Anna aveva fatto costruire da Mario, avevano predisposto un ampio locale perché potesse accogliere circa venti persone.

Tra una poltrona e l’altra c’era molto spazio, Ernst ci fece vedere una sua modifica.

“Ho fatto istallare un piccolo riproduttore di suoni, il volume e l’intensità del suono possono essere regolati tramite questi comandi posti sul bracciolo, ho fatto aggiungere sei suoni rilassanti, ascolta questo”

Misi le piccole cuffie e sentii un delicato suono di pioggia che cadeva sul terreno, manovrai su alcuni pulsanti, dalle cuffie uscivano dei suoni, erano monotoni, poteva essere cambiata la tonalità da acuta a grave.

“Abbiamo seguito il consiglio di Anna, voleva che potesse essere riprodotta la vibrazione del suono Om che viene usata da molti Yogi”.

Quella ragazza si era decisamente tuffata in quel progetto.

“Come sta andando con Ernst?” chiesi a Gianni.

Rise guardandolo: “Non male, alterna dei momenti in cui sembra un vero genio ad altri in cui sembra la persona più idiota che abbia mai incontrato, ma sta cominciando a capire alcune cose importanti”

“Guarda che ti ho sentito Gianni, mi hai dato dell’idiota!”

“Oh Ernst, ma cosa odono le tue fosche pupille?” Ernst lo guardò cercando di rispondergli qualcosa di serio poi si accorse dell’assurdità della domanda e rise scuotendo la testa.

Li salutammo. Erano soddisfatti di quello che stavano facendo, quei due mi piacevano; avevo anche voglia di capire come mai Ernst fosse per così dire un po’ “Sballato”, aveva sicuramente fatto uso di qualche droga leggera in passato, ma era molto tempo che non si avvicinava più a quella roba.

Sembrava molto più una cosa legata all’età, tenni in sospeso quella domanda e chiesi a Valdes se aveva voglia di fare uno strano gioco.

“Dimmi cara, sai bene che non mi tiro indietro di fronte ad una cosa del genere, soprattutto fatta in tua compagnia, ….si tratta di sesso?” domandò tirando fuori la lingua.

“Smettila stupidotto, volevo visitare un po’ di luoghi e di persone, il gioco consiste nell’individuare chi guida i personaggi che incontriamo”.

“Ci sto, da dove cominciamo?”

“Cominciamo da quelli che incontriamo per la strada”

“Bene, guarda quello, sicuramente è un NPC”

Osservammo per molto tempo tutto quello che avveniva attorno a noi, scrutando le persone che camminavano, ridevano, parlavano al cellulare, ignare di essere osservate; effettivamente la maggior parte di loro erano Personaggi Non Giocanti.

“Guarda quello, è sicuramente un’ Esterno!”. Guardai nella direzione indicata mentalmente da Valdes e sembrava che avesse ragione.

“Proviamo a vedere se è un malvagio o un semplice prigioniero”.

Ci avvicinammo per sentire di cosa stesse parlando con quello che sembrava essere un suo amico.

La discussione era incentrata su quanto fosse pesante la vita, mutuo da pagare, la rata dei mobili ed i libri dei ragazzi.

Era decisamente un semplice prigioniero.

“Kate, cosa diceva Sgrunff riguardo al numero di Esseri della Confederazione intrappolati dentro Planet?”

“Mhhh, se non sbaglio parlava di circa sessantamila esseri, ma non ne sono completamente sicura”

Valdes fece un rapido conto: “Dunque, la popolazione attuale di Planet conta circa 6 miliardi di persone, facciamo che abbiamo lo 0,001% di esseri della Confederazione, questo significa che troverai un individuo ogni mille persone!”

“Direi che è un bel lavoretto di ricerca tesoro mio!”

Valdes vide un prete che stava leggendo seduto all’ombra, decise di importunarlo.

“Mi perdoni Padre ma avrei un paio di domande da farle”

“Prego figliolo accomodati e dimmi come posso aiutarti”

“Vede Padre vorrei riuscire a capire quale delle persone che incontro ha un anima”

Il prete rise: “Ma figliolo il buon Dio ha creato tutti gli uomini con un anima”

“Si Padre, ma io vorrei sapere come fare a riconoscere chi ha un anima vera”

“Forse ho capito a cosa ti riferisci figliolo, tu intendi chi ha un anima pulita, degna di entrare nel regno dei cieli?”

“Non esattamente Padre, non esattamente”

“Figliolo tu credi in Dio?”

“Certo Padre, ma la domanda non ha senso”

“E perché mai la domanda non ha senso figliolo?”

“Perché la risposta è così ovvia che nessuna domanda andrebbe posta”

“Spiegati meglio figliolo, mi interessa il tuo modo di pensare”

“Vede Padre, ci troviamo in un intero mondo di cose create, questo ci dice che qualcuno le abbia create, da qui il nome Creatore.

Ora, c’è chi lo chiama Allah, chi lo chiama Iddio e c’è chi lo chiama addirittura Big Bang, ma se analizziamo la definizione di Dio scopriamo che è il creatore di tutte le cose.

Quindi…impossibile non credere che tale essere esista!”

Il Prete sembrava colpito da quella spiegazione, sentivamo che l’avrebbe adottata in qualche sua predica; gli era piaciuta.

“Ma dimmi figliolo, che rapporto hai con Dio?”

“Ottimo Padre, veramente ottimo…” Dissi mentalmente a Valdes di non nominare Sven.

Quindi continuò: “E lei Padre, che rapporto ha con Dio?”

“Oh figliolo, un rapporto bellissimo, comunico con lui tutto il giorno e mi è sempre vicino!”

“A proposito, di che parrocchia siete?”

“Siamo forestieri Padre, casa nostra è molto lontana, comunque grazie per l’illuminante conversazione”

Il prete salutò sbalordito, normalmente chi gli faceva domande lo faceva per mettere in dubbio quello che leggeva sulla Bibbia, ma non noi.

Ci dirigemmo da un’altra parte: “Ehi Kate, ti risulta che Sven parli con quel prete tutti i giorni?”

“Con tutto quello che ha da fare, non credo. Comunque evitiamo di dirglielo, evitiamo di accrescere le sue sensazioni di onnipotenza” Ridemmo delle credenze di quell’uomo, sebbene stravaganti secondo il nostro punto di vista, si dava da fare per disseminare parole di bontà.

Ma a noi serviva qualcos’altro.

Valdes localizzò un ragazzo che andava in giro sorridente e con gli occhi che sembravano luminosi; non era proprio un ragazzo, valutai la sua età in circa trent’anni.

Ci inventammo il nome di una via e gli chiedemmo un’informazione: “Scusi, per raggiungere la via tal dei tali?”

Il ragazzo ci guardò sorridente: “Scusciate nnon sciono di qui he he!”, riconoscevo il personaggio, era un diversamente abile, un bambinone nel corpo di un adulto.

Però era strano, sembrava terribilmente buono e gentile; c’era una gelateria lì vicino così gli offrimmo un gelato: “Grasssie!”

Il viso esprimeva gioia, fece un mezzo disastro nel mangiarlo, ma vederlo così contento ci fece sorridere, lo aiutammo con diversi tovagliolini di carta.

Alla fine ci salutammo: “Ciao ammiscii!” disse il ragazzo.

Quella era un’altra di quelle domande che avrei tenuto per Sven e Bones.

- Cosa c’era che non funzionava a dovere in quella persona? -

Ritornammo sulla Nemesis, Valdes mi offrì un’Alaska che io mi gustai, poi andammo da Matt e Sonia per sapere a che punto eravamo col segnale immesso in Planet.

“75% al momento, dovrebbe già cominciare a dare qualche leggero risultato, però adesso abbiamo poche strutture per individuare le persone” disse Matt.

“Anna si sta dando da fare per far partire un progetto pilota, al momento è ancora molto sperimentale, ma sono convinta che tante piccole cose ci possano dare un grande risultato…se funzionano”

Sonia sorrise esprimendo una sincera fiducia nel progetto: “Lasciamo che i nostri amici mandino avanti i loro lavori, poi convochiamo un bel meeting per ritoccare qualche parte del piano a seconda della necessità”.

Lasciammo passare alcuni giorni osservando semplicemente lo svolgersi dei fatti dopo di ché tornammo su Terranova.

I CONSIGLI DI SVEN

Una volta giunti a Terranova fu convocato il consiglio nella sala grande della Biblioteca, un pilota da ricognizione ci stava riportando le ultime notizie da Fionis I, tutti erano curiosi di sapere cosa stesse pensando il Reggente.

Come per la volta precedente le informazioni ci vennero fornite telepaticamente e la scena apparve nitidamente a noi.

Grankuoss stava passeggiando assieme al suo Luogotenente nel piazzale deserto della sua base strategica.

“Dimmi Luogotenente, come procede la nostra battaglia?”

“Benissimo mio Signore, veramente alla grande”

“Bene, molto bene, che notizie abbiamo dalle nostre navi?”

“Nessuna oh mio immenso Signore, nessuna”.

“Allora dimmi oh mio perfido Luogotenente, come puoi asserire che tutto vada bene?”

“Oh mio illuminato Signore, è molto semplice,….nessuna nuova buona nuova, lo sanno anche gli stambecchi!”

“Ottimamente Luogotenente, la tua è un intelligenza superiore,…ma cosa sono gli stambecchi?”

“Non ne ho la più pallida idea.. oh mio Signore”.

“Bravo Luogotenente, così si fa per ingannare il nemico, sei molto abile!”

“Grazie mio Signore, c’è altro che io possa fare per sua Immensità?”

“Certo mio lungimirante Luogotenente, dimmi come mai le nostre navi stanno impiegando così tanto tempo in quella facile impresa”

“Oh mio Signore, sicuramente hanno spazzato via la flotta nemica in un tempo molto breve”

“Ottimo mio fido, ma dimmi…come mai nessuno è ancora tornato?”

“Eh... mio sfavillante Signore, sapete come sono fatti i nostri ragazzi, adesso saranno sicuramente a far baldoria torturando le popolazioni dei pianeti vicini, sapete bene quanto siano ligi al dovere”.

“Benissimo Luogotenente, benissimo, …quando torneranno?”

“Non appena avranno finito oh mio Signore”

“Sei un assistente molto valido Luogotenente, mi fornisci sempre informazioni precise e utili, tieni questo grosso ramo spinoso”.

“Grazie oh mio immenso Signore, ma…dove lo devo mettere?”

“Poi ti spiego mio perfido amico,..poi ti spiego!”

Sven smise di ridere per un momento e disse la sua: “Quei surrogati di esseri hanno veramente un’intelligenza superiore, capisco come gli Henty abbiano fatto a raggirarli”.

Matt rise e si rivolse a Valdes: “Cosa ne pensi della parola Surrogati, tu che sei abilissimo nel trovare i nomi ai pianeti?”

Valdes non si fece pregare: “Non conosciamo il nome della razza del Reggente, quindi da questo momento si chiamerà la razza dei Surrogati”.

Ma Matt voleva andare oltre: “Sai benissimo che Esilum non sarà sufficiente per accogliere tutta quell’accozzaglia di Surrogati, quindi dovremo utilizzare anche il pianeta lasciato libero dai Morgwen, che nome consigli di dargli?”

Valdes pensò intensamente, come se quella cosa fosse un impegno che stava prosciugando tutte le sue energie: “Cosa ne dici di Esilium Secondo?”

Matt scoppiò in una risata: “Bellissimo, geniale, originale, non mi era proprio venuto in mente! Certo che come li battezzi tu i pianeti….”

Sonia interruppe quello scambio di comunicazioni altamente culturale; si era messa in piedi alle spalle di Matt, in quel momento stava stropicciandogli i capelli con la mano: “Se avete finito adesso dovremmo parlare di cose più importanti…..i Surrogati hanno il pene!” disse con enfasi ridendo come una matta.

Nessun essere aveva mai adottato un corpo energetico con quella caratteristica, ognuno sceglieva una forma desiderata, poteva anche essere maschile o femminile, ma a nessuno era mai saltato in mente di aggiungere inutili attributi.

Sven si fece pensieroso per qualche istante: “Le caratteristiche sessuali sono state introdotte in Planet H dopo che erano state rilasciate alcune versioni.

Nelle prime la cosa non era presente, mi domando come facciano i Surrogati ad aver sviluppato quella forma nei loro corpi mentali e soprattutto perché?”

Avevo qualche sospetto, ma preferivo verificare le cose quando fossimo stati a bordo della Nemesis. Bones aggiunse solo: “Un essere immortale che non è in grado di generare prole non ha nessun motivo di copiare una cosa simile da un videogame, a meno che non abbia qualche serio problema mentale”.

Infatti Bones aveva centrato il punto che volevo discutere in privato, mi accinsi a far cambiare discorso: “Come procedono le cose sui vari pianeti della Zona Franca?”

Gray si stava occupando della cosa: “I Morgwen hanno riconosciuto come loro pianeta originale Grekos II, hanno stabilito in quel luogo una piccola colonia per la sua ricostruzione.

Molti altri si sono aggregati sui cinque pianeti che stiamo controllando, i quattro dove sono disseminati gli edifici dei Tasker e Terranova.

Poco distante da ogni istallazione di Tasker sono sorti piccoli villaggi, ognuno di essi ha la sua Accademia per la riabilitazione degli Esterni che non fanno parte della razza dei Surrogati e che hanno deciso di trasferirsi da noi.

Il quartier generale è su Terranova, il suo cuore pulsante è la Biblioteca Universale”.

Ci era stata fornita una panoramica della situazione, oltre a quello Gray disse che le navi con passeggeri avevano già fatto ritorno da Esilum: “Abbiamo portato a destinazione il carico, parte dell’equipe di Bones era presente al momento dello scongelamento e della liberazione dei prigionieri, a cui è stata data una piccola svegliata mentale.

Quelli depositati in precedenza erano nascosti a guardare lo sbarco, nessuno ha osato avvicinarsi”.

Bones annuiva: “In qualche anno si saranno ristabiliti dai colpi subiti nella battaglia, anche se usare il termine ristabiliti è piuttosto fuori luogo.

Comunque hanno tutto il tempo che vogliono”.

Exhadòr ci informò che molte delle persone che abitavano i pianeti della Federazione Esterna non avevano intenzione di muoversi, dicevano che quella era la loro casa, volevano solo non essere più tiranneggiati dal Reggente: “Hanno intenzione di farsi i fatti loro”.

Sonia sorrise ad Exhadòr: “Sono liberi di rimanere se lo desiderano; dopotutto si tratta del loro pianeta, ma dobbiamo considerare alcune cose.

Intanto bisogna avvertire tutti gli attuali abitanti della Zona Franca come riconoscere i veri appartenenti alla razza del Reggente, come li ha battezzati Valdes, i Surrogati.

Poi bisogna anche ipotizzare che alcuni di loro non vogliono aver nulla a che fare con Grankuoss, anche tra di loro possono esisterne di migliori.

In quel caso dovrebbero essere esiliati su Esilum Secondo o su di un altro pianeta e magari possono anche non venire congelati durante il trasferimento, ma questa decisione spetta al comandante della nave incaricata al trasporto”.

“Ma quanto sei geniale tesoro mio!” disse Matt rivolgendosi a Sonia.

Exhadòr fece la sua domanda, c’era ancora qualcosa che non aveva capito: “Come riconosciamo i Surrogati dagli altri abitanti dei pianeti esterni?”

Qualcuno stava ridendo, ma Sonia si fece seria: “I Surrogati hanno un’inutile ammennicolo tra le gambe, e sono sicura che alcuni di loro di razza femminile hanno un buco al posto di quello strano pendaglio, in sintesi caro Exhadòr, devi guardargli nelle mutande!” detta quella frase Sonia non si trattenne più dalle risa, vedeva anche che lo sguardo di Exhadòr era stranamente stupito.

“Davvero non hai ancora capito?” gli chiese Matt mandandogli qualche immagine telepatica dei corpi usati in Planet.

Exhadòr rimase esterrefatto, non aveva notato la cosa e se lo aveva fatto non gli aveva dato alcuna spiegazione.

“Ma a che diavolo gli servirà mai?” domandò sorridendo.

Sgrunff si offrì di dargli qualche spiegazione in merito a Planet H quando quella riunione sarebbe terminata; avevo già cominciato a ridere pensando che gli avrebbe propinato la storia delle banane esplosive.

Sgrunff rise guardandomi, stava facendo cenno di sì con la testa.

Sonia disse che per il momento quella riunione era finita, Matt si rivolse a lei: “Amore mio, ma lo sai che su Planet ti avrebbero fatta Santa per come hai deciso di trattare i Surrogati?”

Sonia fece apparire sulla sua testa un’aureola e mentre inviava telepaticamente ai membri del consiglio la sua esibizione al ristorante dove consigliava una stravagante ricetta, si mise a sorridere nello stesso modo di quel giorno; occhi strabici e dente anteriore mancante.

Il consiglio al completo stava ridendo di quelle scene; salutammo i presenti ed andammo a far visita a Fedor prima di tornare a bordo della Nemesis.

Fedor si era sistemato su Terranova ed accolse il nostro arrivo con entusiasmo.

“Ciao Fedor, pensavamo che ti fossi trasferito su Grekos II, invece eccoti qua” gli dissi esternando il pensiero di tutti noi.

“Ciao ragazzi, ciao Kate, devi sapere che sono convinto che la mia casa sia esattamente dove mi trovo io.

Altri della nostra gente non vedevano l’ora di trasferirsi sul loro pianeta, per me è differente, come lo è del resto per gli amici restati qui”.

Stavamo guardando come si fossero sistemati, non si facevano troppi problemi e molti di loro aiutavano l’equipe di Bones ed il gruppo di Irina.

Tra di loro molti volevano pilotare navi spaziali.

Dopo non molto salutammo Fedor ed i suoi amici, quando eravamo ormai lontani chiesi a Bones se secondo la sua opinione quegli esseri avrebbero potuto seguire le orme di Gray; erano molto differenti dagli individui delle popolazioni esterne che si erano trasferiti su Terranova.

Bones non fece tardare la sua Opinione: “Per quanto ne sappiamo Gray avrebbe potuto benissimo essere uno di loro e sono sicuro che se quegli esseri vogliono progredire possono farlo.

L’unica cosa che devono fare è proprio quello di prendere una tale decisione, poi li aspetta un lungo cammino”.

“Grazie Bones, adesso ho proprio bisogno di te e di Sven sulla Nemesis, facciamo un meeting privato con i ragazzi e Anna”.

ALCUNE INFORMAZIONI

Ci sistemammo nella seconda aula di teoria, quella che era stata usata per Irina, venne messo un grosso tavolo ovale e delle poltrone.

Erano presenti tutte le persone che mi interessavano in quel momento, Valdes, Matt, Sonia, Anna, Sven e Bones.

Dissi loro che volevo fare un nuovo punto della situazione riguardo a Planet H, volevo rimettere in discussione alcune delle mie analisi lasciate incomplete probabilmente per via dei vari corto circuiti avvenuti tempo fa nel mio Tasker.

Anna aveva avuto modo di estrapolare informazioni più attendibili delle mie su alcuni punti chiave, quindi cominciai a formulare una serie di domande rivolte a Sven: “All’interno del videogame molti pensano che esistano fantasmi o entità spirituali, come lo spieghi?”

“Si tratta semplicemente della simulazione del corpo mentale, in realtà non sono stati previsti fenomeni del genere”.

“Allora come spieghi che alcune persone sentano delle presenze che ritengano essere fin troppo reali? Pensano addirittura che si tratti di qualcuno morto molto tempo prima e qualcuno asserisce di poter comunicare con loro, puoi dirci se esiste una spiegazione tecnica per questo?”

“Certamente Kate, come ben sapete esiste quello che tu hai chiamato Corpo dei Sogni, può capitare che un Tasker si guasti e in quel caso sopraggiunge la morte fisica del personaggio ma il suo corpo mentale è ancora nel videogame e ci rimane finché il timer predisposto non raggiunge il tempo prefissato E’ come se vi rimanesse imprigionato”.

“Quindi si tratta solo di un guasto all’apparecchiatura, solitamente come si risolveva la questione?”

“Quando il mio staff tecnico lavorava ancora su questi Tasker ogni anomalia veniva tempestivamente segnalata e si provvedeva a riparare la cosa in breve tempo”

“Aspetta un momento Sven, ripartiamo facendo un passo indietro, ho bisogno che Anna capisca più cose possibili perché possa valutarle e porti le sue domande, quindi ti prego di spiegarci di nuovo il puro e semplice schema di funzionamento delle apparecchiature che hai progettato, senza perderti in fronzoli”.

Vidi che Sven semplificò mentalmente la sua spiegazione, quindi cominciò a parlare:
”Innanzitutto per poter attivare un Tasker occorre che l’Essere che ci vuole entrare utilizzi un Corpo Mentale.

Una volta che il Tasker si attiva proietta all’interno del videogame il personaggio vero e proprio, questo personaggio e costituito da una copia del corpo mentale utilizzato, da quell’essere, più un corpo fisico che serve per eseguire le varie azioni all’interno del gioco.

Questa è la spiegazione più semplice dello schema utilizzato”.

“Ottima spiegazione Sven, quindi all’interno del gioco abbiamo due entità separate, una prettamente mentale ed una fisica, nient’altro?”

“No Kate, ogni altra cosa che qualsiasi individuo possa sperimentare è solo una proiezione data dagli emanatori, abbiamo queste due entità di base, l’osservazione è corretta”.

Anna stava per il momento ascoltando quel riassunto di base, era interessata ma non aveva ancora domande da fare quindi andai avanti a chiedere: “Cosa puoi dirci delle varie credenze che si sono sviluppate all’interno del videogame, cose tipo la fine del mondo oppure quello che dovrebbe accadere il 21 dicembre 2012?”

“Anche quelle possono avere una spiegazione tecnica, devi sapere che ogni volta che una nuova versione del gioco veniva rilasciata ed ogni volta che occorreva sistemare qualcosa il gioco veniva fermato.

All’inizio la cosa è stata abbastanza frequente, magari anche solo per rilasciare una patch.

Si avvisavano tutti i giocatori che entro una certa data il gioco sarebbe stato aggiornato, si procedeva ad un vero e proprio reset.

Quindi ogni giocatore avrebbe dovuto uscire dal gioco e ripresentarsi a giocare quando lo staff tecnico aveva finito…

Questo potrebbe essere qualcosa di molto simile alla fine del mondo”:

“Capisco Sven, ti risulta che ci sia programmato un reset per il Dicembre 2012 o per qualche altra data?”

“No Kate, da quando abbiamo abbandonato questo videogame perché troppo inquinato dagli Esterni, non ci siamo presi più nessuna cura di sistemare niente.

Quindi se qualche patch doveva essere rilasciata il compito se lo erano assunti i loro ingegneri che tra l’altro non si sa dove siano finiti…anche se abbiamo qualche sospetto!”

“Ok Sven ti stiamo seguendo tutti, adesso cerca di ricordare nella maniera più dettagliata possibile quali interventi e modifiche hanno apportato gli ingegneri Esteri, oppure che modiche ti hanno richiesto di fare”.

“Risposta facile, volevano innanzitutto che i loro prigionieri fossero sempre molto occupati nel gioco anche quando potevano non far nulla.

Sono quindi stati creati dei compiti, dei lavori.

Dovevano sempre essere in qualche modo infastiditi, le zanzare ed altri insetti fastidiosi sono stati introdotti da loro, ma all’inizio erano presenti solo nella parte del gioco destinata ai loro prigionieri.

Di questa cosa se ne sono occupati loro personalmente.

A me hanno chiesto di intervenire sul lato sessuale dei personaggi, si trattava solo di fare in modo che al giocatore fosse provocato un piccolo corto circuito a livello dell’emanatore superiore, tale corto circuito doveva dare una sensazione piacevole.

Sono anche intervenuto sulle modifiche fisiche del corpo maschile e femminile”.

“Ecco da dove sono nati i piselli dei Surrogati!” esclamò Sonia ridendo.

“Esatto Sven, questa modifica mi sembra sostanziale, non hai mai sospettato nulla?”

“No ragazzi, la cosa sembrava molto semplice e gli ingegneri con cui avevo a che fare non somigliavano nemmeno lontanamente ai Surrogati, non avevano grandi capacità tecniche ma erano degli Esterni molto simili ai ragazzi che frequentano i corsi di Sgrunff o di Bones su Terranova”.

“Quindi erano tutti manovrati da qualcun’ altro!” aggiunse Matt.

La cosa si stava facendo sempre più sospetta, c’era qualcosa che si stava facendo strada tra i miei pensieri, volevo sondare ancora bene il terreno prima di verificarla.

“Sven potresti farci un riassunto veloce delle varie modifiche fatte nel corso del tempo al videogame? Partendo prima da quelle fatte quando ancora gli Esterni non si erano intromessi per finire con quelle fatte con loro all’interno come prigionieri”.

“Certo Kate, io non ho partecipato alla prima versione, sono subentrato in un secondo momento.

La prima versione è quella solitamente raccontata da Sgrunff quando comincia la sua spiegazione di Planet H.

Le prime modifiche che ho effettuato sono state quelle di sistemare i sapori delle varie cose commestibili e di dare certe capacità ai personaggi”.

Io guardai Sgrunff sorridendo al pensiero delle sue maledette banane esplosive e quanto fosse lontano tutto ciò che avevo vissuto in quel periodo. Mi concentrai di nuovo su quello che Sven stava dicendo.

“All’inizio potevano volare ed usare capacità magiche, tipo scagliare fulmini o far levitare oggetti. Ad oggi gli abitanti di Planet si chiedono ancora da dove derivino le credenze mitologiche di Dei adirati e capricciosi che vivevano in mondi inconoscibili.

Naturalmente erano stati creati molti NPC per movimentare il gioco.

Non esisteva nessuna distinzione tra i sessi, il corpo usato nelle prime versioni del gioco era perfettamente neutro.

Una nuova versione prevedeva l’aggiunta di un diadema sulla testa dei personaggi per distinguerli dagli NPC che erano diventati molto numerosi.

Dopo di quello furono introdotte delle varie categorie di personaggi; in base agli obiettivi di gioco poteva venir scelto il guerriero, il guru, oppure l’uomo d’affari.

C’era tutta una serie di categorie differenti e tra le altre cose poteva venir scelto il colore degli occhi ed il colore dei capelli.

Più o meno a questo punto ci fu la richiesta da parte degli esterni di poter immettere i loro prigionieri”.

“Ok Sven, adesso metti particolare attenzione sulle modifiche apportate da questo punto in poi”.

“Allora, la prima cosa è stata quella di creare uno spazio idoneo dalla parte opposta del pianeta, poi c’è stata la richiesta degli elementi di disturbo, zanzare, mosche ed altro.

I prigionieri dovevano svolgere un lavoro qualsiasi durante il giorno.

Fu creata la notte con i sogni per i prigionieri, mentre per i giocatori normali era stato predisposto il distacco del Corpo dei Sogni dal corpo fisico. Tali giocatori, non prigionieri, potevano scegliere se rimanere nel gioco con il Corpo dei Sogni o uscire dal Tasker.

A quel punto gli Esterni si erano lamentati che alcuni prigionieri, usciti dal loro periodo di detenzione farneticavano di alcuni Esseri dai poteri Soprannaturali che li molestavano.

Indicarono i giocatori che indossavano il diadema come responsabili di tali molestie.

Quindi venne abolito il diadema.

In questo punto venne introdotto il corpo dei due sessi opposti e venne inaugurata la nuova versione che introduceva l’atto sessuale. Tutto qui”.

“Grazie per il riassunto Sven” disse Kate “e poi cosa successe?”

“Dopo un po’ di tempo c’erano troppi Esterni all’interno del videogame e prendemmo la decisione di abbandonarlo e di lasciarlo definitivamente a loro”.

Anna si era dimostrata particolarmente interessata alla parte del distacco del Corpo dei Sogni.

“Come avveniva esattamente il distacco?” chiese a Sven.

“Il tutto si svolgeva molto semplicemente, l’emanatore superiore rallentava la sua attività, in pratica diventava inattivo per un buon 90% e questo fatto permetteva al giocatore di continuare nel gioco con la semplice copia del proprio corpo mentale”.

“Perché questo adesso non è più possibile?” domandò un’Anna leggermente delusa.

“Te l’ ho già spiegato Anna, per via delle modifiche apportate dai circuiti demoni istallati dagli Esterni al Tasker”.

Era tempo di fare entrare in causa Bones con le sue tecniche, gli feci il punto della situazione sugli esperimenti che stava conducendo Anna e cominciai a fargli alcune domande:

“Dopo quello che ti ho visto elaborare su Terranova penso che tu ci possa dare qualche utile consiglio; secondo te esiste un modo, una tecnica mentale, un espediente per fare in modo che il Corpo dei Sogni sia libero dal corpo fisico?”

Bones si fece pensieroso: “Intanto dovrei capire esattamente di cosa si tratta, a differenza di voi non ho mai giocato a Planet H quindi non conosco con esattezza a che problema rivolgere le mie eventuali soluzioni”.

Quel dannato ufficiale medico aveva ragione: “Per il momento abbiamo a disposizione solo Anna, all’occorrenza possiamo utilizzare anche Ernst e se tutto dovesse andare male abbiamo Kate alla tenuta” gli dissi.

“Ho bisogno di pervadere la mente di Anna telepaticamente” poi si rivolse direttamente a lei: “Se senti che in qualche modo ti sto infastidendo comunicamelo ed io mi ritrarrò, evita di chiuderti come un riccio” queste furono le sue raccomandazioni.

Sven intervenne: “Ricordati che abbiamo già annullato gli effetti di alcuni circuiti, tra questi ci sono la paura, la rabbia, il sesso e la vergogna”

Anna si rivolse a me: “Non mi succederà niente di male vero?” la sua domanda aveva un tono leggermente intimorito, ma stava prevalendo la curiosità.

Le misi una mano sulla spalla e le sorrisi rassicurandola: “Ma no, stai tranquilla, al massimo muori”.

Rise ed era un buon segno. Bones le chiese di parlargli delle sue scoperte e dei suoi problemi inerenti al progetto che stava seguendo, mentre lui usava un leggero tocco mentale per capire cosa ci fosse che non andava.

“Ho cominciato a lavorare sull’ Uscita dal Corpo; all’inizio mi sono concentrata sulla postura corretta per non essere distratta fisicamente mentre cercavo una speciale rilassatezza mentale.

Poi sono passata a risolvere il problema dell’appesantimento dato dal cibo ed infine ho fatto vari esperimenti con Sven.

Le prime volte gli chiedevo di alleggerirmi la sensazione del corpo e di cercare di amplificare la percezione del Corpo dei Sogni.

Sono passata poco per volta a cercare di concentrarmi da sola per raggiungere uno stato molto simile al sonno.

Ogni volta che mi avvicino al distacco dal corpo però tendo ad addormentarmi ed a fare un sogno lucido; ho quindi delle serie difficoltà a staccarmi e rimanere consapevole dell’ambiente circostante”.

Bones era parecchio interessato a quello che succedeva nella mente di Anna, le chiese quindi di ripensare ad un paio di cose: “Ripercorri mentalmente le fasi importanti, mi riferisco soprattutto a quando senti che il tuo corpo diventa più voluminoso ed a quando hai la sensazione di essere rimasta agganciata solo nella zona della testa”.

Anna lo fece e verbalizzò i puoi pensieri: “Quando riesco a sganciare ogni pensiero sento che il mio corpo diventa più leggero, da quel punto avverto la sensazione che il corpo sta aumentando le sue dimensioni; tutto comincia dalle mani che diventano molto più grandi e leggere.

Quella percezione si estende via via fino alle braccia ed alle spalle, a quel punto sento che il cambiamento si fa più consistente, tutto il corpo, eccetto la testa, è più ampio e leggero.

Ho la netta sensazione di uscire dal corpo fisico ed a livello della testa comincio a sentire un leggero senso di vertigini.

Da quel punto in poi accadono due cose, o divento eccitata per l’avvenimento che sta per accadere oppure sento una serie di strane sensazioni; non sempre mi accorgo di tutto quel che succede”.

Anna ripercorreva mentalmente le sue sensazioni e le parole sgorgavano dalla sua bocca in modo automatico, senza alcun bisogno di ulteriore elaborazione.

“Posso tradurre quelle sensazioni nel seguente modo: comincia una intensa scarica elettrica che parte dalla metà della testa e vibra verso la parte posteriore.

Percepisco una specie anello luminoso, carico elettricamente, all’interno della testa, grande quasi quanto la testa stessa, che pulsa in un movimento premente-traente.

Esso è collocato perpendicolarmente, al centro della testa ed emana la sua vibrazione, che io chiamo Vibrazione Elettrica, verso la parte posteriore.

Quella strana scarica ha un suono simile al ronzio di cavi ad alta tensione.

Se riesco ad osservare quella scarica senza pensare a nulla mi trovo distaccata dal corpo, altrimenti o mi agito o mi addormento.

Oltre alla scarica elettrica che vibra vedo anche una forte luce che mi abbaglia e sento un boato, spesso fulmineo, che mi prende di sorpresa”.

Bones pensava di aver percepito e sentito abbastanza.

“Per sviluppare una qualsiasi tecnica devo sapere quali risultati vi prefiggete di raggiungere e a quali esseri devono essere dedicate queste tecniche”

Anna partì a raffica: “Innanzitutto il distacco del Corpo dei Sogni dal corpo fisico!”

Bones sorrise e Sven intervenne: “Per quanto riguarda i NPC quel distacco non è possibile, loro sono sprovvisti di un Corpo dei Sogni, sono solo integrati nel videogame”.

Io gli dissi che in generale dovevamo trovare il modo per aumentare la consapevolezza dei giocatori: “Devono cominciare a sospettare che la vita che stanno vivendo è qualcosa di irreale, un dannato trucco; se riuscissero anche a sospettare di essere all’interno di un videogame sarebbe ottimo.

Ma devono assolutamente cominciare a rendersi conto che esiste una reale esistenza al di fuori di Planet”.

“Bene Kate, allora devo fare ancora qualche domanda a Sven e ad Anna, cominciamo da Anna, senti per caso qualche interferenza che viene da sopra la tua testa?”

“Alcune volte sì, sento una strana pesantezza, alle volte una specie di sordo formicolio, generalmente è localizzato nella parte centrale sopra alle orecchie, ….. tanto per dargli una collocazione geografica”.

“Adesso tocca a te Sven, ti risulta che nei Tasker ci siano solo due emanatori?”

Sven pensò un momento: “Sì, quelle attrezzature sono state progettate con solo due emanatori, diamine…ho controllato tutti i circuiti ed ho rilevato parecchie modifiche apportate dagli Esterni”.

Ebbi una folgorazione, comunicai a Bones mentalmente di non fare altre domande in presenza di Anna, era con noi col corpo del suo personaggio, quindi non volevo correre rischi.

Gli dissi, anzi, di abbozzare un paio di tecniche.

Bones mi sorrise: “Allora, abbiamo a che fare con due tipologie di esseri ai quali dobbiamo indirizzarci, una di queste fa parte delle razze Esterne o per quel che ne sappiamo, delle razze Intermedie.

La seconda include le razze della Confederazione.

Da quello che ho potuto osservare direi che dobbiamo lavorare su più fronti; intanto consiglio di riattivare quell’esercizio che Sgrunff vi aveva fatto fare in passato per ingannare l’emanatore inferiore.

“A quale ti riferisci” intervenni per puntualizzare.

“Reintegrerei l’uso del tapis roulant, questo ci viene molto utile per dimostrare alle persone come stanno veramente le cose.

Probabilmente dopo un po’ di tempo potranno non ripensare più a quell’esperienza, ma è sicuramente molto terapeutico”.

“Va bene, mi sembra ottimo in effetti”

“Poi direi di passare ad alcuni esercizi per alleggerire il Corpo dei Sogni”.

Bones fece apparire sullo schermo l’immagine del dispositivo creato da Anna:

“Ho notato che Anna ha fatto costruire una poltrona molto comoda, questo dovrebbe aiutare nell’esercitazione che ho in mente. Si tratta di sedersi comodamente chiudendo gli occhi, bisogna usare un tipo di energia e di pensiero creativo.

La persona seduta ad occhi chiusi deve immaginare di avere alle sua spalle un potentissimo ma delicato congegno disintegratore, questo congegno viene creato dalla sua mente.

Non importa se qualcuno pensa che se lo sta solo immaginando, la sua forza risiede appunto in quel fatto.

Ora che ha creato il suo disintegratore personale deve immaginare che questo congegno emetta una delicata energia che spazza via ogni cosa indesiderata dall’interno del suo Corpo dei Sogni.

Particolare attenzione va posta su questo fatto.

Non deve immaginare di agire sul corpo fisico ma esclusivamente sul Corpo dei Sogni, ripeto questa cosa perché è di vitale importanza per ottenere dei benefici”.

Anna lo stava ascoltando incantata; le piaceva quello che sentiva e voleva sperimentarlo subito, era una tecnica diversa da quelle di cui aveva letto o sentito parlare sino ad ora, la cosa che l'attraeva più di ogni altra era proprio quella di lavorare con l’immaginazione sul Corpo dei Sogni.

Bones continuò: “Consiglio di alternare delle sedute di meditazione dove la persona non deve pensare a nulla a sedute di purificazione usando il disintegratore personale.

La massima attenzione va posta sul fatto che l’energia che si immagina che quella attrezzatura emani sia molto delicata.

Per nessun motivo si deve forzare la cosa, non importa quanto tempo si debba impiegare su di questa tecnica, anche molti mesi se necessario, naturalmente avendo l’accortezza di non esagerare; consiglio di passare da una a due ore in questo tipo di applicazione.

Sarebbe molto utile se ci fosse qualcosa che agisse come valvola di sfogo per la rabbia, ora Anna ha sganciato l’amplificatore che Sven ha localizzato nel suo Tasker, ma altre persone potrebbero trovarsi di fronte a rabbia repressa.

Sarebbe quindi utile avere una zona dove poter appendere dei sacchi da pugile, fornire la persona di imbottiture adeguate ed insegnargli a colpire quel sacco senza farsi male allo scopo di sfogare su di esso la propria rabbia”.

Anna era eccitata da quello che aveva sentito dall’ ufficiale medico: “Come consigli di immaginare il disintegratore che deve servire per ripulire il Corpo dei Sogni?”

“Io consiglio che sia qualcosa di piacevole, eviterei di creare mostruosi macchinari, deve essere qualcosa di estetico o che dia fiducia alla persona, potrebbe essere una sfera luminosa o qualsiasi altra forma un individuo trovi piacevole.

Se fossi nella condizione di doverne immaginare uno penso che cercherei di immaginarmi il mio Corpo dei Sogni che dolcemente ed in maniera molto morbida emani una sottile energia che purifichi il mio vero Corpo dei Sogni, ma questa sarebbe solo la mia interpretazione della cosa”.

Vidi che quell’idea piacque ad Anna che continuò a domandare: “In che sequenza faresti eseguire le tecniche che hai suggerito?”

“Cercherei di farle ruotare, partendo, ad esempio, un giorno sul tapis roulant o lo sfogo al sacco da pugili, il giorno successivo adotterei la tecnica di pulizia del Corpo dei Sogni seguito da una seduta di meditazione”

“Ma Bones, come posso capire in seguito quale tecnica sia meglio implementare e quale invece utilizzare saltuariamente?”

“Io ti consiglierei di usare Ernst come cavia, sappiamo che è di una delle razze della Confederazione e a lui non sono ancora stati toccati i circuiti del Tasker, quindi questo ti dovrebbe dare delle buone indicazioni.

Se risponde bene privilegia le due tecniche che hanno a che fare con il Corpo dei Sogni, diversamente fai un passo indietro.

Se invece ti troverai ad avere a che fare con Esseri della Federazione dovresti provare a farli stare per un certo periodo di fronte ad uno specchio.

Ho visto nella tua mente che in passato hai provato a farlo anche tu; quando raggiungi il punto in cui la vista ti si sfuoca dovresti spaventarti leggermente. continuando un simile esercizio può essere di qualche utilità”.

Anna soppesò le informazioni: “Sentite ragazzi, se per il momento non c’è altro io andrei da Gianni per organizzare l’intera faccenda, ho intenzione di provare subito un paio di cose e di mettere Ernst al lavoro, cosa ne dite?”

Mi sembrava un’ottima idea e glielo dissi. anche i ragazzi furono d’ accordo con me.

Matt le disse di contare pure su Gianni per qualsiasi cosa.

“Lo farò sicuramente!” disse Anna mentre ci salutava.

Adesso eravamo soli, non volevo parlare di niente che avrebbe potuto turbare Anna in quel momento.

Matt prese la parola: “A quanto pare abbiamo fatto dei calcoli in cui uno più uno fa tre”

Sonia guardò Sven e Bones: “Matt dice il vero, dobbiamo prendere in seria considerazione il fatto che i Surrogati abbiano il pisello e a questo punto entrano delle nuove incognite nell’equazione”.

“Nell’equazione entrano gli Henty, sembra che abbiano lavorato molto più in profondità di quello che avevamo sospettato fino ad ora” dissi a Bones, che annuì: “Quello che ho percepito da Anna è una forma di energia fastidiosa che viene proiettata sopra la sua testa e che in parte ci entra. Sven, penso che qualcosa ti sia sfuggito”

Guardai Sven: “Devi assolutamente prendere il Tasker di Irina e passarlo interamente al setaccio, smontalo pezzo per pezzo, cataloga ogni cavo, ogni connessione e cerca altre apparecchiature nascoste.

Non limitarti alla sola struttura che conosci, fai a pezzi anche la poltrona, i braccioli e le gambe di quella macchina, deve esserci sfuggito qualcosa”.

Sven annuì pensoso e disse che avrebbe chiamato qualcuno della sua squadra per farsi aiutare, se qualcosa era sfuggito alla sua vista questa volta non voleva tralasciare niente.

Intanto feci il punto della situazione: “Correggetemi se sbaglio o se salto qualcosa”.

Accesi il grande schermo luminoso che occupava l’intera parete accanto al tavolo ovale.

“Dunque…vediamo i punti chiave che abbiamo puntualizzato”.

Sullo schermo apparve un pallino nero e le parole di Kate cominciarono ad apparire mentre lei parlava.

“ Punto numero uno: abbiamo un Tasker che proietta il giocatore all’interno di Planet, questo giocatore è in possesso di un corpo fisico e di un Corpo dei Sogni.

Due: Il Tasker può guastarsi e questo ci fa ottenere un fantasma, oppure un individuo terribilmente consapevole può staccarsi dal corpo fisico ed usare il Corpo dei Sogni a suo piacimento.

Tre: Esistevano dei punti di reset del videogame che vecchi giocatori avevano interpretato come la fine del mondo. Ad oggi non sono in programma avvenimenti del genere, a meno che non siano stati programmati da qualche ingegnere esterno.

Possiamo utilizzare alcune tecniche per rendere più consapevoli i giocatori del fatto che esista una reale vita al di fuori di quella che videogioco, che è alquanto stupida e fittizia”.

“Grosso modo hai fatto il punto della situazione, ora dobbiamo capire come usare il lavoro di Anna su una scala più ampia” disse Matt.

Sonia esternò la sua idea: “Intanto per cominciare bisognerebbe fare qualcosa non a scopo di lucro, potremmo fondare qualche Accademia in cui le persone debbano pagare una quota associativa ridicola; nessuno vuole soldi, a noi interessano solo gli Esseri”.

Matt sorrise: “Ma sì, fondiamo la Palestra del non Pensiero, quota associativa 10 euro l’anno, mettiamo un grosso cartello all’ingresso che dica «Non si accettano donazioni superiori ai 50 euro l’anno; chi esprime il desiderio di donare di più subirà due mesi di tortura del solletico da parte del Prof. Skraocovikoch»….che ve ne pare?”

Valdes rideva: “Sarei io quello dei nomi originali? E comunque trovo la punizione troppo alettante per Sgrunff, potrebbe divertirsi davvero”.

Ok, avevano ricominciato a giocare, impossibile rimanere seri per troppo tempo; non faceva per noi.

Dissi a Bones che ci saremmo aggiornati non appena Sven ed Anna avessero dato qualche notizia e lo ringraziai per i consigli dati.

Bones sorrideva: “Non hai bisogno di ringraziarmi Kate, siamo amici da troppo tempo e stiamo lavorando sullo stesso interessante progetto, devo dirti che nonostante tutto non mi sono mai divertito tanto come in questo ultimo periodo!”

Era piacevole da sentirsi. Salutai Bones e lasciai che Sven si buttasse a testa bassa nella sua ricerca; dissi agli altri ragazzi che probabilmente ci avrebbero aspettato delle sorprese, ma Sonia, come del resto gli altri, aveva già intuito: “Ho proprio paura che gli Henty abbiano lascito qualche strana e scomoda eredità, ma a noi non sfugge niente vero Matt?”

“Come? Cosa? Chi è scappato?” fece Matt adottando un’aria da perfetto deficiente mentre si guardava in giro.

Avevo capito, a quel punto era ormai impossibile rimanere seri, risi con loro e rimandai qualsiasi altra cosa a quando avremmo avuto notizie più certe.

GIANNI AL LAVORO

Anna era giunta all’Accademia, aveva spiegato tutti i progetti a Gianni; Ernst sembrava stanco, era tutto il giorno che lavorava.

“Va bene, vai pure a dormire Pisquano, vorrà dire che facciamo tutto noi” disse a Ernst. Per tutta risposta lui gli fece una linguaccia e poi rise dirigendosi nella zona dove dormiva.

Anna prese carta e penna e disegnò a Gianni cosa aveva in mente: “Bisogna creare uno spazio apposito per due tipi di palestra; in uno dobbiamo mettere dei tapis roulant, mentre nell’ altro dei sacchi da pugile”.

Gianni osservò il locale in cui si trovavano, era piuttosto ampio ma non a sufficienza per installare tutto quello di cui c’era bisogno: “Dunque, creiamo un’apertura in quella parete e poi costruiamo due muri nella stanza accanto, dobbiamo pensare anche a fare qualche bagno e degli spogliatoi, un bel lavoretto, non c’è che dire”.

Anna, schematizzò sul foglio le idee di Gianni: “Ci vorrà molto per fare questi lavori?

Gianni guardò Anna divertito: “Eh sì, ci vorranno almeno un paio di giorni, e se ordiniamo subito le attrezzature che ci servono in tre giorni dovremmo aver finito”.

“Ma sei sicuro? Conti veramente di fare così presto?”

“Certo, guarda qui” andò su un lato della stanza e picchiò il pugno sulla parete “Senti? Queste pareti sono tutte di cartongesso, in un paio di giorni dovremmo aver finito, mettiamo al lavoro una squadra e….facciamo un rapido giro, così butto giù un disegno più dettagliato per far capire dove vogliamo bagni e spogliato; domani ordiniamo le attrezzature, pensi che due tapis e due sacchi siano sufficienti per il momento?”

Anna si guardò in giro, tastò le pareti dando dei colpetti con le nocche della mano, era proprio cartongesso, e lo spazio oltre il muro era ampio a sufficienza per i loro scopi: “Sì, direi che due per tipo siano sufficienti; Bones mi ha anche consigliato di posizionare qualche specchio per un altro tipo di esercizio, cosa ne pensi di questa zona?” indicando una parte leggermente nascosta dell’immensa sala al di là del muro.

Gianni controllò: “A cosa servono gli specchi?”

Dopo che Anna lo mise al corrente, Gianni consigliò di usare degli stanzini in cui la gente si potesse rinchiudere: “Io non farei mai una cosa del genere dove posso essere disturbato dalla gente che passa, preferirei un luogo lontano da sguardi indiscreti, altrimenti non riuscirei a concentrarmi”.

Anna notò con piacere che aveva detto una cosa sensata. Controllò con attenzione il disegno che stava facendo Gianni: “Aggiungerei un paio di spogliatoi per la zona di meditazione e metterei un corridoio in questo punto.

La zona dove le persone meditano o si purificano deve essere quella più tranquilla di questa palestra”.

“Allora coibentiamo le pareti laterali, così che nessun rumore possa filtrare, che luci volevi mettere?” domandò Gianni.

“Direi qualcosa di soffuso, ma che non ostacoli la visuale a chi si deve alzare o sedere, qualcosa di soft, ma non tetro”.

“Bene Anna, sono d’ accordo, invece per quanto riguarda il colore delle pareti? Ritieni che ci sia un colore migliore di altri per questo progetto?”

Anna pensò a quella domanda, ricordava che il colore che più le piaceva e le dava una strana sensazione di leggerezza era uno strano color albicocca, leggermente perlato e molto tenue, ma non sapeva dare il nome esatto a quel colore: “Dovrei vedere qualche cartella colori per poter dirti cosa ho in mente”.

“Ok capo, c’è qualcosa che dobbiamo scrivere all’esterno, che so…corsi strani per gente lunatica?” chiese Gianni ridendo, intanto mi chiese mentalmente se c’era qualche informazione che avessi dovuto dargli. Gli trasmisi quanto aveva pensato quello sconsiderato di Matt, lui sorrise e Anna gli chiese: “Perché stai ridendo?”

“No, niente, ma sembra che la chiameremo Palestra del non Pensiero, quota associativa 10 euro annuali, sono vietate donazioni superiori ai 50 euro all’ anno”.

Anna lo guardò fisso: “Come sai queste cose? Bello il nome, Palestra del non Pensiero, veramente fuori dagli schemi,….rispondi su”

“Me le ha dette Kate, mica me le sono inventate” disse Gianni con aria innocente.

“Sì certo, adesso voi comunicate telepaticamente, ..ma smettila”

Sentendo la frase che era appena uscita dalla sua bocca Anna si girò verso Gianni per fissarlo negli occhi, lui stava sorridendo.

Gianni sviò arditamente il discorso: “Anna, hai fame? Hai l’aria di quella che non mangia da tutto il giorno, ti va se andiamo qui vicino a mangiare un panino?”

Aveva fame! Presa da quei progetti si era scordata di mangiare: “Devo dire che ho un certo appetito, se pensi di avere tutte le informazioni andrei volentieri a mangiare qualcosa di veloce”.

Gianni appoggiò il disegno lasciando un appunto per la squadra che sarebbe venuta l’indomani, sul foglietto c’era scritto ben poco: “Muovetevi!”.

Uscirono e furono colpiti da una sferzata di vento. L’aria della sera era leggermente tiepida, dovevano spostarsi di due isolati per raggiungere il locale che avevano in mente. Quando furono quasi arrivati Gianni si bloccò di colpo, Anna fece altrettanto e lo guardò come per chiedergli cosa fosse successo, erano ancora ad una cinquantina di metri dal locale. Gianni indicò in un punto poco lontano dall’uscita.

Anna vide che due ragazze venivano infastidite da tre ragazzi; volevano raggiungere la macchina per andarsene a casa ma i tre gli stavano impedendo di andar via.

Uno di loro cominciò a strattonare la borsetta della ragazza mora, Anna guardò di nuovo Gianni: “Dobbiamo intervenire!” Gianni si voltò verso di lei: “Stanno arrivando cinque auto di pattuglia” Non appena finì la frase sbucarono cinque auto a sirene spente dall’angolo della via; alla vista dei lampeggianti i tre si diedero alla fuga, un’auto partì al loro inseguimento, ma quelli scappavano come lepri.

Due agenti scesi da una delle auto si avvicinarono alle ragazze: “Tutto bene? Li conoscevate?”

Le ragazze erano un po’ intimorite, ma risposero di non conoscere quei tre e che stavano bene.

“Allora potete andare, buonasera signorine” fece l’agente, le ragazze ringraziarono e salirono sulla loro auto.

Poco dopo le cinque auto si misero in marcia, Anna le stava osservando e le vide sparire nel nulla. Non avevano nemmeno svoltato. Erano semplicemente svanite.

Guardò Gianni fisso negli occhi con la bocca spalancata: “Sei mai stato sulla Nemesis?” fu l’unica cosa che le venne in mente di dire.

Gianni fece finta di piangere: “Non mi vogliono bene, pensa che ho un ‘alloggio piccolissimo, solo 100 metri quadri, ho una sola doccia ed una fantastica vasca energetica”, fece finta di asciugarsi gli occhi e mentre tirava su col naso continuò: “Non mi danno mai nemmeno un lecca-lecca quei cattivoni”.

Anna scoppiò a ridere: “Come? …vasca energetica, la voglio anch’io!”

Gianni rise: “Ho paura che col tuo corpo attuale sia controindicata, non saresti in grado di immergerti in quella vasca lunga circa due metri che ti delizia di getti per tutto il corpo, mmmhh, fantastica!”

Anna diede una botta sulla spalla di Gianni: “Fetente, devi farmela provare”

Gianni rise di gusto: “Ti prometto che quando esci dal Tasker te la faccio provare….se paghi!”.

Anna rise: “Hai promesso!”.

“D’accordo, dammi cinque”

“Cosa? Ahh, la mano” Anna alzò la mano per colpire quella di Gianni: “Anche Ernst a volte è stupito del numero di dita che possiede in una mano” disse ad Anna la quale lo stava già fissando negli occhi in segno di sfida.

“D’accordo Gianni, allora abbiamo deciso che offri tu stasera”.

Gianni la prese sottobraccio e si diressero verso il locale.

Si accomodarono ad un tavolo, c’era poca gente ma sembrava che il cameriere non li degnasse di uno sguardo; ogni volta che loro gli facevano un cenno lui si voltava dall’altra parte, Gianni guardò Anna ridendo: “Scommetti che adesso ci guarda?”

Si girarono verso il cameriere e Gianni gli diede una sberla mentale sulla testa, il cameriere si girò con uno scatto fulmineo per vedere chi lo avesse colpito, ma vide solo Anna e Gianni che lo chiamavano all’unisono con la mano, il cameriere valutò che loro erano troppo distanti per aver potuto fare uno scherzo del genere, ma ormai non poteva sottrarsi al suo impegno….era stato preso.

Ordinarono dei tramezzini e due bibite, Gianni sentenziò: “Classico di alcuni NPC, fare niente facendo finta di essere molto indaffarati”.

Anna sollevò un quesito: “Quel cameriere non mi piace, pensi che possa fare qualche scherzo col nostro cibo?”

Gianni sembrò assente per qualche istante, poi sorrise: “Adesso lo scopriamo, poco dopo il cameriere portò i tramezzini ai nostri amici, Gianni prese il suo e ordinò al cameriere di mangiarlo.

Il cameriere sorrise: “Ma signore quello è il tramezzino che ha chiesto!”

“Certo lurido ammasso di cacca, ma lo sputo che ci hai messo dentro è tutta roba tua, adesso lo mangi o ti rompo tutte le ossicine una per una, ma non te le rompo normalmente, te le sbriciolo in tanti pezzettini piccoli piccoli, così posso usarli come mangime per i miei maiali”

Il cameriere cercava di difendersi: “Ma cosa sta dicendo? Come osa pensare che io possa…sono una persona seria io, cosa crede?”

Stava facendo l’offeso ed arrivò il proprietario del locale per capire cosa fosse quel trambusto.

Il cameriere si sentiva forte perché era sicuro che nessuno avesse potuto vederlo, ma non sapeva con chi aveva a che fare.

Il proprietario del locale disse che quello era un posto rispettabile, nessuno si sarebbe mai sognato di fare una cosa simile.

Gianni aveva conosciuto il proprietario in precedenza e sapeva che era una persona di parola, però sapeva anche che quel cameriere era un’emerita cacca.

“Senti, facciamo così, ora tu porti via questi tramezzini e ci porti due piatti di spaghetti, questa cacca la fai mangiare al tuo fido cameriere, ..tranquillo, la paghiamo noi”.

Il titolare volle sapere dal cameriere cosa fosse successo veramente, quel tizio aveva cominciato a parlar male di Gianni e di Anna.

Gianni gli aveva dato una possibilità, avrebbe potuto mangiarsi i tramezzini e l’avrebbe passata liscia.

Ma così non era stato, allora Gianni mostrò al proprietario il filmato che appariva sullo schermo del suo cellulare.

Si poteva vedere chiaramente il cameriere che sputava all’interno dei due tramezzini che aveva servito loro.

Lo guardò negli occhi: “Sei licenziato coglione!” gli gridò e non appena questi si girò sbuffando per andarsene gli assestò un poderoso calcio nel culo: “Non farti mai più vedere in giro, portami la tua lettera di dimissioni altrimenti ti denuncio!”

Poi si rivolse a Gianni ed Anna: “Scusatemi, comunque quell’idiota viene denunciato in ogni caso, vi porgo le mie scuse eh….come li volete gli spaghetti?”

“Pomodoro e basilico con una spolverata di Parmigiano” disse Anna, poi si rivolse a Gianni sorridendo: “Serata movimentata a quanto pare”.

I due mangiarono i loro sudati spaghetti. Anna era curiosa di sapere come Gianni come si fosse accorto del cameriere e soprattutto come avesse fatto a filmarlo.

Gianni gli sorrise sornione: “Quando avrai un olog invece del corpo che stai usando potrai capirlo e farlo anche tu”

“Olog, questa parola mi ricorda qualcosa, cos’è?”

“Anna mi stai facendo le domande che avresti dovuto fare a Sgrunfy, magari non sono la persona più indicata per risponderti”.

“Almeno provaci, avevo un migliaio di domande da fare ma ogni volta ottenevo solo qualche decina di risposte”.

“Ok, ci provo, olog sta per ologramma, non è un vero corpo anche se lo sembra, è il corpo che uso io e gli altri ragazzi per entrare in Planet”.

“Ah, capisco, capisco” Si fermò qualche istante a riflettere “Capisco che ci sono ancora un sacco di cose che non capisco.

Ad ogni modo, come faccio per averne uno? Lo devo ordinare via mail?” chiese a Gianni ridendo.

Gianni gli sorrise: “Ne avrai uno dopo che avrai ottenuto la vasca energetica, non prima!”

La serata era finita in modo allegro, Anna continuava a scoprire simpatiche novità che la invogliavano a proseguire nella sua impresa.

SVEN

Dopo un paio di giorni di lavoro Sven ci convocò urgentemente, voleva mostrarci qualcosa di strano che aveva trovato nel Tasker di Irina.

“Questi due affari erano nascosti nella poltrona, uno era posizionato sopra la testa e l’altro sul fondo schiena, proprio di fronte all’emanatore inferiore”.

Così dicendo mise sul tavolo di fronte a noi due oggetti. Uno sembrava una piccola lente, aveva un diametro di circa due centimetri ed era quello posizionato di fronte all’emanatore inferiore.

L’altro sembrava un obiettivo fotografico; aveva una forma ovale, somigliava vagamente ad un cucchiaio senza manico sia nella forma che nella dimensione.

Quello più grande aveva uno spessore di circa due centimetri. I due oggetti erano collegati tra loro con un cavo elettrico.

Il tutto era stato evidentemente studiato per connettersi con i circuiti del Tasker: “Non ho mai pensato che qualcuno avesse potuto aggiungere altri congegni, oltretutto erano ben nascosti nell’imbottitura della poltrona” disse Sven.

Gli chiesi che scopo avessero quei due aggeggi che aveva trovato, lui mi disse che non ne era ancora certo ma: “Quello più grande emette un segnale che dura poco tempo, stiamo cercando di smontarlo per capire esattamente che tipo di emissione fornisse sulla testa dell’individuo posto all’ interno del Tasker”.

Prese in mano quegli strani oggetti fissando con attenzione quello a forma di lente.

“Di certo tutti e due questi congegni erano in grado di estrarre informazioni o impulsi attraverso il Corpo Mentale ed i due emanatori, sembra proprio che ci fosse una connessione privilegiata e nascosta atta a trasmettere qualcosa al Tasker.

Stiamo cercando di capire se questo fatto può essere in qualche modo collegato con i cavi che andavano nelle caverne sottostanti agli edifici, …forse alimentavano quegli strani dischi metallici a cui erano appesi gli Hentys”.

Le informazioni che ci stava fornendo Sven ci facevano vedere tutta la questione da un’ ottica differente.

Cominciavamo a spiegarci il perché di quell’assurdo progetto portato avanti dai Surrogati.

“Quindi Sven, se ho ben capito quell’ aggeggio funziona da ricevitore tutto il tempo in cui resta in funzione il Tasker, mentre funziona da trasmettitore per poco tempo?”

“Esatto Kate, emette un segnale che dura solo una manciata di secondi, forse dieci o venti, per il resto direi che più che trasmettere assorba forzatamente. Dalle tracce residue della trasmissione possiamo vedere che viene emesso qualcosa che assomiglia ad uno strano fluido grigio perlescente, ma quale sia lo scopo non te lo saprei dire.

Comunque adesso andiamo su Grekos I per verificare come il tutto sia collegato all’uscita dei Tasker”.

Mentre Sven partiva coi suoi aiutanti chiesi a Bones se ci vedeva qualche connessione con quello che aveva notato durante il sondaggio telepatico fatto ad Anna: “Penso che la cosa sia intimamente connessa, si sentiva uno strano ammasso mentale nella sua testa ed è molto probabile che la cosa abbia a che fare con le tracce rilevate da Sven”.

Sven procedeva con le sue verifiche ed io avevo bisogno di vedere Anna per fargli un paio di domande; andai all’ Accademia, lei era là, intenta a dare disposizioni per la sala di meditazione.

Aveva fatto tingere le pareti di uno strano miscuglio tra l’arancio ed il rosa antico, il colore era piuttosto tenue; agli angoli della sala aveva fatto disporre delle fasce di acciaio larghe circa quaranta centimetri che partivano dal pavimento e raggiungevano il soffitto.

Sul pavimento era stato posato del parquet e delle spesse tende del colore dei muri erano state messe alle finestre.

Aveva disposto circa venti poltrone in modo che fossero ben distanziate le une dalle altre, mi accolse con un sorriso: “Ciao Kate, cosa te ne pare?”

“Bello, come mai hai scelto quel colore?” le chiesi con una certa curiosità.

“Perché mi ispira qualcosa di strano, se continuo ad osservarlo sento che comincia ad accadere qualcosa che mi fa sentire più leggera”.

Mi fece osservare che chiudendo le porte nessun rumore giungeva dall’ esterno o dalla squadra di persone che stavano finendo i lavori nelle stanze accanto.

Accese le luci ed oscurò le finestre, potevo notare come la luce si diffondesse gentilmente sulle pareti illuminando l’intera stanza in modo soffuso.

“Hai creato un bell’ ambientino qui!”

Disse di provare una delle poltrone, era molto confortevole, il corpo vi si adattava in maniera superlativa: “Adesso siediti anche tu, ho bisogno che ti concentri e cerchi di verificare una cosa per me”.

Anna si mise comoda sulla poltrona, chiuse gli occhi e si rilassò: “Adesso Anna cerca di osservare la tua testa, soprattutto cerca di capire che sensazioni ricevi guardandoci dentro, fallo delicatamente e spiegami ogni cosa nei minimi particolari”

Lei si concentrò su quello che le stavo chiedendo, passò un poco di tempo, poi cominciò a descrivere quello che gli sembrava di vedere:

“Innanzitutto ti posso dire che ho l’impressione di vedere la mia testa, ma so per certo che è solo un impressione.

Poi ti dico che sento di non essere attaccata al mio corpo, ma è il mio corpo ad essere incollato a me.

Se invece cerco di guardare dentro alla testa le sensazioni tendono a confondersi… sento di esserci io, ma oltre a me c’è qualcos’altro”.

Fece una pausa per radunare i concetti che voleva espormi.

“Sono io più qualcosa. E' una strana sensazione, se forzo la mia attenzione su questo qualcosa sento di venire sviata e comincio a pensare ad altro; ho proprio l’ impressione che se cerco di scoprire cosa ci sia nella mia testa quello strano qualcosa entra in azione e mi depista”.

“Bene Anna, rilassati per qualche minuto poi riprova a concentrarti sulla sensazione che provi guardando all’interno della tua testa”.

Anna si prese un paio di minuti: “Se cerco di guardare il mio corpo da dietro posso vedere una strana massa scura che cerca di attrarmi, questa massa occupa tutta la zona della testa e sembra fortemente collegata a occhi, naso e bocca.

Se cerco di allontanarmi dalla testa tentando di dirigermi all’indietro percepisco delle leggere vertigini ed un senso di confusione, mi pare di sentire anche una leggerissima forma di amnesia che comincia a manifestarsi; a tutto questo aggiungerei anche un sommesso ronzio.

Se invece mi avvicino sento di andare ad occupare la posizione centrale della testa, dietro gli occhi ed il naso, in quella posizione comincio a far fatica a non pensare e sembra che degli strani luccichii appaiano contro uno schermo nero.

Appaiono anche alcuni punti luminosi che poi cominciano a muoversi”.

“Bravissima Anna, adesso dimmi, senti anche qualcosa che arriva dall’alto? Magari una strana sensazione che viene dalla parte superiore della testa o addirittura ad una qualche distanza sopra la testa?”

Anna disse di lasciargli qualche minuto per rilassarsi e concentrarsi sulla nuova richiesta, aspettai circa una decina di minuti, poi cominciò la sua spiegazione: “Intanto devo dire che trovo difficile immaginare di guardare la mia testa dall’alto, sembra che ci sia qualcosa che me lo impedisce, ho la sensazione di essere rimbalzata via da quella posizione.

Se invece osservo dall’interno della testa verso l’alto trovo le stesse sensazioni che ho quando la osservo da dietro, sembra che quella strana massa che percepisco si sposti verso la sommità della testa, ma non cambia né la sua natura né la sua consistenza.

Sembra quasi che la calotta cranica le fornisca una barriera naturale contro la quale appoggiarsi”.

Aprì gli occhi e mi guardò: “Sembra che nella testa ci sia io, ma è un io inquinato, confuso e comunque c’è qualcosa che mi impedisce di guardare con attenzione in quell’area.

Posso avere la sensazione di guardare il mio corpo da ogni posizione io desideri, ma per farlo devo eludere la zona della testa.

Pare proprio che lì mi sia negato l’accesso,….cosa stai cercando esattamente Kate?”

Le dissi di quello che mi era successo quando ho cominciato a lavorare con Sven per eliminare i vari circuiti demoni istallati nel Tasker: “Con tutta certezza abbiamo fatto saltare dei circuiti che sarebbe stato meglio analizzare, ad un certo punto ho messo troppa forza in quello che stavo facendo, quindi adesso mi serve il tuo aiuto per ripescare quello che abbiamo tralasciato”.

Anna mi guardava sorridente: “Chi è l’altra Kate che sta alla tenuta?”

- Ma non si scorda di niente questa tipa! - pensai scuotendo leggermente la testa e sorridendo.

Le spiegai che il mio Tasker era ancora in funzione ed avevo “parcheggiato” il mio personaggio alla tenuta, adesso stava funzionando con un normale programma per NPC: “Oddio, non è proprio un normale programma, comunque, abbiamo deciso di tenere vivo quel personaggio in caso fosse stato necessario indagare ancora un po’ sulle modifiche apportate a Planet”

“Così abbiamo due Kate, mi farai conoscere l’altra prima o poi vero?”.

Le dissi che un giorno forse l’avrei invitata alla tenuta a fare una bella mangiata con quello che avrebbe preparato Serena, mi congratulai con lei per come stava procedendo il suo progetto poi mi alzai e la salutai.

Anna mi salutò, ma quando giunsi vicino all’uscita: “Voglio anch’io una vasca energetica!” disse con entusiasmo. Uscii da quella stanza ridendo.

RITORNO A PLANET

Era ora di andare su Grekos, avevo delle informazioni che dovevano essere verificate, volevo trasformare dei sospetti in incrollabili certezze.

Sven era al lavoro, avevano spostato alcuni Tasker; utilizzavano quelli attualmente occupati poiché pensavano che quelli che avevano messo in sostituzione dei nostri non avessero tutti i requisiti adatti.

I cavi di connessione erano stati allungati e durante quell’operazione erano spuntate un paio di informazioni interessanti.

“Sembra proprio che molti cavi si dirigano al connettore principale che va ad alimentare il locale sotterraneo, le apparecchiature nascoste nella poltrona catturano informazioni e le trasmettono direttamente a quei collegamenti.

Quelle modifiche nascoste sono state fatte per risucchiare dati e trasmetterli di sotto, hanno proprio a che fare con quelle strane creature vampiro”.

“Sven, sai dirmi esattamente cosa estraggono o cosa assorbono, e per quale dannato motivo sono state create?”

Sven chiamò telepaticamente tutti i ragazzi, poi disse: “Assorbono energia, emozioni, servono a cibare i parassiti che stanno nella caverna di sotto” così dicendo indicò in direzione del pavimento.

La cosa aveva un certo non so che di raccapricciante, gli esseri intrappolati erano cibo per quei vampiri mentali: “Sei riuscito a capire cosa viene trasmesso durante quella manciata di secondi in cui entra in azione quell’infernale aggeggio posto sulla testa?”

“No Kate, quello proprio non lo si riesce ad analizzare, si è svuotato del proprio contenuto, le uniche tracce rilevate erano di quel fluido pesante e grigiastro,…fluido mentale”

Misi tutti quanti al corrente dell’esperimento che avevo fatto con Anna: “Dobbiamo trovare il modo per capire esattamente cosa è successo, ci serve averne uno schema preciso per poter intervenire efficacemente all’interno di Planet H”

Sembrava che non ci fosse altra soluzione ed i miei amici erano preoccupati: “Devo rientrare tramite uno di questi Tasker non modificati per sapere la verità!”

“No Kate!” disse subito Valdes, “La cosa è troppo pericolosa, hai già fatto un tuffo nell’ignoto una volta, cerchiamo di trovare un’ altro metodo”.

Anche Matt e Sonia non erano d’ accordo. Dovevo convincerli che non avevamo scelta: “Ma ragionate un momento, tra di noi sono l’unica ad esserne entrata ed uscita, posso vantare una certa esperienza, e poi non ho intenzione di entrare come la volta precedente”.

“Cosa hai in mente esattamente?” chiese Sonia

Spiegai che ognuno di loro doveva assistermi stando vicino al Tasker: “Programmiamo entrate ed uscite mirate, Sven mi deve fornire di un marchingegno da utilizzare in caso di necessità, una sorta di interruttore di emergenza.

Scegliamo un personaggio maschile perché ho notato che Ernst è meno sveglio di Anna, quindi presumo che il genere maschile sia quello che subisce di più gli effetti delle modifiche degli Hentys.

Scegliamo delle fasce di età predeterminate, direi sei, dodici, diciotto e ventiquattro anni.

Tempo massimo della spedizione dieci minuti, se entro dieci minuti non sono uscita mi tirate fuori spegnendo il Tasker….cosa ne dite?”

“Vista così si potrebbe anche pensare di fare” disse Sven “dobbiamo liberare un Tasker dal suo occupante e devo apportare qualche modifica”.

Valdes non era ancora convinto, anche se la regola dei dieci minuti lo aveva tranquillizzato: “Se intendi veramente farlo saremo tutti qui intorno a te, Matt, Sonia, Bones, Sven, Sgrunff, Irina e tutto lo staff di Bones e Sven, solo a questa condizione e solo quattro entrate al massimo di dieci minuti ognuna!”

Sapevo che si stava preoccupando per me e lo stavano facendo anche gli altri, gli mandai un grosso abbraccio mentale: “Non temere amore, non ho intenzione di restarci dentro, mi diverto troppo qui fuori!”

Matt e Sonia si dissero d’ accordo, ma solo a quelle condizioni.

Ora bisognava liberare un Tasker dal suo occupante, cominciò una specie di gioco per scegliere quale apparecchiatura espropriare al suo legittimo giocatore/prigioniero.

“Senti questo come è pesante” disse Matt passando la mano sopra al Tasker “sicuramente è un Surrogato!”.

Sven intervenne dicendo che c’era stato un lievissimo cambiamento nei Tasker, probabilmente dovuto al segnale immesso in Planet.

“Questi due sembrano più leggeri, cosa ne dite?” chiese Valdes indicando uno degli involucri che stavano al centro della stanza. Mi avvicinai. Sì avevo una leggerissima percezione da uno di quei due, scelsi quello a sinistra.

Ora bisognava procedere con il suo spegnimento, erano tutti curiosi di vedere cosa sarebbe successo.

Sven disse: “Tre, due, uno … azione!”.

Spense il Tasker, i due emanatori cessarono il loro ronzio, Sven li spostò e fece alzare dalla poltrona il tizio che la stava occupando. Dopo un momento di sbandamento balzò indietro andando a sbattere contro la parete alle sue spalle.

“Chi siete voi? Dove mi trovo?”

“Sei qui Ciccio, come ti chiami?” chiese Valdes.

“Paul, mi chiamo Paul….non ricordo come, ma voi chi siete?” domandò con aria sorpresa e spaventata.

“Sei su Grekos” gli disse Sven.

“Cosa?...cosa ci faccio in Grecia, dov’è la zia?”

Matt rideva: “Non sei in Grecia, sei morto!”

“Come morto, stavo la mangiando la torta di pere e cioccolato che mi stava dando zia Clotilde, cosa avete fatto alla zia?….e dov’è la sua casa?”

“La zia starà chiamando i soccorsi e mentre arrivano starà abusando sessualmente di te”

“Come, zia Clotilde è una maiala?….certo che mi ha sempre sbattuto sotto il naso la sua abbondante scollatura ma…..cosa centrano le tette di zia Clotilde?”

Valdes stava accompagnando Matt nelle risate: “Bones, occupatene tu per favore”

“Bones?…Ma allora siamo a bordo dell’Enterprise, dov’è il Comandante Kirk?”

“Buono Paul oppure ti mandiamo nella montagna dell’oracolo” gli disse Valdes continuando a ridere.

“Oracolo?…Ma allora siamo in Matrix….Dov’è Morpheus?”

Intanto Bones aveva preso sottobraccio Paul, lo stava tranquillizzando e lo diede in consegna ad un suo assistente, sembrava avere un corpo mentale molto simile agli amici di Exhadòr.

- Certo che quei film avevano lasciato una traccia indelebile, mancava solo……-

“Posso avere una spada laser?” chiese Paul all’inserviente di Bones….

- No, non mancava nemmeno Star Wars! - Chi aveva scritto quelle trame aveva avuto una buona memoria, anche se veniva chiamata Fantascienza.

Matt stava ancora ridendo: “Certo che se la soluzione finale assume questo aspetto non mi sembra molto tragica, anzi, potrebbe essere addirittura divertente!”

Valdes annuiva: “Peccato che più di un miliardo di Tasker sono tantini, però qualche piccolo effetto si comincia ad intravedere”

Sven stava lavorando sul Tasker, gli dissi di non modificare né gli emanatori né i circuiti demoni; dovevo avere la certezza di quello che percepivo.

Gli ci volle circa un’ora, poi sarebbe cominciato il mio salto nel buio…

“Allora Sven, voglio che amplifichi la mia percezione del corpo dei sogni al massimo; mi servirà per avere tutte le informazioni possibili, scegli un luogo leggermente affollato, partiamo con un bambino di sei anni, nessuna esperienza precedente, voglio vedere se si attiva qualcosa solo guardando o ascoltando”

Sven aveva preparato il Tasker. Mi informò del fatto che c’erano due congegni d’emergenza, si sarebbero attivati schioccando le dita o serrando i pugni: “Basta che serri anche solo un pugno, sei pronta per il viaggio?”

Dissi di sì, mentre osservavo i due emanatori che entravano in funzione percepivo i miei amici con i loro poteri telepatici puntati su di me.

Mi trovai in un parco, avevo un corpo di un bambino di sei anni, ricordavo bene le sensazioni di quel videogame anche se quel corpo non aveva esperienze passate.

Gironzolai un poco per quel parco, guardavo altri bambini giocare, c’era un cane a passeggio con la sua proprietaria, sentivo voci in lontananza.

Tutto sommato il corpo era piacevole da guidare ed avevo una sensazione di allegria.

Uscii serrando i pugni.

“Qualcosa che non va?” Chiese subito Sven: “Ho visto che hai usato il congegno di emergenza!”

“No Sven, tutto a posto, non serviva andare oltre, passa al bambino di dodici anni”.

Gli emanatori ripartirono, mi ritrovai a camminare lungo una via poco affollata, la gente non badava a me, c’era qualche vetrina e persone che parlavano tra di loro osservando la merce esposta.

Il corpo era leggermente più appesantito del precedente, probabilmente anche più goffo, lessi alcune pubblicità affisse ai muri, ci sarebbero state delle votazioni da lì a poco.

Mi sentii attratto ad osservare delle ragazzine che passeggiavano, provai un leggero senso di rossore al viso e un flebile ronzio alla testa.

Uscii serrando i pugni: “Sento che ci siamo vicini, parti con i diciotto anni Sven!”

Sven ricaricò il programma e in breve fui di nuovo all’interno di Planet, questa volta il corpo aveva dimensioni maggiori, mi guardai intorno, anche questa volta ero in una via con delle vetrine sui lati, potevo sentire dei profumi che venivano da un panificio vicino.

Guardai una vetrina dove c’erano libri esposti, e dal riflesso vidi l’immagine di una persona che si avvicinava; mi girai, era una bella ragazza, la fissai attentamente.

Mi resi consapevole del mio sesso, la ragazza mi attraeva, sentii un gonfiore nei pantaloni e divenni rosso in viso.

Un senso di vergogna mi pervase, pensavo che stessi facendo una pessima figura con quella bella ragazza, la respirazione divenne più superficiale e accelerata, sentivo la gola secca.

Un ronzio cominciò a divampare all’interno della mia testa, sentivo che qualcosa stava calando dall’alto su di me.

Fu il buio. Adesso sentivo il contatto spirituale dei miei amici che mi lambiva delicatamente, poco alla volta mi resi conto che non mi trovavo più nel Tasker, ero nella sala della Biblioteca.

Stavo ricevendo lo stesso aiuto che avevamo dato tempo fa a Bones, la mia consapevolezza stava ritornando e così facevano i miei ricordi di quell’esperienza.

I miei amici potevano leggere la mia esperienza direttamente dalla mia mente, sentii le sottili dita spirituali che si allontanavano da me.

Era stato così forte l’impatto che aveva ricevuto il mio personaggio che i ragazzi avevano dovuto spegnere il Tasker e tirarmi fuori.

Valdes mi guardava quasi a volermi rimproverare, invece mi mando un tenerissimo abbraccio mentale, ..lo ricambiai.

A fatica mi svestii del mio corpo mentale, volevo proprio fare una cosa.

Comunicai telepaticamente ai ragazzi le mie intenzioni: “Senza Corpo Mentale non possono farmi niente, andiamo alla caverna!”

Dovevo sapere, eravamo tutti allo stato nativo, niente corpo, solo esseri. Esseri di luce”

Diressi la mia attenzione verso un Henty, cominciai a emanare energia simile alla rabbia, questi la stava assorbendo, passai all’odio e vidi come questo vampiro se ne nutriva avidamente.

Sembrava voler interagire con me, ma ogni cosa potesse emanare nei miei confronti non poteva fare nessuna presa.

Cercai di capire come si sarebbe comportato con energie di un livello leggermente più alto, mi spinsi fino ad emanare amore puro, ma quel putrido escremento vampiresco emetteva di rimando strane scene sessuali, corrompeva qualsiasi cosa ricevesse per far in modo che la cosa volgesse in suo favore.

I miei amici potevano sentire esattamente quello che sentivo io, sia quello che emettevo che quello che ricevevo, Sonia si intromise: “Ghiaccio!” disse mentalmente ed all’unisono congelammo quella creatura.

Dal quel momento non era più in grado di emettere niente.

Avevo le informazioni che ci servivano, comunicai mentalmente “Nordkhen!”

E mi proiettai verso le sue fonti energetiche.

Matt, Sonia e Valdes furono con me, mi gingillai un poco vicino alle due fonti poi comunicai loro che volevo far visita alla terza fonte.

Ci trovammo in quel luogo magico, era molto che non ci venivo, quella sorgente mi piaceva molto.

Quella fonte era una specie di stalagmite alta circa due metri, la sua base ne misurava circa uno ed la sommità era di circa trenta centimetri.

Era traslucida sembrava più quarzo che ghiaccio, la sua forma era irregolare e dall’interno emanava una leggera luce azzurra.

Quella sorgente poteva essere definita come la fonte della freddezza o della spietatezza, io preferivo chiamarla la Sorgente del Distacco Totale.

Davanti a quella fonte creavo il mio corpo mentale e lasciavo che sparisse lentamente, sentivo che mentre eseguivo quell’operazione la fonte dissipava dei piccoli frammenti di emozioni che vi erano restati impigliati.

Anche gli altri fecero come me, a quanto pareva quell’esperienza aveva lasciato solo qualche piccola traccia sui nostri Corpi Energetici, ma ripetere quell’esercizio era estremamente piacevole.

Se ci fosse restata incastrata qualche traccia di emozione quella sorgente l’avrebbe spazzata via.

Amavo quel luogo come del resto tutto il nostro pianeta, ci passammo un po’ di tempo, dopo quello che avevo visto avevo bisogno di un po’ di pace spirituale, poi ci saremmo messi di nuovo in marcia.

EXHADÒR

Ritornammo su Grekos. Ora sapevamo, potevamo trovare una soluzione efficace anche se questo avrebbe richiesto un po’ di tempo.

Andammo da Sven e lo trovammo in compagnia di Bones, Matt parlò a tutti noi: “Ora sappiamo chi ha causato la degradazione totale che esiste oggi in Planet.

Possiamo dire che quello che abbiamo di fronte sia un nemico, quindi lo tratteremo come tale.

Sven, in quanto Dio di Planet dovresti essere incazzato nero!” gli disse ridendo.

“Guardate che bella scatola abbiamo preparato per quei succhia emozioni!” guardai la scatola, poteva contenere una di quelle viscide creature, il suo interno era fatto di specchi così come lo era il coperchio.

“Se lo mettiamo dentro congelato anche se si risvegliasse un domani potrebbe solo emanare qualcosa che lo auto-colpirebbe, quindi questo dovrebbe darci una certa tranquillità” disse Bones.

Andammo alla caverna, l’Henty congelato era ancora in quello stato, mentre Sven appoggiava quella scatola perfettamente quadrata per terra Matt fece volare l’Henty al suo interno staccandolo con uno schiocco dal suo disco metallico.

Sven chiuse la scatola e la sigillò, Sonia per sicurezza congelò l’intera scatola e Sven la portò fuori facendola volare ad un metro di distanza davanti a noi.

“La terrò per qualche giorno in osservazione con vari strumenti per vedere se abbiamo qualche reazione, ho già individuato una piccola grotta per fare questo esperimento”.

A queste parole Sven si defilò verso quel luogo.

Era ora di radunare il Consiglio, nel giro di poco tempo furono tutti presenti nella sala grande della Biblioteca.

“Exhadòr, hai ancora voglia di fare a pugni col Reggente?” domandò Matt.

Exhadòr arrossì un poco: “Ma no Matt, non serve più ormai!”

“Peccato, perché abbiamo deciso di invadere Fionis I e di deportare ogni suo abitante su Esilium” disse Valdes fingendo un’aria dispiaciuta nei confronti di Exhadòr.

Exhadòr si ringalluzzì immediatamente: “Invadere?…Vengo anch’io!”

Quell’affermazione fece sbottare tutti a ridere, era ora che Exhadòr si divertisse un poco alle spalle del torturatore della sua razza, avevamo deciso di lasciare giocare quel bambinone di un Morgwen giusto un pochino.

Il consiglio venne messo al corrente dei piani, bisognava liberare definitivamente Fionis I perché gli Henty provenivano da quella zona, per la precisione venivano dalle caverne delle montagne di quel pianeta.

Ce li avremmo ricacciati e volevamo un pianeta completamente disabitato, così che non avessero di nuovo la possibilità di trovare qualcuno che li ospitasse.

Non sapevamo se ce ne fossero altri, ma avevamo in mente un gran finale che avrebbe fatto si che ognuna di quelle creature dormisse per lunghissimo tempo,…quasi per sempre.

La Flotta della Zona Franca si stava organizzando, ormai molti dei Morgwen erano diventati abili piloti; dovevamo trasportare tutta la popolazione di un pianeta su di un altro e la cosa rischiava di andare un poco per le lunghe.

Il giorno seguente le prime navi cominciarono a partire per Fionis I. Circa una trentina di navi da trasporto e cinquecento navette, la flotta creata dallo staff di Irina era efficiente e numerosa; ora la Zona Franca contava circa cinquemila navi tra piccole e medie e circa duecento navi cargo.

Ad intervalli di due ore molte navi prendevano il volo, gli ordini erano di catturare, congelare e portare gli abitanti di quel pianeta su Esilium, se ci fosse stata la possibilità qualcuno dello staff medico avrebbe potuto aiutarli durante la fase della sveglia, altrimenti era sufficiente scongelarli e lasciarli a terra.

Ogni arma ed ogni attrezzatura anche solo vagamente tecnologica doveva essere distrutta.

Exhadòr era eccitato: “Allora, quando partiamo noi?”

“Tranquillo Exhadòr, Grankuoss è tutto tuo!” gli disse Valdes per rassicurarlo.

Andammo a bordo della Silver Thunder, non avevamo intenzione di usare la Nemesis né tantomeno di trasportare prigionieri su Esilium.

A noi si accodarono tutti i membri del nostro gruppo, nessuno si voleva perdere la “vendetta” di Exhadòr.

Sorvolammo l’area dove Grankuoss teneva le sue armate ed i suoi armamenti, il luogo era deserto, il Reggente stava passeggiando col suo Luogotenente.

“Come mai le nostre flotte non sono ancora tornate?”

“Torneranno presto oh mio Signore!”

“Sì mio fido Luogotenente, ma perché non sono ancora tornate?”

“Sono sicuro che hanno avuto qualche piccolo contrattempo o mio Signore ma vedrete che prestissimo solcheranno i cieli di Fionis”

“Bene o mio perfido aiutante, però adesso sarei desideroso di vederne almeno una!”

“Eccola oh mio Signore, eccola!”

“Ah bene mio valoroso Luogotenente, ma non sapevo che avessimo navi così nuove!”

“Infatti oh mio Signore, ecco il vero motivo! guardate anche quelle altre, i nostri ragazzi hanno di certo preso le navi della Confederazione per farvi un’immensa sorpresa!”

“Bene Luogotenente, bene…eh dimmi, come mai non atterrano?”

“Stanno facendo ammirare a tutto il pianeta la nostra nuova flotta oh mio Signore!”

“Ottimo, veramente ottimo mio Luogotenente, dite ai loro comandanti che li attendo a palazzo”

“Certo oh mio illuminato Signore, avete altri ordini per me?”

“Si mio delizioso Luogotenente, tieni questo matterello”

“Certo oh mio Signore, …ma…dove lo devo mettere?”

“Lo saprai presto mio viscido amico,….lo saprai presto!”

Grankuoss si diresse a palazzo.

“Certo che come le capiscono loro le cose non le capisce nessun altro!” osservò Matt.

“Andiamo a far visita al dispensatore di attrezzi erotici per Luogotenenti” aggiunse Valdes.

In breve fummo all’interno della sala del trono.

Grankuoss stava arrivando, entrò senza notarci ed andò ad accomodarsi sul suo sporchissimo trono.

Exhadòr lo salutò: “Ciao Grankuoss, come ti butta?” il Reggente fece un salto sulla sua regale sedia, sgranò gli occhi: “Come siete entrai voi? Se non lo sapete siete stati sconfitti, non oserete chiedere la mia benevolenza spero?”

Matt lo guardò negli occhi: “Ma che cazzo stai a dì a Reggente dei miei stivali?”

Grankuoss sbavava di pura gioia sadica: “La vostra misera flotta è stata distrutta dalle mie navi, ma questo voi ancora non lo sapete, vi abbiamo preso alla sprovvista ed adesso siete qui a piangere perché vi risparmi, ….quanto siete inutili e ridicoli!”

Il Reggente aveva proprio sotto controllo l’intera situazione, era fornito di informazione aggiornate e molto attendibili, Valdes guardò Exhadòr: “Oh mio possente Exhadòr, prendi questa robustissima spada e scagliati contro il grosso testicolo seduto sul trono!”

Matt aveva momentaneamente bloccato il Reggente, Exhadòr si avvicinò a lui con quella che credeva essere una grossa spada, in realtà era solo un trucco mentale, la grossa spada non era nient’ altro che una forchetta di plastica.

Exhadòr fissò negli occhi Grankuoss: “E’ giunta l’ora della mia vendetta!” e cominciò a fendere l’aria con quella ridicola forchetta, quando si stancò di spaventarlo gli diede un grosso colpo sulla coscia, il risultato fu che la forchetta si ruppe ma riuscì ad infilare un paio dei suoi denti nella coscia di Grankuoss.

“Bene mio ardito Exhadòr, ora prendi questa grossa clava di legno massiccio e tortura quel tiranno puzzolente!”

Exhadòr prese quella clava, si avvicinò a Grankuoss e cominciò a percuoterlo, vedevamo che ogni tanto si domandava come mai ogni volta che lo colpiva con quella terribile e rudimentale arma questa emettesse uno stupido fischio.

Ma lo tartassò per bene sia sulle gambe che sulla testa, la clava non era nient’ altro che un giocattolo usato solitamente per carnevale, ma Exhadòr vedeva quello che Valdes voleva fargli vedere.

Bones disse che quella vendetta, anche se inutile, gli avrebbe fatto bene: “Sicuramente riesce a sfogarsi e si sblocca mentalmente, e ad ogni modo è divertente vedere l’accanimento che ci mette!”

Poi Valdes richiamò Exhadòr: “Ora tieni questa sottile ma robusta fune e legagli le caviglie!”

Exhadòr era entusiasta, si apprestò a legare il Reggente come un salame, ma stava facendo una fatica madornale nel tentativo di legare la prima caviglia, non si era accorto che si trattava di una grossa gomena solitamente utilizzata per legare le navi al porto.

Quella corda aveva lo stesso diametro della gamba di Grankuoss.

Dopo molti sforzi riuscì a legare le gambe assieme e fece quello che pensava essere un nodo molto stretto.

“Ora vieni qui mio valoroso Exhadòr, eh dimmi, come procede la tua vendetta?” Exhadòr era sudatissimo ma soddisfatto, pensò un attimo: “Posso trascinarlo fino a bordo della nave?”

“Certo mio valoroso eroe, tira….tira!” Valdes pronunciava quelle frasi in maniera molto solenne e tutti i ragazzi stavano ridendo, Exhadòr aveva cominciato a tirare Grankuoss, ma questi non si muoveva nemmeno di un centimetro, Matt lo stava ancora tenendo bloccato.

“Salta Exhadòr, devi saltare con la corda al collo, altrimenti il lurido non si muove!” gli disse Matt seguendo le esatte orme goliardiche di Valdes.

Exhadòr si mise la corda intorno al collo e cominciò a saltare, Sonia intervenne e disse a Matt: “Ma tesoro, aiuta il nostro eroe!”

“Hai ragione cara, come ho potuto non farlo fino ad ora?” a quelle parole il dito della mano del Reggente si infilò prepotentemente nel proprio naso.

“Ma amore mio bello, il nostro eroe è Exhadòr, non Grankuoss!”

“Oh cavolo tesoruccio del mio cuore, come ho potuto scordarmene così in fretta!” fu così che anche Exhadòr si trovò un dito nel naso, si girò verso di loro: “Ma così non vale!” disse con tono disperato, Matt lo liberò ma la cosa fece aumentare le risate.

A quel punto si vide il Reggente scivolare giù dal suo trono, Exhadòr si sentiva trionfante e cominciò a tirarlo con enorme fatica, Sonia lo aiutò facendolo alzare di una paio di centimetri da terra. Exhadòr si trovò sbilanciato da quella leggerezza improvvisa da parte del Reggente che si sbilanciò cadendo in avanti.

Stava sorridendo: “Visto che si è mosso?” domandò in direzione di tutti noi.

Lo trascinò per tutte le scale dei due piani fino al cortile interno del palazzo, Grankuoss aveva preso innumerevoli zuccate e Exhadòr si sentiva un vincitore.

La navetta che lo avrebbe prelevato per portarlo sulla nave cargo era già in attesa, Exhadòr ci guardò sorridente: “Lo ghiacciamo?”.

Nessuno di noi aveva smesso di ridere, la vendetta di Exhadòr era compiuta, forse era stata ridicola, ma pur sempre di vendetta si trattava.

Valdes congelò Grankuoss per agevolare il trasporto delle truppe della Zona Franca, in quel momento Exhadòr esultò.

Bones stava ridendo di gusto: “Ho la netta sensazione che si sia liberato di un gran peso, sicuramente d’ora in poi lo vedremo migliorare”

I trasporti di quella popolazione si svolgevano velocemente, il tutto prese circa una settimana, gli studenti di Bones si stavano cimentando nella disintegrazione delle armi, ma la cosa si rivelò un mezzo fiasco.

Potevano emettere un po’ di energia ma non era sufficiente, si accontentarono di piegarle ed in generale di metterle fuori uso.

Il lavoro fu finito da altri, quell’esperimento serviva all’ equipe di Bones per valutare a che punto fossero i progressi di quelle persone.

Ogni abitante di quel pianeta fu scovato e trasportato su Esilium, ora bisognava passare alla seconda parte del piano.

I quattro pianeti di Fionis vennero, per il momento, solo privati di qualsiasi velivolo e di tutte le armi, ci saremmo occupati di loro in un secondo tempo.

Al ritorno su Terranova Exhadòr era in vena di festeggiamenti, il Reggente non avrebbe più infastidito nessuno.

Sgrunff in un atto di estrema bontà d’animo aveva lasciato sulle navi cargo diversi testi per i Surrogati dicendo: “Se vogliono liberarsi un po’ della loro stupidità con questi ne avranno la possibilità, non possiamo obbligarli a studiare, ma non mi sento nemmeno di negarlo a qualcuno che lo voglia fare”.

Lasciammo Exhadòr ai suoi festeggiamenti e coinvolgemmo Bones, Sven ed Irina nella creazione dei cubi per intrappolare gli Hentys.

L’esperimento di Sven aveva dato i risultati sperati ed ora dovevamo procedere con cautela allo sgombero delle caverne infestate dai quei viscidi vampiri.

Irina seguì le istruzioni di Sven e Bones e con l’aiuto dei suoi creò tanti cubi quanti erano le creature da intrappolare, aveva fatto una piccola modifica, la materia con cui aveva costruito quelle scatole aveva il potere di intontire la creatura messa al suo interno.

Quindi erano diventate scatole soporifere, l’idea gli era venuta vedendo quelle prime pesanti comunicazioni mentali che gli “studenti” di Bones avevano usato per addormentare gli inviati del Reggente.

Vennero portati questi cubi sui quattro pianeti Grekos e vennero distribuiti nelle aree dove sorgevano gli edifici.

Dai nostri calcoli c’erano circa un centinaio di quelle creature in ogni caverna, avremmo istruito ed istituito dieci squadre per ogni pianeta.

Era necessario agire con cautela, ogni Henty doveva essere congelato innanzitutto, poi messo nelle scatole senza toccarlo, quindi bisognava congelare la scatola e trasportarlo all’esterno dove una navette li avrebbe trasportati su Fionis.

HENTYS

L’ operazione inerente agli Hentys doveva svolgersi con la massima cautela, per il loro congelamento ed inscatolamento dovevano intervenire solo esseri della Confederazione, non potevamo correre il rischio che qualcuno in addestramento potesse diventare il nuovo ospite di anche uno solo di loro.

Le prime creature vennero catturate e portate nelle caverne di Fionis I, una volta che la caverna ne conteneva a sufficienza questa veniva congelata interamente.

Quel lavoro richiedeva diverso tempo, ma ormai la tecnica era stata collaudata quindi lasciammo quel compito ad altri.

Dovevamo analizzare cosa fosse successo durante la mia permanenza nel Tasker, e da quelle analisi dovevamo estrapolare delle soluzioni che ci permettessero di risolvere parte del problema relativo a Planet H.

Sentivo che persone dell’equipe di Bones stavano facendo delle scommesse: “Steve, cosa hanno in mente i tuoi ragazzi?”

“Oh niente di particolare Kate, pensiamo solo che una volta che tutti gli Hentys siano stati spostati diventi più facile percepire quali esseri sono intrappolati all’interno dei Tasker.

Abbiamo notato che con quel segnale immesso in Planet tramite il lavoro della N Technology qualcosa di piccolo è cambiato.

Quindi quei ragazzi stanno scommettendo su chi individuerà più esseri delle Confederazione negli edifici”.

“La ritieni una mossa interessante Bones?”

“Troppa gente prigioniera e troppo lavoro da fare, però se ricordi quel Paul che abbiamo estratto di forza,….beh, non è poi messo tanto male.

Certo il lavoro su di lui sarà piuttosto lungo, però vedere che si è ambientato così velocemente mi fa ben sperare.

Quindi se quei ragazzi vogliono spegnere qualche Tasker per liberare qualcuno, glielo lascio fare volentieri, soprattutto per verificare se le percezioni date dai prigionieri sono ora più attendibili”.

“Beh Bones, mi fido di te”

Bones sorrise: “Sai che Fedor ed altri tre dei suoi hanno deciso di seguire le orme di Gray?”

“Bene, mi fa piacere sentire una notizia simile, l’ ho sempre visto diverso quel tipo, pensi che possano essere aiutati?”

“Certo Kate, probabilmente la cosa sarà molto lunga, più uno vuole progredire più il passo successivo è lento e richiede molta tenacia, ma Sgrunfy si è già buttato sul progetto ed io gli ho dato un paio di dritte su come esercitarsi giorno per giorno”.

“Kate, non hai mai pensato che anche noi si possa progredire?”

“Onestamente non ho mai direzionato i miei pensieri in quella via, perché questa domanda Bones?”

“Perché a volte mi domando cosa ci sia al di fuori dei tre Universi”.

“Ma Steve, noi sappiamo cosa c’è là fuori”.

“Non esattamente Kate, noi abbiamo creato una verità che ora stiamo adottando, ma… sei mai andata là fuori?”

“No Bones, su questo hai ragione ma per il momento la cosa non mi attira, non desta il mio attuale interesse, e tu? Hai mai sbirciato fuori?”

“Nemmeno io ci sono mai andato Kate, ma so che un giorno lo farò”

“Bene Bones, fammi sapere quando sarà quel giorno, magari qualcuno di noi decide di farti compagnia!”

L’ufficiale medico sorrise, sentivo che non si aspettava una risposta del genere, ma perché no! Se i miei amici avessero voluto fare un viaggio…li avrei accompagnati volentieri.

“Adesso abbiamo bisogno di far luce su quanto successo a causa degli Hentys, ma prima vorrei sapere che quelle viscide creature sono di nuovo dentro alle loro caverne”.

Bones annuì: “Penso che con un po' di calma e di ragionamento logico si possa sviluppare una tecnica per liberarsi dalla loro pesante eredità, ma rimandiamo pure il tutto a lavoro finito, sono più che d’accordo”.

“A proposito Steve, mi interessa sapere che traccia hanno lasciato su di Paul, la cosa potrebbe aiutarci su due fronti, quello della riabilitazione degli esseri tirati fuori dal Tasker e nel mio caso specifico per trovare una soluzione da adottare con Anna all’interno di Planet”.

“Contaci Kate, avevo in mente di fare un sondaggio specifico proprio su questo aspetto dopo aver visto cosa è successo,…sei per caso telepatica?” mi domandò sorridendo l’ufficiale medico mentre tornava al suo lavoro.

Risi e lo salutai: “Non ancora Bones, ma ci sto lavorando!”

Intanto Igor, uno degli aiutanti di Bones, aveva voluto strafare, in un eccesso di zelo aveva sfiorato mentalmente un Henty prima che questi fosse stato congelato, per sua sfortuna era svenuto di colpo mentre l’Henty veniva prontamente “ghiacciato” da un membro della Confederazione che faceva parte della sua squadra.

Decisi di andargli a far visita nel luogo in cui Bones aveva istallato il suo strano ospedale da campo per aiutare i membri dei nostri equipaggi colpiti durante lo scontro con la flotta di Grankuoss.

Chiesi a Valdes di raggiungermi, arrivò immediatamente e mi accompagnò lungo il tragitto.

“Valdes, hai mai pensato di voler vedere cosa c’è all’esterno dei tre Universi? Bones sembra incuriosito e dice che un giorno ci andrà”.

“Perché mai dovrei pensare un cosa simile Kate? ….io e Matt ci siamo stati tempo fa, ma non abbiamo pensato, abbiamo solo deciso di andarci senza pensare, …abbiamo stati bravi?” mi domandò cominciando a fare lo stupido.

“Cosa avete trovato là fuori?”. Valdes si rizzò ancora più dritto, fece un grande sospiro: “Abbiamo trovato i mostri cattivi che mangiano i bambini” disse cominciando a ridere.

“I comunisti di Planet?” Io lo fissai con aria interrogativa e seria.

“In Planet ci sono mostri che mangiano i bambini? Ma che cosa terribile deve essere quel videogioco!”

“No, non in quel senso. Uff…ma tu dicevi? Com’è là fuori? Su racconta!”

Lui mi guardò con aria da finto tonto poi cominciò a parlare: “Immagina tutta una cosa che è circa, ma aspetta…non è esattamente circa, è piuttosto un più o meno, anzi…direi che è molto più simile ad un quasi…o meglio è grande così…capisci?”

Scoppiai a ridere, non voleva nemmeno comunicarmelo telepaticamente, ma lo stava facendo davvero bene.

“Comunque sembra che la tua curiosità sia uguale a quella di Sonia, come mai oggi fate domande al riguardo della zona al di fuori dei tre Universi?”

Evidentemente non ero la stata la prima ad essere curiosa.

Non risposi perché in quel momento arrivarono Matt e Sonia, lei mi guardò: “Ha detto anche a te che ci sono i mostri che mangiano i bambini, vero?”

“Sì, e continua a fare lo stupido, ma devo ammettere che lo fa in maniera davvero simpatica!”

Sonia guardò Matt ma lui cominciò a fischiettare guardandosi in giro, voleva far credere di non essere interessato a quella conversazione. “Penso che vedere tutti questi individui al lavoro per migliorare ci abbia fatto pensare in quella direzione Kate”.

“Quale direzione?” domandò Matt guardandosi attorno, poi ci si mise di nuovo Valdes: “Migliorare?…Noi?…Ma noi siamo i mitici Nordik, siamo belli, bravi, furbi, intelligenti, sensibili, simpatici, dolci, carini e poi guarda come camminiamo bene!”

A quelle parole lui e Matt si presero a braccetto e cominciarono a camminare con la lingua di fuori; uno fingeva di avere una gamba molto più corta dell’altra, mentre l’altro ostentava una gamba tesa e rigida che lo faceva rialzare ad ogni passo che faceva.

Eravamo quasi arrivati da Bones, lui li vide e scoppiò a ridere, i due si fermarono e si girarono verso di noi: “Promettiamo che quando questa storia sarà finita ci andremo assieme, per ora tenetevi una sana curiosità, così la sorpresa sarà più gradita”

“Dove andrete?…….Ahh, vengo con voi!” disse Bones sorridendo ed avendo capito di cosa stavamo parlando.

Matt gli appoggiò una mano sulla spalla: “Certo Steve, contaci, ma adesso vediamo cosa ha combinato quel pollastro di Igor”.

Sia io che Sonia eravamo restate affascinate dalla commedia fatta dai nostri compagni, soprattutto per il fatto che erano stati al di fuori dei tre Universi ed avevano fatto in modo che ci crogiolassimo nella curiosità.

Ci distogliemmo dai nostri pensieri per sentire quel che aveva da dire Igor e soprattutto cosa diceva Bones riguardo a lui.

Igor ci disse che aveva contattato telepaticamente una di quelle creature ed aveva sentito subito un grandissimo ronzio alla testa, la cosa gli aveva fatto perdere le forze e si era ripreso nell’ospedale da campo.

Bones ci spiegò cosa era successo: “Igor ha semplicemente sentito la pesantezza di cui era composto quell’Henty, quel ronzio tipico è la loro arma ipnotica, chiunque entri in contatto con loro riceve quel tipo di comunicazione densa.

Loro non hanno la capacità di emettere dei segnali telepatici, hanno bisogno di un contatto, in questo caso la telepatia usata dal nostro Igor ha fornito quel contatto.

Domani sarà di nuovo in forma.

Ricordate quel giorno in cui ho estratto loro le informazioni telepaticamente? Bene, Igor ha sperimentato solo un centesimo di quello che ho sentito io, fortunatamente si è innescato un meccanismo di autodifesa e questo ha fatto si che svenisse”.

Quella cosa andava molto d’ accordo con quello che avevo sentito io all’interno del Tasker di Paul, solo che nel Tasker c’era anche dell’ altro.

Ringraziammo Bones e salutammo Igor, Steve ci ricordò la promessa: “Tranquillo ufficiale medico, quando sarà il momento faremo un bel giretto” gli disse Valdes.

Ritornammo momentaneamente a bordo della Nemesis, volevamo fare un nuovo punto della situazione, fummo raggiunti da Sgrunff.

Il mio scatenato insegnante quando usava il suo corpo mentale su Terranova aveva solo due braccia, non aveva bisogno di rompere gli “schemi mentali” dei suoi studenti; anzi, quelli che si trovavano in quel posto avevano visto ben altre atrocità ed il vedere un individuo con quattro braccia ed altrettante mani non avrebbe fatto loro nessun effetto.

Il nostro Sgrunfy aveva compilato un testo molto approfondito sugli Hentys da tenere nella Biblioteca Universale, ognuno di noi aveva le esatte informazioni su quegli esseri che erano state loro fornite dall’esperienza di Bones tramite il suo tocco telepatico con quelle creature e la mia avventura all’interno del Tasker liberato da Paul.

Ora ognuno di noi voleva darsi da fare per trovare il modo per agire all’interno di Planet, Sgrunff avrebbe compilato un secondo testo che comprendesse tutte le tecniche sperimentate all’interno di Planet: “Vorrei che nella Biblioteca Universale vi si possano trovare tutte le informazioni possibili a disposizione di chiunque le necessiti.

Spero vivamente che nessuna di queste storie si possa ripetere in futuro; anzi, mi auguro che diventino solo delle fantastiche storielle da ricordare.

Ma in caso contrario desidero che chiunque possa avere una via d’uscita nel caso in cui, in un ipotetico futuro, qualcosa di simile possa ripresentarsi”.

Eravamo d’accordo con lui. Cominciammo a valutare in quanto tempo i quattro pianeti Grekos sarebbero stati liberati da quei vampiri: “Da quello che dicono le squadre al lavoro su questo progetto ci vorrà ancora circa una settimana” disse Valdes che si era occupato attivamente della formazione delle varie squadre di sgombero.

“Bene, allora tra una settimana ci occuperemo di sigillare anche l’ultima caverna dopo di che cominceremo a lavorare seriamente con Sven e Bones per sviluppare delle tecniche che Anna possa sperimentare nella sua Palestra” aggiunsi guardando i miei amici.

Matt ci confermò che il segnale immesso in Planet era prossimo al 90% e che tra qualche mese la Nubhirium avrebbe cominciato ad apparire a qualche potente telescopio: “Qualcosa mi dice che tutto questo apporterà un lieve ma significativo cambiamento.

Sono anche sicuro che verrà fatto di tutto per tenere all’oscuro la popolazione di Planet dell’avvistamento della nostra meravigliosa stazione orbitante!”

- Ottimo! - pensai.

Tra una settimana avremmo cominciato a lavorare sulla cosa che offuscava ed alterava la consapevolezza degli esseri intrappolati all’ interno dei Tasker.

Avremmo cercato di sciogliere quel ributtante groviglio che si era formato all’interno della testa dei personaggi di Planet, quello strano miscuglio tra “Io” e la viscida eredità instillata dagli Hentys.

Sgrunff ci disse che aveva già completato un libro in cui erano elencate in maniera schematizzata tutte le analisi che avevo fatto nel passato, stava anche aggiungendo le tecniche che Anna stava sperimentando su consiglio di Bones.

Avevamo ancora una settimana di tempo, gli chiesi di poter visionare quanto aveva scritto.

Aggiornammo il nostro meeting sulla Nemesis e ci proiettammo alla Biblioteca Universale.

Sgrunff ci mostrò il suo lavoro; lo sfogliai velocemente, quel testo partiva con la frase che avevo usato per le mie analisi: “Conoscere significa ricordare ciò che già sai”.

Procedeva poi attraverso diversi punti e giungeva alle parole “Chiave” che tormentavano inconsapevolmente la vita di una persona.

Sven ne aveva trovate 50, le ultime le aveva ottenute con l’aiuto di Anna, ad ognuna di queste parole corrispondeva un circuito demone aggiunto all’emanatore superiore.

Sgrunff aveva anche schematizzato il comportamento del circuito nascosto abbinando ad ogni parola chiave l’esatta sequenza che confondeva la persona.

Notai che aveva fatto un lavoro veramente raffinato, ora si stava apprestando a finire compilando le prime tecniche sperimentali e quelle che Anna aveva ritenuto più efficaci.

Aveva dato come titolo a quei libri: “I metodi per liberarsi da Prison H”.

“Ottimo lavoro!” gli dissi; non sapevo che si fosse dato così da fare, onestamente non avevo più ripensato al lavoro che avevo svolto in passato sotto la sua guida, ma ecco davanti a me il risultato.

Salutammo Sgrunff complimentandoci con lui; dovevamo andare ad occuparci di un altro punto che stava attirando la nostra attenzione: “Ehm.... quando andate…posso venire anch’io?” disse lui con aria innocente.

“Oddio Sgrunfio, certo che sì, ma non spargete troppo la notizia, sennò che divertimento ci sarebbe!” risi di gusto guardando la sua espressione; ormai la notizia che volevamo far visita al di fuori dei tre Universi si era sparsa tra Sgrunff, Sven ed Irina, ma non potevamo lasciarli fuori, ci piaceva stare in loro compagnia.

Andammo a prendere la Silver. Valdes voleva far visita ai quattro pianeti di Fionis nelle vesti di inviati del Reggente per verificare come stessero le cose.

Portammo la nave da Irina e fummo accolti dal suo amico Sasha : “Ciao ragazzi, cosa vi serve?”.

Sbucò Irina incuriosita dalla nostra visita.

“Vogliamo andare a visitare i Surrogati rimasti sugli altri pianeti e vorremmo che la Silver assomigli ad una delle loro navi…..ma solo all’esterno”

“Dai! sì, facciamola diventare una vera schifezza” disse Irina soddisfatta dalla richiesta. Lei e Sasha si misero la lavoro, poco dopo la Silver sembrava uno di quei rottami che ci avevano attaccato nella Zona Franca.

“La volete ancora più brutta?” domandò Sasha prendendoci in giro.

“No ragazzi, questo schifo è più che sufficiente, sono sicura che nessuno sospetterà di niente”.

“Andate a malmenare i cattivi?” domandò Irina con un aria di innocente bambina.

La cosa ci fece sorridere.

Salutammo e salimmo a bordo, adesso dovevamo solo cambiare i nostri Corpi Mentali per apparire degli Esterni, però nessuno di noi se la sentiva di impersonare Grankuoss, così Valdes decise di trasformarsi nel suo Luogotenente.

Noi diventammo i suoi aiutanti, nel trasandato esercito del Reggente c’erano pochissime donne, così io e Sonia diventammo due soldati disordinati; i Surrogati avevano un uniforme particolarmente brutta, noi la peggiorammo ulteriormente.

La Silver prese il largo per i pianeti della Federazione, rotta su Fionis II, al nostro arrivo sorvolammo le varie zone che ci erano state indicate.

Facemmo visita ai vari insediamenti militari.

FIONIS II

Al nostro arrivo gli uomini che erano restati a terra accorrevano ad accogliere il Luogotenente del Reggente, tutti chiedevano immancabilmente notizie della battaglia.

“Abbiamo vinto su tutti i fronti miei prodi guerrieri, ora siamo i padroni incontrastati della Zona Franca!” diceva Valdes con grande enfasi, poi chiedeva: “Avete armi o mezzi di trasporto in questo luogo?”

Un ufficiale zelante e molto lecca-culo si fece avanti: “Sì, abbiamo un’astronave di riserva nell’ hangar principale e qualche arma”.

“Bene figliolo, mostracele, vogliamo sapere come riorganizzare tutti i vostri armamenti!”

Valdes era entrato nella parte, era sin troppo facile ingannare quegli individui.

L’ ufficiale ci portò all’interno dell’ hangar, l’astronave era un vero relitto ma lui ne era fiero:

“Con qualche piccola riparazione dovrebbe volare ancora come una meraviglia”.

Valdes si stava trattenendo dal ridere, non avrebbe mai immaginato di vedere una cosa così fatiscente: ”Bene buonuomo, ammassate tutte le vostre armi nel centro dell’ hangar così che possiamo valutare le vostre forze e fornirvi nuove attrezzature”.

Tutti obbedirono ammucchiando le loro armi nel centro del grande hangar, poi Valdes disse a Matt:

“Generale procedi con il censimento mentre noi visitiamo la caserma”

Matt aspettò che tutti uscissero e disintegrò ogni cosa, poco dopo ci raggiunse: “Bene mio prode Generale, abbiamo la situazione delle armi sotto controllo?”

“Certo oh magnifico e sublime Luogotenente, ogni cosa è al suo posto adesso, ora sappiamo esattamente su quante armi possono contare i vostri uomini”.

Valdes si complimentò con l’ufficiale dicendogli che a breve avrebbe ricevuto i nuovi armamenti ed una promozione.

Salutammo quegli idioti e ci dirigemmo verso una nuova area militare.

Sapevamo che alcune armi erano restate anche se i nostri si erano dati da fare per far piazza pulita sui vari pianeti.

Con tutta probabilità molti si erano nascosti alla vista delle astronavi della Confederazione ed avevano pensato bene di nascondere anche i loro armamenti.

Fortunatamente il vero Luogotenente di Grankuoss non aveva lesinato nell’ utilizzo di ogni risorsa militare di cui disponevano, ci trovavamo quindi a svolgere un lavoro non troppo oneroso, anzi, quei pazzi scatenati dei miei amici si stavano divertendo.

Giunti in un nuovo insediamento i militari rimasti nella caserma accorsero nel vedere una delle loro astronavi che faceva ritorno.

Attesero il Luogotenente che scendesse dalla rampa di quel velivolo.

Solite domande: “Oh magnifico Luogotenente, che notizie ci portate dalla battaglia?”

“Ottime notizie mio fido, la flotta ha sbaragliato il nemico, nessuno è stato risparmiato!”

“Bene Signore, chissà che festeggiamenti saranno in corso a palazzo, e come sta il nostro grande Grankuoss?”

“Se la passa veramente bene mio generoso milite, ora ha potere su gran parte dei suoi possedimenti”

Riferiva informazioni che potevano essere interpretate in due modi completamente differenti, ma in fondo stava dicendo loro la verità.

La cosa ci stava divertendo, a parte avere quel corpo che doveva anche puzzare per essere nella norma.

“Eh dite Luogotenente, quali nuove conquiste sono state fatte per Fionis?”

“Oh mio lungimirante cogl…ehm …ufficiale, molti nuovi pianeti sono stati soggiogati dalle nostre forze, molti di essi verranno messi a disposizione agli alti ufficiali più meritevoli”.

Questo fece scattare in quell’ ufficiale una sorta di desiderio morboso, cominciò a diventare oltremodo accomodante, Matt intervenne immediatamente.

“Oh mio sublime e deleterio Luogotenente, dobbiamo fare la conta degli armamenti rimasti per riorganizzare le nostre flotte, speriamo che questi valorosi guerrieri che hanno combattuto la battaglia standosene in questo triste luogo possano avere risparmiato qualche arma o qualche mezzo”.

A quelle parole l’ufficiale divenne molto servile: “Certo che abbiamo ancora delle armi, le abbiamo nascoste all’incursione del nemico per prepararci alla battaglia, venite che ve le mostro!”

- Prepararsi alla battaglia? Quelli si stavano imboscando e scappando come lepri, sono individui veramente notevoli! - Il mio pensiero raggiunse telepaticamente i miei amici, a Sonia scappò una risata che trattenne subito.

“Perché uno dei vostri aiutanti ride oh mio Signore?”

“Ma naturalmente per la felicità di sapere che avete difeso coraggiosamente questa postazione nonostante centinaia, ma cosa dico centinaia, migliaia, ma quali migliaia, nonostante milioni, ma che dico milioni, decinaia di nemici stessero tramando nel sonno contro di voi.

Ora mostrateci il frutto della vostra infinita saggezza, dove sono le armi?”

L’ ufficiale stava sbavando, anche loro avevano un’ astronave e delle armi, Valdes gli chiese di ammucchiarle vicino alla nave.

Quel mezzo era ancora più messo male di quello precedente, sicuramente non sarebbe stata in grado di volare soprattutto dopo il trattamento di Matt.

Valdes condusse l’ufficiale ed i suoi uomini verso la caserma: “Venite miei valorosi, mentre il Generale procede all’inventario vediamo cos’altro avete per il vostro Reggente”.

Aveva percepito qualcosa in quei soldati, così aspettò di vedere come si sarebbero comportati.

Matt ci raggiunse: “Oh mio eclatante e vomitevole Luogotenente, abbiamo la situazione delle armi sotto controllo, mi occuperò io stesso di inviare una nuova flotta per reintegrare le perdite subite durante la feroce battaglia contro la Confederazione, …..hanno forse dei prigionieri questi meritevoli militari?”

Ecco di cosa si trattava, avevano i loro schiavi personali catturati tra le popolazioni Esterne.

“Dimmi mio prode guerriero, avete forse voi dei prigionieri che possono allietare le torture che potrebbe infliggere loro il nostro beneamato cazzon….ehm…Reggente?”

L’ufficiale era titubante, non voleva privarsi dei suoi schiavi personali, ma Valdes calcò la mano:

“Non temere oh roboante soldato, ognuno di voi riceverà una promozione, diverrete tutti caporali!”

“Ma veramente, oh mio Luogotenente io sono Capitano”.

“Hai ragione, verrai nominato Generale, ma cosa dico Generale…ancora di più, riceverai la nomina a Sterkus Fumantis!”

“E’ di più di Generale?” domandò il confuso ufficiale.

“Certo, molto di più, avrai potere su un intero pianeta che ti verrà assegnato per i tuoi eroici meriti, Esilium è il suo nome, ora dimmi sacco di merd….cioè, dimmi ordunque altissimo ufficiale, dove sono gli schiavi?”

L’ ufficiale mandò a prendere dai suoi uomini una quindicina di persone, ad una rapida occhiata questi risultavano senza il pene, quindi dovevano essere portati in salvo su Terranova, da quel luogo avrebbero deciso loro dove essere portati.

Mi misi in contatto telepatico con Gray dicendogli di passare da Irina e partire alla massima velocità per Fionis II; avvisai anche Irina che, nel frattempo, gli stava preparando una navetta ultra veloce camuffata da nave delle Federazione.

Valdes si rivolse a me: “Tenente, avvisi una delle nostre navi per prelevare questi schiavi immediatamente”. Mi diressi verso la Silver fingendo di mettermi in contatto con qualcuno.

I prigionieri erano molto intimoriti ma Sonia mandò ad uno di loro una comunicazione mentale: “State tranquilli, verrete liberati”

Questi sobbalzò sentendo quel modo di comunicare, si guardò in giro spaventato; Sonia si girò verso di lui strizzandogli un occhio e tranquillizzandolo mentalmente:

“Comunicalo anche agli altri, stanno venendo a prendervi per liberarvi”.

Quel tizio stentava a credere a quel che sentiva, era convinto che un tipo di comunicazione simile non fosse più possibile da tempi remoti, la cosa lo rincuorò leggermente; pensò che forse non tutto era perduto e cominciò a bisbigliare con gli altri.

L’ ufficiale volle sapere delle nuove conquiste: “Ditemi oh altissimo Luogotenente, quali nuovi pianeti sono stati soggiogati dalle nostre forze e che strategie sono state usate durante le battaglie?”

“Oh mio caro, tantissimi nuovi mondi sono stati conquistati e per quanto riguarda le strategie delle battaglie devi sapere che siamo stati davvero crudeli.

Abbiamo mangiato nonne e bambini, ci siamo impegnati in scontri all’ ultimo sangue per strappare tutte le dentiere di bocca agli sdentati.

Abbiamo distrutto interi raccolti di cetrioli color porpora trafiggendoli con degli spilli spuntati, ti assicuro che la battaglia è stata degna di quel nome.

Poi, sicuramente conoscerai la popolazione delle Pizze al Formaggio, ebbene, quella popolazione è stata letteralmente distrutta, ..ma cosa dico distrutta….di più, è stata letteralmente sciolta!”

Valdes enfatizzava ogni cosa che diceva facendola sembrare di un’ importanza smisurata, poi aggiunse:

“Inchinati davanti a noi esimio cogl…ehm…altissimo e valoroso guerriero così che possa nominarti sul campo, anche voi inchinatevi” disse Valdes ai soldati presenti.

“Passami lo scettro del potere dell’ altissimo ordine della melanzana farcita oh mio illuminato generale così che possa testé promuovere questo valoroso alla nomina di Sterkus Fumantis ”.

Io e Sonia ci allontanammo perché era impossibile trattenerci dal ridere; le stupidate dette da Valdes, appoggiate da Matt erano decisamente troppe.

Ci avvicinammo al gruppo dei prigionieri e bisbigliando: “Il Reggente è stato esiliato, sarete liberati non appena raggiungeremo la Zona Franca”.

Quegli schiavi non credevano a quello che avevano sentito, cominciarono a parlare tra di loro sottovoce mentre Matt assisteva Valdes.

“Oh mio squallido e innumerevole Luogotenente, abbiamo scordato lo scettro, non andrebbe bene lo spadone di nonno Gustavo?”

“Certo che va bene, …anzi, va addirittura meglio per la nomina che dobbiamo elargire in questa splendida giornata iridescente.

Passami lo spadone e dì a nonno Gustavo che glielo restituiamo subito”.

Matt estrasse da dietro la schiena una spada enorme, troppo grande perché potesse restare nascosta da dove la stava prendendo.

La spada aveva disegnati due occhi ed una bocca con la lingua di fuori, aveva l’aria di un cartone animato; passò quell’enorme spada a Valdes: “Ecco la mitica e folgorante spada di nonno Gustavo o mio scurrile Luogotenente, che buon pro ti faccia!”

Valdes stava scoppiando a ridere, fortunatamente i soldati erano tutti inclinati davanti ai suoi piedi, prese fiato, poi cominciò con la sua formula per la promozione sul campo:

“Ecco che brandisco la spada del nonno, che possa essa darmi il potere anche della nonna.

Signore immenso perdona la mano che mangiò il formaggio al posto del figlio.

Che possa questo valoroso guerriero levare al cielo l’ ardore delle sue ascelle e mormorare al vento parole di gloria pazzesca….”

Matt si era avvicinato a noi perché stava continuando a ridere e mandò una comunicazione telepatica a Valdes: “Falla finita brutto pazzo, nomina quell’idiota perché tra poco non riuscirò più a sostenere la parte, muoviti!”

Valdes tentò di soffocare un incipiente risata gridando: “Oh Romeo, ..perché sei tu Romeo?”

Poi fece un grugnito pazzesco per cercare di trattenersi ancora di più, gli uomini inginocchiati presero paura e abbassarono ancora di più lo sguardo, Valdes lanciò la sua nomina come se fosse un urlo, non riusciva più a resistere, stava ridendo come un pazzo.

“Con il potere conferitomi da nonno Gustavo io qui ti nomino Grandissimo Sterkus Fumantis, in nome del padre, del figlio, di ciccio e pasticcio, ….e anche in nome di zia Carmela che fa la pasta fatta in casa!”

Calò la spada pesantemente sulla spalla dell’ ufficiale e lo fece stramazzare al suolo, ormai stava delirando nel tentativo di non ridere quindi faceva degli strani versi mentre cercava di dare un senso alle sue parole.

“Mi raccomando, vai a mangiare da Zia Concetta perché si spende poco e si mangia bene, anche il Reggente ci va tutte le domeniche dopo la messa!”

Fece una pausa, Matt si rifiutava di avvicinarsi, anche i prigionieri avevano cominciato a ridere ma Valdes continuò imperterrito:
“Alzati oh mio prode Sterkus, lascia che guardi la gioia nei tuoi occhi e sappi che da questo momento potrai promuovere i tuoi soldati, naturalmente la nomina è provvisoria ma verrà presto ufficializzata dal nostro grande Grankuoss, …non appena si libera ovviamente.

Generale, vieni al mio cospetto per prendere nota delle nuove nomine di Sterkus!”

Matt si avvicinò tenendo la testa bassa per nascondere il ghigno soffocato a stento.

L’ ufficiale chiese come mai i prigionieri stessero sorridendo, ma Valdes spiegò subito:

“Vedi come anche loro gioiscono per la tua elevata nomina? ….Non noti forse che anche il Generale al mio fianco ora tiene lo sguardo abbassato per il gran rispetto che ora hai ottenuto?

Vai e gioisci mio prode….e dimmi, hai qualche altra informazione da darmi riguardo a postazioni militari che abbiano armi o prigionieri?”

Mentre l’ ufficiale dava le informazioni a Valdes sopraggiunse Gray il quale prelevò i prigionieri.

La sua nave riprese immediatamente il volo verso Terranova, noi salutammo i militari ed andammo a visitare ancora qualche postazione.

Matt si rivolse a Valdes: “Bravissimo, davvero bella commedia, cosa ne dici se adesso deleghiamo ad altri questo compito? Non riuscirei a sopportare altre nomine altisonanti, ti rendi conto che gli hai dato Esilium? Se mai ci metterà piede sarebbe divertente vedere come andrebbe a finire con Grankuoss”.

Immaginammo la scena e scoppiammo a ridere. Valdes si era davvero sbizzarrito, io mi ero chiamata fuori dopo i primi cinque minuti ed alla parola “Romeo” non avrei più potuto aprir bocca senza sganasciarmi dalle risa.

Dopo aver fatto ancora qualche veloce visita tornammo da Irina: “Daresti una ripulita alla Silver? Conciata a questo modo non mi piace gran che”.

Irina mi guardò con due occhi luminosi: “Avete l’aria di quelli che si sono divertiti, raccontami”.

Arrivò anche Sasha così li misi telepaticamente al corrente delle teatrali mosse di Valdes, risero da tenersi la pancia: “Voglio andare anch’io in missione su Fionis!” disse Irina mentre Sasha stava annuendo.

“Al consiglio daremo tutte le informazioni, se vorrai potrai andarci anche tu, ci sono molte postazioni da visitare”.

Misero a posto la mia adorata nave e vennero con noi alla Biblioteca, in quel luogo furono tutti messi al corrente dei fatti e venne chiesto chi volesse partecipare o organizzare altre missioni simili.

Tra l’ilarità generale tutti si offrirono volontari, Matt sorrise: “Organizzatevi come meglio credete, magari state attenti a non atterrare due volte nello stesso posto,….oppure simultaneamente” a quelle parole rise pensando a due Luogotenenti che contemporaneamente si avvicinavano ad una caserma che magari era appena stata visitata da un altro Luogotenente: “Non fate casino ragazzi,….ma anche se ne fate, non importa!”

Avevo a che fare con una massa di giocherelloni, ora tutti volevano divertirsi a dare alte cariche agli ufficiali rimasti in cambio di informazioni e chissà magari qualcuno sarebbe anche stato nominato Vice Reggente Aggiunto!

Intanto Gray ci comunicò che i prigionieri erano rimasti entusiasti di sistemarsi su Terranova, ma era cominciato qualche piccolo problema sui pianeti Esterni: “La stupidità prevale tra quelle razze, dove abbiamo dato il nostro aiuto per togliere di mezzo i Surrogati ora qualcuno comincia ad accusare altri di essere degli Inviati del Reggente”.

“Come state risolvendo la cosa?” domandò Matt.

“In maniera molto semplice anche se ci fa perdere un po’ di tempo, abbiamo mandato qualcuno a verificare la situazione che ci era stata riportata da alcuni studenti piloti in ricognizione.

Abbiamo scoperto che alcuni abitanti stavano denunciando altri dicendo che erano Surrogati.

Pervadendo telepaticamente questi esseri abbiamo visto che gli accusatori erano i veri Surrogati, li abbiamo presi da parte per esiliarli, ma loro ci hanno pregato di non rimandarli sui loro pianeti.

Non volevano aver niente a che fare col Reggente così abbiamo seguito il consiglio di Sonia, li abbiamo portati sul Esilum Secondo e non abbiamo avuto bisogno di congelarli.

Abbiamo fatto poi una rapida ricognizione su Esilium ed abbiamo notato dei gruppi di individui appartati, qualcuno di loro aveva dei libri che erano stati distribuiti su consiglio di Sgrunff.

Siamo scesi ed abbiamo parlato con loro, anch’essi non volevano restare nelle vicinanze di Grankuoss così abbiamo portato circa 300 persone su Esilum Secondo”.

Valdes era contento della notizia: “Anche tra gli stupidi esistono i migliori e soprattutto sanno riconoscere un vero idiota!”

Il tempo passava e le notizie erano buone su tutti i fronti, mancavano solo poche caverne da liberare dai vampiri mentali e i vari membri del Consiglio di Terranova, oltre a seguire le normali attività, si erano letteralmente fiondati sulle missioni di Fionis.

Ognuno aveva una storia esilarante da raccontare, Sasha ed Irina si erano divertiti a nominare un ufficiale di una base addirittura Grankuoss Secondo, e con suo immenso stupore gli avevano relegato doti divine che avrebbe scoperto quando la sua flotta personale l’avrebbe portato sul misterioso pianeta invisibile: “Sta trepidamente aspettando la sua nuova flotta e nel frattempo tiranneggia tutti i suoi ufficiali; Sasha per un errore durante l’incoronazione ha fatto in modo che si infilasse a forza un dito nel naso e ad un certo punto è stato inseguito da un branco di scimmie assatanate.

Si è rifugiato nel bosco, ma gli abbiamo parlato da lontano dicendogli di resistere che presto le sue navi sarebbero arrivate.

Non sappiamo come mai continuasse ad imprecare….eppure quelle scimmiette erano tanto carine!”

A quanto pare tutti si erano scatenati, quelle missioni avevano portato alla liberazione di circa 500 prigionieri ed alla distruzione di una cinquantina di navi-relitto.

Molte armi erano state trovate e disintegrate.

Tutto si era svolto troppo velocemente per i loro gusti, avrebbero continuato ancora per un paio di giorni.

Le previsioni di Matt furono disattese, in una caserma atterrarono ben cinque Luogotenenti differenti, ma gli ufficiali che accompagnavano il Luogotenente avevano giustificato il fatto che il troppo lavoro lo stava affaticando mentalmente.

Però non mancarono di farsi raccontare cosa fosse successo per poi ripetere di nuovo il tutto rincarando la dose.

“I militari visitati più volte si facevano scaltri cercando di approfittare della temporanea smemoratezza del Luogotenente cercavano di farsi promuovere in massa e di farsi assegnare terre o pianeti, ma sembra che nessuno abbia sospettato di nulla!”

Bene, la cosa era divertente e aveva raggiunto il suo scopo.

Venni informata da Sgrunff dei progressi di Anna.

Avevo bisogno di vederla con una certa urgenza. Volevo aspettare però che la faccenda degli Hentys fosse completamente risolta.

Sgrunff mi disse che aveva circa 15 persone alla Palestra del non Pensiero e che le tecniche che stava adottando non erano poi tanto male.

Non so come ma in quel momento mi ritrovai a pensare alla Kate rimasta alla tenuta, diedi una rapida occhiata.

Aveva di fianco a sé due tele, una era quella di Sonia, l’altra l’aveva fatta lei – Notevole! – se la cavava davvero bene con i dipinti.

Ora aveva messo una nuova tela su di un cavalletto e si stava apprestando a tracciare alcune linee, la sentivo rilassata e contenta, avevo l’impressione che forse avrei dovuto utilizzare di nuovo quel personaggio.

IL PIANETA DI GHIACCIO

La fase di svuotamento delle caverne era ormai giunta alla sua fine. Chiesi ad alcuni gruppi che si erano occupati della loro rimozione di fare delle verifiche incrociate per sicurezza: “Solo dopo che avete controllato di nuovo tutte le caverne potete sondare mentalmente le varie aree.

Naturalmente lo farete a turno, uno sonda e due rimangono vigili su di lui nel caso ci fosse da intervenire in suo aiuto”.

Non volevamo assolutamente correre rischi.

Il giorno dopo fummo informati che i quattro pianeti di Grekos erano stati definitivamente liberati da quelle creature

- Questa sì che è una buona notizia! -

Chiamai gli altri, gli chiesi di partire per Nordkhen poiché c’era una decisione da prendere ed avrei voluto che tale decisione fosse presa da noi quattro con la massima serenità d’animo.

Ci proiettammo quindi sul nostro pianeta, visitammo le fonti energetiche.

Volevamo restare distaccati da tutto per un poco, così che non ci fosse niente che ci potesse anche minimamente influenzare.

Dopo un certo lasso di tempo cominciai la comunicazione con i miei amici, erano pensieri espressi in concetti che viaggiavano ad una velocità molto elevata, cominciai a paragonare il nostro mondo a Planet.

Partii analizzando il fattore tempo, mettendolo in stretta relazione allo trascorrere del tempo in Planet H.

“Un pianeta della Federazione gira molto lentamente, impiega circa un mese per fare una rivoluzione completa sul proprio asse.

I pianeti della Zona Franca impiegano circa due anni.

Per Nordkhen ci vogliono circa 100 anni per fare ciò che la terra fa in un giorno”

Questo dava una falsa idea riguardo al tempo, era un’illusione che sembrava troppo reale, ma non era questo il punto.

C’erano tre cose che ritenevo particolarmente devianti ed aberrative in quel videogame.

“La prima è il rumore, questa è la più grossa sorgente di vibrazioni negative di quel posto.

Sul nostro pianeta non c’è atmosfera, ed è un luogo molto silenzioso, la pace regna su ogni cosa.

Le vibrazioni che esistono su Planet sono sconvolgenti e sono una delle principali cause dell’inconsapevolezza”

- Chissà se qualcuno ha mai sognato di vivere in un mondo dove non esistono suoni, penso che solo avendone l’idea una persona potrebbe sentirsi meglio -

“La seconda cosa che rende quel posto un inferno è l’uso del denaro.

I soldi corrompono gli animi, c’è gente che truffa ed ammazza per dei semplicissimi foglietti di carta, quale immenso mago dell’ipnosi potrebbe mai far desiderare con così estrema cupidigia una cosa totalmente inutile?”

Ma il fatto veramente contorto è che i giocatori sono convinti che quei pezzettini di carta colorata fossero utilissimi.

“La terza cosa è il sesso. Quell’azione è diventata così tanto degradata da far nascere diverse scuole di pensiero al suo interno.

E non intendo reali scuole di pensiero, a meno che non si possa definire tale la pratica sado-maso oppure la pedofilia.

Ma certamente questo soggetto è quello che all’apparenza viene disprezzato più di tutti.

Al cospetto degli altri bisognava apparire persone oneste e leali, le quali mai si sarebbero dedicate a pratiche sessuali illecite.

La verità è che invece il sesso è un impulso così forte e così profondamente radicato nella mente del giocatore che non se ne può sottrarre; certo, uno può reprimere i suoi impulsi, ma se si sondasse a fondo nelle loro menti si noterebbe quanto questo aspetto manovri la vita di tutti i giorni dei giocatori di Planet”.

Purtroppo nessuno lo ammetterebbe mai, sarebbe contro la morale, non importa mentire, non importa non affrontare la verità, certe cose è meglio tenerle nascoste.

Questi furono i miei pensieri e conoscevamo fin troppo bene cosa li aveva causati.

“Gli Hentys vanno messi a dormire per sempre!”

Aspettai il giudizio degli altri.

Valdes propose un nuovo nome per Fionis I: “Vorrei battezzarlo Ice Prison, se siete d’accordo”

“Bene Valdes, dal nome presumo che vogliate trasformare Fionis in una meravigliosa sfera ghiacciata?” disse Matt.

Sonia si disse d’ accordo: “Però creiamo anche una barriera energetica che lo inglobi completamente, preferirei che nessuno possa mettere più piede sul suo suolo”.

Eravamo tutti d’ accordo.

Partimmo da Nordkhen in volo, ci proiettavamo nello spazio circostante apparendo saltuariamente come globi luminosi, facevamo a turno, se qualcuno ci avesse visto da lontano avrebbe notato delle luci intermittenti che si muovevano a folle velocità verso i pianeti della Federazione Esterna.

Arrivammo a Fionis I, una rapida occhiata mentale per assicurarci che non ci fosse nessuno; potevamo percepire gli Hentys all’interno delle caverne, dormivano, erano in un profondo letargo.

Ci posizionammo a circa un centinaio di chilometri verso l’alto, potevamo vedere gran parte di quel pianeta sotto di noi: “Furia gelida, nessuna emozione e nessun ripensamento!” quella fu la mia comunicazione ai miei amici.

Cominciammo ad emanare una forte energia contro quel pianeta, vedevamo la sua superficie diventare azzurra, poi bianca con striature di azzurro.

Congelammo l’intero globo fino nel suo centro, guardammo quell’opera d’arte nel mondo Esterno

Era bella a vedersi.

Gli Hentys avrebbero dormito per sempre.

Matt volle fare un giro di ricognizione a bassa quota, si divertì a lasciarsi scivolare dalla cima di una montagna, Valdes invece si tuffò nella neve sbucando un centinaio di metri più avanti.

“Potrebbe diventare un immenso parco giochi per sport invernali se non ci fossero i vampiri congelati” disse Sonia.

Eseguimmo un giro completo di quella palla ghiacciata, ogni cosa era ricoperta dai ghiacci, le montagne dove si trovavano le caverne erano coperte da una spessa coltre fredda.

Venne creata la sfera di energia luccicante che impediva l’accesso sulla sua superficie, la si poteva vedere dall’alto, ora quel pianeta sembrava essere all’interno di un grande globo di vetro.

Valdes volle battezzare quel nuovo pianeta col nome che aveva scelto: “Alla faccia di quell’ idiota di Grankuoss io ti battezzo Ice Planet per i poteri conferitemi dalla spada di Nonno Gustavo!”

“Fermati subito e non cominciare con la tua commedia, non vorrei che il pianeta si incazzi e ci risputi fuori gli Hentys” gli disse Matt ridendo.

“Torniamo su Terranova ed informiamo gli altri, abbiamo del lavoro da fare nell’aiutare Kate adesso” disse Sonia. “Devo però ammettere che questo pianeta adesso gode di un alto senso estetico e….Valdes, complimenti per la tua solenne cerimonia”

Un rapido volo ci portò sino a Terranova. Qualcuno guardava verso l’alto per capire cosa fossero quei quattro missili luminosi che stavano arrivando, ma Gray disse loro di non preoccuparsi: “Se Grankuoss avesse posseduto armi del genere non saremmo qui a vederle adesso”.

Veloce riunione del consiglio, non avevamo chiesto il parere di nessuno per quell’azione, Exhadòr aveva da dire: “Potevate farlo anche prima, per esempio quando il Reggente era seduto sul suo trono, ne sarebbe uscita una bella statua”.

Avevano voglia di scherzare anche su quello, sapevamo che li avremmo trovati tutti d’ accordo su quella mossa, ognuno di loro aveva capito l’importanza di togliere di mezzo quei parassiti.

Ero pensierosa, adesso dovevo confrontarmi con Bones e Sven per cercare di sistemare il danno causato dagli Hentys.

Organizzammo un meeting a bordo della Nemesis, volevo discutere proprio di quel fatto e desideravo che una soluzione fosse trovata velocemente.

“Vorrei esaminare dall’inizio la mia esperienza, cercando di essere il più precisa possibile nei dettagli dopo di che ognuno può esporre le sue idee o le sue teorie a riguardo con lo scopo di trovare un rimedio efficace”.

Bones mi fece cenno di proseguire ed io ripresi.

“Usando il Tasker di Paul sono entrata con un personaggio simulato, prima di età 6 anni e poi 12 anni. Ho potuto riscontrare che la vita all’ interno del videogame era governata solo dagli impulsi ricevuti dagli emanatori.

Sembrava una vita piuttosto leggera ed aveva un certo senso di irrealtà.

Proiettandomi all’interno con il personaggio maschile di 18 anni è successo quello che in parte stavo sospettando da tempo.

Nel momento in cui ho interagito con la bella ragazza che mi si è avvicinata, ho cominciato a sentire una certa attrazione, questa attrazione si è trasformata in eccitazione; probabilmente avendo un corpo maschile ancora vergine l’eccitazione è sfociata in un’ orgasmo.

In quel momento, come voi tutti sapete, sono subentrate varie emozioni tra cui imbarazzo e vergogna.

Ma fino a qui sarebbe tutto normale, la parte sconvolgente riguarda quello che ho sentito accadere nei due minuti successivi e cercherò di nuovo di essere precisa nella spiegazione dei dettagli.

Una pesante massa simile ad una roccia nera con leggere striature di grigio e dei piccoli bagliori rossi si è calata da sopra la mia testa e si è infilata nel mio cranio molto lentamente.

Sentivo che questa massa stava invadendo me stessa e si fondeva con il mio essere.

E’ stato come se io diventassi quella massa e quella massa in un certo senso diventasse me, potrei definire il tutto come una fusione tra me e questa entità a forma di roccia scura.

Aveva solo vagamente l’aspetto di una roccia, in realtà fluiva dentro la mia testa, poteva in qualche modo cambiare in parte la sua forma.

Da quel momento nella mia testa sono diventati coscienti pensieri che prima erano solo assopiti, cominciava la vera caccia al sesso.

Ma la cosa più deprimente è che quella strana proiezione, durata circa 15 secondi, si è fusa con il mio Io più intimo degradandolo e obbligandolo ad agire nella specifica direzione della ricerca del piacere.

Da quel momento fino a che mi avete tirato fuori da Planet, ho sentito che ormai quella cosa faceva parte di me e che non mi avrebbe più abbandonato, potevo sentire ogni sensazione emanata dagli Hentys ed a quel punto la vita è diventata molto più pesante e reale”.

Feci una pausa, Bones stava valutando di nuovo le mie informazioni: “Quando ti abbiamo tirato fuori ed abbiamo creato il collegamento spirituale mi era sembrato che quella che tu chiami massa avesse delle dimensioni piuttosto grosse, per lo meno in altezza.

La sua altezza era di circa un metro, puoi confermare questo dato con la tua osservazione avuta da dentro Planet?”

“Non so Steve, era veramente opprimente e quando ha cominciato ad infilarsi nel mio cranio ero colpita da troppe emozioni,…però era sicuramente lunga”.

Sven mi guardò, sembrava volesse chiedere qualcosa ma stava esitando, poi di botto: “Quando ho analizzato le tracce residue su quello strano proiettore/ricevitore, ho notato che erano di un colore grigio perlato,….hai sentito nella tua testa la presenza di un Henty?”

“Potrebbe essere, ma è solo una sensazione, è come se una proiezione di uno di loro si fosse appesa alla calotta cranica e si fosse resa invisibile.

Invisibile ma sempre presente con il suo particolare ronzio ipnotico”.

Sonia stava osservando Bones sperando che potesse dare qualche utile consiglio, loro non erano mai entrati in un Tasker quindi avevano solo le informazioni ricevute da me.

Bones stava pensando e valutando: “Tu e Sven ci confermate che quella proiezione dura al massimo 20 secondi, poi cessa ed il meccanismo assorbe emozioni.

Questa è una cosa da risolvere andando per tentativi…purtroppo.

Abbiamo analizzato Paul, ricordate che parlava della zia?…Ebbene, lui non era molto consapevole come essere spirituale e vi posso garantire che la traccia lasciata dall’ Henty era ancora ben presente ed attiva dentro di lui.

Essendo fuori dal Tasker e non più vincolato a Planet abbiamo speso un po’ di tempo ed energie per fargliela eliminare.

Quella proiezione si insinua direttamente all’interno del corpo mentale poiché viene proiettata dall’interno del Tasker.

Kate e Anna hanno avuto il privilegio di avere il loro Tasker a bordo della Nemesis ed hanno studiato molto con Sgrunff.

Quindi tu, Kate, nel momento in cui sei uscita per la volta dal tuo Tasker hai cancellato ogni traccia di quell’ entità.

Anna non lo ha ancora fatto del tutto ed Ernst vi è ancora invischiato.

Però potresti trovarne traccia nel tuo personaggio che vive alla tenuta”:

“Quindi Bones, questo a cosa ci porta?”

“Ci porta a fare degli esperimenti, ti spiego meglio.

Un Henty si è fuso con ogni personaggio ed agisce tramite gli emanatori per soddisfare i suoi desideri.

Confondendosi con l’ individuo reale, l’individuo pensa di lavorare in direzione dei propri scopi.

Cerca di raggiungere degli obiettivi che sente suoi mentre, invece, esegue gli ordini nascosti dati dall’ Henty fantasma che dimora nella sua testa.

Non tutti gli obiettivi sono comandati da quell’ entità, ma lo sono sicuramente quelli più importanti.

D’altra parte quel vampiro si nutre di emozioni, quella più ambita è la scarica elettrica data dal sesso, poi vengono di conseguenza ira e paura.

Quindi farà in modo di convincere l’individuo che dirige il corpo su Planet ad andare a cercarsi guai in quelle direzioni.

Il problema da affrontare è che non esiste all’interno della testa nessuna di quelle entità, esiste solo una proiezione così ben fatta e pesante che ogni individuo farà fatica a riconoscere in quanto tale.

Il paragone è quello degli arti fantasmi, su Planet ci sono persone a cui sono stati amputati degli arti, ad esempio una gamba, ma la persona sente ancora dolore o sensazioni a quella gamba.

Anche se la gamba non c’è più da molto tempo.

Questo ci dice che dobbiamo intervenire a livello mentale….e dobbiamo intervenire con la massima cautela sperimentando di volta in volta delle tecniche per cercare di estirpare questa proiezione, capisci?”

Valdes volle intervenire: “Ma se l’ Henty è stato proiettato nel corpo mentale e non nel corpo dei sogni e tantomeno nel corpo fisico del personaggio, come si fa ad estrarlo senza agire sul Tasker?”

“Bella domanda Valdes, però penso che una soluzione sia possibile” disse Sven prendendo un po’ di tempo per pensare: “Intanto devo fare una premessa che è puramente tecnica, quella proiezione avviene sola una volta, se un individuo vive più di una esistenza consecutiva all’interno di Planet riceve, comunque solo una di quelle proiezioni.

Quel marchingegno non può emetterne altre.

E’ vero che si insinua nel corpo mentale, quindi la pulizia totale la si può ottenere solo con l’uscita dell’ essere dal proprio Tasker, però abbiamo un’ arma che possiamo usare.

Si tratta del Corpo dei Sogni, tramite esso possiamo alleggerire notevolmente gli effetti prodotti da quella viscida creatura”.

“Stai forse pensando di usare il Corpo dei Sogni per annientare poco per volta quella massa pensante?” chiese Bones all’ ingegnere.

“Sì, la cosa dovrebbe funzionare; almeno l’ 80% degli effetti potrebbero essere cancellati.

D’altra parte il Corpo dei Sogni possiede capacità simili al Corpo Mentale; gli Hentys hanno creato la propria immagine da proiettare nel Corpo Mentale, questo sì, ma per farla agire sul Corpo dei Sogni e di conseguenza sul personaggio.

Quindi dobbiamo trovare il sistema per districare quel groviglio creato tra l’ Io e l’ entità.

La persona deve capire che nella sua testa ci vive lui con un entità aliena che poco per volta deve riconoscere e disintegrare usando l’ energia del Corpo dei Sogni”.

Matt rise per quello che aveva detto Sven: “Non penso che faresti molti proseliti comunicando alle persone che nella loro testa convivono con un’ entità aliena o con un demone, già molte persone lo credono e vengono prese per pazze.

Penso che sia necessario trovare un modo un po’ più delicato per metterle al corrente”.

“Hai ragione tesoro” intervenne Sonia prendendo la parola “non vogliamo creare un movimento di assatanati che vanno in giro dicendo che sono posseduto dal diavolo o dagli alieni, gli psichiatri di Planet si divertirebbero troppo ”.

Bones stava ragionando su di una possibile soluzione: “Cominciamo ad aggiungere alle sedute di meditazione di Anna anche una tecnica sperimentale per emanare energia in quella zona della testa.

Certo che i suoi allievi devono perlomeno essere consapevoli di avere un Corpo dei Sogni ed io gli concederei di chiamarlo “Io”.

Facciamo loro capire che il loro Io è inquinato o fuso con una montagna di sporcizia e che se ne deve liberare. Comincerei con una tecnica leggera che operi in quella direzione”.

Ero convinta ma non del tutto: “Se una persona non conosce la verità potrebbe lavorare in modo sbagliato anche se mi rendo conto che questa verità sarebbe alquanto sconvolgente”.

“Creiamo dei piccoli passi, quando il soggetto che si sottopone a questa terapia o esercizi raggiunge un punto in cui può affrontare la verità,…ebbene solo allora gli può venire rivelata”.

Bones si soffermò ancora a pensare: “Nelle tecniche sviluppate per gli esterni sta funzionando egregiamente quella in cui si devono raccontare i vari episodi in cui hanno ricevuto torture, poi con il loro potere telepatico disintegrano tali ricordi.

Ritengo quindi che fare in modo che la persona localizzi l’esatto momento in cui è venuta in contatto con le stesse sensazioni che hai avuto tu Kate quando ti sei riproiettata in Planet, possa alleggerire molto quell’esperienza.

Tieni presente che alcuni individui sono nel gioco da diverse vite, quindi devono andare a ritroso nel tempo fino a trovare quell’episodio”.

“Lavoro non troppo facile se si considera che a questo viene sparato in faccia alla persona una bella proiezione che le fa credere di vivere una vera vita” aggiunse Sven.

Valdes che era stato particolarmente attento: “Procediamo con ordine, lasciamo che Anna faccia il suo lavoro, poi le chiediamo di aggiungere quelle tecniche sulle persone che lei ritiene più avanzate con lo sviluppo del Corpo dei Sogni.

Teniamo presente che alla sua Palestra ci saranno molti NPC, non vale la pena di perdere tempo su di loro, la cosa sarebbe completamente inutile.

Propongo quindi che raddoppi la sua palestra e selezioni i reali potenziali candidati, se sarà il caso potremmo sempre intervenire noi per aiutarli a liberarsi ulteriormente”

Bones disse: “Proviamo. Siamo sempre in tempo a correggere il tiro, intanto sfruttiamo al massimo Ernst, poi vediamo come se la cava Anna dicendole la verità, lei è sicuramente in grado di digerirla.

Dall’esito di queste prove prenderemo nuove decisioni…se necessario”.

“D’ accordo, pensate che ci siano altre cose che possono aiutare? Ci sono testi di cromoterapia, aromaterapia ed altre cose, Sven, puoi dirmi se c’è qualcosa che possa aiutare il progetto?”

Sven fu colto leggermente alla sprovvista dalla mia domanda: “Adesso non so risponderti Kate, ma ti assicuro che farò una verifica sui Tasker per vedere se ci sono particolari profumi o vibrazioni che possano aiutare, dammi un paio di giorni e ti metterò al corrente delle mie scoperte”.

Bene, era ora di far visita ad Anna.

Matt, Valdes e Sonia furono della partita, così decidemmo di fare una visita alla Palestra.

LA PALESTRA

Bloccai i miei amici: “Meglio se prima informiamo Anna, diamole le informazioni esatte facendola uscire dal Tasker”.

Matt annuì approvando la mia idea: “Chiedo a Sven di preparare un by-pass temporaneo, avvisa Gianni”

Lo chiamai telepaticamente “Accompagna qui Anna, dobbiamo metterla al corrente di qualcosa di importante”.

Rispose che sarebbero partiti immediatamente.

Intanto spiegai ai ragazzi che la mia idea era di far in modo che Anna focalizzasse l’ entità all’interno del suo Corpo Mentale senza disintegrarla: “Così potrà mettere in relazione la cosa con il lavoro da fare sul Corpo dei Sogni, questo dovrebbe aiutarla notevolmente”.

Da lì a poco i due arrivarono: “Cosa succede ragazzi?” chiese Anna incuriosita. Le spiegai cosa avremmo fatto: “Adesso ti facciamo uscire dal Tasker e ti darò delle istruzioni, ..sei pronto Sven?”

L'aiutai a sdraiarsi sul lettino dell’infermeria.

“Quando vuoi Kate” disse l’ingegnere.

Anna si ritrovò all’esterno: “Ricordi quegli strani esseri appesi nelle caverne?”

“Certo, li avete congelati?” la misi al corrente della nostra azione congelante su tutto il pianeta Fionis e del fatto che quegli esseri erano ora intrappolati nelle caverne di quel posto.

“Adesso Anna presta particolare attenzione a quello che ti chiedo di fare, cerca di non disintegrare niente con la tua energia”

Lei era particolarmente attenta: “Dimmi cosa devo fare Kate”

“Devi osservare l’interno del tuo Corpo Mentale ed osservare quello che trovi nella zona della testa, cerca di osservarlo semplicemente senza eliminarlo.

Dovresti trovare la proiezione mentale di un Henty, ti chiedo solo di porre su di esso la tua attenzione per capire cosa cercare una volta che ritornerai all’interno di Planet”.

Lei lo fece, ma si fermò quasi immediatamente: “Più lo guardo più sento il desiderio di farlo sparire ed in parte l’ ho già eliminato….come faccio?”

Sonia rise: “Prova a spegnere il tuo corpo mentale, così per il momento non ci pensi….magari usciamo a fare un giretto”

Con grande stupore Anna si rese conto che il suo Corpo Energetico poteva sparire, ora si sentiva veramente libera, uscimmo dalla Nemesis per farle sperimentare di nuovo le capacità che aveva dimenticato da quando si era infilata all’interno del Tasker.

Aveva delle abilità particolari, molto simili alle nostre; la portammo a visitare “Ice Prison” e ne rimase deliziata.

Potevamo comunicare telepaticamente con grande facilità. Una volta lasciato quello che un tempo era Fionis I passammo in volo radente su Terranova ed andammo in direzione di Kratox.

Anna desiderava fare una visita al suo pianeta d’ origine.

La lasciammo sfogare per tutto il tempo concesso dal by-pass del suo Tasker; era un essere notevolmente in gamba.

“Vi faccio vedere uno dei miei luoghi preferiti” così dicendo ci condusse alle “Montagne Verdi”. Potevamo ammirare delle splendide montagne.

Erano una composizione molto estetica tra quello che definirei quarzo e giada.

Erano di un tenue verde a tratti trasparente, alcune zone sembravano essere state satinate da un abile artigiano.

Tra quei monti sgorgava un ruscello di energia pura, potevo vedere come increspandosi tra le anse questa energia diventasse spumeggiante ed assumesse delle tonalità dorate.

Alle pendici della montagna si intravedeva un bacino azzurro, sembrava costruito dello stesso materiale di cui erano fatte le montagne.

Il silenzio e la pace che regnavano in quel luogo davano una sensazione di immensità interiore decisamente piacevole.

Sapevamo che si avvicinava il tempo del rientro così volammo fino alla Nemesis, Anna volle fermarsi per un istante ad ammirarla dall’ esterno; poco dopo rientrammo e creammo nuovamente il nostro Corpo Mentale.

“Non ne ho proprio voglia, però lasciatemi rientrare altrimenti disintegro quel poco che è rimasto della proiezione di quel malefico Henty!”

A queste parole seguì la sua azione, Anna rientrò nel Tasker.

Ci guardò con due occhi decisamente molto luminosi: “Come diamine ho fatto a entrare in quel maledetto aggeggio la prima volta?”

Lo disse in maniera piuttosto comica e la cosa ci fece ridere; poi si guardò in giro: “Cosa ne dici Bones?” domandò all’ ufficiale medico.

Lui le sorrise: “Dico che dobbiamo trovare un modo per liberare quella proiezione dalla testa delle persone, abbiamo bisogno che tu ti sprema le meningi”.

Anna rise, stava cercando di capire cosa percepiva in quel momento nella sua testa: “Sapete che sento uno strano ammasso all’interno della testa?….Sì che lo sapete, ve ne ho già parlato. Però posso dirvi anche che sebbene senta che si trova appeso alla calotta cranica occupa in modo molto deciso la parte centrale della testa.

Particolarmente la zona dietro ad occhi, naso e fronte.

Come ce ne liberiamo?”

Le spiegai che Bones consigliava di trovare il primo momento in cui l’ entità aveva proiettato se stessa all’interno della “testa” e per farlo bisognava localizzare il primo momento in cui una persona aveva provato una forte eccitazione sessuale o addirittura il primo orgasmo.

Anna diventò seria, stava cercando di sondare nella sua mente quando fosse accaduta una cosa del genere, sembrava aver localizzato qualcosa.

“Potete leggere nella mia mente vero? Evitate di farmi spiegare tutto, non che me ne vergogni, ma trovo la cosa particolarmente stupida”

Sì, potevamo leggere nella sua mente e questo è quello che potevamo vedere. Aveva circa 12 anni e spesso ascoltava le sue amiche che parlavano di sesso, qualcuna di loro esagerava dicendo di avere già il fidanzato.

Altre si soffermavano a parlare di come fossero fatti i ragazzi e facevano disegni sulla carta del membro maschile.

Qualcuna di loro diceva che da ormai molto tempo era dedita alla masturbazione.

Anna si sentiva fuori dal mondo, si domandava come mai le sue amiche sapessero tante cose e lei fosse all’oscuro di tutto.

Volle così provare quello che le stava consigliando una sua amica.

Anna iniziò a raccontare di quel momento: “Ricordo che mentre lo stavo facendo la trovavo una cosa inutile, quasi stupida, però andando avanti è accaduto tutto così velocemente che sono restata parecchio stupita.

Nel momento in cui ho provato il mio primo orgasmo ho provato anche un gran senso di vergogna, sembrava che qualcuno mi stesse guardando, ma in casa ero sola.

Ho sentito chiaramente come se qualcosa di pesante mi piombasse sulla testa per poi infilarsi al suo interno.

Quella sensazione non è durata molto, ma devo ammettere che la cosa mi ha spaventata; non sapevo esattamente cosa mi fosse successo, però mi sono resa conto che da quel momento guardavo i ragazzi con un punto di vista decisamente differente.

Comunque, per tutto il resto del giorno pensavo che mi si leggesse in faccia quello che avevo fatto”.

Bones annuiva sorridente verso di lei: “Brava Anna, hai trovato l’esatto momento in cui la cosa è successa, ora secondo la mia teoria dovresti ripensarci e magari ripeterla a Kate tutte le volte che lo senti necessario fino ad ottenere una specie di disintegrazione di quell’episodio.

Il ricordo rimarrà, ma sicuramente la sua influenza sarà ridotta notevolmente.

A quel punto non ci resta che trovare il modo per liberare il Corpo dei Sogni dall’effetto lasciato da quell’intrusione forzata”.

Restai sola con Anna mentre Gianni, Valdes, Matt e Sonia ci precedevano in Palestra. Anna ripensò a quell’avvenimento e me lo raccontò un paio di volte per filo e per segno, poi sbottò: “Quella lurida merda schifosa laida e bastarda di un’entità di cacca!”.

Io scoppiai a ridere, sembrava seria mentre profferiva quelle parole, ma non lo rimase a lungo, cominciò a sorridere: “Ma ti rendi conto di quale orrida schifezza mi ha accompagnato da quel momento in poi? Ricordo perfettamente che prima di quel fatto l’eccitamento sessuale era presente ma aveva una forma alquanto indefinita.

Mentre da quel momento in poi è diventato qualcosa di fin troppo chiaro!”

Anna seguì il consiglio di Bones, cercò quindi di analizzare nuovamente quanto le fosse successo quel giorno, poi cominciò a ridere: “Quella immensa merdaccia aliena!” esclamò, io potevo vedere cosa stesse immaginando. Si era creata una sua scenetta spiritosa. Vi era l'immagine di un alieno grigio alto circa due metri e mezzo, molto snello e con grandi occhi scuri.

Era chino e stava facendo una bella cacca grigia, questa cacca poi lo salutava e saltellando andava ad appendersi sotto un cornicione, cominciando sommessamente a ronzare.

Quella scena mi fece ridere, Anna non sembrava essere ulteriormente turbata da quell’esperienza, mi disse solo: “Ma come è possibile che in quel momento non mi sia resa conto di quello che succedeva? Come diamine è possibile che quell’episodio sia rimasto nascosto nella mia mente fino ad ora?”

“Ho paura che questa sia la particolarità di quell’esperienza, la mia idea al riguardo è che nessuno a cui sia successo se ne ricordi o che non ci abbia fatto molto caso.

Guarda come il tutto sia mischiato con varie emozioni, credo che quelle emozioni avessero lo scopo di sviare l’attenzione di chi stava subendo quell’intrusione”.

Anna balzò in piedi sorridente e decisa: “Andiamo, abbiamo del lavoro da fare!”

In poco tempo raggiungemmo la Palestra, Gianni stava mostrando agli altri i vari cambiamenti.

Anna mi fece vedere cosa avevano dovuto fare all’interno della zona dove c’erano i sacchi da pugile: “Abbiamo fatto esercitare Ernst, all’inizio prendeva a pugni il sacco sorridendo, poi ha cominciato lentamente ad accanirsi contro quel povero attrezzo.

Abbiamo dovuto tappezzare una parete con dei materassi, il secondo giorno di quella terapia lo ha reso così violento e cattivo che avevo paura ad avvicinarmi, non so quale rabbia stesse sfogando, ma sembrava davvero imbufalito.

Il terzo giorno aveva continuato solo sul sacco e sembrava essersi svuotato da una strana ed invisibile cattiveria”

Ernst era lì vicino che ascoltava. Anna rideva mentre lo guardava, aveva notato anche lei il suo polso fasciato e degli strani graffi sulla faccia.

“Hai fatto a botte con un gatto selvatico?” gli domandai ridendo. Sorrise timidamente, sembrava meno imbranato del solito: “Mi sono sfogato, non so perché ma ad un certo punto ho provato una tale rabbia che ho cominciato a colpire furiosamente ogni cosa si trovasse davanti a me,…però adesso mi sento davvero molto meglio!”

Qualcosa in lui era cambiato, era più vigile del solito, oserei dire più sveglio.

Anna mi fece notare che al momento c’erano circa dieci persone che stavano usando le poltrone da meditazione. Ne indicò una in particolare: “Quella ragazza là ha cominciato a provare degli strani capogiri durante gli esercizi sul tapis roulant, domani la faccio provare di nuovo, penso che sia dei nostri”

Valdes volle curiosare, eravamo affacciati ad una delle porte della sala di meditazione, sfiorò la mia guancia con la sua ed io ne approfittai per dargli un bacio.

La ragazza si girò verso di noi guardandoci, non avevamo fatto nessun rumore ma lei si sentiva osservata, chiudemmo la porta: “Penso che tu ci abbia visto giusto” disse Valdes ad Anna.

“Ora voglio organizzare un paio di cose poi mi dedico agli esercizi che ha consigliato Bones.

Voglio proprio vedere cosa si riesce ad ottenere cercando di lavorare sulla zona della testa, poi vi faccio sapere, se ho dei dubbi o dei problemi vi avviso, tanto ho visto che Gianni ci impiega poco tempo a mettersi in contatto con voi”

Le dissi telepaticamente: “Ma magari adesso anche tu hai qualche possibilità di riuscirci, Sven ha ridotto l’effetto del tuo emanatore superiore…ricordi niente del viaggio fatto all’esterno della Nemesis?”

Anna sorrise spalancando la bocca, aveva qualche ricordo di quello che le era successo all’esterno del Tasker: “Però non è giusto, avreste dovuto chiamarmi quando avete ghiacciato quei putridi escrementi!”

Matt rise di gusto: “Tranquilla Anna, vorrà dire che ti daremo una bella vasca energetica!”

“La voglio anch’io” disse Gianni alle nostre spalle.

“Taci simpatica bestiola, tu ne hai già una” gli rinfacciò Anna.

“Miaooo” fece Gianni per tutta risposta, spostando di lato la testa come un gatto in cerca di coccole.

Lasciai Anna e Gianni al loro lavoro, salutai anche Ernst che stava per entrare nella sala di meditazione ed andammo direttamente su Terranova.

Trovammo i ragazzi dell’equipe di Bones che stavano discutendo su come capire chi ci fosse all’interno dei Tasker.

Bones ci disse che volevano fare un paio di esperimenti: “Penso che ci sia qualche possibilità di percepire qualcosa, adesso che le cose sono cambiate, avendo tolto di mezzo gli Hentys”.

“Bene, andiamo a verificare di persona” disse Matt.

Nessuno si fece pregare, andammo su Grekos in loro compagnia, vollero unirsi a noi anche Sven e Sgrunff.

La squadra di Bones cominciò a sondare i Tasker facendo vari commenti: “Qui non si capisce niente. Questo è sicuramente un Surrogato, sentite che pesantezza emana questa apparecchiatura!”

Passavano vicino ai vari Tasker, ma la maggior parte di essi era indecifrabile; dopo aver setacciato per un po’ di tempo quelle attrezzature ne selezionarono tre, pensavano che da quei Tasker emanasse qualcosa di positivo, eravamo tutti incuriositi da quell’esperimento.

“Apri il primo” disse Bones a Garret, uno dei ragazzi della squadra. Questi si apprestò a farlo e ne uscì un individuo alquanto confuso ed inebetito: “Dove?…..Come?” fortunatamente non era un Surrogato, almeno questa era una buona notizia. Venne semplicemente rincuorato ed affidato alle cure della sua equipe.

Il secondo Tasker ci riservò la stessa sorpresa, era anche lui un essere delle razze intermedie, molto confuso e con qualche domanda in più del precedente.

“Sono piuttosto malconci, però riusciremo ad aiutarli più velocemente se sono al di fuori di queste apparecchiature,….certo che quei dannati Hentys hanno fatto proprio un bel lavoro!” esclamò Bones.

Il terzo Tasker venne aperto, un essere piuttosto confuso ne uscì: “Dove sono? Dove sono finiti i miei studenti?…..Sono morto?”

Dalle domande sembrava un po’ più sveglio dei primi due, Valdes disse: “Col potere conferitomi dalla spada di nonno……” , Matt lo interruppe con una grossa risata: “Così lo confondi ancora di più non vorrai nominarlo morto vivente vero?”.

Valdes rise ed appoggiò una mano sulla spalla di quell’individuo: “Come puoi parlarci se sei morto?”.

Il tizio rimase a bocca aperta: “Ma la mia lezione….arte gotica….i miei studenti…dove è finito tutto quanto? Ma non sarò mica morto per caso?” ripeté non credendo a quello che vedeva.

“Và bene, ti confessiamo che sei morto, però…non ti sembra di essere un po’ troppo chiacchierone per essere un morto?” gli chiese Matt. Quell’essere aveva visto Sgrunff e lo stava fissando negli occhi: “Ma tu sei….Chi sei tu?”.

Sgrunff gli sorrise: “Mai stato su Voltiur?”. A quella frase il tizio tirato fuori dal Tasker si fece più attento, come se qualcuno avesse bussato alle pareti del suo cranio per chiedere se ci fosse qualcuno in casa.

Bones lo prese sotto braccio e gli fece vedere il Tasker: “Fino a poco fa ti trovavi qui dentro, vuoi vedere se ci sono degli studenti o qualche strana scuola?”

Lui si guardò in giro: “Che razza di posto è mai questo?…Non credo alle storielle del paradiso e dell’inferno, sono uno stimato professore universitario…..forse, ma cosa succede?”

“Non sembra ridotto tanto male il nostro professore, certo che la sua memoria sta perdendo qualche colpo, Sgrunff sembra che tu gli ricordi qualcuno….”

Il tizio si girò verso di noi guardando ancora Sgrunff negli occhi: “Mi sembra di averti già conosciuto, insegni forse da qualche parte? Ci siamo incontrati a qualche corso di aggiornamento?”

Sgrunff si limitò a sorridergli mentre Bones lo prese per un braccio: “Girati e guarda attentamente”. Non glielo stava chiedendo, gli stava impartendo un ordine secco, il tizio si girò e Bones esclamò: “Bravissimo! Adesso guarda più attentamente che puoi e dimmi esattamente cosa vedi!”

Lui guardò, poi si girò verso di noi: “Ma vedo soltanto una poltrona e degli strani congegni”

Bones lo guardò dritto negli occhi: “Vedi forse delle persone che ti stanno aspettando? Degli studenti magari?”

“No ma…stavo tenendo una lezione e stasera dove uscire a cena con la mia fidanzata….”

A quelle parole notammo una leggera scarica elettrica nella sua testa, lui sembrò confuso, era quella maledetta proiezione che cercava di interagire sugli emanatori, il ricordo della cena con la ragazza aveva fatto scattare qualcosa nella sua mente.

“Se vuoi ti rimandiamo dentro e potrai sostenere con assoluta certezza di aver vissuto un esperienza di pre-morte, ma magari potresti osservare un po’ più attentamente e scoprire che tutto questo è solo un grosso videogame…a proposito, se vuoi rientrare possiamo presentarti il Creatore di tutto questo, così potrai anche dire di avere incontrato Dio.

Avvicinati Sven e dagli la tua solenne benedizione!”

Sven si avvicinò immediatamente: “Col potere della spada che mi ha prestato Valdes, appartenuta al valoroso nonno Gustavo……”

Matt stava ridendo come un pazzo: “Ma allora è proprio contagiosa quella spada, dovrai prestarmela un giorno o l’altro Valdes. Comunque ti presentiamo Dio, il Creatore di questo videogame; …sì, hai capito bene, si tratta di un gioco!”

“Ma allora, tutti i miei studi, la laurea, il lavoro e quell’odiosissimo rettore?…tutta una finzione?…Eppure sembrava così vero, soprattutto le notti con Doroty!”.

Sentimmo ancora quel lieve ronzio prodotto dalla lieve scarica elettrica nella sua testa.

Sgrunff gli mise una mano sulla spalla, lo rassicurò: “Vieni che facciamo due passi, ti parlerò del mio pianeta, Voltiur, magari ti ricorderà qualcosa.

Comunque qui abbiamo una Biblioteca Universale molto ben fornita e se vuoi insegnare ci sono molti studenti desiderosi di imparare, andiamo”

Il tizio seguì placidamente Sgrunff, lui ci comunicò telepaticamente: Lo conosco molto bene, è uno della mia razza, ma penso che sia meglio trovare una soluzione a questa dannata intrusione.

Meglio cominciare ad alleggerirla all’interno di Planet, questo mio amico lo trovo alquanto rincoglionito, avrà bisogno del tuo intervento caro Bones, ad ogni modo siete stati fantastici!”

Matt trovava divertente strappare gli esseri intrappolati nei Tasker e Valdes lo appoggiava, Bones sorrideva a quei due pazzi: “Peccato che siano troppi, comunque adesso vediamo in quanto tempo riusciamo a sistemarli mentalmente.

Non è detto che si possa formare una squadra per ricercare quelli che rispondono meglio.

Non oso pensare alle persone che gli stanno intorno nel gioco mentre li tiriamo fuori”.

Valdes rise: “In Planet vedono la morte come una cosa brutta e da evitare, dobbiamo far in modo di dar loro un pochino di consapevolezza in più,…chissà come sono contenti gli studenti di quel corso, professore morto = niente lezione”.

Valutai con gli altri quello che avevamo osservato nella mente dell’amico di Sgrunff: “Avete notato come l’intruso cercava di far scattare gli emanatori?”

“Sì, sembrava proprio che avesse invaso una parte della sua mente per farla operare secondo certi ordini stabiliti nel momento dell’intrusione.

E pensare che si tratta solo di una proiezione e non di una vera entità, direi che si tratta di corruzione mentale”

Decisi di lasciar passare un paio di giorni prima di vedere come se la stesse cavando Anna, ci ritrovammo a bordo della Nemesis in un meeting, ma non avevo voglia di pensare al lavoro che ci aspettava: “Cosa si trova al di fuori dei tre universi?” chiesi a Matt e Valdes, loro sorrisero, Sonia e Bones li guardavano incuriositi: “Ci andiamo in volo o prendiamo una nave?” chiese Sonia.

“Useremo la Silver per raggiungere quei luoghi e comunque non vi diciamo niente adesso, vi assicuro che scoprirlo coi vostri occhi sarà molto più interessante, e poi cogliamo l’occasione per fare un viaggio insieme!” disse Matt strizzando l’occhio a Valdes.

“Perché useremo la Silver?” chiese Bones che non riusciva a captare nessuna traccia mentale dell’avventura di quei due.

“Perché ce lo ha consigliato nonno Gustavo, ha parlato tramite la sua mitica spada!” gli rispose Valdes ridendo.

“Non prendeteci in giro simpatiche canaglie, e poi perché non riusciamo a sentire niente della vostra visita in quei luoghi?” chiese Sonia rivolgendosi a Matt.

“Forse perché non ci siamo mai stati, oppure perché vogliamo che sia veramente una sorpresa per voi, vi diciamo solo che esiste un altro universo in cui…..” e lasciò la frase a metà.

Sonia rise e diede una pacca sulla spalla del suo compagno.

“Comunque è deciso, alla fine di questa missione ci andiamo!” raccomandò Bones “adesso troviamo il modo per debellare il lascito degli Hentys, vado alla Biblioteca a prendere l’amico di Sgrunfy e vedere di capire ancora qualcosa su quelle intrusioni, nel frattempo lo aiuto a liberarsene”.

Passarono i due giorni che avevo deciso di attendere prima di far visita alla palestra, così mi diressi a trovare Anna, la trovai che stava sperimentando alcuni passi delle tecniche proposte da Bones.

“Ciao Kate, qualche passo avanti sono riuscita a farlo, ma c’è qualcosa che non riesco a risolvere, benché Sven abbia indebolito l’effetto dell’emanatore superiore trovo difficile liberarmi di quella strana massa che sento all’interno della testa.

Eppure per tre volte si è staccata e si è allontanata, in quel momento ho sentito una leggerezza bellissima e mi sono ritrovata a ridere inebetita, stavo proprio bene, riuscivo a percepire tutto quello che avevo attorno in maniera completamente diversa,…oserei dire, più vera!”

“Che cosa hai fatto esattamente in quel momento Anna?”

“E’ proprio questo il punto Kate, non ho fatto assolutamente nulla, quindi non conosco il motivo del suo distacco.

Però ho avuto la sensazione che quella cosa si staccasse dalla testa e si muovesse verso l’alto ed in avanti, purtroppo quella sensazione non è durata a lungo, una decina di minuti…forse.

Veramente non era una sensazione ma qualcosa che stava succedendo veramente.

Se mi concentro e cerco di porvi l’attenzione per disgregarla poco per volta ottengo dei risultati molto deludenti, sento che qualcosa si alleggerisce, ma ho l’impressione di dover scavare una enorme trincea utilizzando un cucchiaio rotto”.

“Ok Anna, non ti perdere d’animo e continua, più tardi vengo a darti una mano”.

Ci salutammo, dovevo fare una cosa che non mi allettava molto ma dovevo tastare con mano, probabilmente lavorando a stretto contatto con Anna avrei trovato una soluzione più velocemente, volevo anche fare una pausa da quel lavoro e far visita coi miei amici all’esterno dei tre universi.

Chiamai tutti a rapporto, dissi loro che avevo intenzione di fare una cosa che avrei non voluto, ma sentivo di non aver altra scelta in quel momento.

“Sven preparati a togliere il by-pass dal mio Tasker, spegniamo il programma NPC che sta facendo giocare il mio personaggio e speriamo che Serena non lo abbia messo all’ingrasso.

I ragazzi mi chiesero se fossi sicura che quella fosse la mossa migliore da fare: “Possiamo contare solo su due persone in questo momento che sono all’interno di Planet, una di loro è Ernst ma non mi sembra ancora in grado di aiutare attivamente nella ricerca.

Anna è davvero notevole e penso che aiutandola da dentro possiamo trovare una via d’uscita molto più velocemente.

Sicuramente useremo Ernst come cavia, e avrò la possibilità di testare molte cose con l’aiuto di Sven e di Bones.

Vorrà dire che inviterò Anna alla tenuta a farsi una bella mangiata, naturalmente dovrete essere presenti anche voi!”

“Contaci!” disse Valdes, Sven era pronto: “Ci vediamo più tardi ragazzi” dissi loro mentre mi avviavo verso il mio Tasker.

Entrai, l’ormai familiare e sommesso ronzio degli emanatori mi pervase, dopo un primo leggero attimo di sbandamento mi trovai nel corpo di Kate alla tenuta, mentre stava terminando di scrivere le ultime parole di questo libro…..

FINE VOLUME DUE



Commenti

pubblicato il 18/01/2014 23.46.08
OscuroSilenteOmega, ha scritto: Spettacolare! A quando il terzo? Mi dica a breve la prego!
pubblicato il 22/01/2014 20.34.53
Winterlord, ha scritto: Grazie per il commento. Al momento non c'è una data prevista per il terzo volume.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: