ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 23 aprile 2011
ultima lettura sabato 25 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Cenerubyla.

di Anacoreta. Letto 891 volte. Dallo scaffale Umoristici

Cenerubyla era una bellissima ragazza. Quando il suo Zio egiziano la diseredò, iniziarono i problemi. ..

<img src="http://a1.sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc6/215345_197511603617816_177814422254201_433462_2569427_n.jpg" alt="" width="500" height="375" align="top" />

Cenerubyla era una bellissima ragazza.

Quando il suo Zio egiziano la diseredò
però, iniziarono i problemi.

La sua matrigna, igienista dentale, cominciò a trattarla
in modo diverso rispetto alle sorellastre.
Cenerubyla era la più piccola ed era scura di pelle,
per questo veniva costantemente emarginata.
Inoltre, le venivano affidati i compiti più umilianti,
come ad esempio, andare a comprare il Viagra per i clienti
o compiere alcuni furtarelli.

La sua vita però sarebbe cambiata, quando il "Principe Benefattore"
(un noto VIP che in quel momento non se la passava
tanto bene), decise di organizzare una festa per rilanciare
la propria immagine.

Alla festa, che si sarebbe tenuta in una villa molto trendy,
avrebbe avuto modo di farsi notare.

Ovviamente la matrigna proibì a Cenerubyla di parteciparvi.
Ma con l'aiuto magico di un suo compagno di scuola e Pr
la ragazza fu vestita di un meraviglioso
abito (preso a noleggio) e truccata a dovere per l'evento.

L'amico, maliziosamente soprannominato La Fata Mora
per via dei suoi atteggiamenti effemminati, continuava a
ripeterle: "Vedrai che andrà tutto bene, il tuo successo
è solo una questione di Fede, credimi, Fede è la parola chiave."

Felice come non mai, la nostra protagonista si recò
segretamente alla festa.

Durante la serata, Cenerubyla ebbe modo di conoscere
il "Principe Benefattore", il quale rimase colpito dall'innocenza e dalla
candida bellezza della ragazza.

Purtroppo però, a mezzanotte sarebbe scaduto il noleggio
dell'abito ed ella, con rammarico, dovette abbandonare
la festa.

Mentre correva per arrivare in tempo al negozio però,
Cenerubyla perse la carta d'identità.

Il "Principe", trovatola, incaricò i suoi dipendenti di
confrontare la foto del documento con tutte le ragazze della città
per ritrovarne la bellissima proprietaria.

Quando i dipendenti del "Principe Benefattore" giunsero nella casa
di Cenerubyla, le sorellastre a turno si truccarono
per somigliare alla foto, ma nessuna di esse sembrava
davvero minorenne.

Fu a quel punto che si fece avanti Cenerubyla e disse:
"Se non mi ridate la carta d'identità e un Silk-epil Laser
giuro che mi prostituisco!"

I dipendenti del "Principe", felici, la accontentarono.
Salvandola per sempre dal quel mondo disperato
e lanciandola meritatamente nello Show-Business.

[Ettore Il Ferrini aka Anacoreta]



Commenti

pubblicato il 24/04/2011 9.04.11
cri52, ha scritto: ..quando si sorride per non piangere..le cenerentole di certi tempi!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: