ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 13 giugno 2011
ultima lettura martedì 19 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Sfuggendo al canto delle sirene

di tartaruga82. Letto 4069 volte. Dallo scaffale Poesia

Caduta in un vorticeDi infiniti dubbiMi rialzoTentando di afferrareUna sfuggente risposta.FeritaLascio gocce di sangueLungo il percorso.Per non dime...

Caduta in un vortice

Di infiniti dubbi

Mi rialzo

Tentando di afferrare

Una sfuggente risposta.

Ferita

Lascio gocce di sangue

Lungo il percorso.

Per non dimenticarmi

Da dove sono partita.

Il punto da dove tutto

Ha avuto inizio.

Che mi ha ucciso

E poi ridato vita.

L'origine che mi attrae

Come il canto delle sirene

Da cui cerco di allontanarmi

Correndo controvento.

Perché i tentativi di rinascita

Non risultino vani.



Commenti

pubblicato il 13/06/2011 15.55.01
tonymalerba, ha scritto: Qualcosa ti ha distratta dal volo che desideravi fare. E se provassi ad affrontare quell'origine da cui fuggi? Se sei tartaruga sei anche corazzata.
pubblicato il 13/06/2011 19.34.40
Clody, ha scritto: convengo col commento dell'autore che mi ha preceduto, riuscire ad affrontare ciò che ci svia dai nostri orizzonti è l'unico modo per raggiungere la meta auspicata...molto bella
pubblicato il 15/06/2011 19.13.07
Mario Vecchione , ha scritto: Perché il viaggio conrinui, senza il canto ingannatore delle sirene, perché il tentativo di approdare ad un'Itaca di quiete non sia vano...sempre interessante Tartaruga
pubblicato il 16/06/2011 12.49.13
PaoloV, ha scritto: L'ambiguità dell'animo umano: volere ciò che non si fa,fare ciò che non si vuole. Il dissidio tra la visione e il suo incanto e i giorni,le ore,i minuti che affollano la vita quotidiana. Le gocce di sangue,per lasciare una traccia dolorosa di sè,per non perdersi nella foresta e il suo intrico,dove il vento gioca,ed imita voci lontane che sembrano chiamare il tuo nome,ma è solo un abbaglio: il tuo
pubblicato il 21/06/2011 18.29.16
EVIEME, ha scritto: .... semplicemente meravigliosa! :)
pubblicato il 13/07/2011 15.50.54
Valleymoon, ha scritto: Bella poesia, tarta... Monica.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: