ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 15 settembre 2011
ultima lettura venerdì 15 febbraio 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Alvaro ed Erminio, l’omini so’de più razze e de più: abbitudini! Basta conoscele.

di vennyrouge. Letto 790 volte. Dallo scaffale Pulp

 - Alvà, te ‘o ricordi, quann’eravamo pischelli?   < come no?!Ma mo so’ passati l’anni …   - Venivamo qua, co’ Marco e te, sur Tevere a parla’ de ‘e pischelle.......

- Alvà, te ‘o ricordi, quann’eravamo pischelli?

< come no?!Ma mo so’ passati l’anni …

- Venivamo qua, co’Marco e te, sur Tevere a parla’ de ‘e pischelle, a sperà de ave’‘n futuro in ‘sta desolazione de cemento

< Si, me ricordo

- Te ricordi io che dicevo : che volevo aprimme ‘na bottega…

< T’ho detto Arva’, so’ ‘n po’ confuso: sta’ qui, a 'st’ora de notte, fa freddo…

-Se, mo se ne annamo. Dopo ‘aresto, però so’ cambiate ‘e cose; Pe’ me e pe’ Marco..

< Be’ ‘n te crede che a me so' ite bene. Stavo c' ‘a paura che cantaste…

- Invece, ‘n’ avemo detto niente; E te, c’hai fatto ?

< Arva', ve l’ho già detto: quanno so’ ito a vede, dove avevamo niscosti i sordi , ‘n l’ho trovati…

- Se dice però, che c’hai speso ‘n sacco de sordi in quei cinquanni…

< E dajie ! ‘o sai, che me giraveno co’i cavalli , e poi m’avete perdonato, che n’te ricordi?

- Te pare che ‘n me ricordo? Me ricordo!Me ricordo pure quanno hai fregato er Neno…

< Sì, ma quella è n’artra storia. Me so fatto frega’ vorrai di’ , o sai come so’ ite in rearta’ e cose…

- E chi t’ha aiutato?

< …Te e Marco!

- O vedi Ermi’? E io c’ho ‘n pensiero: l’ommini so’ de piu’ razze…

< Te riferisci ai neri?All’ebbrei ? Ma mo che c’entra?

- No, me riferisco ai caratteri; all’amici, a ‘‘a gente. Volevo di’, in generale ...

< Meno male: ‘n sto 'n serata

- Te dicevo…l’omini

< Arpa, me sto a senti male, te spiace se ri’annamo a casa?

- E ‘n avecce fretta! Fra ‘n po’ vedrai che te ce riporto. Te stavo a di: ce stanno quelli cattivi e che sembrano boni. Ce stanno quelli boni che so’ cattivi…

< Arva’ perché ‘sto discorso ? Che c’entra, me riguarda?

- Ce stanno quelli furbi che invece so’ cretini…

< Arva’ io scenno e me ne vado a piedi, te fa come te pare. Domani me riporti ‘a machina e nun ne parlamo più, eh?

- Ermi, do’ vai? Voi che t’ho pianto adesso?

- Te sto a parla’, Ermi', e vojio che m’ ascorti. ‘n sto a scherza, te sto all’unga ‘a vita, damme retta – c’hai pure er tempo pe’ pentitte.

< Oddio mio, oddio mio, te, sei diventato matto : ma si semo sempre stati, amici…

- ‘n me so ammattito. T’ho detto: l’omini so’ de più razze. Io e Marco semo sempre stati tra quelli boni, t’avemo sempre perdonato. Ma me ‘o devi di : perché hai raccontato in giro che Marco se ‘a fa co’ a donna der capo?

< E che so stato io, e che ho detto io…

- Ermi, ‘n ce prova’, ce lo sapemo già, che sei stato te: volevano solo scappa, rifasse ‘na vita. Tojiese da ‘sto schifo. Mo so’ all’ospedale, in fin de vita…

< Arva’ credime, ‘n volevo, me c’hanno obbligato!

- Ermi’ , e a solita storia: n’è mai corpa tua: vivi da vijiacco e da spia…

< Te prego risparmiame , n’ sei n’assassino…

- Pure su questo te sbaji: ‘n sai quanti n’ho ammazzati, da quanno so’ escito de galera ‘n faccio artro...

< ma mi mojie?

- Stella? Ce dovevi penza’ prima!

< Ma ‘na sfangherai manco te: Carlo c’ha visti usci dar garage assieme….

- Sicuro? E Carlo chi sarebbe?

< ‘n vecchio amico de Marco! Me l’ero scordato! Mo so’ fregato…

Il taglio fu rapido e preciso. Diretto alla gola d’Erminio recise il collo dall’ orecchio destro alla carotide . Il fiotto di sangue che ne usci fini sul parabrezza e sul vetro dello sportello sinistro del Suv Bianco d’Erminio. Le taniche di benzina lasciate da Carlo, il garagista, nel portabagagli servirono per appiccare il fuoco alla vettura, e il coltello non finì nel fiume, ma lì vicino. Velocemente ripulito, fu nascosto in un dei tanti depositi di rottami di ferro, attigui. Nessun cane poliziotto lo avrebbe ritrovato, ne metal detector, sarebbe servito. Allontanandosi, Alvaro, guardò nuovamente verso il fiume, vide l’acqua fluire sotto il vicino ponte. Pensò a quanti cadaveri vi erano passati sotto, da quando esisteva Roma , all’omini come sono fatti e a quelli della razza sua. Sì, era un buon assassino, non ammazzava mai se non a pagamento o se non ce ne fosse stato bisogno. Non avrebbe provato alcun rimorso. In effetti, Alvaro, bastava solo conoscerlo e non infastidirlo, con l’abitudini che aveva…

By Veniero Rossi


Commenti

pubblicato il 15/09/2011 22.36.41
MAXSTEEL45, ha scritto: Nun ce posso crede' Arva', m'hai ammazzato Ermi'...Eppure ce faceva dei lavori belli belli per er capo. Te ricordi quanno ha messo Er Castrato nella fossa de li porci a Terracina? (Ma il mio Erminio, vecchio pensionato, continua a vivere felicemente nonostante la vita fedifraga).
pubblicato il 16/09/2011 10.34.19
vennyrouge, ha scritto: A Maxe, scusame, so 'nocente!...che 'n se dica 'n giro che l'ho ammazzato io a Erminio...,eh,eh,eh! E poi de sicuro so' due gli Ermini (o). - Mo so' uno e va be'! Ao', quello che conoscevo io, a Teracina ce sara' ito ar mare, na' vorta o due. Pe' 'r resto se ne annava 'a Ostia... Un salutone e grazie pe' 'a visita e pe 'r gradito commento - Veniero
pubblicato il 24/09/2011 8.34.34
MAXSTEEL45, ha scritto: Veniero, sei un grande. I tuoi racconti sono un appuntamento per me. Mi piace Alvaro è un personaggio a tutto tondo.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: