ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 4 gennaio 2012
ultima lettura domenica 2 agosto 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

L'intervista impossibile n. 2

di vennyrouge. Letto 532 volte. Dallo scaffale Generico

   < Ma quindi, questa manovra si poteva evitare?   - Ma 'n da retta a'e storie che se senteno pe' strada. Sì se poteva evita?  -Avojia! Bastava decidese a corpi' chi c'ha li sordi e a chi evade 'e tasse. Se poteva inas...


< Ma quindi, questa manovra si poteva evitare?

- Ma 'n da retta a'e storie che se senteno pe' strada. Sì se poteva evita? -Avojia! Bastava decidese a corpi' chi c'ha li sordi e a chi evade 'e tasse. Se poteva inasprì a lotta a'e mafie che 'a fanno da padrone. Pure lotta' contro er lavoro nero! Mica male. -Avoija si se poteva fa'!

< E perché non avete agito in questo senso?

- A rega', pe' quanto riguarda e tasse: ufficiarmente avemo dovuto di', che 'n c'avemo avuto tempo. Ma 'n rearta': ce manca proprio 'a volontà de ridistribbuille! E 'n parlamo dei mezzi pe' controlla'! -Famme er favore! Potemo fa’ ‘na puntata a Cortina. Ma poi: eccolo li che se semo sparate tutte ‘e cartucce.

< E pure il porta cartucce ! Va bene. Capisco! - Ma cosa diceva delle mafie, scusi?

- Pe' e mafie, te vojio fa 'na domanna: ma seconno te se ponno combatte e mafie, si 'n c'avemo manco i sordi p'a benzina d'e gazzelle? -Figuramose che dovemo pure discute de' assistenza e stato sociale,no? 'o capisci da te!

< Sì, e questa sarebbe stata la prossima domanda. - E quindi avete deciso di recuperare i soldi facendoli pagare ai soliti noti...

- Be', ma mica solo a questi. Mo insistemo coi pensionati. Arzanno i limiti p’a pensione a’e donne: s'è pe' questo! --Purtroppo, Ni: me sa che se semo indebbitati ortre ogni limite, sa'.

< Ma il governo riferiva che i conti erano in ordine...

- Ma che sta' a di'! - Dice pure che 'n c'era a crisi! Ma invece: stavamo anna' sotto a 'n treno! -Co' i botte che crollaveno, ‘e tangenti , ’alluvioni,’e sciagure: c'avemo rimessi 'n pacco de sordi...

< Noi li abbiamo rimessi! Noi cittadini...

- Va be'! E' 'guale! - Sta' a bada’ a chi li caccia..

< Sì, ma ad Agosto, il Parlamento ed il Governo, in piena emergenza, sono andati in ferie...

- Aò, e io 'n c'ero! ‘n c’avevo incarichi. - De che me voi accusa'? - E poi, mica se ponno rinvia' 'e vacanze. - 'o sai e moji che dicheno? C'hai mai pensato? -E' 'n casino che 'n finisce più! Mejio lassa perde...

< Bene! Ma se avessero evitato di fruirne, ci sarebbe stato un segno di cambiamento e di rigore. No?!

- Ma 'n poi cambia' 'e cose, così de botto. - E poi, che volemo cambia' a fa'? Fino a mo' s'a semo cavata!

< Ma lei intende attribuire la colpa alla classe politica che ha governato il paese fino ad oggi?

- E de chi te credi che sto a parla'?- Ricordate che so' ji stessi che m'hanno eletto. 'n t'o scorda'! Anzi scancella 'sta frase...Fa‘r bravo, va!

< Lei che rappresenta il governo tecnico ...Non ha avuto i voti direttamente dal popolo...

- Appunto! -Er Governo tecnico! Nato pe' fa' e riforme che nessuno voleva fa'.

< Si, ma se parliamo di riforme, non era assolutamente necessario toccare le pensioni. Tutte le volte partiamo sempre da quelle...

- A giovino', ma allora nun se semo capiti! Te sto a di' : a fa' e riforme che l'altri n 'hanno volute fa! No! Quelle che se devono fa'! -So' du cose diverse; e quelle, ar momento so' escluse. Sinnò era facile! E mica che 'n sapemo distingue che occore, no? - E' che 'n'o volemo fa' e basta!

< Quindi vi rendete bene conto che la gente domanda più lavoro. Uno stipendio migliore. Una diminuzione delle tasse...

- Aò! – E te sto a di che 'o sapemo! Te sto a da’ raggione! -Ma n' fa gniente! V’avemo voluto di' che comannamo noi e rimessa l'ICI. Anzi ji'avemo pure scambiato er nome. –Come l’avemo chiamata?

< Imu!

- E’ pure più carina...

< Se lo dice lei! -Ma presto ridurrete l’imposizione fiscale per la gente comune?

- Cala’ e tasse, dici?! Ma ne riparlamo più avanti e solo si scoppia a rivoluzzione. - Sinnò, stanno freschi, a’ aspetta'...Fatte servi’.

< Come sarebbe a dire? Vi rendete conto e non fate nulla?! - Io non capisco! Si dovrebbe domandare una riduzione del debito. Non lo so: qualcosa! Sono tanti anni che paghiamo un’enormità per la voce interessi ...

- E raggiona! E spiegame te come famo a domanna' na' riduzzione dell'interessi.- Penzi che dopo ce ne presteno artri?

< Non lo so! Ad in ogni modo se si torna a votare, ci sarà un nuovo governo...

--A Ni: se va be’! Ma 'n do' li pijeno i voti? Chi jie paga ji stipendi?

< Quindi è ora della sobrietà dopo il bunga bunga?

- E bravo! Ce voleva, no?

< Si, ma il bunga bunga, non l'abbiamo fatto noi....Anzi...

- Va be', ma 'n po' de sobbrietà 'n guasta! E mica se sopportava, sa’

< Ma non è così che le cose dovrebbero andare. Dovreste anche cambiare la legge elettorale. Il porcellum, no?

- Quello? A fine mannato, faremo finta de scordasselo! 'n se potrà fa': sta' tranquillo. -Aò, ma 'n voi proprio capì? -Ce voi fa mannà via prima der tempo?

< Scusi?

- E mo pe’ prima, dovemo abbatte l'articolo diciotto. Intanto se licenzia 'o stesso, però ce piace tojielo.

< E dopo?

- Poi dovemo distrugge 'o stato sociale. Ner frattempo ce tocca, pure aregge ai pagamenti che ce domanneno. - Aò, e dovemo da fa' funziona' tutto, nun potemo cade' adesso, mentre i ricchi se ripareno all'estero! E mo co' a Grecia, sentirai che botto...

< Ed è per questo che avete aumentate l'accisa sulla benzina. Le tasse sul tabacco, il bollo e da Giugno anche l'IVA?

- E noi semo der genio guastatori! Però, questa è 'n' idea vecchia sa’!

< Infatti. Si ricorre sempre all’aumento delle tasse indirette

- Lavoramo sempre a ' sto modo. ‘o so! - Ma sinnò , 'n staremmo,manco a ' ste condizioni!

< Scusi e le auto blu? Non si potrebbe intervenire meglio su quelle? Pare che costino....

- Pure te, te ce metti?

< Scusi : perché ?

- E prima de tutto, nun è affatto chiaro de che blu parlamo. Pe’ esempio: ce sarebbero pure quelle celesti! Dovessimo conta' pure quelle? - Mo' chi 'o capisce, quali so’? Io so' dartonico e so mischiate!

< Be’, forse...

- E si erano rosse, era più facile: ce n'erano de meno e nessuno 'e voleva usa’. -Bisognava pensacce prima e falle tutte de sto colore. -Mo che voi fa? Prima de 'n'anno nun c'avremo 'na risposta!

< Scusi, ma non avete, che so: delle chiavi, dei registri?

- Ma dai! Fino a mo, avemo fatto co' a regola de Boniamici.

< Sarebbe?

- Sarebbe, che chi ce l'ha, s'a tiene e chi 'n ce l'ha, 'a domanna! - Così è più facile sape' ogni anno quante ne dovemo pijià de nove.

< Va bene! Ma la pensione non la potete togliere completamente, vero?

- E che te credi. -Si na' potemo tojie? Vor di' ch' eliminamo l'assistiti, no? - Sai quanti se schiatteno prima? E poi, se jia fanno, tanto mejio. Io so’ contento!-Però, beccheno poco!

< Ma sulle pensioni, oltre ai duecentomila euro annui avete tassato l'eccedenza del solo ....

- Aò , ma quelle so' e nostre! Comunque c'è stata 'n po' de beneficienza, debbo di'. Cor Vaticano,no? ‘o vedi?!

< Si potevano ridurre e basta...

- E mica se po' di', a uno che pia tanto: mo te damo 'a metà! - ' o sai i pianti? - 'o sai l'amanti che metti in crisi? ' o sai quanti bambacioni manni a lavorà? - No, no! 'n se po' fa!

< Ma il Ministro che l'ha preceduta ....

- Innanzitutto un po' de chiarezza! Quello, pure che se diceva ch'ereno in tre, in quattro. – Mo’ ‘n me ricordo: nun era bravo quanto a me! - Aò e c'è pure a rima! Cor tre , dico. Eh ?

< Si, va be'. Ma la colpa è, che avete speso troppi soldi per sanare i conti delle banche...

- Guarda che questa 'n me piaciuta!

< Non posso farle solo le domande che desidera...

-Allora, asco’! - Prima de tutto, è stato, che semo dovuti interveni' pe' risana' li conti giacché 'i clienti se n' ereno iti, portannose via li sordi. Dice p'a paura d'a crisi! - Poi, che m'è venuto 'n mente? De riportaie i clienti co' ‘a scusa d’a sicurezza e d’ a tracciabilità. - Sinnò: che fanno 'ste banche? 'n se capisce! Tanto varebbe chiudele, no?!

< Senta invece, com'è la storia che si sente in giro del regalo di una nave a Panama e degli aeri militari che stiamo comprando?

- Aò, io 'n centro! - Però si, ho capito! Allora, visto che a nave jia dovessimo regalà, e che ce so state e contestazioni, m'è pare giusto coninuà ner contratto pe’ l’aeri e pagalli.

< Regalare e comprare, non è la stessa cosa...Ci costa in ogni caso!

- 'o penso pur'io. Ma è così che m'hanno spiegato!

< Ok! Un ultima domanda: questa tassa sugli stranieri...

- Be’, ma manco su questa, centro io! Comunque va be': damo pe’ scontato che i volemo manna via tutti, e che ce metteremo 'n ber po' d'anni. – So troppi e ‘n c’hanno ‘na lira! - Tanto vale faje paga' er bijietto a rate. Tutto sommato, ji'avemo rateizato er debbito, se po' fa', no? Senza interessi. Free! – E’ ‘n favore!

< Allora Signor Presidente, io avrei finito e la ringrazio. -Se lei mi autorizza, domani pubblicherò la sua lunga intervista...

- Scusa, come m'hai chiamato?

< Signor Presidente. -Perché non va bene?

- Veramente, a me così, n' me c'ha chiamato mai nessuno. Grazie!

< Ma lei non è....?

- No! Io so' Papa Alessandro. 'n te ricordi? -Alex pe' l'amici!

< Ma sempre lei???

- Aò, e pure te, me pari lo stesso: ma ‘n sto a fa' tanto ‘o schizzignoso!

< Ma se quando ho chiamato, ho chiesto espressamente del Signor Presidente del...

- Ao', e se vede ch' io ho capito n'artra cosa! E poi, te pare che er Signor Presidente se esprime 'n dialetto? - Ao', e quello sa' n sacco de lingue...

< Va bene, ho capito. E' anche colpa mia! - Ma poi, il telefono; non è lo stesso dell'altra volta...Ho fatto un numero diverso...

- E che vor di? - 'o sai che 'a Telecom hanno licenziato? - 'o sai che dei lavoratori che so' rimasti: o so' 'n apparto, o so’ in affitto?

< E allora che vuol dire?

- E ce sarà stato 'n contatto, no??

< Senta, vorrei terminare il colloquio: ho solo perso del tempo!

- A giovinò, allora che fai ? Cestini pure questa?

<Certo!

-Peccato però, perch'era bona!

by Veniero Rossi


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: