ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 21 dicembre 2011
ultima lettura sabato 12 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

LA CENSURA PERFETTA

di ilMoscone. Letto 608 volte. Dallo scaffale Storia

 Tra pochi giorni ricorre il quarantesimo anniversario di un film epocale, “Ultimo tango a Parigi” del grande Bernardo Bertolucci.Molteplici sono gli spunti che si possono cogliere da quel capolavoro.Voglio tralasciare i suoi grandi te...

<img style="border-style: initial; border-color: initial; border-image: initial; width: auto; border-width: 0px" src="http://img818.imageshack.us/img818/7281/burroperantipasto.jpg" alt="" align="middle" />

Tra pochi giorni ricorre il quarantesimo anniversario di un film epocale, “Ultimo tango a Parigi” del grande Bernardo Bertolucci.
Molteplici sono gli spunti che si possono cogliere da quel capolavoro.
Voglio tralasciare i suoi grandi temi (la società che ci ammazza con i suoi ruoli e le sue identificazioni, l’impossibilità di conoscere la persona amata, l’evidenza di come vita e dissoluzione si compenetrino) per parlare di un fenomeno collaterale che ha colpito quell’opera: la censura.

Sembra incredibile ma il film fu condannato al rogo il 29 gennaio 1976 e il suo autore a quattro mesi di detenzione (poi sospesa) e a cinque anni di privazione dei diritti politici.
Com’è cambiata in pochi anni la censura!
A quei tempi bastava un piattino con sopra un etto di burro e un folle Marlon Brando che sfilava i jeans a Maria Schneider e la sodomizzava; erano sufficienti gli insulti rivolti dal protagonista Paul/Marlon alla salma dell’amata moglie defunta; era sufficiente mostrare Tanathos con Eros.
Oggigiorno viene da ridere! Con pochi click, anche un ragazzino può accedere a tutto il catalogo di perversioni sadomasochistiche del pianeta, sguazzando per Internet.

La censura da allora si è evoluta.
Per mettere la mordacchia agli artisti scomodi (tipo il Moscone), che ne denunciano le continue malefatte, il Potere ha escogitato la Censura Perfetta: L’ERA DEGLI SCRITTORI FAI DA TE o se preferite l’epoca dei Social Forum o l’evo degli SMS o il Nuovo Avvento degli e-book.

In sintesi: ognuno può scrivere quello che gli pirla, qualsiasi cagata è santificata dai pseudo valori della democrazia (di massa) e della tolleranza del cybergregge.
In realtà il Potere delle multinazionali, che con le loro banche e le loro Agenzie di Rating ci stanno schiavizzando e impoverendo sempre più, stanno usando la strategia dell’Indifferenza, dell’interscambiabilità di qualsiasi cosa con qualsiasi altra.
Esempio pratico in letteratura: secondo le stime ci sono trentamila poeti e centomila prosatori che riversano ogni giorno in rete migliaia di versi e racconti.
Se uno di loro fosse un genio come Bertolucci e scrivesse un altro “Ultimo tango a Parigi” chi se ne accorgerebbe?
Tutto questo regime censorio avviene sotto l’insegna menzognera di un falso liberismo, in nome del principio in base al quale si può e si deve porre tutto sullo stesso piano.
Siamo tutti appiattiti sullo steso livello di mediocrità assoluta, così siamo usabili e manipolabili e le autentiche, geniali voci di dissenso critico e propositivo si confondono con la cagnara di chi scrive l’ennesima poesia per propiziarsi l’ennesima masturbazione.
Nessun piattino sul burro per sodomizzare fa più scandalo.
Il burro sul piattino e il culo sodomizzato siamo noi, ormai.

NdA

Il Moscone augura a tutti sana gioia pagana e dionisiaca (non di massa) per queste feste.

Ci rileggiamo il prossimo anno.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: