ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 12 dicembre 2011
ultima lettura martedì 20 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Amour charnel [seconda parte]

di Animadellalupa. Letto 2660 volte. Dallo scaffale Generico

... alzò gli strati della mia gonna, uno ad uno, lentamente, quasi tremando, come chi, per inconscia saggezza ha il timore di bruciare tutto troppo in fretta, con la fermissima intenzione di rallentare, per quanto si potesse, il giunger del piacere,..


<img src="http://25.media.tumblr.com/tumblr_lbpl3esP571qehn10o1_500.jpg" alt="" width="498" height="700" />


... alzò gli strati
della mia gonna, uno ad uno, lentamente, quasi tremando, come chi, per inconscia
saggezza ha il timore di bruciare tutto troppo in fretta, con la fermissima
intenzione di rallentare, per quanto si potesse, il giunger del piacere,
dell'estremo piacere, che immancabilmente ne attenua la passione.
Le mie
mani, meno calcolatrici e più avide, nel frattempo avevano preso a percorrerlo
voracemente, smaniosa di poter cogliere di lui l'ardore e comprenderne
precocemente se si fosse trattato di un attimo ingannevole o di un'inesauribile
estasi.
Il cuore mi scoppiava in petto mentre lo sentivo abbandonarsi sotto
le mie dita, dedite a schedarne ogni brivido, mentre la mia bocca sorseggiava
indiscretamente l'abbandono del moralismo.
Non mi interessavano le parole...
Quel che cercavo era l'anima, l'anima più profonda, più sincera, colei che si
nutre delle viscerali emozioni , colei che sente, vive, urla trepidante,
incidendo nell'Io fervide sensazioni, e che sussulta, barcolla, si abbandona,
perdendosi fra emozioni ed immagini tragicamente fatali.
Con la lingua
guizzai dal suo viso al collo, dal collo al suo torace avvertendone lo
scalpitare della carne, nel corpo intero, dentro ai pantaloni di fustagno.
Accarezzai nerboruta le sue cosce per poi liberarne davanti ai miei occhi,
vicino alle mie labbra, la sua possente eccitazione.
Ne percepì
immediatamente l'effluvio di una perversione simile alla mia, mescolata al meno
impegnativo miasma dei bordelli, dove il soldo non solo paga, ma libera da ogni
legame.
Avrei per questo dovuto riallacciare ogni bottone della sua patta e
nel riaccompagnarlo alla porta dirgli
- "non son cosa che fa per te ...
excusez-moi, au revoir!"
invece presi a far scorrere la punta della mia
lingua su ogni venatura, seguendo morbidamente con le labbra l'inarcare del suo
membro, senza fretta, con malizia, quasi con sadico piacere... e nel sentirlo
repentinamente prendere una consistenza via via più piena, pulsante, quasi
esplosiva, provai dentro di me il primo orgasmo.
Le sue mani tenevano i mie
capelli con l'inquietudine di chi teme di vedersi sfuggire ciò che ha sempre
rincorso, alternando gesti di passionale rabbia e sconosciuta dolcezza,
riconoscendo nel ruvido della mia lingua le sfumature del suo presuntuoso
zelo.
Avrebbe voluto cavalcarmi, possedermi, domarmi pur di interrompere
quell'inconsueto dialogo che attento, badava a non soffermarsi dove di solito
s'arrestano i presupposti di un effimero appagamento della sola carne.
Il mio
premere, succhiarlo, fondermi con le sue carni lo condusse ben oltre
all'estasiante momento che stavo dedicandogli, gli fece cogliere per magia
l'elevata semantica di quel che a pochi è dato conoscere: L'amore carnale.
Il
suo glande oltrepassò la mia ugola mentre la mia lingua continuava ad
accarezzarne il nervo padrone e nel sentir le prime gocce di distillato sul mio
palato compresi che stavo per stravolgere le sue teorie di passione
...
Appagata ingoiai secoli della sua anima guardando la leggerezza del suo
sguardo mentre le sue mani s'arrendevano all'unico modo che io conoscevo d'amare
e nel comprendere che ancor non era sazio alzai la sottana e iniziai ad amarlo
come la più travolgente delle amanti ...
segue
>>>


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: