ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 28 dicembre 2011
ultima lettura lunedì 21 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

NEW WORLD - Prologo

di Arus. Letto 624 volte. Dallo scaffale Fantasia

  <<In un mondo moderno non c'è spazio per le fantasticherie come i draghi e gli elfi!!! Lo vuoi capire che ragionare come un cavaliere d'altri tempi non ti servirà a nulla!?>>  gli ripeteva per l'ennesima volta ...

<<In un mondo moderno non c'è spazio per le fantasticherie come i draghi e gli elfi!!! Lo vuoi capire che ragionare come un cavaliere d'altri tempi non ti servirà a nulla!?>> gli ripeteva per l'ennesima volta sua madre, ma il ragazzo scrollava la testa e rispondeva << E invece ce ne sarebbe un estremo bisogno, perche se la gente credesse di più all'onore e alla cavalleria....>> <<Finiscila!>> gli urlava la madre chiudendogli il manuale con forza <<quando ti deciderai a crescere! Hai quasi vent'anni! Piantala con questi stramaledetti giochi e datti una svegliata!>> gli urlò uscendo e sbattendo la porta dietro di se.

Andrew trasse un respiro lento per calmarsi e fissò il manuale sulla scrivania. Era un manuale del suo gioco di ruolo preferito, al quale giocava ormai da una decina d'anni. Lo conosce a memoria, ma non si stancava mai di rileggerlo. Guardava la copertina cartonata, ormai consunta dall'utilizzo, e un sorriso gli comparve sulle labbra al ricordo delle centinaia, forse migliaia di volte che lo aveva usato insieme hai suoi amici nelle loro sessioni di gioco. "Forse ha ragione lei" si costrinse a pensare "forse farei meglio a cercarmi un lavoro adesso che ho finito le superiori e lasciar perdere i giochi". Sposto lo sguardo dal manuale alla sua stanza e subito il suo sguardo cadde sulle due librerie piene zeppe di libri. C'erano, oltre i numerosi manuali, soltanto libri fantasy se si escludevano i pochi fumetti e alcuni libri gialli che sua madre gli aveva regalato nel tentativo di sviarlo dalla sua "ossessione per il fantasy" come la definiva lei. Tentativo banalmente fallito per altro. Per Andrew leggere fantasy era come respirare. Spesso si incantava anche durante le lezioni a pensare ad epici combattimenti tra bene e male, e la sua mente vagava nel suo mondo fantastico, almeno fino a quando i professori non lo richiamavano alla realtà. Tuttavia non aveva problemi con lo studio, essendo riuscito anche a diplomarsi con quasi il massimo dei voti senza essere comunque catalogato come "secchione".

Si alzò dalla scrivania per buttarsi direttamente sul letto. Non aveva voglia di uscire. Era piena estate e a quell'ora fuori ci saranno stati almeno 40 gradi, quindi optò per la tv. Dopo qualche minuto di zapping caotico la sua attenzione venne catturata da un documentario sui Maya. Il conduttore stava parlando del famigerato calendario che prevedeva per la fine del 2012, con precisione il 21 dicembre, la fine del mondo così come lo conosciamo. Aveva già visto altre cose del genere, ma era convinto che fosse tutta una mostruosa caccia alle streghe, per cosi dire. Come poteva finire il Mondo? Cosa ci si sarebbe prospettato dopo? Scuotendo la testa cambiò canale, per trovarsi di fronte un professore che stava spiegando che quella stessa sera, verso le 22, si sarebbe verificata una concomitanza di eventi astronomici incredibili. Alla ricorrente caduta delle Perseidi infatti si sarebbe aggiunta una tempesta solare di fortissima intensità. Lo scienziato stava tranquillizzando tutti dicendo che nessuno avrebbe corso rischi, esortando addirittura tutti quanti ha rivolgere gli occhi al cielo e gustarsi lo spettacolo. Andrew spense la tv. Tanto valeva farsi una dormita, visto quello che c'era da vedere. Quella sera sarebbero andati tutti insieme, lui e i suoi compagni di gioco, a vedere la caduta delle Perseidi sulla cima di una collina vicina e come tutti gli anni avrebbero giocato a D&D sotto le stelle sino a mattina. Cominciò a pensare a cosa gli avrebbe riservato quella sessione di gioco, ma si addormentò quasi subito.

Era l'undici di agosto del 2012. Andrew ancora non lo sapeva, ma questa data gli sarebbe rimasta impressa per sempre.


Commenti

pubblicato il 26/01/2012 15.40.59
fiordiloto, ha scritto: Fantasy, giochi di ruolo... ^^ E' proprio "my cup of tea", come direbbero gli inglesi. Continuerò a leggerti ^^
pubblicato il 27/01/2012 9.35.43
Arus, ha scritto: grazie Fiordiloto.... ed io continuero a scrivere.... :)

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: