ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 28 maggio 2011
ultima lettura martedì 24 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La mezza mela

di Lolu. Letto 841 volte. Dallo scaffale Poesia

  Permettimi fratello, ti dedico pensieri Che arrivan dal profondo ed escono sinceri. Cerco giusto rime, senza sorriso Che descrivan tutto quello che è stato condiviso.   Inizio paragonando la nostra situazione Siam come due binari co...

Permettimi fratello, ti dedico pensieri

Che arrivan dal profondo ed escono sinceri.

Cerco giusto rime, senza sorriso

Che descrivan tutto quello che è stato condiviso.

Inizio paragonando la nostra situazione

Siam come due binari con la stessa direzione.

Divisi da cinque anni , ma stesso è il seme.

Per questo il percorso è stato fatto assieme.

Con te ho condiviso infatti la mia via,

a raccontarla tutta finirei questa matita.

Esprimo solo il senso di tutto questo

Che siamo stati accanto e nessuno di noi ha scelto.

I nostri genitori ci hanno tenuti uniti,

a partire dal primo piano di via Porpora.

Ho passato quindici anni di notti accanto a te,

nella stessa camera, anche in via Frescobaldi.

Se riavvolgo il nastro della mia memoria,

affiora una cascata di ricordi senza storia,

di giorni in cui non esisteva la parola "ansia".

Quanti anni son passati dalla nostra infanzia!

Una volta c'èra l'aia, la lunga e verde "Padula",

un'altalena bianca e l'ombra nella pergola,

giornate estive giocando col pallone,

assetati bevevamo da un caraffone.

Pane e olio e limonata la merenda offriva,

il sole splendeva e il sudore spariva.

Era tutto un gioco, un divertimento.

Non potevi fare altro che essere contento.

Abbiamo condiviso libri e palloni,

scarpe, vestiti, sci e guantoni,

auto, computer, foto pantaloni,

concerti, motorini, spero non i pannoloni.

L'elenco è lunghissimo, troppo fitto,

rovinerei quel che finora ho scritto.

Ma c'è una cosa che colpisce, che mi ha fatto pensare

Che abbiamo vissuto insieme ogni evento familiare.

Nello stesso momento, alle stesse condizioni,

ci hanno investito anche tristi situazioni,

la morte protagonista, non si crede che accada.

Ricordo il nonno Giorgio , Cecco e la nonna Franca.

La camera ci ha unito, in molte situazioni.

La notte, a volte , al buio scambiavamo opinioni,

ma ci ha anche diviso da piccolini

se giocavamo a "pokemon" per la gioia dei vicini...

Luca te ne vai, ormai ti trasferisci,

lontanto non sarai , ma nella camera "sparisci".

Ripeto il distacco non sarà tremendo,

ma l'emozione è forte, la vivo lacrimando.

Vorrei tornare indietro, tornare a giocare,

ma la vita corree e non si può frenare.

Il tempo non si ferma, è contro natura,

soltanto il cambiamento è ciò che perdura.

Ti faccio gli auguri per il tuo nuovo viaggio.

Supera gli ostacoli con forza e con coraggio,

e ricordati di me se prendi una mela,

mezza è stata mia per una vita intera.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: