ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 25 ottobre 2011
ultima lettura venerdì 8 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Dalla piramide al grattacielo

di catellonastro. Letto 672 volte. Dallo scaffale Umoristici

DALLA PIRAMIDE AL GRATTACIELO Circa cinquanta secoli fa, ovverosia cinquemila anni, nel deserto del nord Africa, avvennero i primi esempi di specul...

DALLA PIRAMIDE AL GRATTACIELO

Circa cinquanta secoli fa, ovverosia cinquemila anni, nel deserto del nord Africa, avvennero i primi esempi di speculazione edilizia, oltraggio al paesaggio, impatto ecologico e chi più ne ha più ne metta. Uno dei primi speculatori dell'edilizia, per aver costruito una piramide, fu addirittura divinizzato. Non pensi il lettore che l'autore di questo articolo, pur avendo scritto la sua tesi di laurea, nel 1968, il famoso anno della contestazione giovanile, sulle "Origini artistiche del Duomo di San Matteo a Salerno: pittura, scultura ed architettura", voglia tenere una lezione di architettura. Per l'amor di Dio! Sarebbe un compito troppo gravoso e troppo...serio! E' passato quasi mezzo secolo e seguendo la mia indole semi-seria nella scrittura, un articolo impegnato non sarei proprio capace di scriverlo. Oramai mi occupo di...frivolezze letterarie. Pensate che il mio prossimo libercolo si intitola " La poesia umoristica ed erotica cilentana". Ragion per cui anche la piramide ed il grattacielo, a mio avviso potrebbero assurgere a simbologia architettonica dell'organo sessuale femminile e di quello maschile. Ma veniamo subito al primo quesito: la piramide costituisce il primo esempio di speculazione edilizia della storia? A dire la verità rispondere sarebbe cosa molto ardua anche perché lo scrivente, pur essendo vecchio a quei tempi non era ancora nato. Dopo la prima piramide ne furono costruite alcune altre. Fortunatamente il deserto era immenso ed era...deserto. Gli unici ad approvare la variante al piano regolatore del deserto furono i cani. I miei lettori, gente di cultura, chiaramente sanno che i cani fanno la pipì o vicino ad un albero o vicino ad un muro. Cercare un'oasi era difficile. Prima di arrivarci se la facevano sotto. Per loro fortuna nel deserto non c'era acqua e quindi non potendo bere non potevano nemmeno orinare. Ma da quando furono costruite le piramidi chiesero pure in parlamento (quello egizio, naturalmente!) la costruzione di pozzi artesiani nel deserto per dissetarsi. Quando lo seppe l'onorevole gridò:" I pozzi???Siete pazzi!" Solo dopo secoli furono accontentati. Tutti si interessarono ai pozzi. Ma non d'acqua ma di petrolio... I pozzi di petrolio dissetano i ricchi mentre i poveri fanno una vita da...cani. I cani decisero di fare un ricorso all'ONU, ma ebbero la sfortuna di trovare come presidente l'onorevole Cammello che rigettò la petizione affermando che loro avevano una gobba piena d'acqua ed anche i cani si potevano costruire una specie di ernia sotto la coda in maniera da portare una grossa riserva d'acqua in maniera tale da dissetarsi per un lungo viaggio nel deserto. Anche la faraona, moglie del faraone, protestò perché i cani per dissetarsi si bevevano le uova che loro nascondevano sotto la sabbia calda per farle schiudere col calore del sole. Il presidente dell'ACI, associazione cani internazionali, l'onorevole Gengiskan, cercò di difendere la categoria, ma non appena vide un gatto nero che gli attraversava il corridoio del grattacielo, si grattò le pa...pebre con la zampa sinistra, per motivi politici e poi presentò una mozione di sfiducia al gattOnu. Adesso hanno costruito i canili, che sono una specie di hotel a una stella per cani randagi, liberi, senza padrone, che non camminano a destra della strada, alla sinistra e nemmeno al centro. Ma anche costoro sono costretti ad essere vittime della speculazione edilizia. Vivono in piccolissimi spazi, mangiano poco e bevono solo quando lo dice il padrone. Vivono all'aperto per paura che il padrone faccia speculazione edilizia. Molti rimpiangono i tempi dei faraoni quando addirittura avevano maggior rispetto di certi esseri umani. Il deserto, il grattacielo, il canile bestiale diventeranno piramidi fra cinquemila anni??? Non lo so anche perché non sarò molto longevo da arrivare a quell'epoca. Rispettiamo il paesaggio, amiamo la natura, una casa per tutti (anche se piccola), sia per gli umani che per i cani, le piramidi ci sono e ce le teniamo, i grattacieli pure, ma cerchiamo di rispettare la natura. Prima che diventi un deserto...magari senza piramidi.

Catello Nastro

PUBBLICATO SUL N° 38 DEL 22 OTTOBRE 2011

di "UNICO SETTIMANALE DI PAESTUM



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: