ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 19 giugno 2011
ultima lettura martedì 23 aprile 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Arcadia A la fortezza perduta- parte seconda

di MrCostino. Letto 950 volte. Dallo scaffale Fantascienza

I cinque coraggiosi soldati si separarono e così Max si infilò in un condotto per l'aerazione. Aveva intenzione di sbucare direttamente ...

I cinque coraggiosi soldati si separarono e così Max si infilò in un condotto per l'aerazione. Aveva intenzione di sbucare direttamente sulla plancia a, da dove gli sarebbe stato più facile raggiungere il sancta sanctorum e fermare la feroce follia di Sargon. La forza di un falco nero era ampiamente superiore a quella umana, tuttavia era impensabile che potesse sostenere uno scontro corpo a corpo con un automa ribelle o un Dexar, perchè gli automi oltre ad essere potenti macchine erano anche cambiati e potenziati dal super fluido. Mentre invece i Dexar erano mostri nati da una mistura di super fluido e Methyclon, quindi avevano una forza più che doppia rispetto ad un super soldato.
Max sapeva che doveva schivare il più possibile tali avversari e colpirli con il bazooka laser, quindi strisciava silenziosamente nella speranza di non esser visto. Da una grada vide con orrore uno degli automi assassini, che pattugliava il corridoio sottostante ed emetteva degli orribili suoni, come stridii di lamiera. Tutto in esso ispirava orrore, finanche il modo in cui si muoveva.
Attese immobile che quell'orrore si allontanasse pensando: da ragazzo mi piaceva guardare film horror truculenti, se solo avessi saputo che l'orrore più puro dovevo assaggiarlo dal vivo!
Max ripensò con nostalgia al padre Thomas che lo stava aspettando a casa. Era un uomo straordinario che dopo la sofferta morte della moglie era riuscito a crescere un ragazzo in difficili tempi di penuria, non era mai riuscito a dargli l'amore che solo una madre può dare, ma lo aveva provveduto di tutto e gli aveva trasmesso sicurezza e voglia di confrontarsi, cose che gli sarebbero state necessarie per il mestiere che faceva. Sicuramente stava pregando per lui, anche se non poteva immaginarsi l'inferno in cui si trovava. Se proprio devo morire pensò Max, spero di raggiungere mia madre, ma che sto dicendo io non credo in Dio, quindi queste discussioni non si pongono.
Improvvisamente delle urla disperate lo distolsero da quelle riflessioni.
Un Dexar o un automa aveva preso uno dei suoi luogotenenti. Max si sentì gelare il sangue e riconobbe il malcapitato: Mark un soldato simpatico e allegro che sulla terra aveva lasciato moglie e un figlio piccolo. Con una lacrima Max si disse: perdonami Mark, non posso aiutarti, e continuò la sua marcia. Riuscì a sbucare sulla plancia a e si avviò furtivamente per uno dei tanti corridoi elegantemente colonnati, si avvicinava sempre più al sancta sanctorum quando sentì un respiro caldo e fetido alle sue spalle, si voltò e quasi svenne per l'orrore vedendo un Dexar che emettendo un ruggito gli si avventò contro. Fortunatamente un fulmine globulare colpì il mostro alla testa e lo uccise, Henry un'altro commilitone era intervenuto in tempo. Max si rallegrò e rialzatosi proseguì con lui il tragitto. Giunsero al sancta sanctorum ed entrarono grazie ad una speciale tessera digitale donata a Max da Ivan Maxwell. La stanza era al buio, ma davanti a loro scorsero una mensola in cui una specie di grande coppa di vetro brillava di una luce blu. Era la matrice di super fluido, accanto alla quale splendevano di un chiarore dorato delle fiale di Methyclon 12. I due soldati corsero verso quella celestiale visione, ma improvvisamente Henry urlò di dolore. Un automa a guardia del tesoro lo aveva trafitto al ventre con degli artigli simili a quelli di Freddy Krueger in nightmare. Max colpì il robot con il Bazooka laser, poi lo finì a suon di pugni e calci riducendolo in pezzi, indi si chinò su Henry e gli disse: fatti coraggio, te la caverai, ti prendo una fiala di Methyclon, quando una voce lo interruppe dicendo: non c'è tempo più, non c'è posto più, miseri esseri qui perirete. Era Sargon 3000 che li aveva trovati. Max lo osservò notando che era alto 3 metri e assolutamente spaventoso, somigliava ad un cavaliere medievale corazzato in Titanio.
Sarai tu a morire, elettrodomestico malriuscito, gli gridò coraggioso il capitano e spiccando un salto lo centrò in faccia con pugno. Il colpo sferrato con una forza e violenza bestiali non fece neanche barcollare la macchina assassina, la quale dal canto suo afferrò Max, gli spezzò un braccio e lo lanciò sul pannello di controllo. Henry sanguinante con le sue forze residue prese il bazooka e lo colpì, ma non ottenne nulla. Sargon stava per schiacciare il soldato quando un'altro falco nero intervenne a distrarlo, Lucy una soldatessa coraggiosa e risoluta lo bersagliava con raffiche di raggi laser. Max seppur dolorante si alzò e inserì la scheda digitale nel pannello di controllo, il quale inviò immediatamente il segnale di spegnimento alle macchine ribelli. Sargon cadde in ginocchio, ma prima di spegnersi del tutto disse: se la mia specie perirà si estinguerà anche la vostra, dopo si girò e sparò unlaser contro la matrice di super fluido. Ma in quel preciso momento l'Arcadia
A attivò il trasporto iper temporale e tutto scomparve in un lampo blu.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: