ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 8 gennaio 2012
ultima lettura venerdì 13 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

L'anno Che Verrà

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 902 volte. Dallo scaffale Poesia

0 0 1 310 1769 Privato 14 4 2075 14.0 Normal 0 14 false false false IT JA X-NONE .....

L’ANNO CHE VERRA’

L’anno che verrà affiora nell’ albe dei brevi giorni ,nelle omelie

che trasudano dai pori delle chiese silenziose ai margini della città

grassa e orgogliosa d’allori e successi che s’arrampica verso il cielo in cerca

di altre ricchezze . Un ebbrezza , un tenersi stretto le proprie certezze ,

una bellezza ebbra di amori e canti ,un lento morire per rime

cullati dal sognare vicino al mare d’inverno. Un anno diverso da ieri verrà ,

fatto di tanti dubbi ,errante per strade bagnate di sangue , di corsa in macchina

con la musica scivolante cheta e amica compagna di tante avventure

nel cuore della notte, andare senza mai indietreggiare giungere ,sperare

di giungere dove tutto ebbe inizio continuare in giro per la città

pronto a lottare contro il male da essa generata.

Corpi stanchi scivolano in angoli oscuri , ombre inquietanti che nascondono vite

bruciate ,delitti antichi , miserie individuali trascinanti seco ,stracchi

sotto la luna che ti guarda arrancare ,credere poi piangere, aspettare

che ogni cosa finisce affrontare a viso aperto i mostri di questa esistenza.

Fanno festa i netturbini all’alba ridono mentre raccolgono una realtà

fatta di cartone ,di plastica ,di cose buttate via , fatta di rifiuti e non senso

di verbi eretti e circonflessi in forme espressive uniti in gruppo pronti

a dar battaglia ai concetti del pianeta dei verbi canterini .

La solitudine svanisce in un crescendo di reminiscenze , difficile diventa

creare ,costruire ,di ire alla ricerca della bella principessa regina delle fiabe.

Prigioniera del grande drago guardiano d’un dialogo millenario tra popoli

lontani che vola sulle metropoli ad ali spiegate sputando fiamme

e dimenando la coda. Inseguito dal prode eroe in groppa alla propria motocicletta

,brandendo la sua spada l’affronta in ogni luogo , una lotta

senza esclusione di colpi che lascia spegnere a volte il sorriso sulla bocca

degli stolti ed ogni cosa che è stato un tempo dolore ,sembra diventare così per

incanto un canto d’amore.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: