ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 13 novembre 2011
ultima lettura mercoledì 6 maggio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

L'amore per caso: PARTE 1

di Caldoricordo. Letto 665 volte. Dallo scaffale Amore

In una piccola citta, il nostro ragazzo dal nome indefinito scoprirà la piu grande felicità dopo un lungo periodo di agonia. Ecco il prologo del suo cammmino verso la gioia dell'amore.

Era freddo.

La mia relazione era finita con drammatica glacialità e cercavo invano di togliermi il suo odore di dosso.

Come ogni fine la parte piu dolorosa era il bivo che ogni uomo ha a disposizione: Cancellare i ricordi o semplicemente trasportarli impressi nella mente come macigni invisibili.

Scelsi la seconda opzione, e pensai che dopo tutto qualcosa sul conto della donne l'avevo imparata.

Rassegnato alla muta sofferenza pregai Dio e assieme a lui il tempo, affinche mi permettessero entrambi di alleviare il suo pensiero, di archiviarlo come un utile ma fastidioso fascicolo di emozioni.

Eravamo alla fine del natale e il perbenismo gratuito si era concluso con la consueta indifferenza che vedevo impressa sul volto della gente nella mia città.

Era un periodo in cui camminare mi piaceva molto, e non avrei mai immaginato che questa attività così naturale sarebbe divenuta indispensabile per la mia vita.

Tanta strada passava sotto i miei piedi, e piu andavo avanti più l'idea dell'amore mi appariva come qualcosa di inutile e dannoso... e così cominciai a usare la donna.

L'uomo più insensibile e quello che scappa dall'amore, e io feci esattamente così: una storiella dopo l'altra data dalla fugace soddisfazione del sesso e della carne...senza sentire altro che il desiderio di prevalere su quel sentimento che mi aveva fatto tanto soffrire.

Ma come tutte le cose Superflue, anche l'odore del sesso cominciò a passare.

Fù così che feci il più grande errore della mia breve vita: mi rassegnai.

Per nessun essere di questo mondo è consigliata la terapia dell'indifferenza, e ancor meno per chi come me scrive e canta le sue canzoni con il cuore... no, sbagliavo di nuovo.

E allora decisi che l'amore non bisognava per forza cercarlo, che se mi fossì aperto con positivita le cose sarebbero presto cambiate, e forse sarei riuscito ancora a sorridere.

Finalmente scelsi bene la mia Strada.

To be continued.... Itri tardi Francesco.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: