ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 12 gennaio 2012
ultima lettura martedì 22 settembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

PORCUPINE TREE

di jankadjstrummer. Letto 1064 volte. Dallo scaffale Musica

I Porcupine Tree vengono dall'Inghilterra e propongono un rock progressivo molto legato alla musica e all'immaginario degli anni '70

I Porcupine Tree vengono dall'Inghilterra e
propongono un rock progressivo molto legato alla musica e all'immaginario degli
anni '70.


<img src="http://3.bp.blogspot.com/_IBsEBBA23Kc/SlOnZrtL1WI/AAAAAAAAAL0/SfTXJYDnIAE/s400/Porcupine_Tree_The_incident.jpg" border="0" alt="the incident" title="the incident" width="200" height="200" />

Il gruppo è attivo dal 1987, sono nati quasi per scherzo
come progetto parallelo in quanto Steven Wilson, che è il cuore pulsante della
band, era già impegnato con un altro gruppo. Si ritrovano per suonare accomunati
dalla grande passione per i Pink Floyd. Ben presto, però, il progetto prende
forma e già nel 1990 esce il loro primo EP "The Love, Death & Mussolini",
Steven Wilson firma tutti i testi dimostrando una grande capacità espressiva e
molta poeticità. Cercare di spiegare a parole il suono e la musica di questi
Porcospini è un po' arduo perché non sono circoscrivibili, quello che è certo e
che troviamo nei loro lavori parti heavy metal, parti acustiche, armonie vocali,
momenti psichedelici e ambient a dimostrazione che dietro ogni singolo solco del
disco c'è un complesso lavoro di sintesi. I loro dischi, nella loro
ultraventennale carriera, sono dei viaggi visionari quasi sempre con un filo
conduttore, un tema dominante che rientrano sicuramente sotto il grande
ombrello del "concepì album" di tradizione progressive. Per cogliere in pieno
l'essenza del disco è impensabile ascoltarlo a piu riprese o per singolo brano
perché non se ne apprezza la coralità, né si trova il nucleo del lavoro. Per
gustare una loro opera bisogna avere, almeno un'ora di tempo libero, silenzio e
isolamento totale dal resto del mondo, e non ultimo il giusto umore. Ritengo che
un loro disco sia da trattare come un libro o come un film d'autore bisogna
seguirlo con attenzione, cogliere le sfumature sforzarsi di capire e
sicuramente sarete appagati da tanta grazia. A questo punto vorrei parlarvi del
loro ultimo album uscito ormai da quasi un anno e facendo tesoro di quello che
ho detto cercherò di andare al cuore, all'essenza del disco sperando di
incuriosirvi e spingervi all'ascolto. "The incident" è concepito proprio come un
cortometraggio, diviso in tanti momenti, alcuni drammatici, malinconici, altri
di speranza, di rabbia. Tutti elementi necessari per fare una grande opera rock.
Nell'album si parla di un " incidente " che può capitare nella vita di tutti i
giorni di ognuno,da quel momento la vita ti cambia drasticamente. Faccio
partire il primo brano di questo lavoro: Occam's Razor che col suo suono heavy
metal ci catapulta nella tragedia creando una tensione quasi palpabile che
continua col 2 brano The Blind House che inizia con chitarre acide prima di
lasciare le redini alla stupenda voce di Steven Wilson dai connotati melanconici
; il terzo pezzo e il quarto pezzo - Great Expectations e - Kneel and
Disconnect sono due brani tranquilli in cui la voce e la chitarra si fondono in
un crescendo molto pop: è il preludio di Drawing the Line in cui il "concepì"
riacquista vigore, il ritornello diventa potente e la chitarra tesse armonie
che fanno pensare ad una ripresa del controllo di se del personaggio.
La title track The Incident è veramente toccante potrebbe essere la giornata nera
del protagonista, l'incidente, i vetri rotti sul cruscotto ma si trasforma
invece in una liberazione dalle tante ossessioni, fino allo struggente grido
finale "I want to be loved" ( voglio essere amato): la chiamata di una forte
speranza. La musica e il coro che lo accompagna è dolce ma sale a poco a poco
toccando il culmine, di cui parlavo, quando grida il suo bisogno d'amore.
Seguono brevi pezzi classici Your Unpleasant Family e The Yellow Windows Of
The Evening Train il primo si caratterizza per un bell'assolo di chitarra in
perfetto stile Floydiano mentre nell'altro sembra di vedere delle istantanee che
immortalano momenti di tenerezza e di pace.
Poi Time Flies, qui tornano ancora gli echi dei Pink Floyd, nel pezzo si susseguono parti acustiche a parti molto ritmate in cui si insinua magistralmente il sintetizzatore. Degree Zero
Of Liberty è l'introduzione a Octane Twisted che parte con un dolce arpeggio di
chitarra e una voce quasi sussurrata accompagnata da una doppia voce in
falsetto, ma presto lascia il posto ad una scatenata chitarra; con The Séance
le atmosfere ritornano leggere ma molto malinconiche, torna la doppia voce in
falsetto che evoca sentimenti di speranza. Circle Of Manias, invece, è un brano
molto strano l'elettronica si fonde con l' hard della chitarra di Wilson . Il
lavoro si chiude con la tristissima I Drive The Hearse che non è la fine ma che
da uno spiraglio, un tassello per ricostruire la propria esistenza: " quando
sono triste guido il carro funebre" che sembra voler dire che solo la morte non
dà nessuna speranza. L'appuntamento con i Porcupine Tree è fissato per luglio
nell'ambito di Pistoia Blues, rassegna che come l'anno scorso seguiremo da
queste pagine. JANKADJSTRUMMER

DISCOGRAFIA:

1991 - On the Sunday of life...

1993 - Up the Downstair

1995 - The Sky Moves Sideways

1996 - Signify
1997 - Coma Divine - Recorded Live in
Rome (dal vivo)

1998 - Metanoia

1999 - Stupid Dream

2000 - Voyage 34: The Complete
Trip

2000 - Lightbulb Sun

2001 - Recordings

2002 - Stars Die: The Delerium Years
1991-1997

2002 - In Absentia

2005 - Deadwing

2007 - Fear of a Blank Planet

2009 - The Incident

Formazione:

Steven Wilson - voce, chitarra, basso (1987 Richard Barbieri - tastiere, pianoforte (1993 - )Colin Edwin - basso (1993 - )Gavin Harrison - batteria, percussioni (2002 - )MJohn Wesley - chitarra, voce (2002 - ) solo
in tour


TESTI
IN ITALIANO DALL"ALBUM THE INCIDENT

TESTI IN ITALIA NO DELL'ALBUM "The
Incident"

La Casa Cieca

Se vuoi restare
sempre qui
tutti
questi anni
Un'ultima frontiera
Non è un loro problema
Il mondo esterno
Corrompe il mio bambino
Quindi fidati di questi occhi

La fede è nella tua anima
tra queste
mura
gli ormoni stagnano
I cani strisceranno
I vizi e i dubbi
Noi
resistiamo
A tutta questa merda
Quindi inginocchiati e
sottomettiti

Amore libero
Amore libero
Porta
amore
A tutte le mie sorelle
Espira
Casa cieca
Non hai bisogno
di
Conoscere i loro segreti
Credimi

Prega e vìola
Abusa la tua fiducia
I
falsi dèi devono
Purificare la propria lussuria
Una famiglia che
mente
Per sigillare il tuo destino
Per prendersi la responsabilità
Del
proprio auto-disprezzo

Espira
Casa cieca
Amore
libero
Sentiti amato

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Grandi Speranze

Un giorno d'estate
Nelle ghirlande mi
sento sicuro
L'inutile convinzione
Che un giorno ti avrò, in qualche
modo
Mi chiedo dove tu sia adesso

Hey, eccoti qui
Con occhi
placidi
Ignari di ciò che sta per accadere
Ti hanno rinchiusa
Così ti
ho dimenticata, dimenticata
nome, così strano
Mi chiedo se tu sia
uscita

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Inginocchiati e disconnettiti

Inginocchiati e disconnettiti e
Butta
via un altro anno
Riempi il modulo e inizia una nuova carriera

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Darci un Taglio

Canfora intrecciata con un nastro
E'
l'ora delle streghe
Cinematografico ma crudo
Mi estorci tutti i sentimenti
e te ne vai
Sembra così naturale per te

La sirena si arrampica ancora
sulla sua
torre della vittoria
Come se ci fosse qualcosa da dimostrare
Intrappolo le
gocce di sudore che
scorrono in mezzo ai miei occhi
E libero la smania di
movimento

Ci sto dando un taglio
Ci dò un
taglio
E ho il mio orgoglio
Prendo il controllo
E salvo la mia
anima
Ti metto da parte
E non ho dubbi

Ho sognato il suono delle forbici
che
tagliano via i punti
E poi gettano l'utilizzato
Registro tutti i miei
problemi
sulle schede di memoria
La tua compassione immota verso gli
altri
ciò che ti fanno sempre
La più contorta delle tue
regole
Distilla malessere e fotografa
il buco che lascia
Mentre te ne
fa una copia

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

L'incidente

Al raccordo 8 il traffico inizia a
rallentare
Artiglierie di luci dei freni
e un bagliore bluastro
che
ascende in un piumaggio di metallo attorcigliato
Vetri frantumati e
coriandoli
sbattuti sullo sterzo

Quando un incidente d'auto ti eccita
hai
perso la ragione
Quando una scopata non è abbastanza
Sai che hai
sbagliato
Quando la chiesa è piena significa
che ti hanno
fregato
Quando il mondo si è logorato
sei così distaccato

Ho la sensazione di volerti qui

Guidando accanto, mentre vado altrove
Mi
riempio i polmoni con un odioso
odore pungente
Ci sono erbacce e

grigio cemento come questo per miglia
Anime morte nel mio specchietto
retrovisore
Che fanno l'autostop

Voglio essere amato

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

La tua Sgradevole
Famiglia

La tua sgradevole famiglia
Mi ha
sfasciato la macchina
(perfettametne affianco a te)
La tua sgradevole
famiglia, sono così vili
(esco carponi dai rottami, sulle ginocchia)
Va
tutto bene mio fiore, allora
cosa abbiamo imparato?
(ho trovato rimpianto
tra gli alberi)
scatti di una vita che avevamo nel giardino
Strappiamo i
fiori

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Il Tempo Vola

sono nato nel 67
l'anno di sgt pepper

e "are you experienced"

in una periferia paradisiaca
sì, sarebbe
dovuto durare per sempre
tutto sembrava avere un senso

ma dopo un po' ti accorgi che il tempo
vola
e la cosa migliore da fare è prendere al volo tutto ciò che ti
capita
perchè il tempo vola

lei mi ha detto che "la fortuna aiuta gli
audaci"
"devi semplicemente uscire e rincorrerla"
"adesso balliamo un
po'"

lei mi ha detto "nulla accade
se non lo
fai accadere tu
e se non riesci a ridere, almeno sorridi"

ma dopo un po' ti accorgi che il tempo
vola
e la cosa migliore da fare è prendere al volo tutto ciò che ti
capita
perchè il tempo vola
e adesso ti vedo ancora com'eri
quando
ridevi sotto la doccia, d'estate

come fa il tempo a rovinare tutto?
senza
avvisi, le cose rallentano
una conferenza su ciò che è strano
e la tua
famiglia è confusa

potrei dirti cosa penso
mentre siamo qui
e beviamo
ma non so da dove cominciare

tu vedi che c'è qualcosa di sbagliato
mi
dispiace se non sono chiaro


puoi smettere di fumare la tua
sigaretta?

ma dopo un po' ti accorgi che il tempo
vola
e la cosa migliore da fare è prendere al volo tutto ciò che ti
capita
perchè il tempo vola
e ti vedo ancora con quel cappotto
che
avevi indosso metre eravamo alle Alton Towers

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Ottano Contorto

Andiamo dietro al dispiacere per liberare
il tuo
Sangue che sgorga da quelle canne
Fammi segno che posso respirare
l'aria
Il sangue esce da quel flusso
(dammi qualcosa di nuovo ti prego,
qualcosa che possa amare)

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

La Seduta
Spiritica

sotto le luci al neon le mani si
incontrano
in coro cantano un nome, ripetendolo

il tavolo si muove, il cerchio si è
rotto
nessuno dubita
pagheranno ciò che devono a lei.

una mano incorporea, luminosa
regge
l'aria, fa passare una corrente
una voce è connessa, la corda si slega
la
luce trema
e qualcuno è qui.

noi inseguiamo il dolore per sentire
il
tuo sangue che stilla dagli arbusti
dammi un segnale - posso respirare
l'aria
il sangue esce da questo flusso

(dammi qualcosa di nuovo, per
favore
qualcosa che io possa amare)

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Guido il Carro
Funebre

Quando questa libertà mi macchia il
cappotto
Con l'inverno nella mia gola
Quando sono perduto scavo nella
terra
Quando cado guido il carro funebre

E il silenzio è un altro modo per dire ciò
che voglio dire
E mentire è un altro modo per sperare che se ne vada via
E
tu sei sempre stata il mio errore

Se mi dai tempo aggiusto il tetto
Se mi
dai soldi dico la verità

E il silenzio è un altro modo per dire ciò
che voglio dire
E mentire è un altro modo per sperare che se ne vada
via

E tu sei sempre stata il mio
errore

Quando sono giù guido il carro
funebre

Quando questa noia mi stanca
Il cielo
poi si annuvola
Dormo con la mia palla e catena
Quando lei piange mi
prendo la colpa

E l'orgoglio è solo un altro modo per
cercare di convivere con i miei errori
La negazione è un modo migliore per
superare un altro giorno
E il silenzio è un altro modo per dire ciò che
voglio dire
E mentire è un altro modo per sperare che se ne vada via
E tu
sei sempre stata il mio errore

Quando sono giù guido il carro
funebre

JANKADJSTRUMMER



Commenti

pubblicato il 13/01/2012 9.11.51
Nigel Mansell, ha scritto: ed il nome, perchè ne hanno scelto uno così inconsueto, c'è una ragione?
pubblicato il 13/01/2012 19.51.05
jankadjstrummer, ha scritto: pare che provenga da una leggenda Sioux che parla di un porcospino che riesce ad ingannare gli altri animali piantando un albero sotto di sé, in modo da poter lanciare verso il basso i suoi aculei per ucciderli.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: