ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 25 aprile 2011
ultima lettura domenica 13 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Le Leggende della Val Valkyria

di AkaNoBara. Letto 1227 volte. Dallo scaffale Fantasia

La leggenda dei cinque eroi della Valle Valkyria Una volta,in un tempo remoto, quando Elfi e Vampiri andavano ancora d'accordo,nella Valle di Valkyria c'erano due villaggi : il Villaggio delle Quattro Stagioni e Il Villaggio delle Quattro Corone di San.....

La leggenda dei cinque eroi della Valle Valkyria

Una volta,in un tempo remoto, quando Elfi e Vampiri andavano ancora d'accordo,nella Valle di Valkyria c'erano due villaggi : il Villaggio delle Quattro Stagioni e Il Villaggio delle Quattro Corone di Sangue. Il Villaggio delle Quattro Stagioni si trovava nel mezzo nell'omonima Foresta che era divisa in quattro parti,ogni parte per stagione. Nel Villaggio vivevano quattro specie di Elfi diversi: gli Elfi della neve,del sole,dei fiori e delle foglie .Gli Elfi della Neve erano di carnagione chiarissima quasi bianca e avevano gli occhi color acquamarina, gli Elfi del Sole avevano la carnagione abbronzata e gli occhi dorati,gli Elfi dei fiori avevano la carnagione chiara e gli occhi viola e infine gli Elfi delle foglie erano di carnagione chiara e avevano gli occhi rosso foglia. Tutti gli Elfi avevano delle caratteristiche in comune avevano tutti capelli lunghi,bianchi e sottili ed erano tutto alti di statura. Il Villaggio delle Quattro Corone di Sangue era abitato da Vampiri e questi erano tutti bianchi come la neve, avevano tutti occhi rosso sangue. Nella Valle di Valkyria c'era anche la Tribù dei Lycans, dei licantropi che di giorno sono umani e di notte si trasformano in lupi. La Tribù dei Lycans era grande nemica sia degli Elfi sia dei Vampiri. Un giorno la Tribù mandò un Lycan a far rapire le regine dei dei villaggi per poi ucciderle e farle sacrificare per poi maledire i due villaggi in eterno. Appena i due villaggi si accorsero che le regine mancavano,fecero una riunione di emergenza alla città del Grano Rosso nella pianura del Grano Rosso Sangue dove dovettero decidere chi mandare a cercare e salvare le regine. Decisero di mandare Saya, Elanor, Aidoh,Maria e Seiren partirono per l'avventura.

Per arrivare nelle terre dei Lycans dovevano passare il Torrente del Sangue Reale per arrivare nella palude delle Naiadi,poi attraversavano il torrente per arrivare nella Pianura del Terrore e dopo attraversavano di nuovo il torrente per arrivare nella Palude dei Ragni Giganti per poi attraversare il torrente per arrivare nella Terra dei Lycans. Prima di arrivare al Torrente del Sangue Reale passarono molti giorni lunghi e pieni di paura e disperazione perché c'era una leggenda che diceva che nella pianura del Grano Rosso Sangue c'era un gruppo di bambini che girava con una falce in mano che uccideva chiunque stesse in mezzo alla loro strada e per questo i cinque ragazzi fecero di tutto per evitarli ma alla fine li incontrarono lo stesso e dato che se non li avessero uccisi non sarebbero potuti arrivare al torrente, così Seiren ebbe la grandiosa idea di costruire una trappola per ucciderli e questo funzionò.Arrivati al Torrente c'era tanta nebbia e dato che stava per diventare buio decisero di accamparsi e passare la notte vicino al Torrente senza pensare a quale terribile creatura poteva celarsi in quelle profonde acque. Il mattino dopo, all'alba ripartirono però si accorsero che il ponte non poteva reggere tutti quindi decisero di andare uno per uno .Passato il ponte arrivarono nelle Paludi delle Naiadi,le ninfe delle paludi. Erano creature timide e vivevano in piccoli villaggi insieme a pesci e uccelli. Si diceva che le Ninfe fossero bellissime e che se ti innamoravi di loro ti uccidevano e poi ti mangiavano però, una Naiade, attratta dalla bellezza di Aido uscì dalla sua casa e si presentò:”Mi chiamo Galatea e sono una Naiade, dovrei uccidervi ma non sono la tipica ninfa che uccide , vi guiderò fino al ponte ma non dovrete fare rumore o le altre ninfe vi uccideranno. Seguitemi.” decisero di seguirla senza far rumore. Ad un certo Maria scivolò e cadde in acqua e Galatea urlò di correre il più velocemente possibile per poter scappare. Quasi tutti c'ela fecero ma Maria non ci riuscì. Arrivati al ponte Galatea salutò tutti e se ne andò. Attraversato il ponte i quattro eroi arrivarono nella Pianura delle Cinque Falci o Pianura dei Cinque Orrori. La pianura dei cinque Orrori era chiamata così per via del paesaggio e delle specie animale che ci vivevano.

Erano già passate due settimane da quando erano partiti e iniziavano ad essere stanchi, appena arrivati nella pianura il paesaggio che videro davanti ai loro occhi era orribile. C'era sangue dappertutto e c'erano delle orme giganti...Seiren e Saya avevano sentito una presenza sinistra , però andarono avanti lo stesso, quando calò il tramonto decisero di accamparsi per la notte. Dal momento che Seiren e Saya avevano sentito questa presenza rimasero di guardia per la notte. Fortunatamente quella notte non successe niente. Dopo tre gorni di viaggio attraverso la pianura i quattro eroi arrivarono al ponte e decisero di accamparsi per via della nebbia , quella notte Aido sentì dei strani rumori provenire dal torrente e si accorse che qualcosa si muoveva nell'acqua , qualche animale orribile delle tenebre così decise di andare a controllare però non vide niente.

Passato il ponte arrivarono nella Palude dei Ragni Giganti, una palude che si diceva che fosse abitata da tanti ragni giganti, con zampe enormi e pelose e avevano otto occhi grandi e neri. Il gruppo, impaurito da quel che dicevano nei villaggi decise di andare avanti con la missione e attraversare la palude. Appena entrati nella palude Elanor si sentì seguito, ma lo tralasciò pensando che fosse la stanchezza del viaggio. Arrivati al tramonto decisero di accamparsi nella palude a patto che qualcuno rimanesse a fare la guardia e così fu, Elanor rimase a fare la guardia fuori dalle tende tutta la notte. Il mattino dopo i tre eroi trovarono Elanor morto e squarciato, dopo questo accaduto si accorsero che qualcosa non andava ma andarono lo stesso avanti. Dopo tre ore tutto il gruppo si accorse che qualcuno o qualcosa li stava seguendo da quando erano entrati nella palude. Ad un certo punto sentirono dei passi veloci, di otto zampe e si accorsero che dietro Saya c'era un Ragno Gigante. All'inizio non ci credettero, credettero che fosse la loro stanchezza ma quando prese Saya per il busto e la piegò in due si accorsero che era tutto vero. Iniziarono a correre più veloci che potevano ma in un botto si ritrovarono circondati da Ragni Giganti. Dopo un po' si accorsero che da lontano stavano arrivando delle streghe. Le streghe della Foresta Oscura che aiutarono i tre ragazzi a scappare dalle grinfie dei ragni di Ragnarok. Arrivati al ponte si accorsero che attraversato c'era la Terra dei Lycans e quando si ripresero attraversarono il ponte e arrivarono nelle terre dei Lycans. Appena arrivati videro subito un Lycans che stava a controllare chi arrivava dall'altra parte del ponte. Di colpo il gruppo sentì una freccia passare vicino a loro e solo dopo si accorsero che la sentiella era morta. Andarono avanti e videro il villaggio dove stavano i Lycans ,sentirono dei tamburi e delle urla e intuirono che stessero per sacrificare le regine così si affrettarono e quando arrivarono al villaggio non c'era nessuno, era deserto. Subito salvarono le regine e cercarono di non farsi notare però dato che avevano bisogno di qualcosa per sostituire le regine presero del fieno e delle tende e fecero le forme delle regine così poterono andare via senza problemi. Dopo questa missione di salvataggio ognuno tornò al proprio villaggio con la propria regina.



Commenti

pubblicato il 15/10/2011 3.49.34
Tatylop, ha scritto: Ottima fantasia... Continua a scrivere così potrai affinare le tue doti... Ps le biblioteche ogni anno fanno concorsi letterari e ti garantisco che sono esperienze molto utili per giovani come te :) consiglio per il finale cerca di non essere così sbrigativa perché ne perde il racconto.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: